Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Editore Carocci editore <Roma>
× Nomi Devoto, Giacomo <1897-1974>
× Nomi Convegno Nazionale dell'Atlante Linguistico dei Laghi d'Italia <1. ; 1982 ; o Trasimeno>
Includi: tutti i seguenti filtri
× Editore Franco Angeli <casa editrice>

Trovati 228 documenti.

Mostra parametri
Giocare con la natura
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Restelli, Beba

Giocare con la natura : a lezione da Bruno Munari / Beba Restelli

Milano : Angeli, 2019

Le comete ; 335

Abstract: Come avvicinare e appassionare bambini, ragazzi e adulti alla natura? Come aiutarli a osservare con tutti i sensi all'erta, con occhi attenti e mani delicate? Come imparare a guardare e saper vedere? Lasciamoci guidare dalle parole di Bruno Munari, che aveva il dono di insegnare molto dicendo poco, stimolando la curiosità, il senso dell'osservazione e il desiderio di conoscere di più. L'artista inventa giochi e azioni per capire la natura, propone tecniche per interpretarla e reinventarla in modo personale e fantastico, superando gli stereotipi. E soprattutto ci chiede se vogliamo copiarla o capirla... Andiamo a lezione dal Maestro: scopriremo i colori del cielo e dell'acqua, i paesaggi trasformabili, le ombre colorate, il viaggio del fiume. Come sono fatti un albero, un fiore, una nuvola, un fiocco di neve? L'autrice propone un percorso multisensoriale alla scoperta del linguaggio della natura: come ci parla? Qual è il nostro rapporto con lei? Siamo ancora capaci di leggere i suoi messaggi, di stupirci ed emozionarci? Andremo nello studio di Munari, lo osserveremo in azione per imparare. E ascolteremo le sue parole e quelle del figlio Alberto sul metodo. Un invito a ritrovare interesse e piacere anche per le piccole cose, passeggiando tranquilli in silenzio nel verde, con una lente e una macchina fotografica, accogliendo i reperti raccolti dai nostri esploratori e magari realizzando un museo portatile... Stare nella natura fa sempre bene!

Psicogrammatica
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Montessori, Maria <1870-1952>

Psicogrammatica : dattiloscritto inedito / Maria Montessori ; revisionato, annotato e introdotto da Clara Tornar e Grazia Honegger Fresco

Angeli, 2017

Abstract: In quest'opera, rimasta per lungo tempo inedita e ora per la prima volta pubblicata in questa edizione, Maria Montessori mostra come sia possibile organizzare per i bambini un contesto d'apprendimento in grado di introdurli e guidarli in maniera affascinante e vivace all'analisi grammaticale. La studiosa parte dalla considerazione che il bambino già possieda una propria grammatica "implicita", acquisita spontaneamente nel corso dello sviluppo linguistico, e che vada pertanto guidato lungo un processo di scoperta consapevole degli elementi strutturali e funzionali del linguaggio che egli già utilizza, offrendogli i mezzi perché possa realizzare il proprio processo di autoapprendimento. È sua convinzione che tale scoperta debba passare attraverso l'azione e il movimento, attraverso il coinvolgimento degli organi vocali, della vista e del tatto. La "Psicogrammatica" è pertanto costruita sulla diretta e insostituibile attività del bambino, è basata su un esercizio essenzialmente legato all'azione, agli oggetti, alla sperimentazione, portando all'attenzione dell'alunno un campo di esperienze vivace e attraente attraverso il quale egli acquista consapevolezza delle regole alla base della propria lingua.

