Creato il 04/01/2016 12:00pm da sisovest01

Trovati 2833 documenti.

Mostra parametri
Life of a Pioneer: Being the Autobiography of James S. Brown
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Brown, James S.

Life of a Pioneer: Being the Autobiography of James S. Brown

16/03/2017

Abstract: THE life of a pioneer in Western America always is full of peril and hardship; often it has a large share of startling episodes and thrilling adventures; not infrequently it is associated with notable historic events; and the experiences met with develop independence of character, firmness of purpose, and, in those whose spiritual nature is not dwarfed by unworthy conduct, a sublime faith in God that when man puts forth his highest endeavor all things beyond the scope of his efforts are ordered for the best by the Great Ruler of the universe. When to the pioneer's experiences are added those that come from travel in foreign lands, perils of the sea, and the hostility of warlike foes, the narrative of such a life cannot fail to be alike profitable and interesting reading to both young and old.

Biographia Literaria
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Coleridge, Samuel T.

Biographia Literaria

16/03/2017

Abstract: It has been my lot to have had my name introduced both in conversation, and in print, more frequently than I find it easy to explain, whether I consider the fewness, unimportance, and limited circulation of my writings, or the retirement and distance, in which I have lived, both from the literary and political world. Most often it has been connected with some charge which I could not acknowledge, or some principle which I had never entertained. Nevertheless, had I had no other motive or incitement, the reader would not have been troubled with this exculpation. What my additional purposes were, will be seen in the following pages. It will be found, that the least of what I have written concerns myself personally. I have used the narration chiefly for the purpose of giving a continuity to the work, in part for the sake of the miscellaneous reflections suggested to me by particular events, but still more as introductory to a statement of my principles in Politics, Religion, and Philosophy, and an application of the rules, deduced from philosophical principles, to poetry and criticism. But of the objects, which I proposed to myself, it was not the least important to effect, as far as possible, a settlement of the long continued controversy concerning the true nature of poetic diction; and at the same time to define with the utmost impartiality the real poetic character of the poet, by whose writings this controversy was first kindled, and has been since fuelled and fanned.

Hypatia
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Kingsley, Charles

Hypatia

16/03/2017

Abstract: A picture of life in the fifth century must needs contain much which will be painful to any reader, and which the young and innocent will do well to leave altogether unread. It has to represent a very hideous, though a very great, age; one of those critical and cardinal eras in the history of the human race, in which virtues and vices manifest themselves side by side—even, at times, in the same person—with the most startling openness and power. One who writes of such an era labours under a troublesome disadvantage. He dare not tell how evil people were; he will not be believed if he tells how good they were. In the present case that disadvantage is doubled; for while the sins of the Church, however heinous, were still such as admit of being expressed in words, the sins of the heathen world, against which she fought, were utterly indescribable; and the Christian apologist is thus compelled, for the sake of decency, to state the Church's case far more weakly than the facts deserve.Not, be it ever remembered, that the slightest suspicion of immorality attaches either to the heroine of this book, or to the leading philosophers of her school, for several centuries. Howsoever base and profligate their disciples, or the Manichees, may have been, the great Neo-Platonists were, as Manes himself was, persons of the most rigid and ascetic virtue.For a time had arrived, in which no teacher who did not put forth the most lofty pretensions to righteousness could expect a hearing. That Divine Word, who is 'The Light who lighteth every man which cometh into the world,' had awakened in the heart of mankind a moral craving never before felt in any strength, except by a few isolated philosophers or prophets.

The Interesting Narrative of the Life of Olaudah Equiano, Or Gustavus Vassa.
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Equiano, Olaudah

The Interesting Narrative of the Life of Olaudah Equiano, Or Gustavus Vassa.

