Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Data 1999
Includi: tutti i seguenti filtri
× Livello Monografie
× Nomi Jung, Carl Gustav <1875-1961>

Trovati 97 documenti.

Mostra parametri
Tipi psicologici
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Jung, Carl Gustav <1875-1961>

Tipi psicologici / Carl Gustav Jung

Fabbri, 2014

Abstract: Dal momento della loro prima pubblicazione nel 1921 i Tipi psicologici hanno costituito uno dei testi junghiani di maggiore diffusione. Nel libro Jung abbandona la pretesa, che era ancora di Freud, di concepire la psicologia come una scienza esatta, e riconosce invece come ineliminabile la presenza di un fattore irriducibilmente soggettivo. Nell'elaborazione delle sue osservazioni cliniche, sulle quali si fonda la definizione e la descrizione degli otto tipi psicologici principali, egli integra la scoperta della realtà dell'inconscio, costituendo così la sua tipologia come psicodinamica, nel senso che la psiche individuale è vista nel rapporto dialettico di conscio e inconscio, e teorizza la presa di coscienza come progressivo superamento delle opposizioni.

Psicologia e religione
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Jung, Carl Gustav <1875-1961>

Psicologia e religione ; Saggio d'interpretazione psicologica del dogma della Trinita'/ Carl Gustav Jung ; traduzione di Bruno Veneziani [Psicologia e religione] ; traduzione di Olga Bovero Caporali [Saggio d'interpretazione psicologica del dogma della Trinita']

Torino : Bollati Borignhieri, 2013

Abstract: Profondo conoscitore della religione, Carl Gustav Jung dedicò grande attenzione allo studio e all'analisi di quella che considerava una pulsione archetipica fondamentale. Dal suo punto di vista i dati religiosi devono essere avvicinati come la manifestazione storica di una costituente peculiare ed essenziale della realtà umana e sempre a partire da accadimenti interiori vissuti dal singolo individuo. Nelle due opere qui raccolte, Psicologia e religione e Saggio d'interpretazione psicologica del dogma della Trinità, Jung, sottolineandone la validità psicologica, svela tutta la sua capacità di analisi dei simboli e delle loro funzioni.

Il libro rosso
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Jung, Carl Gustav <1875-1961>

Il libro rosso : Liber novus / C. G. Jung ; a cura di Sonu Shamdasani ; prefazione di Ulrich Hoerni ; traduzione di Maria Anna Massimello, Giulio Schiavoni e Giovanni Sorge

Ed. studio

Torino : Bollati Boringhieri, 2012

Abstract: Jung lavorò al Libro rosso- incomparabile verbale dei sogni e delle visioni che popolarono il suo viaggio di esplorazione verso l'altro polo del mondo dal 1913 al 1930, e ancora in tardissima età lo definì una sorta di presagio numinoso, l'opera di fondazione in cui aveva deposto il nucleo vitale e di pensiero della sua futura attività scientifica. Il Libro rosso è, in effetti, il libro segreto di Jung. Segreto soprattutto in quanto riproduzione simbolica di un universo altro, popolato di immagini interiori che provengono da un aldilà mitico, in cui si caricano di una potenza numinosa che le rende a un tempo guaritrici e pericolose: operatori magici di forze psichiche autonome che solo attraverso un corpo a corpo con l'inconscio è possibile neutralizzare e incanalare in un percorso terapeutico. Quella che Jung chiamerà più tardi immaginazione attiva, è appunto lo strumento inedito di cui egli si servì per suscitare i contenuti archetipici della psiche. Con il suo tesoro di esperienze iniziatiche e meditazioni sapienziali il Libro rosso si situa dunque al centro di una straordinaria sperimentazione che ne fa un unicum nel panorama novecentesco. La sua pubblicazione, a distanza di quasi cinquant'anni dalla morte di Jung, ha segnato un punto di svolta negli studi sulla psicologia analitica. La presente edizione riproduce integralmente il testo, senza le tavole dipinte con cui Jung illustrò la sua discesa agli inferi.

