Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Paese Germania
× Data 2012
× Soggetto Sec. XXI
Includi: tutti i seguenti filtri
× Livello Monografie
× Materiale A stampa
× Nomi Bonomi, Aldo <1950->

Trovati 9 documenti.

Mostra parametri
Tessiture sociali
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bonomi, Aldo <1950-> - Pugliese, Francesco

Tessiture sociali : la comunità, l'impresa, il mutualismo, la solidarietà / Aldo Bonomi, Francesco Pugliese

Egea, 2018

Abstract: Nel momento in cui tanti volgono lo sguardo verso la sharing economy, l’industria 4.0 e le smart city, questo è un libro provinciale, frutto di un percorso che, snodandosi sul territorio del nostro Paese, ha raccolto la narrazione di tante vite minuscole. Una sorta di antropologia del quotidiano, un piccolo saggio sui cambiamenti della società italiana osservata rasoterra – dal banco del salumiere, per così dire. Un viaggio in luoghi, al crocevia di flussi, che al più possono aspirare a diventare «smart land». Luoghi nei quali la prossimità territoriale, il radicamento e il fare comunità emergono come fattori economici e di competitività, tra commercio, distribuzione globale e km0. Nell’epoca dell’individualismo compiuto, questo viaggio scandito nelle tappe del Grande Viaggio Insieme promosso da Conad porta con sé un segno di speranza: verso il fare società partendo da ciò che resta della comunità, per ricordare a economia e politica che senza società non si danno né economia né politica.

Sotto la pelle dello Stato
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bonomi, Aldo <1950->

Sotto la pelle dello Stato : rancore, cura, operosita' / Aldo Bonomi

Milano : Feltrinelli, 2010

Abstract: Nella palude. La fase attuale della politica italiana potrebbe essere efficacemente riassunta così: da una parte il populismo di territorio di marca leghista, dall'altra il populismo del sogno berlusconiano. Nel mezzo una sorta di populismo giustizialista, marcato dai segni inquietanti dell'invidia sociale. Il tratto comune di questi fenomeni sta nel rinserrarsi cieco nei propri egoismi territoriali, nelle invidie di vicinato, nel gossip televisivo. Mai come ora c'è stato bisogno di politica, in grado di ripensare i comportamenti collettivi nel contesto di spaesamento prodotto dalla globalizzazione. Rancore, cura, operosità sono metafore sociali che indicano i modi differenti in cui i soggetti si relazionano di fronte alle difficili sfide poste dalla vita quotidiana. C'è un grave pericolo che bisogna evitare: la saldatura politica tra la comunità del rancore, con le sue paure già quotate da tempo al mercato della politica, e le preoccupazioni e le angustie degli operosi che pur con mille difficoltà fanno impresa nella globalizzazione. Solo coniugando insieme la comunità di cura figlia del welfare e fatta di operatori, medici, insegnanti, impresa sociale, volontariato, che quotidianamente si impegnano sul territorio per produrre inclusione sociale, con il mondo degli operosi si potrà costruire una società aperta. Sta in questo corno la sfida della fase attuale.

Milano ai tempi delle moltitudini
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bonomi, Aldo <1950->

Milano ai tempi delle moltitudini : vivere, lavorare, produrre nella città infinita / Aldo Bonomi

Milano : Bruno Mondadori, c2008

Abstract: Le grandi città sono da sempre il crogiuolo dei grandi cambiamenti sociali e economici; il luogo in cui si presentano prima e in modo più netto. In Italia Milano è sempre stato il luogo della trasformazione e della modernità per definizione. Ma oggi la vecchia Milano industriale della grande borghesia legata alla città, delle botteghe artigiane, della classe operaia, non c'è più. Tutto è mutato. È emersa una nuova composizione sociale figlia dell'impatto della città con la globalizzazione. La città, la sua composizione sociale, si è scomposta in cinque cerchi produttivi e dei lavori. Questo libro li racconta.

Il rancore
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bonomi, Aldo <1950->

Il rancore : alle radici del malessere del Nord / Aldo Bonomi

Milano : Feltrinelli, 2008

Abstract: Sono ormai vent'anni che il Nord, la parte più dinamica e ricca del paese, manifesta in vari modi il proprio disagio. In passato lo ha fatto affidando con forza la delega politica a un partito che esprimeva gli interessi del territorio regionale, la Lega Nord. Oggi invece manifesta il suo rancore con un atteggiamento di sfiducia nel complesso del mondo politico, e in particolare nei confronti dei partiti di centro-sinistra. La politica viene accusata di essere troppo lenta nel risolvere i problemi posti dallo sviluppo produttivo, ma anche di avere un atteggiamento vessatorio, per esempio sulla questione fiscale generale e soprattutto nei confronti del cosiddetto mondo delle partite Iva (ormai circa sette milioni in tutta Italia). Il Nord in realtà si trova di fronte a una sfida importante perché sotto sforzo per poter competere a livello mondiale. Per fare questo, la richiesta è rivolta affinchè la politica tenda a riterritorializzarsi: non ha difatti bisogno di una politica di sorvolo, ma di accompagnamento concreto dei territori in Europa e nel mondo.

Famiglia spa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bonomi, Aldo <1950-> - Rampello, Davide

Famiglia spa : convivenza generazionale e longevita dell'impresa / Aldo Bonomi, Davide Rampello ; con i contributi di Francesco Cancellato ... [et al.]

