Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

Non parlarmi d'amore - Aidan Chambers

Io trovo che Chambers sia un maestro di scrittura, in special modo nei dialoghi che usa spesso in questo breve libricino che vuole raccontare l'amore. La protagonista è Clara e la storia si svolge quasi sempre nella camera da letto della casa di sua zia che poi lei erediterà. Ogni capitolo corrisponde ad un periodo della sua vita. Clara scopre l'amore con un suo coetaneo, per poi tradirlo con un suo professore. In età più matura vorrà un figlio e farà la sua scelta.
Non parlarmi d'amore è una lettura mai banale, come mai banali sono i libri di Chambers. Ci racconta l'amore anche nei lati più oscuri e subdoli e ci mette in guardia sulla forza dirompente che esercita questo sentimento.

Sette abbracci e tieni il resto - Stefano Tofani

Sette abbracci e tieni il resto è un bel titolo.
Anche la storia è gradevole, collocata in una località non precisata fra mare e campagna, ruota attorno ad un gruppo di adolescenti della locale scuola. Il protagonista è Ernesto, il classico ragazzino timido e imbranato, con gli occhiali spessi. Si innamora di una sua compagna di classe, ovviamente platonicamente, e all'improvviso lei sparisce. Ernesto si lancia alla ricerca e...…
Mi piace molto la letteratura per ragazzi anche se questo libro forse è troppo semplice, adatto a giovani di quinta elementare/ prima media. Tratta i temi del bullismo e dell'emarginazione di chi si ritiene diverso dalla massa, inoltre si parla di immigrati. Interessante poi è lo sviluppo nella storia del tema del successo attraverso l'apparire sui mezzi di comunicazione che sarà il filo conduttore di tutto il racconto.
Personalmente ho trovato il finale molto banale e assurdo, mi ha un po' deluso e a mio avviso ha fatto perdere consistenza al resto della storia che per 3/4 del libro scorreva avvincente.

Cioccolata da Hanselmann - Rosetta Loy

Letto il mese scorso per il circolo di lettura di Cerese. Non sono riuscito a finirlo, ragion per cui, è ovvio che non mi sia piaciuto. Ho trovato la scrittura molto lenta e noiosa. L'autrice Rosetta Loy si sofferma molto sulle descrizioni dei personaggi e degli ambienti dove è ambientata la storia, ma all'inizio non fornisce una traccia al lettore e la storia è molto frammentaria con continui salti temporali per cui non sono riuscito a trovare un senso di dove volesse portarci l'autore.
Il libro è ambientato durante la seconda guerra mondiale in Svizzera e racconta una storia di amore conteso fra due sorelle. L'uomo però è un rifugiato ebreo, un clandestino e la storia prenderà una piega tragica.
Interessante è l'ambientazione fra le montagne svizzere dove i cannoni degli eserciti si sentono in lontananza, con suoni ovattati, ma comunque influenzano la vita anche in quei luoghi.
Credo sia un libro che richieda una lettura dedicata e non frammentaria come lo è attualmente la mia, magari con più pazienza avrei apprezzato di più questo lavoro.

Chimica, cheppàlle! - Raffaella Crescenzi, Roberta Vincenzi

INUTILE!
gli autori cercano di far ridere tirando in ballo continuamente lo stronzio e composti fantastici tipo "pimpirulinio" e "frescolonio". Manca il concetto di valenza, distinzione metalli e non metalli, tavola degli elementi.....
Meglio che si tengano stretto il lavoro da chimici.

Castelli di rabbia

Storie di sognatori che mordono la vita in un piccolo paese immaginario chiamato Quinnipak, dove tutto è possibile. Un magnate del vetro che sogna l’avvento della ferrovia. Un architetto che sogna la più grande cattedrale di vetro mai realizzata prima, il Crystal Palace, per l’Esposizione Universale di Londra del 1851 poi concretizzato da Paxton, il vincitore del concorso. Un musicista avanguardista che sognava un nuovo genere musicale, forse la dodecafonia o dissonanza visto il periodo storico. Sogni che, indipendentemente dalla loro effettiva realizzazione, hanno reso la vita dei protagonisti degna di essere vissuta. Vite vissute come un costante viaggio. In questo libro di esordio si sente già il Baricco più maturo, quello delle letture teatrali, delle lezioni cadenzate da un ritmo narrativo che accomoda lo spettatore, in questo caso il lettore, con pause di suspanse e di riflessione incantevoli.

Musicofilia - Oliver Sacks

Meraviglioso e, una volta tanto, scritto da un neurologo che mette da parte l'occhio clinico ed attiva invece la capacità di ascoltare e "vedere" oltre la sintomatologia.

Veronika decide di morire - Paulo Coelho

Questo libro mi è piaciuto e mi è rimasta impressa una frase: Il vero io è quello che tu sei, non quello che hanno fatto di te.
***
Dire che questo libro mi è piaciuto, è poco. Mi ha regalato coraggio, enutsiasmo, forza, anche perc hé ho letto senza sapere che parlava anche del panico, che anch'io ho sperimentato.
***
Il libro mi è piaciuto molto e mi ha lasciato un messaggio fondamentale per come vivere.
***
Saper vivere oggi ogni giorno come un ricordo, perché il dono della serenità è nascosto nel cuore di ciascuno di noi.
***
Mi è piaciuto molto questo libro, dove si vede la capacità nello scrivere di Coelho e nel presentare i personaggi con la loro vita.
***
Molto bello e soprattutto educativo. Dobbiamo ogni giorno lottare per raggiungere un sogno, realizzare un desiderio. Questi ci aiutano a vivere. Se ripetiamo con atti meccanici ogni giorno le stesse cose, senza speranza per il futuro, allora abbiamo già smesso di vivere. Poi ho capito che la follia è in ognuno di noi.