Intrigo internazionale. Pop, chic, spie degli anni settanta
0 0 0
Risorsa locale

Cleto, Fabio

Intrigo internazionale. Pop, chic, spie degli anni settanta

Abstract: New York. Autunno 1964. Benvenuti nel luogo e nel tempo degli incontri spiazzanti, nel mix di upper class e working class , intellettuali e rifiuti umani, fan e star. James Bond, Andy Warhol, Susan Sontag, Victor J. Banis: spie e celebrità di ordini culturali diversi, figure dello scarto, icone d'identità clandestina, emblemi di un elitarismo di massa, dei margini del visibile. Protagonisti di un copione in maschera il cui modo è l'ironia, quella forma di perversione – è il camp, dirà Sontag, recuperando una tradizione radicata nell'esuberanza teatrale e nelle sessualità eccentriche di fine Ottocento – che celebra l'eccesso, la messinscena di sé, "le cose che sono ciò che non sono". Dal neon dei cinema alle gallerie d'arte, dalle riviste d'avanguardia alle atmosfere chiaroscurali dei pulp erotici, "Intrigo internazionale" racconta una storia di spie: una storia d'identità prêtes-à-porter, di informatori, talpe, agenti sotto copertura, trame segrete, doppi giochi, tradimenti, segni rivelatori e falsi indizi. La storia e la mappa di un fenomeno che, innestandosi sul pop, interpreta le istanze più complesse della cultura della celebrità, dell'isteria del consumo e di una società innervata da una tensione crescente fra sovversione e riaffermazione dell'ordine, sperimentazione, devianza e sberleffo. La mappa di una stagione irripetibile, quando farsi replica era ancora originale. Benvenuti all'inaugurazione dello Spettacolo Totale. Avete l'abito adatto?


Titolo e contributi: Intrigo internazionale. Pop, chic, spie degli anni settanta

Pubblicazione: Il Saggiatore, 21/02/2013

EAN: 9788842819059

Data:21-02-2013

Nota:
  • Lingua: italiano
  • Formato: EPUB con Social DRM

Nomi:

Dati generali (100)
  • Tipo di data: data di dettaglio
  • Data di pubblicazione: 21-02-2013

New York. Autunno 1964. Benvenuti nel luogo e nel tempo degli incontri spiazzanti, nel mix di upper class e working class , intellettuali e rifiuti umani, fan e star. James Bond, Andy Warhol, Susan Sontag, Victor J. Banis: spie e celebrità di ordini culturali diversi, figure dello scarto, icone d'identità clandestina, emblemi di un elitarismo di massa, dei margini del visibile. Protagonisti di un copione in maschera il cui modo è l'ironia, quella forma di perversione – è il camp, dirà Sontag, recuperando una tradizione radicata nell'esuberanza teatrale e nelle sessualità eccentriche di fine Ottocento – che celebra l'eccesso, la messinscena di sé, "le cose che sono ciò che non sono". Dal neon dei cinema alle gallerie d'arte, dalle riviste d'avanguardia alle atmosfere chiaroscurali dei pulp erotici, "Intrigo internazionale" racconta una storia di spie: una storia d'identità prêtes-à-porter, di informatori, talpe, agenti sotto copertura, trame segrete, doppi giochi, tradimenti, segni rivelatori e falsi indizi. La storia e la mappa di un fenomeno che, innestandosi sul pop, interpreta le istanze più complesse della cultura della celebrità, dell'isteria del consumo e di una società innervata da una tensione crescente fra sovversione e riaffermazione dell'ordine, sperimentazione, devianza e sberleffo. La mappa di una stagione irripetibile, quando farsi replica era ancora originale. Benvenuti all'inaugurazione dello Spettacolo Totale. Avete l'abito adatto?

Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Nessuna recensione

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.