Includi: tutti i seguenti filtri
× Editore Giunti <casa editrice>

Trovati 462 documenti.

Mostra parametri
Renzo Piano & Renzo Piano Building Workshop
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ciccarelli, Lorenzo <1987->

Renzo Piano & Renzo Piano Building Workshop / Lorenzo Ciccarelli

Giunti, 2021

Abstract: Monografia su Renzo Piano ed il Renzo Piano Building Workshop.

Utrillo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Tazartes, Maurizia <storica e critica d'arte>

Utrillo / Maurizia Tazartes

Giunti, 2021

Abstract: La figura e l'opera di Maurice Utrillo, nato nel 1883 a Montmartre da padre ignoto. Ci sono varie ipotesi, in merito, tutte nell’ambito degli artisti del tempo; finché nel 1891 un pittore catalano, Miquel Utrillo, ne assume la paternità e gli dà il cognome. La madre è Suzanne Valadon, modella e pittrice essa stessa. È lei che gli insegna a dipingere, e Maurice raggiunge una certa notorietà. Ancora giovanissimo manifesta però i segni di un’infermità mentale che lo condizionerà per tutta la sua esistenza, così come la dipendenza dall’alcol. Restano i suoi colorati e poetici paesaggi urbani, tema quasi esclusivo della pittura di Utrillo, svoltasi fino alla metà del secolo scorso lontana da ogni tentazione di avanguardia.

Dante e le arti
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bussagli, Marco <1957->

Dante e le arti / Marco Bussagli

Giunti, 2021

Hals
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pescio, Claudio <1953->

Hals / Claudio Pescio

Giunti, 2021

Abstract: Frans Hals (Anversa 1582 circa - Haarlem 1666) è, insieme a Rembrandt e Vermeer, uno dei protagonisti della pittura olandese del Secolo d’oro. Nel suo periodo giovanile dipinge scene di genere, qualche opera di carattere religioso, soggetti popolari. Nella maturità sceglie il ritratto e dedica il resto della sua carriera a questa specializzazione. La sua capacità di rendere la scena movimentata, vivace, di cogliere gli stati d’animo, di far emergere addirittura rapporti e complicità nei ritratti di coppia o di gruppo ne fanno forse il miglior ritrattista del suo tempo; non raggiunge la profondità di penetrazione psicologica di Rembrandt ma è certamente uno dei pochi capaci di restituirci una scintilla di vita vissuta da individui in carne e ossa.

Hogarth
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Senise, Luigi <1967->

Hogarth / Luigi Senise

Giunti, 2021

Abstract: L'autore ripercorre la vita e l'opera dell'incisore e pittore londinese William Hogarth (1697-1764), artista particolarmente legato al mondo del teatro e della letteratura, con una propria collocazione originale nel panorama artistico inglese.

Arte e alchimia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Zanchi, Mauro <1964->

Arte e alchimia : dall'antico al contemporaneo / Mauro Zanchi

Giunti, 2021

Abstract: Dal Medioevo in poi, l'iconografia alchemica occidentale viene trasmessa in Europa perlopiù in forma criptica, attraverso numerose illustrazioni, in manoscritti e libri a stampa. Misto di filosofia e magia, astrologia e chimica, misticismo e medicina, l’alchimia ha una tradizione che ha radici antichissime e profonde. Cinesi e caldei, egizi e babilonesi sono tra i popoli che ne sono stati indicati come i primi custodi. Un antico sapere segreto capace di mutare la materia e velato da simboli che non ha mancato di ispirare artisti di ogni tempo, da Beccafumi a Duchamp e oltre. Il mistero alchemico ha dato origine a un fantastico campionario iconologico, a composizioni bizzarre e allusive di difficile comprensione. Col prossimo dossier – che riprende in modo diverso e innovativo un tema svolto da Maurizio Calvesi e Mino Gabriele in un dossier del 1986 – proviamo a fornire una chiave per accedere a questo mondo nascosto.

Banksy
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Dogheria, Duccio <1976->

Banksy / Duccio Dogheria

Giunti, 2020

Abstract: Lo scopo della Street Art è quello di trasformare un angolo di città in un terreno di confronto e riflessione su temi sociali ed esistenziali. In questo senso si può affermare che il più noto, efficace, controverso e dibattuto protagonista del genere è Banksy (Bristol 1974). Come per Elena Ferrante, fama e incertezza sull’identità anagrafica possono felicemente coesistere. La vera identità di Banksy, al di là delle molte illazioni, non è nota. Resta la sua capacità di far parlare di sé attraverso le proprie opere. Graffiti eseguiti con lo stencil sparsi in mezzo mondo – dal muro che separa Cisgiordania e Israele a Venezia, a New York – diffondono le sue immagini che, in modo chiaro e leggibile a chiunque, parlano di violenza urbana, ingiustizie sociali, guerre, libertà violate, consumismo. Sempre con una vena di ironia e con una particolare capacità di adattare il messaggio al supporto, facendolo diventare parte dell’opera stessa.

La Tour
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Malaguzzi, Silvia <1962->

La Tour / Silvia Malaguzzi

Giunti, 2020

Art brut
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Di Stefano, Eva <1949->

Art brut / Eva Di Stefano

Giunti, 2020

Abstract: Grezzo, puro, naturale, senza edulcoranti... Brut, insomma, come lo champagne. Nel nostro caso come l’arte prodotta al di fuori dei contesti professionali, scolastici, culturali e commerciali prestabiliti, opere di artisti irregolari e a volte perturbanti. La definizione di Art brut è del pittore francese Jean Dubuffet, che alla metà del XX secolo cerca e promuove i prodotti creativi dei pazienti psichiatrici, dei carcerati, degli incolti, di quei “nuovi primitivi” che, liberi da condizionamenti, possono restituire all’arte un bagliore di verità. Non parliamo qui di arte naïf – che, nata come movimento spontaneo, è stata poi fortemente condizionata dalle spinte del mercato – ma di manifestazioni marginali che nascono da un impulso creativo interiore.