Mezzi di educazione di massa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Meda, Juri <1976->

Mezzi di educazione di massa : saggi di storia della cultura materiale della scuola tra 19. e 20. secolo / Juri Meda

Milano : Angeli, 2016

Abstract: La riflessione storica degli ultimi trent'anni è stata dominata da un'interpretazione politica dei processi di scolarizzazione di massa promossi in età contemporanea nelle società occidentali attraverso la creazione dei moderni sistemi scolastici nazionali. La subalternità alla prospettiva storiografica ha causato la marginalizzazione di paradigmi interpretativi alternativi, come quello relativo alla dimensione economica della scolarizzazione di massa. Se infatti il ceto dirigente liberale perseguì la scolarizzazione di massa al fine di generare sentimenti identitari e consolidare il consenso politico alle proprie istituzioni, per raggiungere tale scopo non poté fare a meno di coinvolgere le imprese private, le quali erano in grado - tramite i loro impianti produttivi - di produrre su vasta scala i materiali necessari per porre le basi della "scuola di massa". Utilizzando gli annuari industriali, i bollettini delle organizzazioni di categoria, le inserzioni pubblicitarie pubblicate sulle riviste magistrali, i premi concessi nell'ambito delle esposizioni nazionali e universali, i brevetti e altre fonti inconsuete per questo ambito di studi, il volume mostra come i "mezzi di educazione di massa" serializzati e prodotti su scala industriale da quelle stesse imprese finirono con l'indurre una generalizzata omologazione dei metodi di insegnamento e dei processi di apprendimento e con lo standardizzare gli stessi contenuti educativi.

Le sfide della pedagogia speciale e la didattica per l'inclusione
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Dainese, Roberto

Le sfide della pedagogia speciale e la didattica per l'inclusione / Roberto Dainese

Milano : FrancoAngeli, 2016

Abstract: La Pedagogia Speciale si pone oggi con contenuti trasgressivi e ancora rivoluzionari, perché le prospettive inclusive e solidali che indica appaiono controcorrente rispetto alla tendenza di alcuni a preferire la separazione e la divisione tra "categorie" del genere umano. L'umanità, oggi, ha bisogno di riprendere traguardi umanizzanti che potrebbero generarsi da scelte globalmente condivise, meno individualistiche e più inclusive. La scuola, che da oltre quarant'anni cerca di porsi come contesto accogliente e inclusivo, oggi sente di dover opporre alle spinte avverse che giungono dall'esterno un impegno decisivo e costruttivo verso l'inclusione: questi ideali educativi si esprimono attraverso sfide pedagogiche da cui la scuola non può allontanarsi. Gli apprendimenti e le pratiche didattiche possono indirizzare le azioni inclusive nelle classi, attraverso la partecipazione, la cooperazione, l'interdipendenza e la metodologia laboratoriale. I compiti progettuali che sottendono ai processi inclusivi promossi dalla scuola sono riferibili a due dimensioni, differenti e intrecciate al contempo: una riferita al Piano Triennale dell'Offerta Formativa e al Piano Annuale dell'Inclusività, e una seconda che rimanda alla Programmazione individuale per la classe, al Piano Educativo Individualizzato e al Piano Didattico Personalizzato.

Autismo e bisogni educativi speciali
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Autismo e bisogni educativi speciali : approcci proattivi basati sull'evidenza per un'inclusione efficace / a cura di Marco Pontis

2. ed

Milano : Angeli, 2015

Quando manca l'applauso
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gilardi, Roberto <formatore> - Gilardi, Roberto <formatore>

Quando manca l'applauso : come aiutare i nostri figli ad affrontare l'insuccesso / Roberto Gilardi

Milano : Angeli, 2015

Abstract: "L'alunno, ancora immaturo, ha manifestazioni di infantilismo che limitano il profitto e restringono il campo degli interessi. Mostra qualche attitudine per l'educazione musicale ma non ha raggiunto il miglioramento sperato. La preparazione risulta pertanto appena sufficiente". Questo è il giudizio della mia scheda di valutazione di terza media. In quel momento la mia vita ha poche chance: chitarra in mano, scimmietta sulla spalla, piattino di plastica ai piedi, qualche spicciolo. Per fortuna la vita non coincide solo con la scuola - come invece molti genitori e docenti fanno credere, con il loro atteggiamento apocalittico nei confronti di valutazioni non proprio eccellenti - ma è inevitabile che prima o poi anche i nostri figli si debbano confrontare con qualche insuccesso. Nel volume i genitori dunque troveranno utili suggerimenti per aiutare i propri figli a: affrontare l'insuccesso; avere più fiducia e stima in se stessi; valorizzare le loro conquiste. Un libro di domande, riflessioni e consigli che l'autore rivolge a genitori e insegnanti per individuare le giuste modalità per costruire una solida autostima e sanare ferite e anche quando manca l'applauso. Un concreto messaggio di speranza, possibilità e fiducia.

