Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Nomi Ravasi, Gianfranco <1942->
× Editore Il *Mulino <casa editrice>
Includi: tutti i seguenti filtri
× Soggetto Concezione cristiana

Trovati 355 documenti.

Mostra parametri
Quando il cielo ci fa segno
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Messori, Vittorio <1941->

Quando il cielo ci fa segno : piccoli misteri quotidiani / Vittorio Messori

Mondadori libri, 2019

Abstract: Perché, parola di Gesù, «non di solo pane vive l'uomo». Per aiutarci a ricordare questa dimensione trascendente, l'Aldilà ci invia dei «segni», a volte grandi e vistosi (i miracoli, le apparizioni), a volte piccoli e privati, che spesso trascuriamo di interpretare, preferendo parlare di «coincidenze», di «casualità», magari di «eventi bizzarri». Dunque, non è che il Cielo non ci parli: siamo noi a essere sordi. E non è che Dio non si mostri: siamo noi a essere ciechi. In pagine singolari e avvincenti, in cui si scopre l'atmosfera della confessione personale, Vittorio Messori racconta – non certo da visionario ma da cronista legato ai fatti oggettivi e da studioso razionale qual è – alcuni «segni» ricevuti nel corso della vita. La telefonata rassicurante ricevuta dallo zio defunto a un anno esatto dalla morte. L'«inesistente» e insieme concreta ragazza tedesca che ristorò il padre soldato, addestrato duramente in Germania. Il benefico incontro a Torino sui «murazzi» del Po, in un momento di sconforto, con un enigmatico pensionato, svanito poi nel nulla. Il messaggio affidato in sogno alla domestica di casa con cui il beato Francesco Faà di Bruno – marchese e scienziato, che nell'Ottocento dedicò la sua vita a soccorrere le vere proletarie dell'epoca, le «serve» – invitava Messori, suo biografo e devoto, a partecipare a un convegno di particolare importanza. Ma ecco «segni» celesti ancor più evidenti, riconoscibili in figure come Padre Pio, che, per diretta esperienza dell'autore, aveva anche il dono di far giungere a destinazione lettere appena scritte, o come la mistica austriaca Maria Simma, con lo straordinario carisma di incontrare ogni notte le anime del purgatorio. Nel sollecitare il lettore a decifrare – e a confidare senza timore agli altri – la natura soprannaturale dei «piccoli misteri quotidiani» in cui ciascuno di noi si imbatte nella propria esistenza, Messori rende testimonianza alla verità della celebre massima di Blaise Pascal: «L'ultimo passo della ragione umana è riconoscere che vi è un Mistero con una infinità di cose che la superano».

Odierai il prossimo tuo come te stesso
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Zuppi, Matteo Maria <1955-> - Fazzini, Lorenzo <1978->

Odierai il prossimo tuo come te stesso : perché abbiamo dimenticato la fraternità : riflessioni sulle paure del tempo presente / Matteo Maria Zuppi ; con Lorenzo Fazzini

Milano : Piemme, 2019

Abstract: «Ama il prossimo tuo come te stesso»: è il comandamento evangelico forse più difficile da rispettare, oggi, in un Paese incattivito, dove i rapporti e la comunicazione sono dominati dall'aggressività, le porte delle case sono chiuse agli estranei, le donne e gli immigrati sono vittime frequenti di violenze verbali e fisiche. Dove l'inimicizia e le fratture si propagano anche all'interno della comunità dei credenti. Come uomo di Chiesa, Matteo Zuppi ritiene urgente affrontare la questione dell'odio, un sentimento che ci disumanizza e ci condanna alla solitudine. Tanto più se lo percepiamo come forza capace di proteggerci dalle minacce e ripagarci delle ingiustizie subite. Tessendo una riflessione in dialogo con scrittori, filosofi e teologi, attingendo a vicende storiche ed esperienze personali, il cardinale di Bologna si interroga sulle paure che alimentano l'ostilità e l'intolleranza. E indaga le conseguenze dell'individualismo sfrenato che induce le persone a idolatrare il benessere personale e le rende impermeabili alla sofferenza altrui, ma anche più fragili e incapaci di pensarsi in relazione agli altri. L'odio ha una capacità distruttiva spaventosa: non lo si può giustificare né tollerare. Bisogna rigettarlo. L'antidoto a questo veleno è l'amore. Non solo per i cristiani. Anche per i non credenti e i fedeli di altre religioni, l'unica risposta possibile è la fraternità. L'invito di Matteo Zuppi è una sfida: a ritrovare l'autentica solidarietà, intesa come forte partecipazione alla vita degli altri; a guardare al pluralismo religioso come un'opportunità per ritrovare le ragioni della propria fede; a promuovere l'accoglienza che difende e crea la vita; ad aprirsi all'amore, forza creativa capace di cose grandi, che costituisce la dimensione più autentica di ogni essere umano.