16/03/2017

Abstract: I believe it is difficult for those who publish their own memoirs to escape the imputation of vanity; nor is this the only disadvantage under which they labour: it is also their misfortune, that what is uncommon is rarely, if ever, believed, and what is obvious we are apt to turn from with disgust, and to charge the writer with impertinence. People generally think those memoirs only worthy to be read or remembered which abound in great or striking events, those, in short, which in a high degree excite either admiration or pity: all others they consign to contempt and oblivion. It is therefore, I confess, not a little hazardous in a private and obscure individual, and a stranger too, thus to solicit the indulgent attention of the public; especially when I own I offer here the history of neither a saint, a hero, nor a tyrant. I believe there are few events in my life, which have not happened to many: it is true the incidents of it are numerous; and, did I consider myself an European, I might say my sufferings were great: but when I compare my lot with that of most of my countrymen, I regard myself as a particular favourite of Heaven, and acknowledge the mercies of Providence in every occurrence of my life.

The Souls of Black Folk
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Du Bois, William E.

The Souls of Black Folk

17/03/2017

Abstract: Herein lie buried many things which if read with patience may show the strange meaning of being black here at the dawning of the Twentieth Century. This meaning is not without interest to you, Gentle Reader; for the problem of the Twentieth Century is the problem of the color line. I pray you, then, receive my little book in all charity, studying my words with me, forgiving mistake and foible for sake of the faith and passion that is in me, and seeking the grain of truth hidden there.

Nome in Codice TREMENDO La storia vera e segreta di un mercenario per bene
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Spanderai, Rogo

Nome in Codice TREMENDO La storia vera e segreta di un mercenario per bene

18/03/2017

Abstract: CRUDO EMOZIONANTE COINVOLGENTE... SEMPLICEMENTE UNA STORIA VERALA PRIMA SCONVOLGENTE TESTIMONIANZA DI UN MERCENARIO ARRIVATO INDENNE FINO AD OGGI DOPO 25 ANNI DI SERVIZIO ATTIVO: Un militare di leva accetta di sottoporsi a un duro addestramento e in seguito di far parte di un'unita destinata a svolgere incarichi speciali e segretissimi. Inizia così per lui una doppia esistenza, la vita da piccolo artigiano di provincia viene periodicamente intervallata da missioni adrenaliniche nei contesti più caldi e pericolosi del globo. Consegnare armi, liberare prigionieri, recuperare documenti top secret, proteggere luoghi e persone. Gli incarichi sono tra i più svariati cosi come i committenti. L'autore sceglie di presentarsi con uno pseudonimo e assicura che i fatti narrati sono realmente avvenuti, ciò fa sì che leggendo il libro si provi qualche brivido in più.

Nome in codice TREMENDO
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Spanderai, Rogo

Nome in codice TREMENDO

18/03/2017

Abstract: CRUDO EMOZIONANTE COINVOLGENTE... SEMPLICEMENTE UNA STORIA VERALA PRIMA SCONVOLGENTE TESTIMONIANZA DI UN MERCENARIO ARRIVATO INDENNE FINO AD OGGI DOPO 25 ANNI DI SERVIZIO ATTIVO: Un militare di leva accetta di sottoporsi a un duro addestramento e in seguito di far parte di un'unita destinata a svolgere incarichi speciali e segretissimi. Inizia così per lui una doppia esistenza, la vita da piccolo artigiano di provincia viene periodicamente intervallata da missioni adrenaliniche nei contesti più caldi e pericolosi del globo. Consegnare armi, liberare prigionieri, recuperare documenti top secret, proteggere luoghi e persone. Gli incarichi sono tra i più svariati cosi come i committenti. L'autore sceglie di presentarsi con uno pseudonimo e assicura che i fatti narrati sono realmente avvenuti, ciò fa sì che leggendo il libro si provi qualche brivido in più.

