Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Paese Germania
× Nomi Bauman, Zygmunt <1925-2017>
× Data 2014
Includi: tutti i seguenti filtri
× Genere Testo non letterario
× Soggetto Finanza

Trovati 2 documenti.

Mostra parametri
Finalmente ho capito la finanza
0 0 0
Materiale linguistico moderno

De Pra, Maurizio <informatico>

Finalmente ho capito la finanza / Maurizio De Pra

Milano : Vallardi, 2015

Abstract: Fusioni, acquisizioni, piani industriali, ristrutturazioni, indici di borsa, risultati trimestrali... sono solo alcuni degli argomenti in cui ci si imbatte sfogliando le pagine economiche dei quotidiani. La finanza oggi è in mezzo a noi e ci incuriosisce sempre di più: se vogliamo imparare a orientarci tra le dinamiche delle leggi economiche, non solo per capire come valutare le performance delle imprese quotate in borsa, ma anche per scoprire come funzionano i mercati finanziari, allora questo è il libro giusto. Grazie al linguaggio semplice, ai numerosi esempi tratti dalla realtà. Finalmente ho capito la finanza spiega in modo chiaro e organico i concetti, i legami e i meccanismi di base del mercato.

Il denaro, il debito e la doppia crisi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gallino, Luciano <1927-2015>

Il denaro, il debito e la doppia crisi : spiegati ai nostri nipoti / Luciano Gallino

Torino : Einaudi, 2015

Passaggi Einaudi

Abstract: "Quel che vorrei provare a raccontarvi è per certi versi la storia di una sconfitta politica, sociale, morale. Abbiamo visto scomparire due idee e relative pratiche che giudicavamo fondamentali: l'idea di uguaglianza, e quella di pensiero critico". Causa fondamentale della sconfitta dell'uguaglianza è stata, per Gallino, dagli anni Ottanta in poi, la doppia crisi, del capitalismo e del sistema ecologico, strettamente collegate tra loro. La stessa crisi del capitalismo ha molte facce: l'incapacità di vendere tutto quello che produce; la riduzione drastica dei produttori di beni e servizi; il parallelo sviluppo del sistema finanziario al di là di ogni limite. A questa crisi il capitalismo ha reagito accrescendo lo sfruttamento irresponsabile dei sistemi che sostengono la vita - il "sistema ecologico"-. Il tutto con il ferreo sostegno di un'ideologia, il neoliberalesimo, che riducendo tutti a mere macchine contabili dà corpo a una povertà dell'azione politica quale non si era forse mai vista nella storia.