La guarigione del cuore
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Amirante, Chiara <1966->

La guarigione del cuore : Spiritherapy: l'arte di amare e la conoscenza di sé / Chiara Amirante

Milano : Piemme, 2019

Abstract: Chiara Amirante - che da anni tiene corsi di arte di amare, conoscenza di sé e "spiritoterapia" - ci aiuta a riconoscere le ferite di chi non è stato amato, di chi ha paura di amare, di chi ha fame d'amore. I primi passi sul cammino della guarigione sono anzitutto introspettivi: chi sono io? Come posso individuare i miei punti di forza e lavorare sulle mie fragilità? Quali sono le principali trappole che mi impediscono di sperimentare la gioia piena che scaturisce dal donare e ricevere amore? Come riconoscere e rispondere ai bisogni più profondi della mia anima. I passi successivi sono quelli della consapevolezza: la società di oggi uccide lo spirito e ci spinge nel vortice dei pensieri negativi. Non dobbiamo permetterlo. Dobbiamo invece trovare un senso alle nostre sofferenze, trasformando difficoltà in opportunità, ogni prova in un "passaggio" di crescita che ci renda più liberi e capaci di costruire relazioni autentiche. «Una delle prime cose che impariamo da piccoli è che, se ci feriamo nel corpo, dobbiamo subito pulire, disinfettare, curare, altrimenti la ferita s'infetta e genera conseguenze dolorose per tutto il fisico. Eppure, nessuno ci dice come riconoscere e curare le ferite del cuore». Se è vero che la nostra mente racchiude tante potenzialità inespresse questo è tanto più vero per il nostro spirito. Tramite la spiritheraphy Chiara propone un percorso concreto e pratico per scoprire e sviluppare le immense potenzialità spirituali presenti nel nostro spirito.

Il mistero della donna
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Croissant, Jo <1949->

Il mistero della donna / Jo Croissant ; traduzione di Giovanni Marcotullio

[Arzignano] : Berica editrice, 2018

Abstract: Il mistero della donna” porta il lettore a indagare le Scritture per comprendere il ruolo della donna e la sua grandezza in un’epoca difficile come quella attuale. L’autrice, un membro della Comunità delle Beatitudini fin dalla fondazione, cerca di rispondere ai tanti interrogativi e alle sofferenze che riguardano l’universo femminile alla luce della Parola di Dio, illuminandone le zone più oscure e tentando di definirne i confini.

L'arte di scegliere
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bianchi, Enzo <1943->

L'arte di scegliere : il discernimento / Enzo Bianchi

Cinisello Balsamo : San Paolo, 2018

Dimensioni dello spirito

Abstract: Nella vita ogni essere umano è spesso posto davanti a una scelta. Il mito greco di Ercole al bivio, invitato a scegliere il proprio cammino, è molto eloquente su questa esperienza universale. Ma come facciamo a sapere se la nostra scelta è per il bene o per il male, per la vita o per la morte, come ci ricordano anche le Scritture? Attraverso l'arte del discernimento, a cui il fondatore di Bose dedica il presente volume, frutto della sua lunga esperienza, come egli stesso afferma: «Non ho mai tralasciato la meditazione su questo tema così decisivo». Termine che agli orecchi dei più risulta oggi ermetico, parola caduta nell'oblio, il discernimento in verità è stato sempre ben presente nella vita monastica e nella spiritualità ignaziana. Dono dello Spirito Santo, veniva considerato dai padri del deserto la «migliore di tutte le virtù». Per questo, nota il nostro autore, è indispensabile tornare a esercitarsi in quest'arte così essenziale per la vita cristiana e non, offrendo anche utili e preziosi consigli affinché la nostra esistenza, nonostante i limiti e le fragilità, giunga a compimento e sia un "amen" sincero e convinto alla volontà del Signore. «Il discernimento è quel processo che ogni essere umano deve compiere nel duro mestiere di vivere, nelle diverse situazioni con cui si trova a confrontarsi, per fare una scelta, prendere una decisione, esprimere qui e ora un giudizio con consapevolezza».