Milano : Il sole 24 ore, 2007

Abstract: L'impresa nel nostro paese non è mai stata soltanto molecola del capitale ma ha piuttosto rappresentato un progetto di vita, sottolineava un eminente studioso di economie locali. Piccola dimensione delle imprese, radicamento territoriale e marcata connotazione familiare della compagine societaria sono infatti tre caratteristiche peculiari del capitalismo italiano. Caratteristiche che assumono grande importanza se consideriamo il periodo molto particolare che stiamo vivendo: ci troviamo di fronte al tramonto fisiologico della vasta leva di imprenditori cresciuta a partire dalla metà degli anni Cinquanta e a un mutato contesto competitivo indotto dalla globalizzazione dell'economia. Ecco allora che il tema della convivenza generazionale sale alla ribalta. Convivenza generazionale come elemento da affrontare con convinzione, consapevoli che possa creare le basi per l'identità e la continuità dell'impresa. Convivenza generazionale come fase dalla quale l'azienda può attingere nuova linfa per il suo stesso sviluppo. Partendo da un'analisi del capitalismo italiano e dal complesso rapporto tra generazioni il volume coglie similitudini e caratteristiche della struttura portante del modello capitalistico italiano -le piccole e medie imprese - e desume dalla viva voce dei protagonisti come hanno affrontato la questione del convivenza generazionale e della longevità dell'impresa.

Che fine ha fatto la borghesia?
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bonomi, Aldo <1950-> - Cacciari, Massimo <1944-> - De Rita, Giuseppe <1932->

Che fine ha fatto la borghesia? : dialogo sulla nuova classe dirigente in Italia / Aldo Bonomi, Massimo Cacciari, Giuseppe De Rita ; a cura di Antonino Zaniboni

Torino : Einaudi, [2004]

Abstract: Tre voci fra Le più autorevoli si interrogano sul significato attuale della parola borghesia. Aprendo il dialogo il filosofo Massimo Cacciari si chiede se oggi, in presenza di un capitalismo sempre più impersonale, la borghesia viva ancora il proprio essere-proprietario come un obbligo e una responsabilità. Giuseppe De Rita indaga la storia della borghesia italiana dal miracolo economico all'imborghesimento degli anni '60-'70, fino ai processi più recenti. Aldo Bonomi traccia gli attuali perimetri di una neoborghesia sul territorio, individuandone profili inediti: dalle piccole-medie imprese diffuse all'area della net economy. Il volume è curato e introdotto da Antonino Zaniboni.

Il distretto del piacere
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bonomi, Aldo <1950->

Il distretto del piacere / Aldo Bonomi

Torino : Bollati Boringhieri, c2000

Abstract: Pensiamo ai percorsi dei fine settimana che dilagano e che si segmentano su una vasta rete di luoghi e di nonluoghi: autostrade, parcheggi, parchi tematici, locali, discoteche. Una moltitudine pecorre questo arcipelago alla ricerca del divertimento. Come per la fabbrica fordista o per il capitalismo molecolare ci sono città, distretti produttivi dov'è possibile osservare le forme dei lavori e dei conflitti così in quel territorio che va da Gardaland, Ferrara, Rimini, Riccione, sino a Bologna si dispiega la fabbrica libertina che può essere indagata e raccontata come il distretto del piacere.

Manifesto per lo sviluppo locale
0 0 0
Materiale linguistico moderno

De Rita, Giuseppe <1932-> - Bonomi, Aldo <1950->

Manifesto per lo sviluppo locale : dall'azione di comunita ai Patti territoriali / Giuseppe De Rita e Aldo Bonomi

Torino : Bollati Boringhieri, 1998

Abstract: La prima parte del volume, redatta da Giuseppe de Rita, contiene la filosofia generale di un progetto e di una forma d'intervento che assegna la priorità all'agire locale - coordinato e orientato a livello nazionale - sul centralismo che continua a dominare quando si tratta di sviluppo o di redistribuzione assistenziale. La seconda parte, redatta da Aldo Bonomi, espone teoria e pratica dei patti territoriali, ovvero intese a livello locale coordinate secondo un modello e un metodo nazionale che vedono riuniti amministrazioni locali, sindacati, università che si concertano a livello subregionale per ottimizzare le risorse locali, economiche e culturali, in vista dello sviluppo e della creazione d'impresa.

Il capitalismo molecolare
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bonomi, Aldo <1950->

Il capitalismo molecolare : la societa al lavoro nel Nord Italia / Aldo Bonomi. - Torino : Einaudi, [1997]

XI, 169 p. ; 20 cm.

Abstract: Nel Nord vi sono 67,9 imprese ogni 1.000 abitanti, la dimensione (molecolare) è di 4,9 addetti per impresa. Secondo i dati del CENSIS, di queste solo il 18,5% sono imprese manifatturiere e, sul totale di queste, il 13,7% sono imprese di servizi alle imprese. Bonomi intende sfatare alcuni luoghi comuni, illustrando come grande fabbrica e pubblica amministrazione occupino ormai una minima parte del popolo dei produttori del Nord. E quanto questo nuovo capitalismo, che si definisce molecolare, abbia nel lavoro sommerso e invisibile il suo paradigma.