L'uomo e i suoi simboli
0 0 0
Materiale linguistico moderno

L'uomo e i suoi simboli / di Carl Gustav Jung e Marie-Louise von Franz ... [et al.] ; coordinato da John Freeman

5. ed

Milano : Tea, 2007

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Pur essendo l'ultima opera di Jung, L'uomo e i suoi simboli rappresenta forse la più valida introduzione al suo pensiero, poiché si tratta dell'unico testo a carattere dichiaratamente divulgativo pubblicato dal grande psicologo svizzero. Oltre al saggio di Jung, Introduzione all'inconscio, il volume raccoglie quattro contributi dei suoi più stretti collaboratori: Marie-Louise von Franz, Joseph L. Henderson, Jolande Jacobi e Aniela Jaffé. Ne risulta una trattazione a più voci, chiara ed essenziale, della «psicologia analitica», una limpida esposizione di cosa sia l'«inconscio collettivo» e di come si manifesti.

L'albero filosofico
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Jung, Carl Gustav <1875-1961>

L'albero filosofico / Carl Gustav Jung

Torino : Bollati Boringhieri, 2007

Abstract: L'albero o pianta miracolosa è una delle immagini archetipiche che ricorrono più di frequente nel folclore, nei miti e nelle fiabe, e in questo saggio Jung si propone di scandagliarne le molteplici valenze simboliche. Partendo dalla propria esperienza di terapeuta e dallo studio dell'alchimia medievale, il fondatore della psicologia analitica dimostra come dai prodotti spontanei dell'inconscio nell'uomo moderno affiori un archetipo che lascia riconoscere paralleli evidenti con la figura dell'albero in tutte le sue modificazioni storiche. Ai disegni spontanei dei pazienti, presentati nella prima parte del volume, fanno da contrappunto le dotte descrizioni dell'arbor philosophica degli alchimisti. Identica è la fisionomia simbolica che ne emerge: fonte di vita e di protezione, luogo della trasformazione e del rinnovamento, l'albero è di natura femminile e materna, è l'albero della saggezza e della conoscenza, simbolo della totalità del Sé.

1: <<Lettere>> 1906-1945
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Jung, Carl Gustav <1875-1961>

1: <<Lettere>> 1906-1945 / Carl Gustav Jung

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: L'atteggiamento di C. G. Jung nei confronti delle proprie lettere era ambivalente. Lo gravavano di un lavoro supplementare, e la massa, talvolta impressionante, di posta quotidiana lo assillava; tuttavia sentiva, in misura sempre crescente, il bisogno di corrispondere con il resto del mondo su questioni scientifiche, di rettificare malintesi nell'interpretazione dei suoi pensieri o di indicare una via a chi gli chiedeva consiglio. Venne così accumulandosi, nel corso di decenni, una grande quantità di lettere. Esse rappresentano oggi un complemento e una sorta di commento alla sua opera. Fu l'aspetto scientifico delle lettere a favorire la decisione di Jung di accordare il permesso per la loro pubblicazione. In origine aveva respinto fermamente quest'idea, non volendo presentare al pubblico ciò che era nato come espressione spontanea e come comunicazione. Il carattere frammentario del contenuto e una certa estemporaneità della forma non corrispondevano, peraltro, al suo bisogno di accuratezza. Negli anni tardi, quando il piano di pubblicazione delle lettere era già fissato, di tanto in tanto osservava che quanto appena dettato era formulato non solo come comunicazione al destinatario, ma soprattutto per le lettere. (dalla prefazione della curatrice)

2: <<Lettere>> 1946-1955
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Jung, Carl Gustav <1875-1961>

2: <<Lettere>> 1946-1955 / Carl Gustav Jung

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: L'atteggiamento di C. G. Jung nei confronti delle proprie lettere era ambivalente. Lo gravavano di un lavoro supplementare, e la massa, talvolta impressionante, di posta quotidiana lo assillava; tuttavia sentiva, in misura sempre crescente, il bisogno di corrispondere con il resto del mondo su questioni scientifiche, di rettificare malintesi nell'interpretazione dei suoi pensieri o di indicare una via a chi gli chiedeva consiglio. Venne così accumulandosi, nel corso di decenni, una grande quantità di lettere. Esse rappresentano oggi un complemento e una sorta di commento alla sua opera. Fu l'aspetto scientifico delle lettere a favorire la decisione di Jung di accordare il permesso per la loro pubblicazione. In origine aveva respinto fermamente quest'idea, non volendo presentare al pubblico ciò che era nato come espressione spontanea e come comunicazione. Il carattere frammentario del contenuto e una certa estemporaneità della forma non corrispondevano, peraltro, al suo bisogno di accuratezza. Negli anni tardi, quando il piano di pubblicazione delle lettere era già fissato, di tanto in tanto osservava che quanto appena dettato era formulato non solo come comunicazione al destinatario, ma soprattutto per le lettere. (dalla prefazione della curatrice)