La Bibbia dell'ecologia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cavallo, Roberto <1970->

La Bibbia dell'ecologia : riflessioni sulla cura del creato / Roberto Cavallo

Elledici, 2018

Abstract: Quando visitiamo una casa che non è la nostra chiediamo il permesso di entrare, ci puliamo le scarpe, guardiamo solo nelle stanze in cui siamo invitati, consumiamo solo quanto ci viene offerto, domandiamo dove possiamo gettare un rifiuto quando ce ne troviamo uno in mano... È con questo spirito che dovremmo imparare a stare sulla terra, il pianeta su cui viviamo, di cui siamo i custodi ma che non ci appartiene («Il Signore Dio prese l'uomo e lo pose nel giardino di Eden, perché lo coltivasse e lo custodisse...»: in fondo, la soluzione per la salvaguardia del nostro pianeta si trova già nella Genesi). Un saggio di testimonianza e proposte (e consigli pratici per tutti), nel continuo confronto con gli insegnamenti dell'Antico Testamento.

Autostima e accettazione dell' ombra
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Grün, Anselm <1945->

Autostima e accettazione dell' ombra : come ritrovare la fiducia in se stessi / Anselm Grun

Nuova ed.

San Paolo, 2018

Abstract: L'ombra: il riscatto della parte negativa di noi stessi. La scommessa di una personalità matura sta tutta nel conoscere, accettare e ricondurre in positivo la parte più oscura e limitativa della propria personalità. Insicurezza, paura degli altri, mancanza di coraggio e senso di impotenza di fronte ai propri limiti sono atteggiamenti diffusi tra gli uomini e le donne del nostro tempo, ma possono essere trasformati in energia positiva, verso l'autostima, la fiducia in se stessi e nel senso della vita. Questo libro indica una strada nuova ed efficace per recuperare la sicurezza in se stessi.

Momenti di crisi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Sleigh, Julian <1927-2013>

Momenti di crisi : elaborazione di problemi personali / Julian Sleigh

Aedel Edizioni, 2010

La carità politica
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Franciscus, papa <1936->

La carità politica / Papa Francesco

[Treviso] : B.I.I. onlus, 2017

Abstract: Il presente volume riunisce i discorsi di papa Francesco pronunciati al Parlamento Europeo (Strasburgo, Francia, 25 novembre 2014); al Consiglio d’Europa (Strasburgo, Francia, 25 novembre 2014); all’Assemblea Plenaria del Congresso degli Stati Uniti d’America (Washington, D.C., 24 settembre 2015); durante l’Incontro con i membri dell’Assemblea Generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (New York, 25 settembre 2015). La presentazione del volume, curata Sa Ecc.za Mons. Lorenzo Leuzzi, riflette su alcuni passi dell’Esortazione apostolica Evangelii Gaudium di papa Francesco, nella quale egli, «seguendo le indicazioni di Paolo VI, ha definito la politica, tanto denigrata, “una vocazione altissima”, una delle forme “più preziose della carità, perché cerca il bene comune”». Così, la carità politica, appare attraverso queste riflessioni «un volto della misericordia».

L'ultima beatitudine
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Maggi, Alberto <1947->

L'ultima beatitudine : la morte come pienezza di vita / Alberto Maggi

Milano : Garzanti, 2017

Saggi

Abstract: Alberto Maggi affronta il difficile argomento della morte, uno dei maggiori tabù della nostra società. Maggi offre parole ricche di serenità, che aiutano a comprendere e accogliere l'aspetto naturale e non punitivo della fine della vita, per rendere la morte davvero una sorella come poeticamente suggeriva san Francesco, una compagna di viaggio nell'esistenza dell'individuo. In questa prospettiva viene scacciato dall'approccio alla morte ogni pensiero teso a deprimere o rattristare, permettendoci così di vibrare in un crescente, pieno accordo con quella grande sinfonia che è la vita

L'uomo che gioca
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rahner, Hugo <1900-1968>

L'uomo che gioca / Hugo Rahner ; prefazione Martino Doni ; postfazione Gianfranco Ravasi

