Una dedica per #SanValentino


Forse non tutti si ricordano del tempo in cui si scrivevano lettere d'amore.
Lunghe, trepidanti, attese per giorni e settimane.
.
Ecco le parole vere, scritte, affrancate e spedite, che grandi autori ed autrici dedicarono ai loro amori fuori dalla letteratura: da Abelardo a Scott Fitzgerald, da Virginia Woolf a Frida Kahlo.

E non vi basterà un sms per spiegare quello che vi hanno lasciato.
.
.
                 

Trovati 56 documenti.

Come il mare io ti parlo
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

D'Annunzio, Gabriele - Duse, Eleonora - Minnucci, Franca (a cura di) - Minucci, Franca - Andreoli, Annamaria

Come il mare io ti parlo

Bompiani, 23/04/2014

Abstract: "Vedo il sole", scrisse Eleonora Duse nel primo biglietto per Gabriele d'Annunzio, e parlava di lui, che definirà il loro incontro "un incantesimo solare". Senza saperlo, ma forse lui sì, il loro amore inaugurò il divismo moderno e alimentò le cronache mondane per anni. I detrattori hanno sostenuto che non fu un vero amore. La questione è più complessa. Il loro, semmai, fu un incontro di reciproco interesse. Il connubio artistico con la più celebrata attrice del tempo avrebbe permesso a Gabriele di avvicinare il pubblico ai suoi miti e alla sua poesia. A lei premeva rinnovare il suo repertorio e legare la propria arte a testi che fossero "suoi" e soltanto suoi. E per di più cadde fulminata dal grande seduttore che, pur amandola, finì per stancarsene, come sempre. Fu un grande amore? Sì, e questo libro – che ho visto crescere insieme agli studi di Franca Minnucci negli Archivi del Vittoriale degli Italiani – lo racconta con le stesse parole della grande attrice. Quasi tutte le lettere di lui sono andate distrutte, ma se ne salva una del 17 luglio 1904, poco dopo la fine della loro storia, che le riassume tutte: "Il bisogno imperioso della vita violenta – della vita carnale, del piacere, del pericolo fisico, dell'allegrezza – mi hanno tratto lontano. E tu – che talvolta ti sei commossa fino alle lacrime dinanzi a un mio movimento istintivo come ti commuovi dinanzi alla fame di un animale o dinanzi allo sforzo d'una pianta per superare un muro triste – tu puoi farmi onta di questo bisogno?" La risposta gli giunse pochi giorni dopo: "Non parlarmi dell'impero della ragione, della tua 'vita carnale', della tua sete di 'vita gioiosa'. – Son sazia di queste parole! – Da anni ti ascolto dirle. Non ti posso seguire interamente, né interamente comprendere [...] Quale amore potrai tu trovare, degno e profondo, che vive solo di gaudio?" Giordano Bruno Guerri, Presidente del Vittoriale degli Italiani

Lettere a Milena
0 0 0
Libri Moderni

Kafka, Franz

Lettere a Milena / Franz Kafka

[Milano] : Corriere della sera, 2014

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
Lacrime d'amore
0 0 0
Libri Moderni

Foscolo, Ugo

Lacrime d'amore : lettere ad Antonietta Fagnani Arese / Ugo Foscolo ; a cura di Giovanni Pacchiano ; introduzione di Edoardo Sanguineti

Parma : Guanda, [2008]

