Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Editore Carocci editore <Roma>
× Editore Editori Laterza <Roma, Bari>
× Nomi European Council for Intercultural Education and Training
× Target di lettura Adulti, generale
Includi: tutti i seguenti filtri
× Data 2011
× Soggetto Educazione

Trovati 22 documenti.

Mostra parametri
Il mondo e l'infradito
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Vico, Giuseppe - Mazzi, Antonio <1929-> - Ballarini, Gabriella

Il mondo e l'infradito : sognando l'educazione / Giuseppe Vico, don Antonio Mazzi, Gabriella Ballarini ; premessa di Cristina Mazza

Cinisello Balsamo : San Paolo, 2011

Abstract: L'infradito rappresenta la categoria di persone non vendute al consumismo, non nascoste dietro i piedi scalzi ma in cerca di modi genuini per amare, aiutare, far crescere, ascoltare gli altri. L'infradito rappresenta la fatica per smuovere i piedi nudi verso la scuola, la formazione, l'impegno politico, la promozione sociale, e smuovere anche i portatori di scarpe a cambiare politica passando dall'elemosina, dai concerti benefici, dalle partite del cuore, dai contenitori di vestiti usati, al riconoscimento dei pari diritti e dei pari doveri, alla condivisione di beni, alla promozione dei popoli depressi.

Educazione globale e disabilita'
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gementi, Vittorina

Educazione globale e disabilita' : studi sul trattamento pedagogico globale nell'ottantesimo della nascita / Vittorina Gementi ; a cura di Luciano Fabbri

[Curtatone] : Edizioni Progetto cultura, stampa 2011

Dislessia oggi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Stella, Giacomo <1949-> - Savelli, Enrico <psicologo clinico>

Dislessia oggi : prospettive di diagnosi e intervento in Italia dopo la legge 170 / Giacomo Stella e Enrico Savelli

Trento : Erickson, 2011

Abstract: Nell'ultimo decennio la dislessia evolutiva ha attratto un crescente interesse nel mondo della scuola, dei servizi sanitari e, più in generale, dell'opinione pubblica. Questo volume non ha lo scopo di entrare nel merito delle varie e complesse questioni che caratterizzano il dibattito scientifico sul disturbo specifico della lettura, ma vuole essere l'occasione per fare un punto aggiornato sulla situazione, come si presenta oggi, soprattutto in Italia, soprattutto alla luce della recente Legge 170/2010 sui Disturbi Specifici di Apprendimento. Il suo carattere introduttivo e lo stile discorsivo, che lo rendono fruibile anche a un più vasto pubblico di non esperti, non rinunciano tuttavia a fornire un quadro completo e aggiornato sulle principali caratteristiche del disturbo: dalle procedure per l'identificazione al suo corso evolutivo e alla sua eterogenea espressività, fino alle diverse forme e tipologie dell'intervento. Lo scopo del volume è anche quello di integrare le attuali conoscenze scientifiche con le indicazioni normative delineate nella legge, soprattutto riguardo agli interventi che dovranno essere attuati nell'ambito clinico e scolastico.

Insegnare al principe di Danimarca
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Melazzini, Carla

Insegnare al principe di Danimarca / Carla Melazzini ; a cura di Cesare Moreno

Palermo : Sellerio, 2011

Abstract: L'autrice, Carla Melazzini, è, nella scrittura come nella vita, del tutto aliena dalla retorica e dall'indulgenza facile. Così, commozione, intelligenza e poesia stanno in questo libro con la asciutta naturalezza con cui può sbucare un fiore meraviglioso dalla crepa di un muro in rovina. Senza compiacersi dell'idea che la rovina sia necessaria ai fiori, e ne venga riscattata. Ne troverete di fiori in queste pagine, e di ragazzini fiorai, e anche di rovine. Uno lo anticipiamo qui, è un tulipano finto, così come l'ha raccontato una bambina che era stata bocciata in seconda elementare: ­ C'era una volta un fiore che non voleva essere un fiore, allora la fata dei fiori disse: 'Se tu vuoi diventare un essere umano io ti accontenterò ma se non ti piace, ti dovrai rassegnare perché non potrai più essere un fiore'. Il fiore accettò e la fata lo toccò con la bacchetta e lo trasformò in un essere umano. Il fiore si rese conto che la vita era difficile. La fata allora lo fece diventare un tulipano finto, per non farlo morire, poi scomparì per sempre. Carla ha chiesto a un compagno di classe: 'Secondo te che cosa ha voluto dire Concetta con il suo racconto?' 'Che il fiore non voleva morire e così la fata lo ha fatto diventare immortale.' 'Però l'ha trasformato in un tulipano finto! È meglio essere una persona umana e morire o essere un fiore finto e non morire mai?' 'È meglio morire.'