Milano : Medusa, 2017

Le api ; 28

Abstract: "Il poeta tedesco Schiller nel trattato 'Sull'educazione estetica dell'uomo' non esitava a scrivere che 'l'uomo gioca soltanto quando è uomo nel significato più pieno del termine ed egli è interamente uomo solo quando gioca'. In questa luce si riesce a capire perché la cosiddetta 'analogia ludica' sia diventata nella teologia, non solo recente, un modello per parlare di Dio (pensiamo alla Festa dei folli di Harvey Cox o all'Homo ludens di Hugo Rahner). La stessa Bibbia non ha imbarazzo nel raffigurare la Sapienza divina creatrice come una fanciulla che sta danzando divertendosi nell'orizzonte di quel mondo che sta fiorendo dalle sue mani (Pro 8, 30-31). Il creare, quindi, come divertirsi: ne sanno qualcosa gli artisti. Anzi, persino Gesù si lascia catturare incuriosito dal divertimento, sia pure fallito, di un gruppo di ragazzi che giocano sulla piazza di un villaggio e che non s'accordano sul tipo di gioco da adottare: alcuni vorrebbero mimare una festa di nozze ballando al suono del flauto, altri desidererebbero invece imitare un funerale piangendo e lamentandosi. Dopotutto già nell'Antico Testamento l'era messianica era vista anche attraverso il bambino che si diverte con gli animali e che, travolto dalla curiosità che accompagna il gioco, infila la manina nella buca della vipera (Is 11,8). Oppure si sognava una Gerusalemme le cui piazze 'formicolavano di ragazzi e di ragazzi che giocavano divertendosi' (Zac 8, 5). La stessa rappresentazione escatologica nell'immaginario di secoli e secoli di arte ha sognato sempre un 'paradiso' di festa, di musica, di danze." (Gianfranco Ravasi)

Lettera ai cappellani militari
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Milani, Lorenzo <1923-1967>

Lettera ai cappellani militari ; Lettera ai giudici / Lorenzo Milani ; edizione critica e postfazione a cura di Sergio Tanzarella

Trapani : Il pozzo di Giacobbe, 2017

Il pellicano ; 3

Abstract: Nel febbraio del 1965 i cappellani militari della Toscana emanano un comunicato stampa accusando i giovani italiani obiettori di coscienza di essere dei vili. In loro difesa interviene don Milani con una lettera aperta agli stessi cappellani, una lettera di altissimo valore morale e civile nella quale chiede rispetto per chi accetta il carcere per l’ideale della nonviolenza. Per questa sua lettera Milani viene denunciato da un gruppo di ex combattenti e messo sotto processo. Impossibilitato a parteciparvi per l’aggravamento del tumore che lo porterà, di lì a poco, alla morte, Milani scriverà una memoria difensiva sotto forma di lettera ai giudici. In essa la storia civile dell’Italia unita viene riletta senza retorica celebrativa come storia feroce di guerre, di spietato colonialismo, di sopraffazione di poveri. La lettera, vero manifesto contro l’obbedienza cieca, metterà anche sotto accusa la illusoria deresponsabilizzazione dell’esecuzione di ordini, anche omicidi, impartiti da una autorità. Per la prima volta le due lettere di Milani sono accompagnate da note che ne chiariscono il senso e le relazioni con la sua opera. Nella postfazione il curatore ricostruisce lo svolgersi del processo sulla stampa e in aula anche grazie alla consultazione dei materiali inediti delle carte processuali

Dentro e fuori le case
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Destro, Adriana <1937-> - Pesce, Mauro <1941->

Dentro e fuori le case : il ruolo della donna da Gesù alle prime Chiese / Adriana Destro, Mauro Pesce

EDB, 2016

Abstract: Nel passaggio dal movimento di Gesù alla Chiesa, il ruolo attivo delle donne negli spazi pubblici lentamente arretra. Esse tendono ad assumere nelle case una funzione subordinata e non vengono più considerate discepole itineranti, come nei racconti evangelici, ma aiutanti-inservienti del gruppo. Questi processi sono determinati dal fatto che le norme del vivere quotidiano su cui si reggono sia la casa sia l’assemblea pubblica vengono ad avere un peso determinante. Si consolida così una forma sociale prima inesistente, l’ekklêsia, che non può non assumere alcuni comportamenti «istituzionali» della cultura del tempo: riunioni formalizzate, tempi stabiliti, compiti e riti, direttive ed apparati cultuali, gerarchie sociali, onore pubblico maschile. La casa, non essendo più esposta agli effetti sconvolgenti di una leadership, ripristina le eterne logiche della domesticità che ribadiscono la differenza gerarchica tra uomini e donne.