Educare ad un mondo futuro
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Guetta, Silvia

Educare ad un mondo futuro : alleanze interculturali, dialoghi interreligiosi e sviluppo della cultura di pace / Silvia Guetta

2. ed. riveduta e corretta

Milano : Angeli, 2015

Insegnare italiano a stranieri. Percorsi operativi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Insegnare italiano a stranieri. Percorsi operativi / a cura di Giovanna Carloni

Milano : Angeli, 2015

Abstract: Insegnare italiano a stranieri. Percorsi operativi è il secondo volume nato dall'esperienza del master Insegnare Italiano a Stranieri: Scuola, Università, Impresa attivo dal 2006 presso il Dipartimento di Studi Internazionali dell'Università degli Studi di Urbino Carlo Bo. Il manuale, che si articola in moduli tematici, fornisce le coordinate teorico-metodologiche e le linee guida per l'applicazione di strategie glottodidattiche in vari ambiti quali la comunicazione e l'educazione interculturale, l'insegnamento della cultura italiana, l'analisi contrastiva, la drammatizzazione e l'insegnamento di una lingua altra mediante le nuove tecnologie. La sezione dedicata all'analisi di elementi di lingua e cultura araba, cinese e russa fornisce strumenti conoscitivi e strategie per l'insegnamento dell'italiano a specifiche tipologie di apprendenti. Indicazioni sono fornite inoltre per la progettazione e la gestione di progetti di linguistica interculturale. Il testo, dal profilo altamente applicativo, si rivolge a docenti di italiano L2/LS in formazione e agli operatori del settore che desiderano sviluppare le competenze glottodidattiche necessarie per gestire efficacemente l'insegnamento dell'italiano a stranieri in vari contesti di apprendimento.

Nelle scuole plurali
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Colombo, Maddalena - Santagati, Mariagrazia

Nelle scuole plurali : misure d'integrazione degli alunni stranieri / Maddalena Colombo, Mariagrazia Santagati ; introduzione di Elena Besozzi

Angeli, 2014

Abstract: L'integrazione rappresenta da lungo tempo uno dei mandati fondamentali della scuola che, in una società democratica e differenziata, mira a combinare l'eterogeneità sociale e culturale con l'uguaglianza sul piano dei diritti. Dalla nuova realtà delle scuole multietniche sorgono interrogativi che spingono i ricercatori a esaminare quali fattori influenzano l'integrazione e come si possa, intervenendo su queste dimensioni, migliorarla per tutti gli studenti. Nel volume si presentano i risultati della prima indagine italiana sulle classi ad alta incidenza di alunni stranieri, ovvero quelle che secondo la C.M. 2/2010 del Miur non dovrebbero essere autorizzate, perché a forte rischio di divenire "ghetti educativi". L'indagine di carattere sociologico, svolta in scuole secondarie della Lombardia (dall'Osservatorio Orim), ha inteso individuare e mettere a punto indicatori significativi di integrazione nelle classi multietniche, riguardanti sia la dimensione istituzionale sia quella relazionale. I risultati mettono in luce la complessità dei fattori in gioco, tra i quali spicca la composizione delle classi: ciò che può mettere in crisi l'integrazione degli alunni non è solo una elevata incidenza percentuale di stranieri, ma anche il mancato equilibrio di genere e la elevata proporzione di studenti con retroterra familiare svantaggiato, indipendentemente dalla nazionalità.

