Includi: tutti i seguenti filtri
× Soggetto Sec. XX

Trovati 702 documenti.

Mostra parametri
Lo potevo fare anch'io
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bonami, Francesco <1955->

Lo potevo fare anch'io : perchè l'arte contemporanea è davvero arte / Francesco Bonami

Mondadori, 2017 (stampa 2019)

Abstract: Tutti, almeno una volta nella vita, davanti a un'opera di arte contemporanea abbiamo pensato: «Ma come! Questa non è arte! Lo potevo fare anch'io!». Eppure i critici ci assicurano che si tratta davvero di capolavori, e celebri collezionisti spendono cifre da capogiro per quadri che sembrano tele imbrattate. Che siano tutti impazziti? Francesco Bonami, uno dei più autorevoli critici e curatori di arte contemporanea, ci sfida ad «assaggiare» le opere senza pregiudizi. Con uno stile divertito e irriverente, ci aiuta a capire cosa distingue un grande artista da uno pessimo, cosa ha fatto sì che Marcel Duchamp o Andy Warhol abbiano superato la prova del tempo. E se è senz'altro vero che nell'ultimo secolo l'arte si è evoluta al punto da essere quasi irriconoscibile, il prezioso e spesso esilarante lavoro di Bonami ci fa capire una volta per tutte perché non è vero che potevamo farlo anche noi.

Egemonia e consenso
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Del Puppo, Alessandro <1968->

Egemonia e consenso : ideologie visive nell'arte italiana del Novecento / Alessandro Del Puppo

Quodlibet, 2019

Abstract: Dieci casi in cui l'arte italiana del Novecento è incappata in tagliole ideologiche. Un Tintoretto «fascista» nel 1937, un Courbet «comunista» nel 1954, una farsesca occupazione all'Accademia di Venezia nel 1968. Nel mezzo: alcuni autori eccentrici, messisi pericolosamente di traverso rispetto al mainstream (di volta in volta: Luigi Spazzapan, Corrado Cagli, Leoncillo). Le pagine insurrezionali e ancora oggi memorabili con cui Antonio Banfi distinse moralismo e moralità, insegnando qualcosa di molto importante anche agli artisti. E poi: Ignazio Silone che copia parola per parola Avanguardia e kitsch di Clement Greenberg per tracciare però un'idea tutta sua di arte cristiana e pauperista. L'entente cordiale tra Guttuso e Burri al di fuori degli schieramenti politici e ben dentro la grammatica e la sintassi della buona pittura. La rilettura dell'arte bizantina da parte di Osvaldo Licini e di Lucio Fontana come viatico per un'idea di arte italiana e moderna. Storie che scavalcano i decenni e le cronologie usuali, le cesure di comodo e le svolte generazionali; storie che tracciano una parabola dell'arte italiana e forse dicono anche qualcosa sull'essere stati italiani nel Novecento.

Una mappa delle arti nell'epoca digitale
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Barilli, Renato <1935->

Una mappa delle arti nell'epoca digitale : per un nuovo Laocoonte / Renato Barilli

Bologna : Marietti 1820, 2019

Abstract: La nascita del cinema e, alla fine degli anni Sessanta, del videoregistratore hanno segnato una svolta decisiva nel nostro modo di considerare le espressioni artistiche. La tradizionale divisione tra arti dello spazio (pittura, scultura, architettura) e arti del tempo (musica, letteratura, spettacolo), elaborata da Lessing nel Laocoonte, viene oggi messa in discussione perché tutto tende a confluire nel video: le mostre sono costellate di schermi, i libri sono accompagnati da cd e lo stesso accade a film e spettacoli teatrali. Caduto il discrimine dello spazio contro il tempo, l'epoca digitale  assiste al riemergere di una distinzione elementare: i video brevi che escludono il racconto, l'intrigo, la trama (e dunque puntano solo su aspetti cromatici, tattili, sonori, corporali) e i lungometraggi, le telenovelas e gli spettacoli che si giustificano solo se sorretti da una narrazione e da un'opportuna lunghezza. Questo saggio di Renato Barilli offre una nuova chiave di lettura per comprendere ciò che sta accadendo nel mondo in cui viviamo.