Il riscatto dell'anima
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Brown, Peter <1935->

Il riscatto dell'anima : aldilà e ricchezza nel primo cristianesimo occidentale / Peter Brown

Torino : Einaudi, 2016

La biblioteca ; 20

Abstract: Il modo in cui i cristiani consideravano il destino dell'anima nell'aldilà subì una radicale e rivoluzionaria mutazione tra la fine del mondo antico e l'inizio del Medioevo, cioè tra il 250 e il 650 d.C. Peter Brown descrive come questo cambiamento abbia trasformato il rapporto istituzionale della Chiesa con il denaro e posto le basi al suo dominio della società medievale d'Occidente. Secondo la dottrina cristiana delle origini i vivi e i morti erano ugualmente peccatori, bisognosi gli uni degli altri per ottenere "il riscatto dell'anima". Le intercessioni devote dei vivi potevano dunque determinare il diverso destino, tra paradiso o inferno, delle anime dei defunti. Nel III secolo, il denaro cominciò dunque a giocare un ruolo decisivo: i cristiani benestanti iniziarono a far uso di pratiche devozionali sempre piú raffinate per mettere in salvo la propria anima e quella dei loro cari: assicurandosi sepolture in luoghi privilegiati e facendo ricche donazioni alla Chiesa. A partire dal VII secolo, in Europa cominciarono a proliferare sontuosi monasteri e cappelle funerarie che attraverso lo splendore dei marmi rendevano visibile le qualità cristiane dei morti piú facoltosi, come se una parte del tesoro immaginato in cielo fosse ricaduto sulla terra. In relazione alla crescente influenza del denaro, la dottrina della Chiesa sulla vita dopo la morte da argomento speculativo si trasformò in qualcosa di molto piú concreto.

Porno tossina
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Morra, Antonio

Porno tossina / Antonio Morra ; prefazione di Michael Brown

3. ristampa

[Catania] : Verso la meta, 2016

Abstract: Un libro importante su uno dei più grandi problemi che affliggono la chiesa e il mondo oggi: la pornografia. Fedeli membri di chiesa lottano contro essa, gli adolescenti deformano la loro visione del sesso a causa di essa e le donne sono trasformate in oggetti tramite essa. Con questo libro capiremo come tale problema funziona, come si è sparso e come esserne liberati.

Amoris laetitia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Franciscus, papa <1936-> - Franciscus, papa <1936->

Amoris laetitia = La gioia dell'amore : esortazione apostolica sull'amore nella famiglia / Francesco ; guida alla lettura di Serena Noceti

[Milano] : Piemme, 2016

Abstract: L'Esortazione Apostolica postsinodale sull'amore nella famiglia è - per contenuto, forma semplice e linguaggio chiaro - un messaggio rivolto a tutti i battezzati, che può essere letto facilmente anche da coloro che si sentono lontani dalla Chiesa ma interessati ad approfondire il tema delle relazioni familiari e di coppia. Il testo si dispiega in un serrato confronto con quanto emerso da un dibattito sinodale vivace e libero, in alcuni casi anche coraggioso, che ha travalicato le mura dell'aula dei vescovi per aprirsi a discussioni sulla stampa e sui social network, nei convegni dei teologi e negli incontri parrocchiali. Si tratta di un documento frutto di una dinamica ecclesiale per molti aspetti inedita, che ha visto uno svolgimento "in due atti" (il Sinodo straordinario del 2014; il Sinodo ordinario del 2015), preparati da una consultazione aperta a tutti i cristiani, di tutto il mondo, con l'invio di questionari sulle tematiche prese in esame. Papa Francesco, per la prima volta, ha voluto coinvolgere i battezzati nella riflessione preparatoria. Decine di migliaia di risposte hanno contribuito all'analisi della situazione nei diversi contesti socio-culturali. In Amoris laetitia papa Francesco consegna la sua innovativa visione del cammino ecclesiale, la sua peculiare ri-espressione dell'annuncio cristiano, la sua indubbia sensibilità e profonda umanità. Per una migliore individuazione dei temi, il testo è affiancato da titoli sintetici a margine di ogni paragrafo.