Jelena Balšić e le donne nella cultura medievale serba
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Tomin, Svetlana - Dragana Parlac

Jelena Balšić e le donne nella cultura medievale serba

Graphe.it, 22/03/2017

Abstract: Jelena Balšić (1366/71-inizio 1443), principessa serba, fu governatrice, benefattrice e fondatrice di monasteri. Diede un importante contributo alla vita culturale della prima metà del XV secolo. Grazie a lei si sviluppò un piccolo centro spirituale e letterario nei monasteri del lago di Scutari, in cui si ritirò dopo una vita dinamica, fatta di guerre, viaggi, ma anche di lutti personali, dal momento che perse due mariti e l'unico figlio. Nella solitudine della sua fondazione si dedicò alle letture religiose e ai temi teologici.Con la sua attività, Jelena Balšić si dimostra rappresentante colta della società serba dell'epoca. Sono state conservate le sue lettere, il trattato di pace con Venezia, l'iscrizione dedicatoria e il testamento. La sua partecipazione alla vita pubblica, l'attività di benefattrice e il suo lavoro letterario, fanno sì che Jelena si aggiunga alla già sviluppata tradizione delle donne straordinarie dell'epoca medievale.

La vida de Rubén Darío escrita por él mismo
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Darío, Rubén

La vida de Rubén Darío escrita por él mismo

23/03/2017

Abstract: Si el Rubén Darío poeta es todavía importante para toda la lengua española, sus prosas no lo han sido menos, como, asimismo, su biografía y peripecia vital fueron y son legendarias por los efectos de su fuerte personalidad literaria y humana. De allí que siga siendo una experiencia de contacto directo irreemplazable leer lo que el rey de nuestros poetas (1867-1916) cuenta sobre sí mismo.

The Rolling Stones 1961–2016
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Bonanno, Massimo

The Rolling Stones 1961–2016

Vololibero, 28/03/2017

Abstract: Partiti dagli scantinati di Londra, i Rolling Stones sono diventati icone mondiali: colonna sonora di intere generazioni che hanno sognato, amato, pianto e riso con i loro indimenticabili riff.In questo volume Massimo Bonanno racconta i Rolling Stones, dagli esordi ai giorni nostri, senza tralasciare nulla: demo, concerti, album, bootleg, scandali, rumors, curiosità, arresti, business, rarità per collezionisti e trasgressioni. Grazie a un rapporto diretto con Andrew Loog Oldham, primo produttore del gruppo, e con Philip Townsend, lo storico fotografo dei primi anni Sessanta, Bonanno ha ricostruito, con precisione e cura dei dettagli, la vita della band. Dai primi anni, in cui gli Stones crearono il loro mito, ad oggi con i giorni dei tour mondiali faraonici e del business più estremo.Massimo Bonanno È l'autore di The Rolling Stones Chronicle pubblicato in Inghilterra per Plexus Publishing, Henry Holt in America, Angus & Robertson in Australia e Nuova Zelanda, Shinko Music in Giappone e Ramsay in Francia. Il volume è uscito in seguito in altre edizioni tradotto in molte lingue. Nato a Genova, negli anni Ottanta si trasferisce a Londra dove dà gli ultimi ritocchi al suo primo libro sugli Stones e inizia a lavorare al romanzo Feeling Old Feelings, un thriller ambientato nel mondo del rock e dei media. Massimo ha seguito da vicino i Rolling Stones dalla metà degli anni Sessanta, ed è stato incaricato dal loro sito ufficiale di curare la parte inerente gli archivi delle tournées e dei concerti della band. Suona la batteria in una blues band. 

Il mio diario di guerra: Edizione integrale: dicembre 1915 - febbraio 1917
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Mussolini, Benito