Ferrante Aporti tra Chiesa, Stato e societa civile
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ferrante Aporti tra Chiesa, Stato e societa civile : questioni e influenze di lungo periodo / a cura di Monica Ferrari, Maria Luisa Betri, Cristina Sideri

Milano : Franco Angeli, 2014

Abstract: In occasione di quattro convegni svoltisi, in successione, a San Martino dall'Argine, a Mantova, a Cremona e a Brescia, tra il 2008 e il 2009, si è voluto discutere su Ferrante Aporti e sul suo tempo, ma con uno sguardo al nostro presente e al nostro futuro. ll volume originato da tale dibattito, nelle sue quattro sezioni (immagini ragionate dai fondi aportiani tra Cremona e Mantova, le questioni e i temi teologici, etici, pedagogici, la rete dei rapporti nella società ottocentesca, prospettive di lungo periodo nelle proposte culturali per l'infanzia), offre al lettore il quadro articolato di una riflessione civile che seppe declinarsi in concreti laboratori dell'educare e diffondersi ben al di là di un dato contesto e di un dato arco temporale, in dialettica interazione con una necessaria analisi etico-politica, antropologicamente e teologicamente fondata. Ventun contributi di diversi autori e due note introduttive restituiscono il quadro di una ricerca aportiana in movimento, che ha tratto spunto dalla celebrazione del 150° anniversario della morte, ma che si è dilatata, in occasioni e momenti temporalmente diversificati, in nuovi approfondimenti.

Experiential learning
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Fòrema - Fòrema

Experiential learning : metodi, tecniche e strumenti per il debriefing / a cura di Monica Fedeli, Leonardo Frontani, Luigi Mengato

Milano : Angeli, 2014

Abstract: La prospettiva di analisi dei costrutti presentati nel volume è innovativa e coinvolge attori con esperienze professionali diverse: formatori, facilitatori esperienziali e ricercatori accademici: un efficace esempio di University Business Dialogue, dimensione a cui non si può rinunciare se si vuole preparare e far crescere professionisti che in modo autonomo riescano a riflettere e a contribuire allo sviluppo delle organizzazioni. La questione della formazione esperienziale è molto significativa nel panorama della ricerca educativa e formativa nazionale e internazionale; gli autori la affrontano qui arricchendo in modo significativo e originale la dimensione teorica con l'epistemologia della pratica. Insieme hanno voluto creare significatività nuove e campi di crescita comuni da sperimentare, ricorrendo a un lessico tecnico e scientifico, ma sempre comprensibile a un pubblico ampio. Manager delle risorse umane, facilitatori, professori, educatori, formatori, studenti e persone curiose potranno ritrovare esempi e pratiche su cui riflettere e discutere prima di realizzare un percorso di crescita e di sviluppo delle persone, sia in ambienti formali che in quelli informali e non formali.

Riconoscersi sulla soglia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Crotti, Monica - Crotti, Monica

Riconoscersi sulla soglia : pensare la vulnerabilità per costruire la relazione educativa / Monica Crotti

Milano : Angeli, 2013

Abstract: L'adulto che accetta la sfida dell'educativo si scopre mai come oggi vulnerabile, trovandosi a costruire su terreni resi fragili dalla mancanza di futuro e attraverso una relazione generazionale debole e sfilacciata. Eppure, proprio la comune vulnerabilità abitata da adulti e bambini può essere il luogo dove riconoscersi, può rappresentare la soglia da cui volgere lo sguardo verso percorsi di prossimità. Il tempo della crisi può diventare fertile solo se la vulnerabilità, la caratteristica della natura umana, volge al legame e alla creatività. L'educabilità, riletta alla luce della vulnerabilità, chiede adulti impegnati nell'educazione. Ma chi è l'adulto oggi? Come si diventa adulti? La ricerca intende considerare la relazione adulto-bambino senza indulgere nell'emergenza come questione improvvisa cui porre rimedio, osservandola invece come apertura verso ciò che emerge dall'umanità e quindi attenzione alle risorse da valorizzare ed esprimere in pienezza. Nell'ultima parte del volume, si guarderà perciò alla vulnerabilità non come impotenza, bensì in-potenza, ossia opportunità per sostenere la potenzialità educativa adulta. È un percorso che vuole scandagliare gli aspetti di odierna vulnerabilità tra le generazioni, sollecitando la riflessione personale su alcune caratteristiche rimaste in controluce e su competenza e capacità dell'adulto generatore ed educatore, sotterranee alla cultura dominante.