Non per profitto
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Nussbaum, Martha C. <1947->

Non per profitto : perche' le democrazie hanno bisogno della cultura umanistica / Martha C. Nussbaum

Bologna : Il Mulino, 2011

Abstract: Assistiamo oggi a una crisi strisciante, di enormi proporzioni e di portata globale, tanto più inosservata quanto più dannosa per il futuro della democrazia: la crisi dell'istruzione. Sedotti dall'imperativo della crescita economica e dalle logiche contabili a breve termine, molti paesi infliggono pesanti tagli agli studi umanistici ed artistici a favore di abilità tecniche e conoscenze pratico-scientifiche. E così, mentre il mondo si fa più grande e complesso, gli strumenti per capirlo si fanno più poveri e rudimentali; mentre l'innovazione chiede intelligenze flessibili, aperte e creative, l'istruzione si ripiega su poche nozioni stereotipate. Non si tratta di difendere una presunta superiorità della cultura classica su quella scientifica, bensì di mantenere l'accesso a quella conoscenza che nutre la libertà di pensiero e di parola, l'autonomia del giudizio, la forza dell'immaginazione come altrettante precondizioni per una umanità matura e responsabile.

La balbuzie a scuola
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Santilli, Marco

La balbuzie a scuola : diagnosi e metodi riabilitativi / Marco Santilli

Roma : Armando, 2011

Abstract: Le disabilità del parlato e la balbuzie coinvolgono oggi il 4% circa della popolazione scolastica. Una percentuale che mette in luce la dimensione non trascurabile del fenomeno e la necessità di occuparsi di esso. Necessità sentita in particolar modo dagli insegnanti e dagli educatori dei ragazzi in età scolare, che avvertono la mancanza di un metodo pedagogico che gli consenta di approcciare consapevolmente la balbuzie. È a costoro che si rivolge questo libro, che presenta linee guida innovative e collaudate in 25 anni di esperienza e studi.

Lettura, scrittura e calcolo nella sindrome di Down
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Lettura, scrittura e calcolo nella sindrome di Down : percorsi di intervento / Luigi Marotta, Deny Menghini e Stefano Vicari (a cura di)

Trento : Erickson, 2011

Abstract: Il libro è il frutto dell'esperienza degli autori nel corso di anni di lavoro su un aspetto molto importante dello sviluppo cognitivo dei bambini con sindrome di Down: l'apprendimento delle abilità di lettoscrittura e calcolo e il trattamento delle difficoltà in questi ambiti. L'acquisizione di buone prestazioni in lettura, scrittura e calcolo è infatti un obiettivo importantissimo su cui fondare la loro autonomia e indipendenza da adolescenti e da adulti. Nella prima parte del volume vengono presentate le conoscenze più recenti sulla sindrome relative agli aspetti legati all'apprendimento delle abilità scolastiche e le ricerche effettuate dal gruppo di lavoro dell'U.O.C. di Neuropsichiatria infantile dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù (Roma); vengono inoltre date informazioni per articolare il percorso di intervento basandolo sullo specifico profilo cognitivo dei bambini con sindrome di Down e sulle metodiche integrate di trattamento e di insegnamento che si sono rivelate più efficaci. Dalla rassegna e dalle indicazioni per il trattamento nascono le proposte didattiche e riabilitative della seconda parte, che comprendono attività per la lettura, la scrittura e il calcolo.