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Lui è un giovane ufficiale, senza soldi ma ambiziosissimo, testa calda in politica, grande poeta, famoso per aver scritto un best seller d'amore disperato che fa impazzire le lettrici. Lei è una ricca signora milanese, moglie di un conte, ventitré anni, alta, sensuale, capelli corvini, occhi languidi, voce conturbante, colta, brillante e molto corteggiata. Sono Ugo Foscolo e Antonietta Fagnani Arese. Si incontrano una domenica di inizio Ottocento in un caffè alla moda di Milano, ed è subito coup de foudre. Saranno otto mesi di passione e un lungo anno di gelosie, malinconie, rimpianti: una storia d'amore scandita da 136 lettere, scoperte e pubblicate solo nel 1884 e poi rimaste per un secolo sepolte nell'opera omnia e nelle edizioni filologiche. Forse perché troppo appassionate, sensuali, perfino deliranti. Riscoprirle e rileggerle oggi significa fare esperienza dell'epistolario amoroso più bello e moderno della letteratura italiana. Le annotazioni del curatore, Giovanni Pacchiano, danno poi vita a un secondo romanzo, restituendo un volto e una biografia a centinaia di nomi perduti, evocando vite e luoghi di una Milano elegante e ricca di fascino.

Lettere d'amore
0 0 0
Libri Moderni

Thomas, Dylan

Lettere d'amore / Dylan Thomas ; a cura di Massimo Bacigalupo

Parma : Guanda, [2004]

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Le lettere che Dylan Thomas mandò alle donne della sua vita sono tra le più belle e liriche mai scritte dal poeta di Swansea. Da Londra o da New York, dal Galles o da Teheran, dai posti diversi in cui la sua breve vita lo trascinò, Thomas diede sempre voce alla nostalgia e ai sentimenti. Ma anche alle sue doti di abile fingitore. Come scrive Massimo Bacigalupo nell'introduzione, tutte le gradazioni dell'amore, dal farsesco al drammatico al melodrammatico, sono presenti in quest'opera involontaria di un attore consumato. Ricca di episodi di vita vissuta e spunti poetici, questa raccolta è anche autobiografia, autoesegesi, diario di viaggio.

Le lettere d'amore...
0 0 0
Libri Moderni

Brenot, Philippe

Le lettere d'amore... : l'amore e eterno... solo sulla carta / Philippe Brenot

Casale Monferrato : Piemme, 2002

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: In bilico fra psicologia e sociologia, il saggio sulla corrispondenza amorosa di Brenot è un ragionamento sull'amore che si prova, sull'amore che si dice e sull'amore che si scrive. Presenta esempi di rara bellezza epistolare, da Ovidio a Baudelaire, da Sthendal a Henry Miller. Oggi che i telefoni, i fax, la posta elettronica sembrerebbero aver spodestato le lettere d'amore, queste ultime, invece, si confermano sempre più come il tramite vitale, il respiro che unisce gli amanti. E, oggi come sempre, chi ama sente il bisogno di scrivere, avverte la necessità delle lettere d'amore per continuare ad amare e per nutrire il desiderio. Il tecnicismo non le ha uccise, si è solo messo al servizio del loro immaginario.

Epistolario
0 0 0
Libri Moderni

Abaelardus, Petrus - Eloisa

Epistolario / Abelardo ed Eloisa ; a cura di Ileana Pagani ; con considerazioni sulla trasmissione del testo di Giovanni Orlandi

Torino : Utet Libreria, [2008]

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Parigi, inizio del XII secolo: a Pietro Abelardo, brillante magister della scuola cattedrale, viene affidata l'educazione della giovane nipote di un canonico, Eloisa. Tra i due sboccia presto l'amore; vengono scoperti, Eloisa dà alla luce un figlio e si giunge a un matrimonio riparatore, che non placa però la sete di vendetta della famiglia di lei. Una notte sicari prezzolati sorprendono Abelardo nel sonno e lo evirano. Travolto dalla disperazione egli si fa monaco; anche Eloisa prende il velo. I rapporti fra i due continuano con alterne vicende fino alla morte di Abelardo. La loro storia sentimentale e spirituale è raccontata in otto lettere di grande raffinatezza letteraria, che la tradizione attribuisce ai due protagonisti.

Come una carezza
0 0 0
Libri Moderni

Come una carezza : lettere d'amore dell'Ottocento italiano / a cura di Guido Davico Bonino

Torino : Einaudi, [2004] - 338 p. ; 20 cm.