Arte in presa diretta
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Arte in presa diretta : da Franz Marc a Marcel Duchamp e da Kosuth a Pistoletto / [mostra a cura di Antonio D'Avossa ; realizzata da Provincia di Mantova ; organizzata da Associazione Flangini ; catalogo a cura di Pier Paolo Rinaldi]

De Ferrari, 2018

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
La costruzione della nuova scena prospettica nel teatro all'antica di Sabbioneta
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Di Noto, Anna <1939-> - Montuori, Francesco <1937->

La costruzione della nuova scena prospettica nel teatro all'antica di Sabbioneta / Anna Di Noto, Francesco Montuori

2. ed.

Grau.2, 2018

Abstract: Nel 1995 il Comune di una piccola ma nobile città d’arte, oggi sito Unesco, guidato da amministratori coraggiosi e capaci, decide di partecipare ad un concorso bandito dalla Commissione delle Comunità Europee. Il risultato rappresenta una sorpresa. L’Amministrazione di Sabbioneta vince fra oltre 900 concorrenti di paesi europei, ottiene il massimo del finanziamento concesso. È la dimostrazione che quando si ha coraggio anche per una piccola città che vuole arricchire il suo patrimonio artistico, l’Unione Europea può presentarsi come occasione di crescita culturale ed economica. Questo può avvenire quando al centro del processo sta la forza di una proposta progettuale, non la richiesta di generiche sovvenzioni. Il progetto nasce dalla consapevolezza che la scena di città, realizzata da Vincenzo Scamozzi nel 1590 sul palcoscenico, andata irrimediabilmente perduta, è parte essenziale dello spazio interno del Teatro stesso. Il problema più complesso è stato quello dell’assenza di un riferimento certo relativo alla scena realizzata da Scamozzi. Tutti gli studiosi sono infatti d’accordo che il noto disegno del teatro, conservato presso il Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi, rappresenta solo uno schizzo preparatorio per l’incontro, nel maggio del 1588, con duca Vespasiano Gonzaga. La nobile città veneta disegnata da Scamozzi per la scena del Teatro all’Antica è stata reinterpretata come la proiezione ideale della stessa Sabbioneta, la città stellata che aveva preso forma nella vasta pianura che si affaccia sul Po.

Il palazzo incompiuto
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Mackrell, Judith <giornalista, critica di danza e scrittrice>

Il palazzo incompiuto : vita, arte e amori di tre celebri donne a Venezia / Judith Mackrell ; traduzione dall'inglese di Anna Lovisolo

Torino : EDT, 2018

La biblioteca di Ulisse

Abstract: Palazzo Venier dei Leoni, oggi sede della Collezione Guggenheim, è un basso edificio settecentesco, affacciato sul Canal Grande di Venezia, la cui costruzione rimase misteriosamente incompiuta. In questo libro si raccontano le vicende delle tre celebri donne che lo abitarono lungo il secolo scorso: la marchesa Luisa Casati, Doris Castlerosse e Peggy Guggenheim. Indipendenti, determinate e anticonformiste, cercarono in questa bizzarra architettura dall'aspetto di antica rovina un nuovo inizio per la propria vita, lontano dai rituali stanchi della buona società. Tutte e tre, ciascuna a modo proprio, seppero legare il proprio destino all'anima sfuggente di questo palazzo per scrivere le pagine di una storia sorprendente, giocata all'insegna dell'arte, della bellezza e della passione.

Le vite dei surrealisti
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Morris, Desmond <1928->

Le vite dei surrealisti / Desmond Morris ; traduzione di Irene Inserra e Marcella Mancini