Insegnare italiano a stranieri. Percorsi formativi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Insegnare italiano a stranieri. Percorsi formativi / a cura di Antonella Negri

Milano : Angeli, 2013

Abstract: Insegnare italiano a stranieri è un manuale nato dall'esperienza del master attivo dal 2006 presso il Dipartimento di Studi internazionali dell'Università Carlo Bo di Urbino, che si rivolge anche a chi, digiuno da una specifica formazione linguistica, voglia prepararsi ad insegnare l'italiano lingua seconda, lingua straniera in Italia e all'estero presso scuole, università e imprese. In campo vi sono linguisti, storici della lingua, glottodidatti, filologi, operatori della scuola e del comparto sociale che forniscono le competenze glottodidattiche e linguistiche ai docenti in formazione. Al di là degli steccati disciplinari, troppo spesso gelosamente custoditi per ragioni accademiche e non di contenuto, si è progettata una strategia di insegnamento che si fonda sulla valutazione transdisciplinare dell'italiano agli stranieri. L'approccio del lavoro è altamente pratico in quanto si propone di presentare i vari saggi con una breve introduzione teorica sullo stato dell'arte e, successivamente, di offrire un'ampia parte applicativa per promuovere concretamente l'insegnamento dell'italiano. Il testo si articola in due sezioni: il modulo linguistico si apre con un'analisi sociolinguistica e linguistica della lingua italiana, strumento del processo di insegnamento in una classe di italiano L2/LS; il modulo didattico consegna invece al lettore il quadro teorico-metodologico all'interno del quale vengono a strutturarsi la progettazione di percorsi di apprendimento.

La supervisione pedagogica
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Oggionni, Francesca <ricercatrice di scienze umane>

La supervisione pedagogica / Francesca Oggionni

Milano : Angeli, 2013

Abstract: La professionalità educativa, in quanto tensione verso la messa a punto di strategie finalizzate al consolidamento di un'identità e di un ruolo professionali assunti con competenza, si costruisce avvalendosi di strumenti riflessivi e dialogici, (auto)valutativi e trasformativi sia sul piano dell'operatività che della teorizzazione. La supervisione pedagogica è uno strumento metariflessivo che attiva circoli ricorsivi tra le competenze acquisite sul campo e le teorie sottese alle prassi, ma soprattutto che stimola e sostiene la rilettura delle pratiche educative nei termini dell'intenzionalità e della progettualità. È uno strumento professionalizzante, dunque, a cui però non è ancora stato assegnato uno spazio adeguato all'interno di un dibattito pedagogico teso al riconoscimento degli elementi fondanti la cultura e la professionalità educativa. Questo libro si inserisce in tale dibattito con l'intenzione di fornire un contributo alla conoscenza delle funzioni, delle specificità e del significato culturale e strategico della supervisione pedagogica. Essa permette, infatti, di sviluppare competenze comunicative, riflessive e rielaborative nonché di gestire un ampio repertorio di strumenti operativi a partire dalla comprensione dei contesti educativi e delle modalità di funzionamento delle équipe.

99 giochi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Montesarchio, Gianni - Marzella, Eleonora

99 giochi : per la scuola, il teatro, l'azienda... il gruppo / Gianni Montesarchio, Eleonora Marzella

7. rist

Milano : Angeli, c2004 (stampa 2013)

Abstract: 99 giochi per gli operatori, gli attori, i formatori, gli psicologi, gli insegnanti, gli animatori, i... giocatori. 99 giochi per chi con i gruppi o in gruppo lavora, intrattiene, forma, immagina... gioca. 99 giochi da considerare un punto di partenza, una proposta un input al servizio della realtà di applicazione, mai una formula chiusa, un'incontestabile norma, una ricetta immodificabile. 99 giochi alla ricerca del centesimo non ancora scritto, con la proposta a chi si ingaggia in questa lettura, ma specie in questo ulteriore, definitivo gioco, di scrivere il N° 100 o se si preferisce i 99 giochi nuovi, con la speranza, la certezza che non si raggiunga mai il numero completo.