  • Copie totali: 3
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: È dall'affettuosa espressione dello scrittore siciliano che trae il titolo questa raccolta delle più belle lettere d'amore dell'Ottocento italiano. Foscolo e Mazzini, Nievo e D'Annunzio, D'Azeglio e Svevo, Leopardi e Belli, Manzoni e Settembrini, e ancora Aleardi e Fogazzaro, Boito ed Eleonora Duse: Guido Davico Bonino ha selezionato tra gli epistolari di ventiquattro autori del XIX secolo missive varie per tema e accento, come varie sono le occasioni e i sentimenti del discorso amoroso. E così a lettere ispirate al fedele amore coniugale si affiancano pagine dettate da avventure nutrite di passione e conquista, o ancora pagine in cui si percepisce che l'affettuosa amicizia vorrebbe trasformarsi in amore, ma non osa o è ostacolata dal Destino.

Lettere d'amore
0 0 0
Libri Moderni

Einstein, Albert <1879-1955> - Maric, Mileva

Lettere d'amore / Albert Einstein e Mileva Maric ; a cura di Robert Schulmann e Jurgen Renn

Torino : Bollati Boringhieri, 1993

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Einstein conosce Mileva Maric nel 1897, al Politecnico federale svizzero, dove entrambi studiano fisica. Le lettere fra i due coprono l'arco di tempo che va dal 1897 al 1903, poco dopo il loro matrimonio. Mileva contribuì in maniera determinante al successo futuro di Einstein. Questa corrispondenza rivela un Einstein sconosciuto al grande pubblico, per una volta ottimista, fiducioso nella vita. Dalle lettere emergono gli interessi scientifici, i conflitti con gli altri scienziati, le costanti preoccupazioni per la ricerca di un posto di lavoro. Le difficoltà incontrate dalla coppia culmineranno con la nascita della figlia illegittima Lieserl e indeboliranno progressivamente la personalità di Mileva fino al loro definitivo allontanamento.

Lettere al primo amore
0 0 0
Libri Moderni

Lettere al primo amore / introduzione di Natalia Aspesi

Torino : Einaudi, [1996]

  • Copie totali: 4
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Lettere d'amore. E' ancora possibile scriverne oggi? E con quale linguaggio? Einaudi, La Repubblica e il Premio Grinzane Cavour hanno organizzato nella primavera del 1995 un originale concorso, invitando i lettori a scrivere una lettera al primo amore. Delle migliaia di testi che sono arrivati, questo volume ne presenta un'ottantina: emerge una foto di gruppo degli italiani di fine secolo, giovani e meno giovani, una radiografia dei sentimenti, uno specchio dell'inconscio collettivo.

Le ho mai raccontato del vento del Nord
0 0 0
Disco (CD)

Glattauer, Daniel

Le ho mai raccontato del vento del Nord / Daniel Glattauer ; letto da Claudia Pandolfi e Rolando Ravello

[Roma] : Emons Italia, 2013

  • Copie totali: 3
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Un'email all'indirizzo sbagliato e tra due perfetti sconosciuti scatta la scintilla. Come in una favola moderna, dopo aver superato l'impaccio iniziale, tra Emmi Rothner - 34 anni, sposa e madre irreprensibile dei due figli del marito - e Leo Leike - psicolinguista reduce dall'ennesimo fallimento sentimentale - si instaura un'amicizia giocosa, segnata dalla complicità e da stoccate di ironia reciproca, e destinata ben presto a evolvere in un sentimento ben più potente, che rischia di travolgere entrambi. Romanzo d'amore epistolare dell'era Internet, Le ho mai raccontato del vento del Nord descrive la nascita di un legame intenso, di una relazione che coppia non è, ma lo diventa virtualmente. Un rapporto di questo tipo potrà mai sopravvivere a un vero incontro?