Disgrafia e disortografia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ianes, Dario <1955-> - Cisotto, Lerida - Galvan, Nicoletta <insegnante di sostegno>

Disgrafia e disortografia : apprendimento della scrittura e difficolta / Dario Ianes, Lerida Cisotto, Nicoletta Galvan

Trento : Erickson, 2011

Abstract: L'apprendimento dell'abilità di scrittura, nel caso di alunni con disturbi specifici, può presentarsi molto difficoltoso. In particolare la disgrafia e la disortografia impediscono di scrivere in modo leggibile e corretto con ricadute negative anche sull'apprendimento dell'abilità di lettura. L'opera presenta un panorama completo sui disturbi della scrittura, affiancando l'esposizione teorica dei metodi di apprendimento con la descrizione e l'analisi di casi. Un ricco corollario di interventi permette al lettore di approfondire l'argomento e di trovare spunti didattici e nuove idee per operare in classe o a casa.

Fenomenologia dell'educazione
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Caronia, Letizia

Fenomenologia dell'educazione : intenzionalita', cultura e conoscenza in pedagogia / Letizia Caronia ; presentazione di Luigina Mortari

Milano : Angeli, 2011

Abstract: A partire dalla metà del '900, la pedagogia fenomenologica si è affermata come quadro di riferimento rilevante per gli studi e le ricerche in educazione. Questo volume ne attraversa la genesi, lo sviluppo e le nozioni cardine mettendone in luce l'intima storicità, le aporie, le zone d'ombra ma anche la straordinaria attualità di alcune categorie per pensare la pratica e la ricerca in educazione. Fenomenologia dell'educazione affronta alcune questioni cruciali per tutti coloro che, a diverso titolo, sono impegnati nella ricerca e nella prassi educativa. Attraverso esempi reali e fittizi, il lettore scopre che alcune questioni puramente filosofiche hanno degli impatti cruciali sulle pratiche educative quotidiane e che anche la più innocua delle pratiche di ricerca - la descrizione - può avere risvolti normativi e dare origine a modi diversi di pensare e di agire. Il prezzo che una fenomenologia dell'educazione paga a quella condanna al senso di cui parlava Merleau-Ponty, è la corrosione della terra firma su cui radicare le pratiche educative. L'antidoto avanzato dalla pedagogia fenomenologica non è un insieme di rinnovate e malcelate certezze ma l'appello alla responsabilità epistemica e all'accountability in educazione. Scegliamo sempre le premesse a partire dalle quali pensiamo e dove c'è scelta c'è responsabilità. Questo libro è un invito ad assumere la reponsabilità insita nel pensare, una responsabilità invisibile ma non meno cruciale di quella propria dell'agire.

Generare luoghi di integrazione
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Generare luoghi di integrazione : modelli di buone pratiche in Italia e all'estero / a cura di Donatella Bramanti

Milano : Angeli, 2011

Abstract: Sempre più le agenzie scolastiche si confrontano con la sfida della multiculturalità. Molto è stato messo in atto in questi anni sia in ciascun ambito scolastico, sia a livello di reti territoriali. Siamo quindi a un punto in cui appare particolarmente interessante identificare quelle reti che hanno dimostrato di saper promuovere la collaborazione culturale ed educativa tra famiglie, istituzioni scolastiche, organizzazioni di privato-sociale ed enti locali. Questa rete può essere immaginata come una casa comune in grado di aumentare le chance di convivenza e di integrazione socio-culturale dei giovani stranieri e di offrire una prospettiva sinergica ai diversi soggetti che interagiscono nello stesso territorio. Il volume propone una ricostruzione a tutto tondo delle buone pratiche, in grado di generare luoghi di integrazione, sia in Regione Lombardia che in ambito extraregionale e internazionale. I risultati proposti sono l'esito di una partnership tra l'Università Cattolica di Milano e Diesse Lombardia, nell'ambito della Sovvenzione Globale Learning Week. Questa sinergia ha consentito di arrivare all.elaborazione di indicazioni operative (Linee guida) per la promozione e sviluppo di nuovi interventi nel campo dell'intercultura. Il testo, per le sue caratteristiche di analiticità e ricchezza delle esperienze analizzate, si rivolge sia a operatori della scuola sia dei servizi territoriali, sia a coloro che hanno funzioni di coordina-mento e di programmazione.