Il mio diario di guerra: Edizione integrale: dicembre 1915 - febbraio 1917

24/03/2017

Abstract: Il 24 maggio del 1915 l'Italia dichiarava guerra all'Impero austro-ungarico. L'interventista e socialista Benito Mussolini aveva fortemente voluto la guerra, perché dal conflitto si aspettava la rivoluzione dei rossi: "Quando a Berlino sventolerà la bandiera rossa, noi proletari italiani ci pentiremo di non aver partecipato a questa rivoluzione", scrisse il futuro duce sul "Popolo d'Italia" dopo l'assassinio dell'arciduca Francesco Ferdinando. Si arruolò come volontario e venne chiamato come coscritto il 31 agosto del '15. Il 13 settembre partì per il fronte con l'11° reggimento bersaglieri e dal dicembre scrisse le pagine del suo diario, apparse a puntate sul "Popolo d'Italia" e pubblicate in seguito in un'unica opera nel 1923. In queste pagine si riconosce lo stile asciutto ed essenziale del Mussolini giornalista: la descrizione dei luoghi, degli eventi, della vita quotidiana tra le insanguinate e fangose trincee arriva d'impatto, senza fronzoli. Uno stile che farà la fortuna dell'ex maestro di Predappio nel rivolgersi alle folle. Il diario si interromperà all'improvviso il 23 febbraio del '17, quando il caporal maggiore Mussolini venne ferito gravemente dallo scoppio di un lanciabombe durante un'esercitazione sul Carso: "Ferito! Nel pomeriggio del 23 febbraio 1917, verso le ore 13, si eseguivano a quota 144 dei tiri d'aggiustamento con un lanciabombe da trincea. Erano attorno a me venti uomini, compresi alcuni ufficiali. La squadra era composta dai soldati più arditi della mia compagnia. Il tiro si era svolto senza il minimo incidente sino al penultimo proiettile. Questo, invece, — e ne avevamo spedite due casse — scoppiò nel lanciabombe. Fui investito da una raffica di scheggie e proiettato parecchi metri lontano. Non posso dire di più. So che venni raccolto quasi subito da altri bersaglieri accorsi, adagiato in una barella, trasportato a Doberdò per le prime cure, portato più tardi in quest'Ospedaletto dove trovai un'assistenza affettuosa, premurosissima. Il capitano medico dott. Giuseppe Piccagnoni, direttore dell'Ospedale di Busto Arsizio, ed i dottori, tutti e due tenenti, Egidio Calvini di San Remo e Luigi Scipioni di Rosolini (Siracusa) mi curarono come se fossi un fratello". Nel giugno del '17 tornò alla direzione del "Popolo d'Italia" e le sue idee sulla rivoluzione, come è noto, cambieranno.

L'ultimo viaggio
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Rimbaud, Arthur - Rimbaud, Isabelle - Roventi, Ispano (a cura di)

L'ultimo viaggio

Robin Edizioni, 28/03/2017

Abstract: Le lettere di Arthur Rimbaud disegnano la mappa dei viaggi dell'ultimo decennio di vita del poeta nelle inospitali terre d'Arabia e d'Africa bagnate dal Mar Rosso, raccontano la sua vera "stagione all'inferno". Lasciata la Francia per una promettente attività commerciale per quanto esposta ai fallimenti, questo "negoziante" (così Rimbaud diceva di sé), che misteriosamente aveva scelto il silenzio dopo una dissoluta giovinezza marcata da una folgorante produzione poetica, andrà incontro a uno straziante destino. Sfuggito ai pericoli che sempre minacciarono gli europei inoltratisi in territori spesso ignoti e ostili, l'infaticabile camminatore che fu Rimbaud sarà colpito da una grave malattia a una gamba. Tornato in Francia, a nulla valse l'amputazione dell'arto. Il dolore che nessun medicinale riuscì a lenire ci mostra un Rimbaud che fa dimenticare l'arrogante giovane poeta delle notti parigine. Gli scritti della sorella Isabelle sono l'accorata testimonianza dell'ultimo viaggio di questo enigmatico personaggio. L'immagine dell'avventuriero è frantumata dalle lettere di Arthur e dal racconto della sorella. Per ricostruire il volto autentico di un uomo che proprio con la disperazione dei suoi ultimi giorni mostra i limiti umani del suo mito. Anche per questo la vita di Rimbaud non cesserà di affascinarci.