3: <<Lettere>> 1956-1961
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Jung, Carl Gustav <1875-1961>

3: <<Lettere>> 1956-1961 / Carl Gustav Jung

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: L'atteggiamento di C. G. Jung nei confronti delle proprie lettere era ambivalente. Lo gravavano di un lavoro supplementare, e la massa, talvolta impressionante, di posta quotidiana lo assillava; tuttavia sentiva, in misura sempre crescente, il bisogno di corrispondere con il resto del mondo su questioni scientifiche, di rettificare malintesi nell'interpretazione dei suoi pensieri o di indicare una via a chi gli chiedeva consiglio. Venne così accumulandosi, nel corso di decenni, una grande quantità di lettere. Esse rappresentano oggi un complemento e una sorta di commento alla sua opera. Fu l'aspetto scientifico delle lettere a favorire la decisione di Jung di accordare il permesso per la loro pubblicazione. In origine aveva respinto fermamente quest'idea, non volendo presentare al pubblico ciò che era nato come espressione spontanea e come comunicazione. Il carattere frammentario del contenuto e una certa estemporaneità della forma non corrispondevano, peraltro, al suo bisogno di accuratezza. Negli anni tardi, quando il piano di pubblicazione delle lettere era già fissato, di tanto in tanto osservava che quanto appena dettato era formulato non solo come comunicazione al destinatario, ma soprattutto per le lettere. (dalla prefazione della curatrice)

Lettere
0 0 0
Monografie

Jung, Carl Gustav <1875-1961>

Lettere / Carl Gustav Jung; a cura di Aniela Jaffe; in collaborazione con Gerhard Adler

Roma : Magi, 2006

Abstract: L'atteggiamento di C. G. Jung nei confronti delle proprie lettere era ambivalente. Lo gravavano di un lavoro supplementare, e la massa, talvolta impressionante, di posta quotidiana lo assillava; tuttavia sentiva, in misura sempre crescente, il bisogno di corrispondere con il resto del mondo su questioni scientifiche, di rettificare malintesi nell'interpretazione dei suoi pensieri o di indicare una via a chi gli chiedeva consiglio. Venne così accumulandosi, nel corso di decenni, una grande quantità di lettere. Esse rappresentano oggi un complemento e una sorta di commento alla sua opera. Fu l'aspetto scientifico delle lettere a favorire la decisione di Jung di accordare il permesso per la loro pubblicazione. In origine aveva respinto fermamente quest'idea, non volendo presentare al pubblico ciò che era nato come espressione spontanea e come comunicazione. Il carattere frammentario del contenuto e una certa estemporaneità della forma non corrispondevano, peraltro, al suo bisogno di accuratezza. Negli anni tardi, quando il piano di pubblicazione delle lettere era già fissato, di tanto in tanto osservava che quanto appena dettato era formulato non solo come comunicazione al destinatario, ma soprattutto per le lettere. (dalla prefazione della curatrice)

La psicologia dell'inconscio
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Jung, Carl Gustav <1875-1961>

La psicologia dell'inconscio / Carl Gustav Jung

5. ed.

Roma : Newton Compton, 2005

Visioni
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Jung, Carl Gustav <1875-1961>

Visioni : appunti del Seminario tenuto negli anni 1930-1934 / Carl Gustav Jung ; a cura di Claire Douglas ; traduzione e cura Luciano Perez, Maria Luisa Ruffa

Roma : Edizioni Magi, 2004

Abstract: Il Seminario prende l'avvio dal caso di una donna americana di circa trent'anni, Christiana Morgan, seguita da Jung in un percorso analitico all'interno del quale si erano presentate visioni piuttosto articolate. Le stesse visioni diventano, nei corso delle Conferenze, un viaggio all'interno della psiche inconscia in un itinerario saturo di incontri di chiara natura archetipica. Attraverso le straordinarie amplificazioni di queste immagini, Jung spalanca le porte all'intero universo della propria ricerca intellettuale e del proprio confronto con l'inconscio. Abbandonando completamente la prospettiva della coscienza, che lo aveva in parte guidato nel corso dell'analisi, volge tutto il suo interesse al linguaggio immaginale.