Lezioni di cose, lezioni di immagini
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ferrari, Monica <1961-> - Morandi, Albano <1958->

Lezioni di cose, lezioni di immagini : studi di caso e percorsi di riflessione sulla scuola italiana tra 19. e 21. secolo / Monica Ferrari, Matteo Morandi, Enrico Plate'

[Azzano San Paolo] : Edizioni junior, 2011

Abstract: Il volume presenta un itinerario di riflessione, originato da una collaborazione tra il Centro di ricerca interdipartimentale per lo studio e la valorizzazione dei beni culturali scolastici ed educativi dell.Università di Pavia e il Comune di Mantova, su una cultura pedagogica che si esplica nel quotidiano, troppo spesso ritenuta minore e, al contrario, fortemente connessa ai percorsi di individuazione di tutti noi, tra passato e presente. Prendendo le mosse da specifici studi di caso relativi ai materiali della scuola (dell.infanzia e di base), si discute il tema della lezione delle cose e della lezione per immagini. Matteo Morandi propone anzitutto, tra Otto e Novecento, percorsi di lettura all.incrocio tra questioni estetiche e morali. Sulla base di fonti e documenti eterogenei, legati a singoli contesti e a specifiche esperienze formative, Enrico Platé e Monica Ferrari ricostruiscono alcuni aspetti della produzione culturale in particolari scuole dell.infanzia, primarie e medie tra XIX e XXI secolo. Chiude il volume, corredato da un ricco dossier iconografico, una postfazione di Monica Ferrari sul tema dell.educazione delle cose.

La dislessia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Benso, Eva <1980->

La dislessia : una guida per genitori e insegnanti : teoria, trattamenti e giochi / Eva Benso ; prefazione di Francesco Benso

Torino : Il leone verde, 2011

Abstract: La dislessia è ancora vissuta, troppe volte, come un grave handicap sociale e cognitivo. Anche da ciò, l'idea e l'esigenza di un manuale che spieghi come riconoscerne i segni, con quali strumenti intervenire, sia in ambito clinico sia scolastico, e quale giusta interpretazione dare ad un evento spesso enfatizzato o sottovalutato. Questo testo vuole abolire etichette e luoghi comuni, fornendo una visione strutturata e chiara del problema, spiegando il funzionamento della lettura nei suoi processi sottostanti: linguistico, visuo-percettivo e attentivo (e la loro interazione). Questo perché non esiste un dislessico uguale a un altro. La parola chiave del metodo proposto è allenamento, una vera e propria palestra per la mente. La parte riservata agli esercizi ludico-ricreativi permette di allenare il bambino divertendolo e interessandolo alla lettura con l'uso di illustrazioni, fiabe o attività manuali, a loro volta tappe di un percorso propedeutico.

Valorizzare gli interessi ristretti nei bambini con autismo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kluth, Paula - Schwarz, Patrick

Valorizzare gli interessi ristretti nei bambini con autismo : spunti e strategie per impostare la didattica e migliorare le relazioni sociali / Paula Kluth e Patrick Schwarz

Trento : Erickson, 2011

Abstract: Spesso, chi si occupa dell'educazione di persone con disturbi dello spettro autistico tende a contenere fissazioni e stereotipie preferendo un tipo di intervento che limita invece di valorizzare gli interessi. Questo libro fornisce agli educatori di ogni ordine e grado un nuovo modo di pensare a queste manie, affinché possano diventare strumenti di insegnamento positivi capaci di calmare, motivare e migliorare l'apprendimento. Paula Kluth e Patrick Schwarz, autorevoli esperti di autismo e relatori di fama internazionale, propongono una guida utile e adattabile a ogni situazione per utilizzare in senso funzionale gli interessi ristretti durante le lezioni in aula e nella quotidianità. Gli insegnanti scopriranno come sfruttare al meglio le passioni dei loro alunni con autismo inserendole nei programmi curricolari, per incrementare l'alfabetizzazione e le competenze matematiche, sviluppare relazioni sociali, accrescere le capacità di comunicazione, ridurre l'ansia e molto altro ancora. Il volume, corredato di storie basate sull'esperienza diretta degli autori, offre la possibilità di guardare l'autismo sotto una luce nuova per aiutare gli insegnanti che hanno a cuore il successo sociale e scolastico dei propri alunni. Una lettura piacevole che aiuterà ad aprire gli occhi e la mente, ponendo al centro del percorso di formazione l'unicità del discente.