Storie d'amore
0 0 0
Libri Moderni

Kristeva, Julia

Storie d'amore / Julia Kristeva ; con una nuova introduzione all'edizione italiana 2012

Roma : Donzelli, 2012

  • Copie totali: 2
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Essere una psicoanalista significa sapere che tutte le storie finiscono per parlare d'amore. Julia Kristeva spiega così l'origine di questo libro, ormai divenuto un classico. Il dolore che i pazienti confessano è sempre generato da una mancanza d'amore, sia essa presente o passata, reale oppure immaginaria. E se una possibilità c'è, per chi si pone all'ascolto, di intercettare e intendere questa sofferenza, essa è legata solo alla scelta di condividere quel senso di smarrimento che l'amore sempre mette in scena, dando così all'altro la possibilità di comporre il senso della propria avventura. Storie d'amore si confronta così con tutte le forme dell'amore: dall'agape cristiana all'amore sessuale, dall'amore fraterno a quello dei genitori verso i propri figli. Kristeva analizza quale sia la natura di questo sentimento, tanto vasto e universale, attraverso le sue molte manifestazioni: da Platone a san Tommaso, da Romeo e Giulietta a Don Giovanni, dai trovatori a Stendhal, dalla Madonna a Baudelaire o a Bataille. L'amore come figura delle contraddizioni insolubili, laboratorio del nostro destino: come se tutta la storia umana non fosse che un immenso e permanente transfert. Un'appassionata difesa dei sentimenti in un discorso che a partire dal metodo della psicoanalisi attraversa il pensiero, la letteratura, l'arte dell'Occidente, arrivando al cuore di tutti noi.

Il ritratto dell'amata
0 0 0
Libri Moderni

Walter, Ingeborg - Zapperi, Roberto

Il ritratto dell'amata : storie d'amore da Petrarca a Tiziano / Ingeborg Walter e Roberto Zapperi

Roma : Donzelli, [2006]

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Ogni epoca propone un proprio canone di amore, che in qualche modo determina tutte le forme e i rituali a esso connessi. Qual era questo canone in quello straordinario periodo di fioritura delle arti che è stato il Rinascimento italiano? Alla ricerca di una risposta, gli autori di questo libro propongono il racconto di otto esemplari storie d'amore, che sono al tempo stesso un viaggio avvincente nella pittura e nella poesia italiane dei secoli XV e XVI. Il punto di partenza di questo itinerario è il modello ideale di amore fissato da Petrarca nel Canzoniere: la scoperta di una passione amorosa, libera dai vincoli coniugali, ma anche da quelli della sessualità e del corpo. Nei secoli successivi da questo canone nasce rituale amoroso che prescrive la celebrazione dell'amore ideale per una donna tanto bella quanto inaccessibile, alla quale si dedica un ritratto accompagnato da un commento poetico. La pratica di questo rituale diventa un raffinato gioco di società promosso dall'élite intellettuale italiana. Gli attori del gioco sono coppie celebri: da Lorenzo de' Medici e Lucrezia Donati ad Alessandro Farnese e Livia Colonna, e gli artisti coinvolti si chiamano Giovanni Bellini, Leonardo, Tiziano. Fatalmente l'amore ideale si trasforma in una concreta passione, a cui il rituale petrarchesco fa da galante copertura. Così, prima che la repressione dei costumi imposta dalla Controriforma ponga fine al sofisticato gioco, l'amore rinascimentale sembra anticipare di oltre due secoli quello romantico.