Dio, patrie, famiglie
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Simonelli, Cristina <1956->

Dio, patrie, famiglie : le traiettorie plurali dell'amore / Cristina Simonelli

Milano : Piemme, 2016

Abstract: La Presidente delle Teologhe Italiane entra nel dibattito sulla famiglia, sulla crisi del rapporto fra maschilità e femminilità, sulle unioni civili e i diritti delle coppie di fatto, sulle nuove forme di genitorialità, la teoria del gender, le realtà affettive omosessuali e su tutto ciò che si collega inevitabilmente a questi temi: frontiere e popoli in movimento, fragilità e disagio, nascita e morte. Il dibattito è aperto, secondo Cristina Simonelli, che in queste pagine riprende e scardina gli argomenti più spinosi dei due sinodi sulla famiglia e le relative conclusioni dell'Esortazione Apostolica di papa Francesco "Amoris Laetitia". È un percorso di ricerca e provocazione che si aggira fra passi biblici e riferimenti letterari, un pamphlet che infilandosi nelle intricate maglie della modernità lancia suggestioni osando disegnare traiettorie plurali e inclusive. Che cosa fa di una famiglia una vera famiglia? Oggi la vita sentimentale e di coppia è molto difficile, e la Chiesa deve riconoscere il grande merito di chi sceglie di costituire un nucleo familiare. Tuttavia, in una società in cui tutto è precario, liquido, frammentato - dal lavoro alle relazioni - non ci si può aspettare che l'amore e la famiglia non lo siano.

C'è un dopo? La morte e la speranza
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ruini, Camillo <1931->

C'è un dopo? La morte e la speranza / Camillo Ruini

Milano : Mondadori, 2016

Abstract: È ancora possibile oggi, in un mondo dominato dal secolarismo e dalla cultura scientifica, pensare a una vita dopo la morte? Per rispondere a questo interrogativo, a cui nessuno può dirsi disinteressato, il cardinale Ruini sviluppa una riflessione a tutto campo, che mette a confronto storia e attualità, indagine razionale e fede religiosa, scoperte della tecnoscienza e aspirazioni profonde dell'animo umano, e offre una sobria ma toccante testimonianza personale: le esperienze vissute come sacerdote accanto a chi è giunto al traguardo della vita terrena e il modo in cui egli stesso, ormai anziano, sente e vive l'avvicinarsi dell'ultimo viaggio. Prima di affrontare il grande tema dell'esistenza di un aldilà, Ruini prende in esame quella certezza biologica, e insieme quell'enigma filosofico, che è la morte, il cui significato è profondamente cambiato nell'ultimo secolo: l'aumento della preoccupazione per la propria sorte, nei nuovi scenari aperti dal prolungamento dell'attesa di vita, è andato di pari passo con la decostruzione sociale e culturale della morte, ridotta oggi a semplice fatto naturale. Ultima versione di quel fenomeno antico quanto la specie umana che è la fuga dall'idea della propria fine. Nonostante la coscienza della morte e il desiderio di trascenderla attraverso una qualche forma di sopravvivenza siano caratteristiche primarie dell'uomo, costitutive della sua identità, è davvero arduo raggiungere la certezza razionale di una vita dopo la morte.

Dall'ultimo banco
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Scaraffia, Lucetta <1948->

Dall'ultimo banco : la Chiesa, le donne, il sinodo / Lucetta Scaraffia ; prefazione di Corrado Augias

Venezia : Marsilio, 2016

I nodi

Abstract: Al sinodo dei vescovi sulla famiglia dell'ottobre 2015 per la prima volta qualche voce femminile si è fatta sentire e nel documento finale sono state riprese tracce del punto di vista delle donne. Tra loro, Lucetta Scaraffia che, "seduta proprio all'ultimo banco della grande aula del sinodo", ha potuto mettere a fuoco temi e nodi della discussione. In questo libro richiama e amplia quanto affermato nel suo intervento: la Chiesa non può dimenticare che il cristianesimo per primo ha proposto la parità spirituale fra donne e uomini e che è la tradizione cristiana ad aver gettato il seme dell'emancipazione femminile in Occidente. Le donne sono le sole che possano restituire vitalità e cuore a una struttura irrigidita e autoreferenziale. Da queste pagine emerge con forza la consapevolezza che "senza donne", come scrive Scaraffia, "la Chiesa non può pensare il futuro, perché sono le donne che la tengono in piedi e non accettano più di servire senza essere ascoltate". Prefazione di Corrado Augias.

Con il Vara verso Dio
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bocchi, Monica

Con il Vara verso Dio / Monica Bocchi

[S.l. : s.n.], 2015 (Viadana : Arti Grafiche Castello)