Educare alla responsabilita'
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Educare alla responsabilita' : cultura e pratica delle abilita' personali per la salute in ambito scolastico / a cura di Mariangela Giusti

2 ed

Firenze : Giunti progetti educativi, 2011

Abstract: Un manuale rivolto agli adulti, educatori e genitori, per parlare della vita di bambini e ragazzi. Quattro saggi scritti da esperti del settore, e arricchiti da spunti per attività didattiche, che hanno come obiettivo principale far apprendere ai giovani le competenze utili per la vita basandosi sulla metodologia della life skills education, promossa dall'Organizzazione Mondiale della Sanità.

Mio figlio e' dislessico
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pinton, Arianna Lisa Bruna

Mio figlio e' dislessico / Arianna Pinton

Milano : Red, 2011

Abstract: La dislessia riguarda il 4% della popolazione scolastica, vale a dire che in ogni classe c'è almeno un bambino interessato da questo disturbo specifico dell'apprendimento. È un problema che cambia faccia a seconda di quale punto di vista si adotti. Per i bambini che ne soffrono ha la faccia di una frustrazione continua, che nasce dal sentirsi inadeguati alle richieste che vengono fatte, oltre che diversi dai compagni. Per gli insegnanti è un disturbo complesso e controverso: occorre imparare a riconoscerlo e a valutare in modo nuovo i bambini. Per i genitori è un mondo da condividere con il proprio figlio, che li porta a vivere l'impegno scolastico quasi in prima persona.Questo libro affronta a tutto tondo il problema della dislessia, e in generale dei disturbi specifici dell'apprendimento, illustrando le facilitazioni e le possibilità di recupero, per fare in modo che non si trasformi, come può succedere, in un'esperienza di sofferenza e di ritardo scolastico.

Le coppie minime
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Santoro, Grazia Maria <psicologa e logopedista> - Panero, Antonella

Le coppie minime : la riabilitazione fonetico-fonologica dei disturbi di linguaggio / Grazia Maria Santoro e Antonella Panero ; illustrazioni di Cristina Cianetti

Trento : Erickson, 2011

Abstract: Dopo una rivisitazione dei contenuti teorico-scientifici disponibili in letteratura, Le coppie minime presenta materiali operativi da utilizzare in percorsi di intervento abilitativo e riabilitativo dei disturbi fonetico-fonologici, con un approccio cognitivo processo-specifico. Il volume è costituito di 16 sezioni, ordinate per tratti distintivi, e contiene circa 300 coppie minime di parole illustrate, immagini e foto dei gesti articolatori dei fonemi della lingua italiana e più di 20 tavole da descrivere. Il materiale è stato selezionato e ordinato seguendo criteri fonologici, che hanno tenuto conto dei processi semplificativi più ricorrenti nella pratica clinica, mentre la progressione nella scelta delle attività è ampiamente spiegata in termini neuropsicologici, in modo da consentire facilmente programmi riabilitativi efficaci. Le attività proposte per ciascuna sezione si articolano in 3 fasi: allenamento percettivo-motorio, cognitivo-linguistico e generalizzazione del tratto distintivo in contesto morfosintattico. Rivolto a logopedisti e riabilitatori del linguaggio, il volume può essere utilizzato, dietro indicazione del professionista, anche da insegnanti e genitori.

