Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Editore Il *Mulino <casa editrice>
× Soggetto Credo cattolico
× Editore Paoline <casa editrice>
Includi: tutti i seguenti filtri
× Nomi Benedictus XVI, papa <1927->
× Soggetto Fede
× Nomi Manuele : il Paleologo

Trovati 1 documenti.

Mostra parametri
Dialoghi con un musulmano
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Dialoghi con un musulmano / Manuele il Paleologo ; [traduzione di Federico Artioli]. Logos : la ragione in Dio / [testi di] Benedetto 16. ... [et al.]

Bologna : ESD, [2008]

Abstract: Non agire secondo ragione è contrario alla natura di Dio»: è questa l'affermazione centrale del dialogo tra l'imperatore di Co-stantinopoli, Manuele II Paleologo, e il maestro persiano suo ospite. Questo dialogo, avvenuto ad Ankara intorno al 1391, è ritornato alla ribalta grazie alla citazione che Benedetto XVI ne ha fatto nel famoso discorso tenuto all'Università di Ratisbona il 12 settembre 2006. In seguito a questo intervento si sono moltipllcati gli scambi culturali tra intellettuali cristiani e intellettuali islamici, e anche i non credenti si sono interrogati sul rapporto esistente tra Dio e la razionalità umana. Questo libro si apre proprio con il testo integrale del discorso di Benedetto XVI all'Università di Ratisbona, prosegue con tre capitoli, rispettivamente di Carlo Caffarra, Angelo Scola e Giuseppe Barzaghi, che ci introducono a cogliere alcuni aspetti del dialogo e in particolare trattano del rapporto tra Dio-Logos rivelatosi in Cristo e la ragione umana.Quindi, è riportato il testo integrale tradotto in italiano de! famoso dialogo tra Manuele II e il suo maestro persiano. Le affermazioni più decisive che se ne traggono sono che: non ha senso professare una fede sotto la minaccia della violenza; è riconosciuta la ragionevolezza della libertà religiosa e il fondamento di qualsiasi dialogo.Manuele II Paleologo nacque nel 1350, divenne imperatore di Costantinopoli nel 1391 e morì nel 1425. Nei primi anni della sua vita coltivò gli studi letterari e teologici, approfondendo la conoscenza diretta del pensiero dei classici greci e dei Padri della Chiesa. Divenuto imperatore in una contingenza storica particolarmente difficile e amara, seppe governare con abilità e intelligente prudenza.