Analisi dei sogni
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Jung, Carl Gustav <1875-1961>

Analisi dei sogni : seminario tenuto nel 1928-30 / Carl Gustav Jung ; a cura di William McGuire ; edizione italiana a cura di Luciano Perez ; saggio introduttivo di Augusto Romano

Torino : Bollati Boringhieri, 2003

Abstract: L'interesse per il sogno come testimonianza dell'esistenza dell'inconscio è inseparabile dal pensiero di Jung, e spesso costituisce il fondamento empirico della sua teorizzazione. Il sogno è il tema attraverso il quale Jung elabora le più sostanziali fra le sue critiche della concezione freudiana. L'analisi dei sogni, cioè la scoperta di questi nuovi pensieri, deve avvenire all'interno di una relazione fra due individui. Su questo punto, Jung anticipa le idee odierne circa la natura fondamentalmente paritaria della relazione fra paziente e analista, con la necessità che quest'ultimo tenga sempre presente e metta in gioco la propria soggettività.

10.2: Civilta in transizione. Dopo la catastrofe
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Jung, Carl Gustav <1875-1961>

10.2: Civilta in transizione. Dopo la catastrofe / Carl Gustav Jung

2.2: Ricerche sperimentali
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Jung, Carl Gustav <1875-1961>

2.2: Ricerche sperimentali / Carl Gustav Jung

10.1: Civilta in transizione. Il periodo fra le due guerre
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Jung, Carl Gustav <1875-1961>

10.1: Civilta in transizione. Il periodo fra le due guerre / Carl Gustav Jung

2.1: L'associazione verbale negli individui normali
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Jung, Carl Gustav <1875-1961>

2.1: L'associazione verbale negli individui normali / Carl Gustav Jung

Ricordi, sogni, riflessioni di C. G. Jung
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Jung, Carl Gustav <1875-1961>

Ricordi, sogni, riflessioni di C. G. Jung / raccolti ed editi da Aniela Jaffe ; traduzione di Guido Russo

Ed. riveduta e accresciuta

Milano : Biblioteca universale Rizzoli, 1998

Vol. 15: Psicoanalisi e psicologia analitica
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Jung, Carl Gustav <1875-1961>

Vol. 15: Psicoanalisi e psicologia analitica / Carl Gustav Jung

Abstract: Il volume ci presenta Jung nella veste di docente e divulgatore dei principi basilari del suo pensiero teorico. Il più ampio dei contributi qui raccolti, Fondamenti della psicologia analitica, riproduce infatti la trascrizione stenografica delle lezioni tenute nella londinese Tavistock Clinic. La vita simbolica è la trascrizione di un seminario tenuto nel 1939 alla Guild of Pastoral Psychology di Londra. Il saggio Simboli e l'interpretazione dei sogni nasce invece dalla decisione presa da Jung, poco prima di morire, di presentare le proprie teorie a un ampio pubblico di non specialisti. Completano il volume due saggi sulla persona e sulle teorie di Freud.

Vol. 9.1: Gli archetipi e l'inconscio collettivo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Jung, Carl Gustav <1875-1961>

Vol. 9.1: Gli archetipi e l'inconscio collettivo / Carl Gustav Jung

Abstract: Gli scritti raccolti in questo volume sono dedicati al concetto di archetipo e di inconscio collettivo, che si possono considerare il nucleo centrale della concezione junghiana della realtà psichica, e sono fra gli aspetti più noti anche al pubblico generale dell'intera opera di Jung.

Vol. 9.2: Aion
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Jung, Carl Gustav <1875-1961>

Vol. 9.2: Aion : ricerche sul simbolismo del Se / Carl Gustav Jung

Abstract: Il saggio Aion è del 1951 e insieme a Gli archetipi e l'inconscio collettivo, propone le caratteristiche che formano il fascino dell'opera di Jung, un complesso intreccio di esperienza psicoanalitica e di vastissime conoscenze scientifiche e umanistiche.