La lingua italiana per gli alunni stranieri
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Giudizi, Gloria

La lingua italiana per gli alunni stranieri : linee teoriche e attivita' pratiche di linguistica acquisizionale e glottodidattica ludica / Gloria Giudizi

Milano : Angeli, 2013

Abstract: La presenza significativa di alunni stranieri nelle classi, con problemi di comprensione/produzione in lingua italiana, impone agli insegnanti l'utilizzo di modalità didattiche calibrate su di loro. Il testo, partendo dall'enunciazione dei processi di apprendimento spontaneo di una lingua due (linguistica acquisizionale), analizzate varie teorie inerenti l'insegnamento della lingua, propone una metodologia didattica ludica (glottodidattica ludica) come la più idonea per bambini e adolescenti di altri Paesi, tenendo presente che l'integrazione inizia proprio con la condivisione della lingua, significativo mezzo di contatto. La parte conclusiva del volume considera i problemi che uno studente non italofono incontra nello studio e propone una serie di attività tese alla facilitazione dell'insegnamento/apprendimento sia della lingua specialistica disciplinare che delle discipline, grazie anche all'utilizzo della multimedialità. Ogni capitolo riporta una serie di concrete proposte operative, da utilizzare direttamente in classi di scuola primaria e secondaria o da considerarsi modello per ulteriori esercitazioni personalizzate.

Le briciole di Pollicino
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Nuti, Gianni

Le briciole di Pollicino : fotografia e didattica tra scuola ed extrascuola / Gianni Nuti

Milano : Angeli, 2012

Abstract: Questo volume si rivolge a insegnanti, educatori e a semplici appassionati di arti visive offrendo un'indagine sulle radici storiche, sui significati della pratica fotografica, ma soprattutto sulle ragioni profonde che ispirano milioni di persone in tutto il mondo a seminare, lungo il proprio sentiero esistenziale, delle tracce iconiche del proprio passaggio, da rievocare, rivivere e rigenerare a ogni nuovo sguardo. Esso raccoglie inoltre i risultati di uno studio di caso svolto su un campione di bambini tra i 10 e gli 11 anni che hanno utilizzato l'apparecchio fotografico durante alcune esperienze scolastiche outdoor. L'analisi e la classificazione di alcune migliaia d'istantanee ha evidenziato precise linee evolutive seguite da ciascun soggetto nel circoscrivere dati immaginali, oggetti e composizioni, forme personali di sensibilità estetica di espressività compositiva e sostanziali differenze di weltanschauung tra allievi e insegnanti. I risultati confermano come il potere dell'immagine sia complementare a quello della parola e sia rafforzato da una società particolarmente orientata verso il culto della rappresentazione immaginifica e traslata della vita reale rispetto alla quale è indispensabile attrezzarsi precocemente con un adeguato bagaglio di conoscenze e un tempestivo affinamento di strumenti critici.

Pratiche narrative per una pedagogia dell'invecchiare
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cima, Rosanna <pedagogista>

