Gruppo di Lettura "Qui continua la lettura"

 

Il gruppo di lettura di Gonzaga inizia a incontrarsi nel febbraio 2007 con l’adesione al progetto “QuiContinuaLaLettura” che prevedeva la lettura del romanzo di Carolina Invernizio e, dal mese successivo, ha proseguito la propria attività con cadenza quasi mensile.

 

Gli incontri si tengono solitamente i MERCOLEDI' in biblioteca.

 

 

Il Gruppo di Lettura ha finora letto:

Trovati 52 documenti.

Pesca al salmone nello Yemen
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Torday, Paul

Pesca al salmone nello Yemen / Paul Torday ; traduzione di Annamaria Raffo

Roma : Elliot, 2012

Abstract: Alfred Jones, un oscuro e timido ittiologo londinese che lavora per l'ente statale di tutela della pesca, viene incaricato da un ricchissimo sceicco yemenita di collaborare al progetto di introdurre il salmone tra le aride montagne dello Yemen. Alfred, consapevole dell'assurdità del progetto, all'inizio rifiuta, ma poi viene esortato ad accettare l'incarico - pena il rischio di licenziamento - dai suoi superiori, e quindi addirittura dal portavoce del Primo ministro inglese, convinto in questo modo di poter sviare l'attenzione dell'opinione pubblica dalle tensioni della guerra in Iraq. Così Fred viene trascinato controvoglia in quest'impresa bizzarra e apparentemente impossibile insieme al carismatico e visionario sceicco e alla sua giovane assistente Harriet. È solo l'inizio di una serie di avventure e disavventure esilaranti e tragicomiche che lo vedranno protagonista tra politici spregiudicati, terroristi islamici, nazionalisti scozzesi, pescatori lobbisti e dubbi sentimentali: Alfred, infatti, partirà per lo Yemen lasciandosi alle spalle un noioso matrimonio senza amore e molte delle certezze che lo hanno guidato fino a quel momento lungo la strada di una vita ordinaria e priva di sorprese. Pesca al salmoni nello Yemen, straordinario successo internazionale, è il romanzo che ha rivelato il talento letterario di uno degli scrittori inglesi più originali e amati di questi anni.

La felicita' di Emma
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Schreiber, Claudia

La felicita' di Emma / Claudia Schreiber ; traduzione di Angela Lorenzini

Rovereto : Keller, 2010

Abstract: È un libro lieve e divertente ma riesce a trattare con una grazia tutta particolare alcuni temi veramente importanti e pesanti per la coscienza di ognuno di noi. [Liana Ferrari - Biblioteca di Gonzaga] Romanzo comico, delicato, surreale e commovente, insolito con un finale dolcissimo! [Lorena Passerini - Biblioteca di Sermide]

Un peana per le zebre
0 0 0
Materiale linguistico moderno

McCall Smith, Alexander <1948->

Un peana per le zebre / Alexander McCall Smith ; traduzione di Stefania Bertola

Parma : Guanda, [2004]

Abstract: Per Precious Ramotswe, titolare della Ladies' Detective Agency N.1 in Botswana, non c'è un attimo di pace. La nota investigatrice non solo deve riuscire a placare i sensi di colpa di un nuovo cliente, legati a sconvenienti comportamenti giovanili, ma è anche costretta a far fronte all'infelicità che affligge alcune persone a lei care e all'indecisione del signor JLB Matekoni, proprietario dell'officina Speedy Motors nonché suo fidanzato, il quale non si risolve a fissare la data delle nozze. E, come se non bastasse, in città ha aperto i battenti una nuova agenzia investigativa, gestita da un tipo terribilmente tronfio e maschilista. Ma la signora Ramotswe non cede ai colpi della sventura.

Io sono il tenebroso
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Vargas, Fred <1957->

Io sono il tenebroso / Fred Vargas ; traduzione di Maurizia Balmelli

Torino : Einaudi, 2000

Abstract: Arrivato alla settecentesima pagina della sua biografia di Bismark, Louis Kehlweiler, detto il Tedesco, ex investigatore del ministero degli Interni francese, si ritrova a indagare sull'ennesimo crimine. Un serial killer uccide brutalmente donne sole in giro per Parigi e il presunto colpevole non è che un povero di spirito, confuso e apparentemente inoffensivo. Ma i fatti, a ben guardare, non hanno mai una faccia sola. Meglio così: perché dove le cose non sono semplici come sembrano, tutto sommato, ci si sente a casa. Il romanzo gioca a nascondino con il genere poliziesco, i suoi codici, i suoi stereotipi e produce, in questo modo, un insospettabile effetto di realtà.

