Community » Forum » Recensioni

Più fiori che opere di bene
0 1 0
Strada, Annalisa <1969->

Più fiori che opere di bene

Milano : HarperCollins, 2019

Abstract: Clotilde Grossi, detta Clo, è una trentasettenne senza orpelli nel pensare e neanche nel vestire. Nella vita fa la fioraia, vive a Bergamo e il suo negozio si chiama Ditelo con i fiori. Nessuna meglio di lei sa se è meglio un crisantemo o un gladiolo per ogni occasione. Ma sarebbe un errore immaginarla come un'inguaribile romantica, perché la sua vera passione è il crimine. Vorace consumatrice di romanzi gialli che le vengono spacciati da Nicla Verzetti, la sua amica libraia del negozio di fronte, non riesce a resistere di fronte a ogni notizia di cronaca nera. Vuole sempre saperne di più e riesce a rubare preziose informazioni anche grazie al suo fidanzato storico, Carlo, che guarda caso fa l'impresario di pompe funebri. Un giorno però, nella piazza principale della città, viene ritrovata la testa di un uomo orrendamente sfigurato. Clotilde è fra i primi ad arrivare e senza pensarci due volte decide di mettersi in campo personalmente nelle indagini, utilizzando la scusa dei fiori. Ed è proprio durante le sue scorribande non proprio lecite che conosce il commissario Riccardo Leonardi. Un uomo dai rari sorrisi, cravatte sgargianti, frequenti macchie di stilografica sul taschino e dall'intuito infallibile. Per questo Leonardi capisce subito di aver trovato, più che un'innocente margherita, un'autentica spina nel fianco.

147 Visite, 1 Messaggi
LUCA TOFFALINI
39 posts

Bel giallo con una nuova investigatrice/fioraia molto simpatica e impicciona.
Annalisa Strada ha creato un nuovo personaggio letterario che farà sicuramente divertire.
In questa storia la trama del giallo è lasciata un po' a margine della storia, a favore della caratterizzazione dei personaggi che credo verranno sviluppati in altri episodi.
Ottima lettura di svago.

  • «
  • 1
  • »

434 Messaggi in 408 Discussioni di 92 utenti

Attualmente online: Ci sono 16 utenti online