Caro amato ragazzo
0 0 0
Libri Moderni

Whitman, Walt

Caro amato ragazzo : lettere d'amore a un giovane vetturino : 1868-1880 / Walt Whitman ; a cura di Enzo Giannelli

Roma : Curcio, 2006

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: La poesia dell'anima tradotta in prosa: un grande poeta racconta se stesso attraverso un sentimento profondo, vissuto tra le pagine pressoché sconosciute di oltre cento lettere d'amore. Scritte fra il 1868 e il 1880, le lettere sono indirizzate a Peter Doyle, un giovane vetturino di piazza cui Whitman era legato da profonda e tenera amicizia. I toni semplici e diretti mostrano l'uomo, prima che il poeta, in una dimensione quotidiana vissuta tra gli affetti, le passioni civili e i difficili giorni della malattia. Sullo sfondo, un America brulicante in pieno sviluppo industriale, a volte partecipata, a volte solo guardata dall'intimità della propria condizione. Riunite in volume e pubblicate a Boston nel 1897, le lettere non sono mai comparse in Italia.

La mia arte sei tu
0 0 0
Libri Moderni

Pirandello, Luigi

La mia arte sei tu : lettere d'amore alla sua Musa / Pirandello

Roma : L'orma, 2013

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Straripanti di un amore non corrisposto, prodighe di slanci d'euforia e di neri salti nell'abisso dell'esistenza, le lettere di Pirandello a Marta Abba ci mostrano un Maestro in perenne fuga dal mondo e in costante inseguimento della sua Musa. Un rapporto di straordinaria fertilità creativa che brucia intensamente illuminando le quinte della vita.

L'arte perduta di scrivere le lettere
0 0 0
Libri Moderni

Garfield, Simon

L'arte perduta di scrivere le lettere / Simon Garfield ; traduzione di Roberta Zuppet, Francesco Zago e Stefano Valenti

[Milano] : Ponte alle Grazie, 2013

  • Copie totali: 4
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Perché le lettere continuano a suscitare tanto fascino pur nell'epoca del trionfo di Internet e della posta elettronica? Leggerle per ricostruire i retroscena della vita di un grande personaggio storico o di uno scrittore è una forma di voyeurismo intellettuale o un modo per coglierne la vita personale e interiore pur senza violarne l'intimità? Per millenni le lettere hanno plasmato la storia e l'esistenza degli individui: la digitalizzazione della comunicazione e l'avvento delle e-mail hanno cancellato la vitalità e l'autenticità di un semplice foglio infilato in una busta affrancata. Simon Garfield non intende certo lanciarsi in una crociata contro il progresso informatico; piuttosto, vuole riaffermare il romanticismo della posta, in epoche in cui gli scambi epistolari fornivano il tramite silenzioso di ciò che era importante e accessorio, descrivevano le gioie e le sofferenze più intense dell'amore. L'autore prefigura un mondo senza lettere e francobolli, e al tempo stesso celebra un aspetto centrale del nostro passato, una modalità di scambio basata sulla riflessione e il rispetto. Storia, aneddotica e curiosità si intrecciano in un racconto venato di erudizione e ironia, dalle tavolette anonime della Britannia romana fino ai nostri giorni: i capolavori di Cicerone e Seneca, le passioni che infuocavano Anna Bolena e Napoleone, l'anonima vita quotidiana di Jane Austen, l'incontenibile esuberanza epistolare di Madame de Sévigné.

L'arte delle lettere
0 0 0
Libri Moderni

L'arte delle lettere : 125 corrispondenze indimenticabili / a cura di Shaun Usher ; traduzione di Silvia Rota Sperti