Il capitano deve morire
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Monaco, Nevio

Il capitano deve morire

Panozzo Editore, 30/03/2017

Abstract: Il Capitano deve morire è la cronaca precisa e dettagliata degli "anni di piombo" vissuti e raccontati dall'allora capitano Nevio Monaco, comandante del Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Bologna.Un uomo delle istituzioni che non si è mai tirato indietro di fronte al pericolo e che non ha mai fatto sconti alla delinquenza comune e a quella politica.Un protagonista scomodo di quel periodo, costantemente nel mirino dei terroristi e della mafia."Una vita la sua - scrive Manlio Masini nella presentazione del volume - scolpita nell'azione e intrecciata nella storia di un Paese che ha rischiato di precipitare nel baratro della guerra civile". 

Caravaggio & Psyche/o
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Bersaglia, Rodolfo

Caravaggio & Psyche/o

30/03/2017

Abstract: Gli Amori, i Processi, le Operel'Omicidio, le FugheRedenzioni e ApocalissiDell'artista e della sua storia molto è stato manipolato nel tempo.Il criminologo Shlomo Giora Shoham dice Caravaggio aver amato madrigali e canzoni nell'infanzia e - quando tale mondo incantato muta di colpo - il ragazzo è obbligato a "mescolare vernici".La morte della madre scatena l'iracondia di Caravaggio quanto lo libera da ogni freno morale.Tentare di declinare la sessualità di Caravaggio porta a contemplarne la predisposizione all'iracondia. Ogni evento avverso reca un "trauma" - da intendersi come "frattura" e "mutazione" e non necessariamente come "ferita" o "danno" - cui segue uno stato alterato dell'umore nevrotico.

Oltre la scogliera (Two sister syndromes)
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Cantiello, Mariaelena

Oltre la scogliera (Two sister syndromes)

01/04/2017

Abstract: "Oltre  la scogliera" lo dedico a Rose…Rose che dai piedi della scogliera si è lasciata cadere giù.Rose che attendeva il mio primo libro con trepidazione, ma che alla data di pubblicazione già era precipitata nel profondo pozzo nero.Questo libro che parla della comorbilità tra la cistite interstiziale e l'endometriosi, lo voglio dedicare a Rose, per portare la sua voce, e lo dedico a tutte le donne che come Rose spesso si trovano al bordo della sogliera, ma che non devono precipitare."Così l'autrice inizia il suo racconto del viaggio con la cistite interstiziale e l'endometriosi, perché queste malattie sono compagne insidiose che non si separano mai da chi ne soffre. Un viaggio pieno di sofferenza ma ricco di speranza. Un viaggio il cui biglietto deve essere obbligatoriamente di andata e ritorno, come  ci insegnano l'ottimismo e la "leggerezza" con cui Mariaelena Cantiello scrive di argomenti di per sé drammatici. Un libro da leggere tutto d'un fiato e richiudere arricchiti di speranza e perché no…di un sorriso, perché nonostante i contenuti non è un libro triste, ma un libro per farci riflettere. 

The Real Captain Kidd
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Dalton, Cornelius Neale

The Real Captain Kidd

02/04/2017

Abstract: It is to be feared that honest and well-meaning men have not infrequently incurred the odium of posterity, not so much by reason of any enormities of which they have themselves been guilty, as because it has been their misfortune to be set to impossible tasks by employers or comrades, to whom they have been only too faithful. Few, if any, of such men have less deserved their fate than Captain Kidd, one of the unluckiest men that ever lived, who left this world on Friday the 23d of May, 1701, after woeful experiences at sea of the doings of an unruly crew, and on shore of the schemings of unscrupulous politicians and lawyers at Boston, Newgate, the Old Bailey, and the Execution Dock at Wapping.To most of those who woo her, reputation is a coy and fickle mistress. But she occasionally evinces a very embarrassing attachment to men and women, whose innate modesty and reticence have prompted them throughout their careers to give her as wide a berth as possible. She has clung most unfairly and pertinaciously for more than two centuries to poor Kidd, who in common with most men of his calling, had no desire whatever to obtrude himself on the public notice.

Lettres choisies
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Sévigné, Marie de

Lettres choisies

02/04/2017

Abstract: Mme de Sévigné nous raconte son temps à travers les lettres qu'elle adressa à sa fille (deux tiers de ses lettres), ainsi qu'à divers personnages. Une chronique fort intéressante de la seconde moitié du XVIIe siècle. Vous sont proposées ici quatre-vingt neuf lettres parmi ses plus connues, dans l'édition de Saint-Beuve, publiée par Garnier Frères en 1923.