Gli scoiattoli di Central Park sono tristi il lunedi'
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pancol, Katherine <1954->

Gli scoiattoli di Central Park sono tristi il lunedi' / Katherine Pancol ; traduzione di Raffaella Patriarca

Milano : Baldini Castoldi Dalai, 2011

Abstract: I personaggi di Katherine Pancol sono ancora affannosamente in cerca della felicità pur scansandola per mille, buone ragioni. Hortense, la sua sfacciataggine e la carriera che decolla, l'odio ostinato per i sentimentalismi e Dio sa quanta fatica per abbandonarsi all'amore. Shirley, un valzer serrato tra relazioni sbagliate che dura da troppo e ormai l'ha sfinita. E poi lei, Josephine. Timidezza incurabile e maglioni sformati. Che attraversa Parigi per prendersi cura di un fiore. Gary che non ha la pazienza di aspettare, Philippe che invece non fa altro, e infine Oliver - faccia da re umile - che fa l'amore come s'impasta del buon pane. Un girotondo di vorrei ma non posso che finalmente ha la forza di interrompersi: fare i conti con quello che è stato, farlo adesso e senza riserve, per afferrare un lembo di felicità. D'altronde, gli scoiattoli di Central Park insegnano: la felicità ci inganna e dura un istante. La domenica i turisti affollano il parco, ma il lunedì?

Il re degli scacchi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Acheng

Il re degli scacchi / Acheng ; prefazione di Goffredo Fofi ; introduzione di Maria Rita Masci

3. ed

Milano : Bompiani, 2001

Abstract: Il re degli scacchi narra la storia di Wang Yisheng, giovane povero e geniale giocatore di scacchi, che all'indomani della Rivoluzione culturale viene mandato in un campo di lavoro nelle foreste dello Yunnan, ai confini suboccidentali della Cina, per essere rieducato alle masse. Gli unici interessi di Wang Yisheng sono il cibo e gli scacchi: la soddisfazione di un bisogno primario e la realizzazione di un bisogno spirituale. Dopo un continuo peregrinare alla ricerca di validi avversari e di antichi maestri, la sua avventura nella campagna cinese si conclude con una indimenticabile partita giocata a mente da lui solo contro nove campioni.

Ne parliamo a cena
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bertola, Stefania

Ne parliamo a cena : romanzo / Stefania Bertola

4. ed

Milano : TEA, 2006

Abstract: Sofia è appena stata piantata dal marito e quel fetente, non contento di spassarsela con una collega, pretende anche di toglierle la casa. È il momento, dunque, di radunare le cugine-amiche per una cena di consulto. C'è Costanza, la voce narrante, che non si è mai sposata perché l'uomo che ama è già sposato; Bibi, divorziata ma che sogna di riconciliarsi col marito; Irene, sempre sul punto di separarsi, ma che non si decide mai, e Veronica, l'unica senza problemi e per questo terrorizzata che tanta felicità non possa durare in eterno.

Come parlare di luoghi senza esserci mai stati
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bayard, Pierre

Come parlare di luoghi senza esserci mai stati / Pierre Bayard

Milano : Excelsior 1881, 2012

Abstract: Non è affatto impossibile discorrere in modo appassionante di luoghi dove non abbiamo mai messo piede, soprattutto grazie alla lettura dei romanzi. Quindi indossate le pantofole e preparatevi a viaggiare!