Milano : Feltrinelli, 2014

  • Copie totali: 3
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: L'arte delle lettere è una raccolta di oltre cento tra le più divertenti, stimolanti e sorprendenti lettere mai scritte. La corrispondenza epistolare torna protagonista in questo volume come una delle forme espressive più coinvolgenti, intense e veritiere che abbiamo a disposizione. Le lettere rivelano le motivazioni e approfondiscono la conoscenza. Sono probatorie. Cambiano le vite e cambiano la Storia. Sono motore delle interazioni umane e fucina di idee. Sono il silenzioso passaggio segreto delle cose di valore e di quelle accidentali: l'ora a cui saremmo arrivati per cena, il racconto della nostra meravigliosa giornata, le gioie più importanti e i più terribili dispiaceri d'amore. Dalla struggente lettera di suicidio di Virginia Woolf, alla ricetta per gli scones della regina Elisabetta II inviata al presidente Eisenhower; dalla prima volta in cui troviamo in uso l'espressione OMG in una lettera a Winston Churchill, all'appello alla calma di Gandhi a Hitler; dalla splendida lettera di consigli di Iggy Pop a una fan in difficoltà, alla pregevole lettera di richiesta d'impiego di Leonardo da Vinci, L'arte delle lettere è una celebrazione del potere della corrispondenza per iscritto che cattura tutto lo humour, la serietà, la tristezza e lo splendore delle nostre vite.

Lettere d'amore ad Albertina Rosa
0 0 0
Libri Moderni

Neruda, Pablo - Neruda, Pablo

Lettere d'amore ad Albertina Rosa / Pablo Neruda ; prefazione di Giuseppe Bellini ; traduzione e note di Roberta Bovaia

Firenze : Passigli, c2006

  • Copie totali: 2
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Per molto tempo ci si chiese chi fosse nella realtà la fortunata destinataria di alcuni dei versi d'amore più celebri di Neruda, e in particolare di quelle Venti poesie d'amore e una canzone disperata che restano fra le pietre miliari della sua produzione poetica. Il mistero si svelò soltanto nel 1975, quando Albertina Rosa Azócar Soto, da Neruda conosciuta ai tempi dei comuni studi giovanili nel Pedagógico di Santiago, decise di pubblicare le lettere ricevute dal poeta, scomparso soltanto due anni prima. Queste lettere dunque ricostruiscono il burrascoso legame fra i due giovani innamorati e, come scrive Giuseppe Bellini nella prefazione, ci mostrano il forte sentimento del poeta, privo di smagliature, certo non soddisfatto per la mancanza di adeguata corrispondenza epistolare, di fronte all'urgenza delle sue missive. Le lettere coprono un arco cronologico di oltre un decennio; l'ultima, del luglio 1932, è successiva ormai di due anni al matrimonio del poeta con la giavanese, di origine olandese, Maria Antonieta Agenaar Vogelzanz. Quattro anni più tardi, Albertina sposerà a sua volta il poeta Angel Cruchaga Santa Maria, peraltro amico intimo di Neruda. Le strade dei due si dividono per sempre; restano, a testimonianza e documento di quel grande amore giovanile, queste lettere, e soprattutto, alcune delle più belle poesie d'amore del Novecento.

Scrivere lettere è sempre pericoloso
0 0 0
Libri Moderni

Bishop, Elizabeth - Lowell, Robert

Scrivere lettere è sempre pericoloso : corrispondenza 1947-1977 / Elizabeth Bishop, Robert Lowell ; a cura di Thomas Travisano e Saskia Hamilton ; edizione italiana a cura di Ottavio Fatica

Milano : Adelphi, 2014

  • Copie totali: 2
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Scritte da due persone sofferte, lacerate, sempre a rischio, ma anche colte, brillanti, geniali, scritte di getto, telegrafiche o più spesso lunghe e a volte lunghissime, riprese nel corso dei giorni, ininterrotte nel corso di un trentennio, attraverso città, stati, continenti (da un quartiere all'altro di New York come da una sponda all'altra dell'Atlantico, da Boston a Key West, da Firenze a Washington, da Rio al Maine), le lettere di questo epistolario tra gli ultimi due grandi poeti americani sono debordanti di vita, allegre e atroci, piene di notizie e umori, pregne d'idee e pettegolezzi, alimentate da argomenti poetici, politici, economici, arricchite di veri e propri racconti. È amore a prima vista, e amore impossibile: per le crisi maniacali di lui, per le tendenze sessuali di lei. L'ala della follia, dell'alcolismo, del suicidio stende un velo d'ombra sui loro passi. Eppure amore è. Tutto congiurerebbe a separarli: l'eterno vagabondare dell'ulisside Elizabeth, donna dai molti percorsi, i suoi soggiorni prolungati nei paesi più lontani, le sue disavventure sentimentali, spesso tragiche; l'eterno battagliare con genitori, consorti, amanti, amici e soprattutto, sempre sconfitto, con se stesso dell'achilleo Cal, ultimo puritano dolorosamente innamorato di Dioniso. E invece nulla intacca mai davvero il loro legame: quella libertà segreta che hanno gli amanti innerva un'amicizia a briglia sciolta, dal tono cospiratorio, che non ha riscontro in altri grandi sodalizi artistici.