Compagno T.
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Sabino, Cristiano

Compagno T.

Condaghes, 07/04/2017

Abstract: La lingua, la storia, le basi e i poligoni militari, l'equivoco della modernità d'importazione, lo spopolamento, i luoghi comuni sui sardi e sulla loro presunta incapacità di emanciparsi, le laceranti ferite dovute ai disastri ambientali e lo smantellamento di ogni prospettiva economica non basata sulla dipendenza e sulla subalternità, ma anche una feroce autocritica sulle involuzioni della sinistra e la crisi profonda del pensiero politico alternativo al modello liberista in un fitto dialogo dell'autore con il misterioso "Compagno T". Una raccolta di lettere scritte con linguaggio franco e crudo che ricompongono una storia di militanza e passione civile, in una terra condannata ad essere una periferia senza valore. Uno scambio senza esclusione di colpi tra due compagni oramai divisi da un vertiginoso rift culturale prima ancora che politico. Da una parte l'adesione acritica all'ideologia di Stato che gradualmente ma inesorabilmente trasforma i rivoluzionari rossi in tiepidi difensori dello status quo affetti da una vera e propria sindrome di Stoccolma verso l'oppressore. Dall'altra una ricerca continua e instancabile per strappare quel velo di Maya, frutto di una storia di alienazione ma diventato ormai norma e natura, che ha portato la maggioranza dei sardi a riprodurre automaticamente i medesimi meccanismi della subalternità. Una j'accuse diretta e graffiante ma mai distruttiva, sempre con lo sguardo rivolto al futuro e al progetto.

Il re è solo
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Oelker, Maria Pia

Il re è solo

07/04/2017

Abstract: Enrico IV di Franconia, il re che si umiliò a Canossa, giunto alla fine della sua lunga vita, ormai in esilio dopo il tradimento del figlio, ripercorre le tappe del suo travagliato regno,rievocando le lotte e l'opera politica che sempre lo hanno contrapposto al papato e ai grandi principi di Germania, ma anche le vicende della sua vita quotidiano, in un crescendo drammatico . Una figura storica controversa che ci viene restituita nel suo spessore umano e psicologico.

Code name TREMENDO
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Spanderai, Rogo

Code name TREMENDO

08/04/2017

Abstract: THE FIRST RAW TESTIMONY OF A ITALIAN MERCENARY COME UP TO DAY TODAY AFTER 25 YEARS OF ACTIVE:Sometimes in life you find yourself in front of the forks, are the moments when you have to choose with the understanding that the decision will depend on all our futures. This also happened to a young military conscripts when they proposed to be part of a special multi-ethnic force, made up of elements from all armed forces, totally incognito and autonomous, intended to fulfill special tasks.On the one hand the opportunity to end the military period and return to its tranquility, the other, the prospect of the existence of the improbable limits, a double life that few people had to be aware of.Without hesitation, the soldier agreed, at that moment was born feared. The decision led him to face a period of debilitating training, physical and psychological tests to forge men ready for anything, and then to travel, to carry out missions in different parts of the world, in Africa, the Middle East, the former Yugoslavia during the terrible civil war, to risk, to kill and to deal with human brutality. The tasks to be accomplished were the most diverse: delivering weapons, freeing prisoners, retrieve top secret documents, protecting places and people in extremely dangerous environments.The normal life of a small provincial artisan was periodically disrupted by a fax in which you were given time and meeting place in which to go to receive information about the next mission, from time to time the young man invented a story to justify ' absence and left for the new adventure.In the foreword the author assures that the script tells his true story, obviously modified part to not endanger those involved. If you believe this or want to consider everything a mere literary device is a reader's decision to which an intense history and adrenaline is delivered that never fails to deliver food for thought about the possibility of being "mercenaries for good."