Elogio dell'educazione lenta
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Domenech Francesch, Joan

Elogio dell'educazione lenta / Joan Domenech Francesch

Brescia : La scuola, c2011

Abstract: I movimenti della lentezza propongono alternative all'accelerazione che condiziona la nostra vita, nel modo di mangiare, di spostarci da un luogo all'altro, dj interagire con gli altri... La velocità ci toglie il senso delle cose, spingendoci verso una società nevrotica e spersonalizzala. Più, prima e più rapidamente non sono sinonimi di meglio. Applicare quesla affermazione alla scuola e all'educazione è una delle questioni che l'autore affronta, con l'intenzione di dare un senso alla diversità dei ritmi di apprendimento: educare alla lentezza significa adattare la velocità al momento educativo e alla persona.

Educare
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bagnasco, Angelo

Educare : dialogo con la vita / Angelo Bagnasco

Cinisello Balsamo : San Paolo, c2011

Abstract: In una realtà quotidiana sempre più simile a una moderna torre di Babele, dove tutti parlano e nessuno capisce, nei volti di troppi uomini appaiono l'incertezza, l'angoscia e il senso di solitudine, premesse a una società meno umana. Non mancano i fabulatori, i fabbricanti di parole che non nascono dall'onestà, dal silenzio, dalla coerenza di vita. Sembra che quanto più regnano l'interesse e la superficialità tanto più si moltiplichi la mole di parole vuote: forse l'intento non è comunicare la verità, ma stordire la gente e illuderla, per meglio dominarla. Per contro, ci sono persone che parlano poco, ma in quel poco dicono molto! È necessario che la parola comunichi qualcosa di vero e di grande, e quindi di bello, che permetta di entrare in rapporto con gli altri, di intrecciare le vite. E, prima ancora, bisogna che essa aiuti a entrare nel proprio mondo interiore, ad andare in profondità per scoprire la verità di se stessi, quella verità che può essere guida nella vita...

I bambini ad altissimo potenziale intellettivo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Mormando, Federica

I bambini ad altissimo potenziale intellettivo : guida per insegnanti e genitori / Federica Mormando

Trento : Erickson, 2011

Abstract: Il 30% della popolazione è rappresentato da bambini con potenzialità intellettive fuori della norma, eppure troppo spesso non riconosciute: precocissimi nella lettura (due-tre anni), empatici e ipersensibili, elaborano prima e più velocemente degli altri anche temi complessi come vita e morte, giustizia e ingiustizia. Al momento dell'ingresso a scuola il loro talento diventa un problema: le attitudini esuberanti vengono inscatolate nel rigido sistema-classe che, il più delle volte, interpreta in maniera egualitaria le pari opportunità, anziché adeguare l'offerta didattica a ciascuno. Così, invasi dalla noia per ritmi di apprendimento omogeneizzati e insufficienti alle loro capacità, cominciano a distrarsi o, peggio, a disturbare. Molto spesso vengono etichettati come iperattivi o disadattati. Quasi mai riescono a emergere, defraudando il futuro di possibili eccellenze. Questo libro, oltre che la denuncia di una occasione mancata, è una chiave d'accesso alla superdotazione intellettiva per genitori e insegnanti, con la proposta di attività pratiche di approfondimento e di arricchimento, che nutrano il prezioso potenziale di questi bambini, anziché dissiparlo.

Parlare di omosessualita' a scuola
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Montano, Antonella <1955-> - Andriola, Elda

Parlare di omosessualita' a scuola : riflessioni e attivita' per la scuola secondaria / Antonella Montano e Elda Andriola

Trento : Erickson, 2011

Abstract: In Italia esistono più di centomila famiglie con almeno un genitore omosessuale. Esistono bambini e ragazzi che, quotidianamente, sopportano il peso di crescere, sentendosi etichettati come diversi. A gravare sulla situazione, almeno nella comunicazione degli ambienti istituzionali, è un velo di imbarazzato silenzio. Per permettere agli insegnanti e ai genitori stessi di parlare serenamente e liberamente di omosessualità con i propri alunni e con i propri figli, le autrici, psicologhe che collaborano con l'Istituto Beck, propongono un percorso di educazione alla diversità e al rispetto. I contenuti diretti a genitori, insegnanti e studenti, sono divisi in unità specifiche per ciascuna di queste tre categorie di destinatari. L'obiettivo è quello di educare in maniera integrata i ragazzi attraverso genitori e insegnanti e, viceversa, educare gli adulti attraverso i ragazzi.