Millet
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Barilli, Renato <1935->

Millet / Renato Barilli

Giunti, 2020

Raffaello. I ritratti
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bussagli, Marco <1957->

Raffaello. I ritratti / Marco Bussagli

Giunti, 2020

Abstract: In questo 2020 si celebrano i cinquecento anni dalla morte di Raffaello Sanzio (Urbino 1483 - Roma 1520). Pittore e architetto, fu uno dei più famosi artisti del suo tempo, mitizzato già in vita, oggi ritenuto tra i massimi artefici del Rinascimento. In questo dossier affrontiamo la sua attività di ritrattista, genere nel quale eccelleva e che contribuì fortemente al suo successo. Potenza, monumentalità, eleganza, aderenza alla fisionomia del soggetto erano le caratteristiche che contraddistinguevano i ritratti di Raffaello da quelli di altri artisti del suo tempo, quasi una garanzia di “eternità”.

Arte indiana
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pieruccini, Cinzia

Arte indiana / Cinzia Pieruccini

Giunti, 2020

Abstract: L'India è un paese dalla lunghissima civiltà e dalla poderosa identità culturale. La sua arte costituisce un patrimonio di abbondanza e fascino straordinari.

Arte ed eros
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Zanchi, Mauro <1964->

Arte ed eros / Mauro Zanchi

Giunti, 2020

Andrea del Castagno
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Sebregondi, Ludovica <storica dell'arte>

Andrea del Castagno / Ludovica Sebregondi

Giunti, 2020

Previati
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Salvagnini, Sileno <1953->

Previati / Sileno Salvagnini

Giunti, 2020

ARTE AZTECA
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Aimi, Antonio <antropologo>

Arte azteca / Antonio Aimi

Firenze : Giunti, 2019

Art dossier

Abstract: Agli Aztechi si deve la costruzione del più potente e importante stato dell'antica Mesoamerica. Nella società mexica gli artisti erano molto apprezzati.

Arcimboldo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Zanchi, Mauro <1964->

Arcimboldo / Mauro Zanchi

Firenze ; Milano : Giunti, 2019

Art e dossier ; 369

Abstract: A trentadue anni dalla pubblicazione del primo dossier Arcimboldi (ormai esauritissimo) abbiamo deciso di dedicare all’artista lombardo un dossier totalmente nuovo. Giuseppe Arcimboldo, detto Arcimboldi (Milano 1526-1593), colto rampollo di una famiglia aristocratica, lavora ai cartoni per le vetrate del duomo della sua città natale, poi a un affresco nel duomo di Monza e inizia a interessarsi di soggetti rari e bizzarri. Nel 1562 è chiamato a Vienna, dove lavora per il futuro imperatore Massimiliano I d’Asburgo, e poi a Praga, col suo successore Rodolfo II, cultore di alchimia e appassionato collezionista. Tra le poche opere di Arcimboldi giunte fino a noi spiccano le celeberrime “teste composte”, volti e ritratti allegorici costituiti da accostamenti di elementi vegetali, oggettuali, animali. Fu anche regista e organizzatore di apparati per feste e spettacoli. La sua cultura parte dall’immaginario mostruoso del Medioevo e dalle teste caricaturali di Leonardo, repertorio che trasferisce nel pieno del gusto manieristico europeo del Cinquecento.

L'età di Adriano
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rinaldi Tufi, Sergio <docente di archeologia e storia dell'arte greca e romana>

L'età di Adriano / Sergio Rinaldi Tufi

Firenze : Giunti, 2019

Abstract: Dal Vallo di Adriano fino all'Africa settentrionale, dalla penisola iberica ai deserti d'Oriente, vengono studiate l'arte e l'archittettura dell'Impero romano.

Morisot
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Benedetti, Maria Teresa <1929-> - Perin, Giulia

Morisot / Maria Teresa Benedetti, Giulia Perin

Firenze ; Milano : Giunti, 2019

Dossier art ; 367

Abstract: Il "dossier" sulla pittrice francese impressionista Berthe Morisot

Kounellis
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pratesi, Ludovico <1961->

Kounellis / Ludovico Pratesi

Firenze ; Milano : Giunti, 2019

Dossier art

Abstract: Jannis Kounellis (Pireo 1936 - Roma 2017) si trasferisce dalla Grecia a Roma non ancora ventenne. Alla fine degli anni Sessanta lega il suo lavoro creativo e il suo nome all’Arte povera, con l’uso di materiali presi dalla quotidianità e un coinvolgimento del pubblico in allestimenti sempre più allusivi allo scontro fra vita reale e contesto socioeconomico. Le sue installazioni si concentrano sempre più sulla critica al sistema globale di produzione/fruizione dell’arte; si popolano di animali – vivi, macellati, imbalsamati –, di materiali come pietre, mattoni, ferro, carbone, legno. Partecipa alla Biennale di Venezia per la prima volta nel 1972. A partire dagli anni Ottanta realizzerà grandi installazioni in Messico, in Argentina, a Roma, a Firenze, a Palermo.