L'uomo digitale. Oltre il dualismo tecnologico
0 0 0
Risorsa locale

Giammarco, Enrico

L'uomo digitale. Oltre il dualismo tecnologico

Abstract: La Rivoluzione Digitale si sta compiendo, e la Tecnologia è oramai ovunque. Nei servizi, nella comunicazione, nella nostra Vita. Internet e dispositivi come smartphone e tablet hanno inciso enormemente nelle nostre esistenze, donandoci opportunità prima inimmaginabili, travalicando vincoli, gerarchie e costrizioni, donandoci la reale e concreta speranza di un mondo meno iniquo. La nostra vita ne ha tratto benefici più che evidenti. E' anche un po' subdola, la nostra vita digitale. Sembra silente, sullo sfondo della nostra quotidianità, ma è sempre pronta a tornare in primo piano, a farci pesare il legame. Basta poco, l'attimo di una vibrazione, di uno squillo, di un LED colorato che s'illumina sul tavolo. Quanto tempo passa prima di andare a leggere quella notifica? L'invasione della vita digitale nei confronti di quella reale è iniziata da qualche anno, e ci ha colti del tutto impreparati, sedotti dai byte accattivanti, dalla possibilità di dissimulare noi stessi, di far emergere solo gli aspetti positivi, di creare un personaggio nuovo, seppur dotato della nostra immagine e del nostro nome. Una Tecnologia attiva e predittiva spinge l'essere umano al disimpegno, ed alla delega. Il disimpegno è un demonio tentatore, per noi uomini. Ci trascina verso la pigrizia relazionale, al non sforzarci troppo. Valutiamo attentamente quel che deleghiamo, e quanto spesso lo facciamo. Un conto è farsi suggerire un ristorante, un altro farsi indicare un possibile match caratteriale con una persona che incrociamo al semaforo. Su due visioni così antitetiche è in corso da tempo un dibattito serrato tra entusiasti e scettici. C'è chi è disposto a delegare tutto sull'altare della tecnologia, e chi rimane legate ad un passatismo dai toni apocalittici. Che ne sarà dell'essere umano? Come sarà l'uomo digitale? Nessuno sembra mai porsi questa domanda. Tutti impegnati a disegnare lo scenario, nessuno affronta quesiti sul protagonista. Eppure molto di come vivremo questa transazione, dall'ottimizzazione dei vantaggi alla minimizzazione dei disagi, dipenderà da chi terrà il timone nell'ultima fase della traversata. Enrico Giammarco è nato a Roma nel 1978. Ingegnere, blogger, ex-giornalista, da sempre la sua anima umanistica e quella tecnologica continuano a lottare. Nella difficoltà di introdurre la cultura digitale in Italia, nell'urgenza di non ridurre la tecnologia ad un mero gadget a cui delegare la nostra identità. Finché c'è lotta, c'è speranza. Potete leggerlo su enricogiammarco.com, la sua "casa", e ospite su vari blog.


Titolo e contributi: L'uomo digitale. Oltre il dualismo tecnologico

Pubblicazione: Frenico, 19/12/2013

Data:19-12-2013

Nota:
  • Lingua: italiano
  • Formato: EPUB con DRM Adobe

Nomi:

Soggetti:

Dati generali (100)
  • Tipo di data: data di dettaglio
  • Data di pubblicazione: 19-12-2013

La Rivoluzione Digitale si sta compiendo, e la Tecnologia è oramai ovunque. Nei servizi, nella comunicazione, nella nostra Vita. Internet e dispositivi come smartphone e tablet hanno inciso enormemente nelle nostre esistenze, donandoci opportunità prima inimmaginabili, travalicando vincoli, gerarchie e costrizioni, donandoci la reale e concreta speranza di un mondo meno iniquo. La nostra vita ne ha tratto benefici più che evidenti. E' anche un po' subdola, la nostra vita digitale. Sembra silente, sullo sfondo della nostra quotidianità, ma è sempre pronta a tornare in primo piano, a farci pesare il legame. Basta poco, l'attimo di una vibrazione, di uno squillo, di un LED colorato che s'illumina sul tavolo. Quanto tempo passa prima di andare a leggere quella notifica? L'invasione della vita digitale nei confronti di quella reale è iniziata da qualche anno, e ci ha colti del tutto impreparati, sedotti dai byte accattivanti, dalla possibilità di dissimulare noi stessi, di far emergere solo gli aspetti positivi, di creare un personaggio nuovo, seppur dotato della nostra immagine e del nostro nome. Una Tecnologia attiva e predittiva spinge l'essere umano al disimpegno, ed alla delega. Il disimpegno è un demonio tentatore, per noi uomini. Ci trascina verso la pigrizia relazionale, al non sforzarci troppo. Valutiamo attentamente quel che deleghiamo, e quanto spesso lo facciamo. Un conto è farsi suggerire un ristorante, un altro farsi indicare un possibile match caratteriale con una persona che incrociamo al semaforo. Su due visioni così antitetiche è in corso da tempo un dibattito serrato tra entusiasti e scettici. C'è chi è disposto a delegare tutto sull'altare della tecnologia, e chi rimane legate ad un passatismo dai toni apocalittici. Che ne sarà dell'essere umano? Come sarà l'uomo digitale? Nessuno sembra mai porsi questa domanda. Tutti impegnati a disegnare lo scenario, nessuno affronta quesiti sul protagonista. Eppure molto di come vivremo questa transazione, dall'ottimizzazione dei vantaggi alla minimizzazione dei disagi, dipenderà da chi terrà il timone nell'ultima fase della traversata. Enrico Giammarco è nato a Roma nel 1978. Ingegnere, blogger, ex-giornalista, da sempre la sua anima umanistica e quella tecnologica continuano a lottare. Nella difficoltà di introdurre la cultura digitale in Italia, nell'urgenza di non ridurre la tecnologia ad un mero gadget a cui delegare la nostra identità. Finché c'è lotta, c'è speranza. Potete leggerlo su enricogiammarco.com, la sua "casa", e ospite su vari blog.

Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Nessuna recensione

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.