Pietr il Lettone
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Simenon, Georges <1903-1989> - Simenon, Georges <1903-1989>

Pietr il Lettone / Georges Simenon ; traduzione di Yasmina Melaouah

Milano : Adelphi, [1993]

Cigni selvatici
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Chang, Jung <1952-> - Chang, Jung <1952->

Cigni selvatici : tre figlie della Cina / Jung Chang ; traduzione di Lidia Perria

Milano : TEA, c1998 (stampa 2000)

Abstract: La storia vera di tre figlie della Cina (l'autrice, sua madre, sua nonna) le cui vite e le cui sorti rispecchiano un secolo di storia cinese, un tempo di rivoluzioni, di tragedie e di speranze: dall'epoca dei signori della guerra all'occupazione giapponese e poi russa, dalla guerra civile tra i comunisti e il Kuomintang alla lunga Marcia di Mao e alla Rivoluzione Culturale. Allevata come una Guardia rossa, Jung Chang raccoglierà infine l'eredità di dolore e di speranza di sua nonna e di sua madre, opponendosi al regime, che le deporterà i genitori in un campo di rieducazione e la esilierà ai piedi dell'Himalaya, fino all'insperata occasione di espatrio, nel 1978, verso l'Inghilterra.

Mammut
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pennacchi, Antonio

Mammut : romanzo / Antonio Pennacchi

Milano : Mondadori, 2011

Abstract: Benassa è lo storico, coriaceo rappresentante sindacale dei lavoratori alla Supercavi di Latina-Borgo Piave. La tuta blu sull'anima, la trattativa nel sangue, era il terrore di ogni direttore del personale. Tutti i comunicati che emetteva il Consiglio di fabbrica, li componeva lui di notte. Ed erano poemi. Mazzate a rotta di collo sull'Azienda e su tutti i Dirigenti. Come movevano una paglia, lui li tartassava sopra la bacheca. Sapeva fare solo quello. E solo quello aveva sempre fatto. Per anni ha guidato le lotte dei compagni, tra cortei e blocchi stradali, picchetti e occupazioni, conquiste e delusioni, ma ora che bisogna combattere l'ultima decisiva battaglia sindacale, la gloriosa azione collettiva per tenere la fabbrica aperta e sul mercato, Benassa è stanco. Sul punto di mollare. O forse no. Dopo un'occupazione epica della centrale nucleare di Latina, in due giorni di febbrile clausura nel sepolcro dello stabilimento, Benassa cerca di spiegare ai propri compagni le sue ragioni. Perché dopo vent'anni spesi a lottare per loro sta per cedere alle richieste del capo del personale? Perché è sul punto di accettare di essere pagato per stare fuori dalla fabbrica? Questo è il primo libro di Antonio Pennacchi, il suo romanzo d'esordio, una grande epopea operaia scritta nel 1987, quando era lui pure come Benassa operaio in Fulgorcavi, e il suo eccentrico talento doveva vedersela coi turni di notte alle coniche e alle bicoppiatrici.

La signora Harris
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gallico, Paul

La signora Harris / Paul Gallico ; traduzione di Nini Boraschi

Milano : Frassinelli, 2011

Abstract: A Parigi, a Parigi! Nella testa della signora Harris risuona battagliero il grido che la sta portando Oltremanica, alla conquista della ville lumière e del suo bottino: l'abito del quale non può proprio fare a meno. Perché la più che matura vedova londinese, di umili natali e ancor più umile professione, è stata folgorata sulla via della haute couture mentre svolgeva le mansioni di donna di servizio nell'abitazione della sua cliente più aristocratica: dentro l'armoire della lady era comparso il vestito più bello che Ada Harris avesse mai visto, e alla bellezza non si resiste. Cuore impavido e spirito indomito, la fragile signora Harris si è armata così del suo cappottino spigato, della borsetta marrone di finta pelle imbottita di risparmi, dell'improbabile cappellino ornato da un fiore più grande di lei, e si è imbarcata sul volo per Parigi, destinazione Avenue Montaigne: la Maison Dior. La britannicissima signora non ha fatto però i conti con i pregiudizi e lo snobismo. Ma niente può fermarla, perché Ada ha un cuore grande, un'immaginazione sconfinata e l'anima candida di una donna perbene. E per questo che anche a Parigi il suo bottino più grande saranno l'affetto e la generosità delle persone ben felici di darle una mano.

