Nazioni d'Italia. Identità politiche e appartenenze regionali fra Settecento e Ottocento
0 0 0
Risorsa locale

De Benedictis, Angela - Fosi, Irene - Mannori, Luca - De Benedictis, Angela - Fosi, Irene - Mannori, Luca

Nazioni d'Italia. Identità politiche e appartenenze regionali fra Settecento e Ottocento

Abstract: Tipica "nazione di nazioni", l'Italia della tarda età moderna e del primo Ottocento si caratterizza non solo per l'elaborazione progressiva di una comune identità culturale e politica, ma anche per un parallelo, e non meno vivace, processo di rafforzamento/rinnovamento dei sensi di appartenenza di livello regionale o sub regionale. Talvolta coincidenti con le antiche "patrie" cittadine, talaltra con comunità territoriali più ampie, talaltra ancora con gli spazi segnati dai confini stessi degli Stati, queste nazioni locali non possono essere comunque considerate come un mero tratto recessivo del nostro panorama preunitario. È attorno ad esse, non meno che al soggetto-Italia, che si condensa quel nuovo bisogno d'inclusione e di partecipazione attiva ai processi politici che accompagna un po' ovunque lo sbiadire della vecchia società di corpi; e poco capiremmo del processo risorgimentale se non tenessimo conto della continua tensione che già alla fine del Settecento si profila tra questi diversi livelli di appartenenza.


Titolo e contributi: Nazioni d'Italia. Identità politiche e appartenenze regionali fra Settecento e Ottocento

Pubblicazione: Viella Libreria Editrice, 23/04/2013

EAN: 9788883347238

Data:23-04-2013

Nota:
  • Lingua: italiano
  • Formato: PDF con DRM Adobe

Nomi:

Soggetti:

Dati generali (100)
  • Tipo di data: data di dettaglio
  • Data di pubblicazione: 23-04-2013

Tipica "nazione di nazioni", l'Italia della tarda età moderna e del primo Ottocento si caratterizza non solo per l'elaborazione progressiva di una comune identità culturale e politica, ma anche per un parallelo, e non meno vivace, processo di rafforzamento/rinnovamento dei sensi di appartenenza di livello regionale o sub regionale. Talvolta coincidenti con le antiche "patrie" cittadine, talaltra con comunità territoriali più ampie, talaltra ancora con gli spazi segnati dai confini stessi degli Stati, queste nazioni locali non possono essere comunque considerate come un mero tratto recessivo del nostro panorama preunitario. È attorno ad esse, non meno che al soggetto-Italia, che si condensa quel nuovo bisogno d'inclusione e di partecipazione attiva ai processi politici che accompagna un po' ovunque lo sbiadire della vecchia società di corpi; e poco capiremmo del processo risorgimentale se non tenessimo conto della continua tensione che già alla fine del Settecento si profila tra questi diversi livelli di appartenenza.

Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Nessuna recensione

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.