Johan & Levi, 2018

Abstract: Il Surrealismo nasce all'indomani della Prima guerra mondiale più come stile di vita che come vero e proprio movimento artistico. Indignati verso un establishment che aveva reso possibile quel massacro, i surrealisti elaborano una strategia dell'inconscio capace di liberare l'uomo dai lacci della ragione e delle convenzioni estetiche restituendo un ruolo centrale alla dimensione onirica ed erotica per mezzo dell'automatismo psichico. A partire dal 1924 André Breton, principale teorico di questa dottrina, per oltre quarant'anni tiene le fila di un insolente gruppo di intellettuali che tra diaspore, ammutinamenti ed espulsioni costituisce una delle esperienze artistiche più affascinanti e travagliate del Novecento. Desmond Morris realizza la sua prima personale surrealista nel 1948 e, mentre si appresta a diventare uno dei più celebri divulgatori scientifici della sua generazione, frequenta per anni gli irresistibili personaggi di cui snocciola qui le avventure: Roberto Matta che si fa marchiare a fuoco il nome del marchese de Sade per rientrare nelle grazie di Breton; Giacometti che disdegna Marlene Dietrich (e le sue quarantaquattro valigie) in favore di una prostituta, Caroline Tamagno, nota soprattutto nella mala parigina; Miro e Masson costretti da Hemingway a fronteggiarsi in un fallimentare incontro di boxe; Salvador Dalì in tenuta da palombaro che - stecca da biliardo in resta e due levrieri al guinzaglio - dà spettacolo davanti a centinaia di giornalisti all'esposizione internazionale surrealista del 1936. Trentadue storie eccentriche che si snodano fra i bistrot della ville lumière e i posti più incongrui, come lo zoo di Londra, per approdare infine a New York, dove cominciano a spargersi i primi semi dell'Espressionismo Astratto. Inseguendo le caleidoscopiche proliferazioni del Surrealismo incarnate da artisti estremamente diversi tra loro - come Max Ernst, Picasso, Delvaux e Duchamp - Morris ne celebra l'intensità, il delirio e il mistero che, come direbbe Magritte, «non si può spiegare, bisogna solo lasciarsene avvolgere».

Amici pittori
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Isella, Dante <1922-2007>

Amici pittori : da Guttuso a Morlotti / Dante Isella ; prefazione di Pier Vincenzo Mengaldo

Milano : Archinto, 2018

Le mongolfiere

Abstract: A dieci anni dalla scomparsa (dicembre 2007) di Dante Isella, vede la luce questo libro che risponde a un progetto da lui già delineato con precisione. Sono qui raccolti gli interventi dedicati dal grande filologo a «testi» figurativi, ma non solo, di artisti amici: tutti compagni di viaggio per tratti di vita più o meno lunghi, con cui Isella aveva instaurato un dialogo ricco di suggestioni reciproche, in una comune tensione verso valori condivisi. «Sono tutti scritti su artisti a lui contemporanei, quasi che il referto del critico fosse sempre e necessariamente accompagnato - come infatti avviene qui di regola - da un incontro umano» (così Pier Vincenzo Mengaldo nella sua nota introduttiva): Morlotti, Guttuso, Francese, Della Torre, Broggini, Valenti, Negri, Guccione, ecc. sono le presenze amiche colte nel farsi del proprio lavoro, attraverso una «lettura» in cui «Isella ha saputo far proprio il meglio del linguaggio della critica d'arte, e forse soprattutto di Roberto Longhi».

Outsiders
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Accatino, Alfredo <1960->

Outsiders : storie di artisti geniali che non troverete nei manuali di storia dell'arte / [Alfredo Accatino]

Giunti, 2017

Abstract: Trentaquattro storie di uomini e donne che meritano un posto nell'arte del Novecento. Quel posto che la vita gli ha negato. Se ogni immagine è la storia di una storia, le storie che queste immagini raccontano - e le vite che ci stanno dietro - hanno a volte dell'incredibile, fanno scoprire che l'arte è un dono ingombrante, che una biografia artistica non necessariamente ha un lieto fine, che artisti mediocri hanno lasciato tante opere trascurabili e un capolavoro, oppure che alcuni creatori di capolavori sono stati trascurati perché nati nel posto sbagliato, o perché catalogati pazzi, omosessuali, antisociali, ebrei, o perché erano talmente poveri o malati da scomparire all'attenzione dei più. E queste storie da un'altra storia dell'arte, parallela e invisibile, ci insegnano a diffidare dalle categorie correnti - i maestri, gli epigoni, i minori... - e a scoprire, anche grazie alle illustrazioni, percorsi svolti con maestria e in abbondante anticipo sui tempi, a volte, o su binari che magari nessuno più avrebbe mai ripercorso. Piccoli racconti di vite difficili da ricostruire, per mancanza di fonti; schegge di creatività che lasciano sbalorditi; emozioni personali travasate in forme e colori che riescono qui a farsi finalmente condividere.