Agnes Browne mamma
0 0 0
Materiale linguistico moderno

O'Carroll, Brendan

Agnes Browne mamma / Brendan O'Carroll ; traduzione dall'inglese di Gaja Cenciarelli

[Milano] : Beat, 2011

Abstract: Agnes Browne, trentaquattro anni, bella, proletaria, simpatia irresistibile, ha un banco di frutta e verdura al mercato del Jarro, turbolento quartiere popolare di Dublino, sette figli come sette gocce di mercurio e un'autentica venerazione per Cliff Richard. Purtroppo ha anche un marito che lascia i suoi guadagni agli allibratori, per poi rifarsi con lei a suon di ceffoni. Ogni mattina Agnes esce di casa alle cinque per incontrare l'amica Marion e iniziare insieme la giornata in allegria. Ogni venerdì gioca a bingo, per poi finire al pub di fronte a una pinta di birra e a un bicchiere di sidro. Non una gran vita, a parte le risate con Marion e le altre, al mercato. Finché, un bel giorno, Rosso Browne muore, lei rimane sola e comincia a godersi davvero l'esistenza. E l'inizio di un carosello di vicende esilaranti, in coppia con Marion, autentico genio comico, e alle prese con i figli che le propinano dilemmi adolescenziali, obbligandola a improvvisarsi consigliera (con grande spasso dei pargoli) o a vestire i panni dell'angelo vendicatore. Insomma, senza quel treppiede del marito attorno, la nostra Agnes pare tornata la ragazza dublinese che è stata - tanto che non manca uno spasimante, un affascinante bell'imbusto francese ignaro degli equivoci della lingua inglese. Intanto la vita continua, nella Dublino di fine anni settanta, tra gioie e dolori, un colpo basso della sorte e un girotondo di risate con Marion, i figli che crescono e, in testa, un sogno che sembra irrealizzabile.

Il valzer lento delle tartarughe
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pancol, Katherine <1954-> - Pancol, Katherine <1954->

Il valzer lento delle tartarughe / Katherine Pancol ; traduzione di Roberta Corradin

Milano : Baldini Castoldi Dalai, [2010]

Abstract: Sapere se davvero un coccodrillo dagli occhi gialli ha divorato oppure no suo marito Antonie, scomparso in Kenya, per Josephine non è più importante. Grazie ai soldi guadagnati con le vendite del suo best seller, ha lasciato Courbevoie, nella banlieue parigina, per un appartamento chic nell'elegante quartiere di Passy. Invece sua sorella Iris, che aveva tentato di attribuirsi la scrittura del romanzo, ha finito con il pagare la follia del proprio inganno in una clinica per malati di depressione. Ormai libera, sempre timida e insoddisfatta, attenta spettatrice della commedia strampalata e talvolta ostile che le offrono i suoi nuovi vicini, Josephine sembra alla ricerca del grande amore. Veglia sulla figlia minore Zoe, adolescente ribelle e tormentata, e assiste al successo dell'ambiziosa primogenita Hortense, che a Londra si lancia nella carriera di stilista. Fino al giorno in cui una serie di omicidi distrugge la serenità borghese del suo quartiere e lei stessa sfugge per poco a un'aggressione... Ancora una volta intorno all'irresistibile e discreta Josephine gravita tutto un mondo di seduttori, carogne, imbroglioni ma anche di persone buone e generose. Ancora una volta la penna di Katherine Pancol ci proietta in un vortice di eventi e personaggi all'affannosa ricerca di un senso nella inesauribile complessità della vita,

Caffe' Babilonia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Mehran, Marsha <1977-2014>

Caffe' Babilonia / Marsha Mehran ; traduzione di Adelaide Cioni

Vicenza : Neri Pozza, [2005]

Abstract: Marjan Aminpour è nata in Persia, una terra di antichi deserti dove il suolo arido si confonde con i resti sgretolati delle colonne di Persepoli, eppure ha un vero talento per le piante. Guidata dalle mani gentili di Babà Pirooz, il vecchio giardiniere barbuto che curava le terre della sua casa d'infanzia, ha imparato sin da bambina a coltivare la maggiorana e l'angelica dorata. Ora Marjan è a Ballinacroagh, il villaggio dell'Irlanda occidentale dove, dopo essere scappata dall'Iran khomeinista, si è stabilita assieme a Bahar e Layla, le sue sorelle più piccole. Col cardamomo e l'acqua di rose, il basmati, il dragoncello e la santoreggia, Marjan prepara le sue speziate ricette persiane al Caffè Babilonia, il locale che, assieme alle sorelle, ha ricavato dall'ex panetteria di Estelle Delmonico, la vedova di un fornaio italiano, e dove la gente di Ballinacroagh accorre ogni giorno numerosa, attratta dalle pareti vermiglie, dalle zuppe di melagrana e dal samovar del tè sempre pronto. Marjan potrebbe finalmente godere dei suoi meritati piccoli trionfi se un perfido scherzo del destino non si fosse preso la briga di turbarla profondamente: Layla, la spensierata Layla, la sorellina che si è conquistata subito la simpatia dell'intera Ballinacroagh, si è innamorata, ricambiata, di Malachy McGuire, uno dei figli di Thomas McGuire, il boss del villaggio che possiede un'infinità di pub e ambirebbe volentieri a mettere le mani sul Caffè Babilonia...