Ti amo
0 0 0
Libri Moderni

Ti amo / a cura di Ursula Doyle

[Milano] : Sperling & Kupfer, 2009

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Ognuno di noi, prima o poi, sente la dolce e prorompente voglia di dire ti amo. Questo libro permette a tutti gli innamorati di penetrare nell'intimità degli uomini più famosi del passato, di rubare qua e là le parole più romantiche dedicate alla persona del cuore. Dai diari privati di Beethoven alle carte del sommo Byron fino alla corrispondenza di Enrico VIII, curiosando fra scrittori, filosofi, musicisti e avventurieri, Ti amo raccoglie le lettere d'amore più appassionate che siano state scritte. Per alcuni di questi personaggi l'amore è un delizioso veleno; per altri una presenza nella quiete domestica, con un bel fuoco, dei libri e della musica; l'amore può bruciare le carni come sole ardente, o scavarci l'anima come una fitta pioggerellina ghiacciata. In queste pagine troviamo ogni possibile sfumatura delle confidenze amorose. Dall'eloquenza raffinata di Oscar Wilde alla malizia di Casanova, dalla devozione assoluta di Robert Browning fino al linguaggio essenziale e sorprendentemente moderno di Plinio il Giovane, capace di lavorare fino allo stremo pur di placare la nostalgia di Calpurnia, moglie adorata e lontana. Una dopo l'altra, queste lettere fanno sospirare, intenerire o persino arrossire, e dimostrano che gli uomini non sono tanto cambiati negli ultimi duemila anni: la passione, la gelosia, il tormento e il desiderio sono sempre presenti, come lo è il piacere di scambiare lettere con la persona che amiamo di più.

Una lettera per sempre
0 0 0
Libri Moderni

Wright, Jason F.

Una lettera per sempre / Jason F. Wright : traduzione di Giulia Balducci

Milano : Sperling & Kupfer, [2009]

  • Copie totali: 7
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Jack e Laurel hanno vissuto un'intera vita insieme. Trentanove anni trascorsi serenamente, uniti in un matrimonio perfetto, almeno in apparenza. Finché, stringendo fra le braccia il corpo della moglie e prima di esalare l'ultimo respiro, Jack ha scritto la sua ultima lettera. Quando i tre figli, ormai adulti, arrivano a casa dei genitori per organizzare il funerale, tra i vari ricordi s'imbattono in qualcosa che mai avrebbero immaginato: decine di scatole piene di lettere d'amore che il padre ha scritto alla madre ogni settimana, tutti i mercoledì. E leggendo ora quei brani intensi, alcuni gioiosi, altri commoventi, scoprono uno sconcertante segreto di famiglia. Come se non bastasse, ciascuno dei figli sta attraversando una fase delicata e deve affrontare i problemi di tutti i giorni: Matthew ha un matrimonio complicato, Samantha è una ragazza madre e Malcolm, la pecora nera, è ritornato a casa dopo una misteriosa assenza di due anni. Solo mettendosi realmente alla prova e accettando di fare i conti con il proprio passato potranno trovare la forza di superare le difficoltà. E ogni volta, anche nei momenti peggiori, sono le parole del mercoledì a illuminare con saggezza la strada.