Perchè l'Italia non ama più l'arte contemporanea
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pratesi, Ludovico <1961->

Perchè l'Italia non ama più l'arte contemporanea : mostre, musei, artisti / Ludovico Pratesi

Castelvecchi, 2017

Abstract: Alla fine dell'Ottocento l'Italia, unita da poco più di vent'anni, lanciò la prima Biennale d'arte contemporanea a Venezia, diventata la più importante del mondo. Un gesto coraggioso che non ebbe seguito: all'alba del XXI secolo, il nostro Paese non possiede un grande museo degno di competere con la Tate Modern, il Moma o il Pompidou; non è riuscito a sostenere la carriera dei migliori artisti italiani delle ultime generazioni, e sembra riconoscere fama e prestigio solo all'arte del passato. Come mai l'Italia odia l'arte contemporanea? È a causa del peso del nostro patrimonio artistico o ci sono altre ragioni? Perché non sappiamo promuovere i nostri giovani talenti sulla scena internazionale? Come mai non abbiamo una grande collezione nazionale dedicata all'arte di oggi? Partendo da queste domande, il libro di Pratesi suggerisce alcune direzioni per individuare, in Italia, un nuovo rapporto con l'arte del nostro tempo.

Le avanguardie artistiche del Novecento
0 0 0
Materiale linguistico moderno

De Micheli, Mario <1914-2004>

Le avanguardie artistiche del Novecento / Mario de Micheli

48. ed.

Milano : Feltrinelli, 1992

Il mistero delle cose
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Recalcati, Massimo <1959->

Il mistero delle cose : nove ritratti di artisti / Massimo Recalcati

Milano : Feltrinelli, 2016

Varia

Abstract: In questo libro Recalcati offre al grande pubblico una serie di studi sulla pittura italiana contemporanea, mettendo a punto una riflessione lunga tutta la vita. Da Giorgio Morandi a Giovanni Frangi, da Emilio Vedova a Jannis Kounellis, Recalcati guida i suoi lettori in una ideale galleria del Novecento italiano, facendo emergere significati nascosti, mettendo in relazione vita e opere, restituendo la complessità e l'importanza dell'arte.

L' arte bella
0 0 0
Materiale linguistico moderno

L' arte bella : il figurativo del Novecento nelle collezioni private del territorio / [mostra, catalogo e coordinamento di Giovanni Magnani]

PresenARTsì, 2016

Con gli occhi dei maestri
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Caroli, Flavio

Con gli occhi dei maestri : la storia dell'arte nella vita e negli insegnamenti di Longhi, Graziani, Arcangeli, Briganti, Gombrich e Ragghianti / Falvio Caroli

Milano : Mondadori, 2015

Abstract: "La storia non è un corteo che si osserva dall'alto, diceva il grande Marc Bloch. E lo storico non è un signore che guarda il corteo dal suo balcone, al fine di descriverlo con esattezza e oggettività. Lo storico è un uomo come gli altri che cammina dentro al corteo, che si chiede che cosa sia accaduto nel corso di un viaggio lungo e accidentato; quale sia dunque la direzione e la meta del corteo stesso; in ultima istanza, se possibile, quale sia il senso definitivo del cammino." Flavio Caroli si richiama alla filosofia della più importante scuola storiografica del nostro tempo, le "Annales", per ripercorrere le tappe di una scienza relativamente giovane come la storia dell'arte, vista attraverso gli occhi dei "maestri". All'inizio della sua carriera di studioso, l'autore ha avuto la fortuna di conoscere e frequentare alcuni tra i più importanti esperti che hanno costruito le "diverse storie dell'arte" come noi oggi le conosciamo. Ne conserva un ricordo pieno di fascino, immagini che non possono non subire l'influenza della materia studiata. Ai ricordi personali si affiancano le fondamentali esplorazioni del "pensiero in figura": carrellate di opere che mostrano le diverse storie dell'arte direttamente dalla penna di Longhi, Graziani, Arcangeli, Briganti, Gombrich e Ragghianti, in un prezioso intreccio di vita e bellezza.