Carambole
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Nesser, Hakan

Carambole / Hakan Nesser ; traduzione di Carmen Giorgetti Cima

Parma : Guanda, [2006]

Abstract: Il commissario Van Veeteren è finalmente in pensione: si occupa della sua libreria antiquaria e non sa nulla della serie di omicidi che si sta per abbattere sulla sua città. Tutto ha avuto inizio quando un guidatore ha investito per caso un ragazzo che camminava sul ciglio della strada: il ragazzo è morto e l'automobilista, dopo qualche indecisione, è fuggito. Nei giorni seguenti tutto sembra tranquillo e il colpevole si sente sempre più al sicuro. Fino al giorno in cui riceve la lettera di un testimone che comincia a ricattarlo, sostenendo di averlo visto e di essere pronto a rivelare la sua colpa. Messo sotto pressione, l'incauto guidatore si trasforma in un astuto detective...

Nudi e crudi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bennett, Alan <1934->

Nudi e crudi / Alan Bennett ; traduzione di Giulia Arborio Mella e Claudia Valeria Letizia

Milano : Adelphi, [2001]

Abstract: Trovarsi la casa svaligiata dai ladri è senza dubbio un evento sinistro. Ma se spariscono anche la moquette, il rotolo della carta igienica, il forno e l'arrosto che attendeva lo scatto del timer, è palese che non può trattarsi di un semplice furto. E l'allibita vittima, un avvocato londinese agiato e pedante, ha tutto il diritto di pensare a una beffa del destino, o a una nuova formula di candid camera. Travolti da una realtà truce e idiota, l'avvocato e la sua spenta consorte si trovano ad affrontare un rompicapo di comica suspense, dal quale schizzano fuori colpi di scena turbinosi, mentre il lettore viene guidato verso un'esilarante catarsi di rara crudeltà.

L'avversario
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Carrère, Emmanuel <1957->

L'avversario / Emmanuel Carrere ; traduzione di Eliana Vicari Fabris

Torino : Einaudi, [2000]

Abstract: In una villetta della campagna francese, un uomo uccide moglie e figli. Poi trucida gli anziani genitori ed il loro cane. Quindi prova ad uccidere l'amante e infine dà fuoco alla casa dove ancora giacciono i cadaveri dei suoi. Dietro questi orrori gli inquirenti scoprono un'altra mostruosità: la famigliola felice, le amicizie, la posizione economica di Jean-Claude Romand poggiavano sul nulla delle bugie. Lui non possedeva una laurea in medicina, non lavorava per l'Oms, non aveva un tumore, come invece diceva. Carrère narra una storia realmente accaduta in Francia, cercando di scandagliare la doppia identità dell'uomo che non esisteva.

Gli occhi gialli dei coccodrilli
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pancol, Katherine <1954->

Gli occhi gialli dei coccodrilli / Katherine Pancol ; traduzione di Roberta Corradin

Milano : Baldini Castoldi Dalai, [2009]

Abstract: Un romanzo al femminile tradizionale ma anche la divertente vicenda di un libro acquistato ancora prima di essere scritto. Forse l'autrice poteva risparmiarci qualche pagina ma nel complesso la lettura di Gli occhi gialli dei coccodrilli è avvincente come promette il risvolto di copertina. E alle fine le vicende di tre generazioni di donne molto diverse tra loro ma accomunate dal desiderio di non arrendersi mai, lascia nel lettore il piacere di avere passato delle ore in buona compagnia.

Donne dagli occhi grandi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Mastretta, Angeles

Donne dagli occhi grandi / Angeles Mastretta ; traduzione di Gina Maneri

- Firenze : Giunti, [1996]