Pratiche narrative per una pedagogia dell'invecchiare / Rosanna Cima

Milano : Angeli, 2012

Abstract: Il nostro tempo vive una transizione culturale di ampia portata nei modi di concepire la vecchiaia e il processo di invecchiamento, che rende meno definiti i confini tra generazioni e fasi della vita. Una transizione che disegna una nuova mappa delle età, un nuovo immaginario sulla vecchiaia. Il libro mette in discussione i percorsi di educazione delle adulte e degli adulti e dialoga con l'esperienza dell'invecchiare incontrata in luoghi differenti: racconta di una ricerca nel territorio con donne adulte e anziane, documenta percorsi di vita intrecciati a processi di cura nelle residenze sanitarie assistenziali e interroga le relazioni tra donne quando la cura è a domicilio. La pratica delle storie di vita nella ricerca e nel lavoro educativo permette di guardare oltre i luoghi comuni con cui si pensa la vecchiaia, soprattutto quella delle donne. Le esperienze concrete che il libro propone sono narrate in modo da orientare nel pensiero dell'esperienza educatori e operatori impegnati nel lavoro con adulti e anziani. Narrare crea luoghi condivisi ed evidenzia frontiere simboliche tra le generazioni e le culture, permettendo di esplorarle e di attraversarle per andare verso l'incontro con se stesse, con se stessi. Il libro si rivolge anche a tutti coloro che per professione o per sensibilità si appassionano alle narrazioni delle vite.

Il manuale di storia in Italia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Genovesi, Piergiovanni

Il manuale di storia in Italia : dal fascismo alla Repubblica / Piergiovanni Genovesi

Rist

Milano : Angeli, c2009 (stampa 2012)

Abstract: Cos'è un manuale di storia? Probabilmente la risposta più comune a questa domanda è che si tratti di un testo in cui gli avvenimenti importanti sono raccolti ed esposti in modo oggettivo ed esaustivo. In fin dei conti, nell'opinione comune, oggettività ed esaustività rappresentano i requisiti ritenuti essenziali per opporre un solido baluardo alla storia-propaganda. Un'aspettativa ancora oggi estremamente radicata eppure alla base di una profonda distorsione storiografica. Lungi, infatti, dal costituire un antidoto per la storia propaganda, il mito della storia-oggettiva ne costituisce uno dei più solidi piedistalli. Nel mettere a fuoco questo problema, il volume incentra la propria attenzione innanzitutto sul caso della storia unica di Stato introdotta nelle scuole elementari durante il fascismo. Una vicenda che, se certamente trovò nel fascismo un terreno particolarmente fertile, tuttavia non costituisce espressione specifica di quest'ultimo, ma attinge ad un sentire, diffuso a livello internazionale, le cui origini, per quanto riguarda il caso italiano, precedono il Ventennio e i cui effetti continuano ben oltre la fine del fascismo. Per questo il volume pone particolare attenzione al delicato passaggio della defascistizzazione (1943-1945) e dell'organizzazione, nel dopoguerra, di una nuova storia repubblicana.

Nessuna notte e' infinita
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Mantegazza, Raffaele <1966->

Nessuna notte e' infinita : riflessioni e strategie per educare dopo Auschwitz / Raffaele Mantegazza

Milano : Angeli, 2012

Abstract: Auschwitz ci parla ancora? Ne intendiamo ancora il messaggio? Riusciamo a capirlo, o ci limitiamo a celebrarlo? Al di là della Giornata della Memoria e delle iniziative che essa porta con sé ogni anno, sorge il dubbio che il discorso su Auschwitz sia in qualche modo un discorso addomesticato, che non giunga più a scuotere le coscienze, soprattutto quelle giovanili. E invece siamo ancora e sempre più convinti che proprio una riflessione critica sulla Shoah, sulle dinamiche di potere e di complicità che questo evento ha messo in scena, sulla dimensione specificamente pedagogica ed educativa che l'ha accompagnato, sulle grandi domande di senso che ha mobilitato sia ancora la più importante tra le necessità educative del XXI secolo. Studiare Auschwitz, parlarne, analizzarlo criticamente è una esigenza che, come diceva Adorno, precede di tanto ogni altra, che credo non sia necessario fondarla né si abbia il dovere di farlo. Ma come parlare oggi della Shoah? E come farlo senza smarrirne il senso dell'unicità ma al contempo senza rinunciare a farne il punto di partenza per parlare di altri volti dell'inumano, passati, presenti e futuri? Come conciliare la necessaria fedeltà all'oggetto-Auschwitz e la necessità di farsi intendere da giovani generazioni che abitano linguaggi così differenti? Auschwitz è una esigenza educativa: ma come farvi fronte quando l'educazione stessa sembra essere uscita a pezzi dall'evento del quale dovrebbe trattare?