C'eravamo tanto amati
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Del Drago, Elena <1973->

C'eravamo tanto amati : le coppie dell'arte nel novecento / Elena Del Drago

Milano : Electa, 2014

Abstract: Frida Kahlo sarebbe diventata l'artista visionaria che conosciamo senza i tormenti amorosi per Diego Rivera? Se non avesse incontrato Gerda Taro, Robert Capa avrebbe mai osato fare il reporter di guerra? Che performance produrrebbe Gilbert, senza George, il suo doppio? Talvolta le vite di due artisti si intrecciano e influenzano il loro percorso in modo determinante. E forse opere celeberrime, cambiamenti di rotta epocali, proclamazioni teoriche non sarebbero esistiti senza la condivisione amorosa. L'arte del Novecento è segnata da incontri fatali dalle conseguenze non ancora sufficientemente indagate, ed Elena Del Drago ne ripercorre i casi più affascinanti cercando nelle biografie di molti artisti. Tra allieve, modelle, amanti, rivali, compagni di lotta e di vita, ecco dunque ventuno racconti avvincenti che dimostrano come la creatività di coppia riesca a stimolare scambio e dialogo, oppure diventare scivolosa, generando competizione, esplicita o celata.

Storia dell'architettura del 20. secolo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

De Fusco, Renato <1929->

Storia dell'architettura del 20. secolo / Renato De Fusco

Bari : Progedit, 2014

Persona e maschera
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gonzalez-Palacios, Alvar <1936->

Persona e maschera : collezionisti, antiquari, storici dell'arte / Alvar González-Palacios

[Milano] : Archinto, 2014

Abstract: Lungo la sua carriera di storico dell'arte l'autore ha incontrato la maggior parte dei collezionisti, degli antiquari e degli studiosi del secondo Novecento. Questo libro non è una biografia né una storia vera e propria quanto, piuttosto, una serie di incontri e di scelte. Alcuni individui che hanno comunque segnato la sua esistenza non vi compaiono per diversi motivi: taluni non gli erano congeniali, altri li ha amati al punto di rendergli difficile parlarne ora. Per i suoi stessi limiti biografici in questa raccolta si parla molto dell'Italia ma non solo di italiani. Il narratore è nato a Cuba e ha vissuto in diversi paesi, soprattutto in Francia, in Spagna e in Inghilterra. Scrive in italiano, una lingua inventata che non è la sua, come non lo sono più il materno spagnolo o il francese o l'inglese. Questo non lo fa essere comunque super partes: leggendo questi ritratti si ha l'impressione che il giudizio non manchi mai e che l'occhio non sia sempre indulgente. La teoria dei personaggi si apre con Bernard Berenson, si chiude con Alfonso Perez Sànchez e include figure molto diverse come Anthony Blunt, Liliane de Rothschild, Francis Haskell, J.P. Getty, Costantino Bulgari e Daniel Wildenstein.

Il design degli architetti italiani
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bulegato, Fiorella - Dellapiana, Elena <architetto>

Il design degli architetti italiani : 1920-2000 / Fiorella Bulegato, Elena Dellapiana

Milano : Electa architettura, 2014

Abstract: L'affermazione del disegno industriale, specialmente nel secondo dopoguerra, si deve all'attività svolta dagli architetti diventati protagonisti del passaggio dalla dimensione artigianale a quella industriale delle imprese, tanto nell'arredo quanto nell'industrial design. Attraverso l'analisi della produzione dei più importanti progettisti del Novecento italiano Fiorella Bulegato e Elena Dellapiana evidenziano coincidenze e distanze di approcci metodologici e pratici tra l'attività del designer e dell'architetto. Ne emergono visioni diverse che si compongono di variegate declinazioni sulla concezione dell'oggetto: dal pensarlo come struttura, composizione di elementi o contenitore di meccanismi, fino alle riflessioni che si originano dalla natura dei materiali, dalla funzione o dal dibattito sullo spazio abitativo. Il libro, scandito in quattro sezioni temporali (dagli anni Venti alla seconda Guerra mondiale, l'affermazione degli anni Cinquanta, la crisi degli anni Sessanta, la condizione contemporanea), dedica a ogni protagonista selezionato una scheda che, attraverso approfondimenti paralleli sull'architettura e sul disegno industriale, associa progettista a oggetti progettati.

Anna Mattirolo racconta Nuova scultura l'evoluzione della forma nello spazio
0 0 0
Videoregistrazioni: DVD

Mattirolo, Anna

Anna Mattirolo racconta Nuova scultura l'evoluzione della forma nello spazio : Koons, Hirst, Quinn, Kapoor, Schutte, Smith

Germano Celant racconta Land Art il mondo come spazio dell'opera d'arte
0 0 0
Videoregistrazioni: DVD

Celant, Germano <1940->

Germano Celant racconta Land Art il mondo come spazio dell'opera d'arte : De Maria, Heizer, Penone, Smithson, Opeenheim, Turrell