Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Paese Germania
× Data 2012
× Editore Giulio Einaudi editore <Torino>
× Nomi Bauman, Zygmunt <1925-2017>
× Soggetto Europa
Includi: tutti i seguenti filtri
× Data 2011
× Target di lettura Adulti, generale

Trovati 39 documenti.

Mostra parametri
In direzione ostinata e contraria
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Favilli, Paolo

In direzione ostinata e contraria : per una storia di Rifondazione comunista / Paolo Favilli

Roma : DeriveApprodi, 2011

DeriveApprodi ; 99

Abstract: Una storia del Partito della rifondazione comunista a vent'anni dalla sua nascita. Un bilancio dei suoi successi e dei suoi errori nel contesto della crisi politica e culturale della sinistra italiana. Una meditata riflessione critica su un'esperienza collettiva non solo politica ma anche culturale, esistenziale, affettiva. Vent'anni di una storia analizzata nel contesto e nell'intreccio di grandi accadimenti che hanno trasformato a fondo la realtà sociale del paese: dalla nascita della Seconda Repubblica all'affermarsi della globalizzazione economica neoliberista.

Dal Codex wangianus all'essenza sulfurea
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Zammatteo, Paolo <1964->

Dal Codex wangianus all'essenza sulfurea : arte mineraria e metallurgica nel Principato di Trento / Paolo Zammatteo

Centro studi Vox populi, 2011

Italia al lavoro
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Alinari <fratelli Alinari>. Archivio

Italia al lavoro : dagli archivi storici dei fratelli Alinari / [a cura di Stefano Musso]

Milano : BPM ; Firenze : Alinari 24 ore, 2011

Il Noto servizio, Giulio Andreotti e il caso Moro
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Giannuli, Aldo <1952-> - Giannuli, Aldo <1952->

Il Noto servizio, Giulio Andreotti e il caso Moro / Aldo Giannuli

Tropea, 2011

Abstract: La sicurezza e l'ordine, in Italia, sono state spesso il frutto di trame oscure: i protagonisti politici della Prima Repubblica hanno salvaguardato il bene supremo dello Stato in continuità con il fascismo e sotto il controllo degli americani, affidandosi a una messe di personaggi senza scrupoli, una folla livida che ha agito nell'ombra, nel disprezzo della volontà popolare. Questo libro fornisce un contributo importante nella difficile ricostruzione di una verità (combattuta, lacerata, incompleta) sulla storia politica e giudiziaria del nostro paese, rivelando l'esistenza di un servizio segreto clandestino nato negli anni della guerra e poi sopravvissuto, con varie trasformazioni, fino agli anni Ottanta. Questo servizio ebbe come suo referente politico Giulio Andreotti, con la cui parabola politica si è intrecciato strettamente. È il Noto servizio, altrimenti conosciuto come Anello, che ricorre nelle pagine più nere della storia d'Italia, dal golpe di Junio Valerio Borghese alle principali vicende della strategia della tensione, dalla strage di piazza Fontana a quella di piazza della Loggia, fino al caso Moro, del quale l'autore offre una lettura del tutto inedita, egualmente distante dalla dietrologia e dall'accettazione delle verità di Stato.

La costituzione degli Ateniesi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Aristoteles <384/83 a.C.-322 a.C.> - Aristoteles <384/83 a.C.-322 a.C.>

La costituzione degli Ateniesi / Aristotele ; introduzione, traduzione e note di Mario Bruselli

4. ed.

BUR, 2011

I falsi protocolli
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Romano, Sergio <1929->

I falsi protocolli : il complotto ebraico dalla Russia di Nicola 2. a oggi / di Sergio Romano ; con una prefazione dell'autore

Milano : Longanesi, 2011

Il Cammeo ; 543

Abstract: Nei primi anni del Novecento cominciò a circolare - dapprima in Russia, poi nell'Europa occidentale e negli Stati Uniti - un libro dal titolo apparentemente neutro, "I Protocolli dei savi anziani di Sion" (il cui testo è qui riprodotto in appendice), che descrive in ogni particolare la strategia messa in atto dagli ebrei per conquistare il mondo. Riconoscendovi il plagio di un pamphlet contro Napoleone III e di altri coevi testi antisemiti, nel 1921 il Times dimostrò che i Protocolli erano un falso, ed erano stati scritti probabilmente a Parigi da agenti dell'Ochrana (il servizio segreto zarista) per fomentare i pogrom che insanguinavano il declino dell'impero. Nonostante la comprovata falsità, i Protocolli sono in seguito riaffiorati periodicamente a sostegno di ogni campagna antiebraica: nella Germania hitleriana e nell'Italia fascista, in Medio Oriente (dove arrivarono "nei bagagli della propaganda di Goebbels") e nella Russia dei nostri giorni. Sergio Romano non solo ripercorre in modo capillare i retroscena delle vicende legate a questa colossale mistificazione, ma indaga anche gli scopi cui essa è servita e gli orrori che ha contribuito a provocare nel secolo scorso.

Il medium è il massaggio
0 0 0
Materiale linguistico moderno

McLuhan, Marshall <1911-1980> - McLuhan, Marshall <1911-1980> - Fiore, Quentin - Fiore, Quentin

Il medium è il massaggio : un inventario di effetti / Marshall McLuhan, Quentin Fiore ; prodotto da Jerome Agel

Corraini, 2011

Abstract: Pubblicato per la prima volta nel 1967 con grafica di Quentin Fiore, The Medium is the Massage. An inventory of effects è uno dei testi fondamentali del Novecento sulla teoria della comunicazione. A partire dalla constatazione che i media sono estensioni delle facoltà fisiche e psichiche dell'uomo, McLuhan vi tratteggia l'effetto che ogni mezzo di comunicazione in sé ha sui sensi.

Mugello sottosopra
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Baldanzi, Simona

Mugello sottosopra : tute arancione nei cantieri delle grandi opere / Simona Baldanzi

Ediesse, 2011

È un meridionale però ha voglia di lavorare
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Agliani, Tatiana - Lucas, Uliano - Bigatti, Giorgio - Lucas, Uliano <1942-> - Bigatti, Giorgio <docente di storia economica>

È un meridionale però ha voglia di lavorare / Tatiana Agliani, Giorgio Bigatti, Uliano Lucas

Milano : Angeli, 2011

Abstract: Molte delle storie di migranti che vediamo e sentiamo nelle nostre strade hanno il sapore del déjà vu. Si apparentano alle fatiche e alle sofferenze dei nostri connazionali che mezzo secolo fa vedevano in Milano la città del miracolo economico, il miraggio del benessere o almeno dell'uscita dalla miseria. La loro vita, a volte drammatica, sempre difficile, è stata fissata, tra gli altri, dai cronisti dei quotidiani, che allora sapevano fare indagine sociale. Con le immagini scattate dai reporter de l'Unità in quei decenni, Uliano Lucas e Tatiana Agliani hanno costruito un racconto fotografico a volte duro e crudele, sempre coinvolgente, che ci restituisce di quegli anni la disperazione e la speranza, i patimenti e l'eroica pazienza di quanti, e furono decine di migliaia, abbandonarono le campagne, al Sud come al Nord, inseguendo il sogno di una vita migliore. Giorgio Bigatti, nel brillante saggio introduttivo, sullo sfondo di un secolo di immigrazione a Milano, ci narra come quella gente, con la sua feroce volontà di uscire dalla miseria, sia stata uno dei motori dello sviluppo della capitale del miracolo in anni tumultuosi.

Identità e corpo migrante
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Identità e corpo migrante : marchi sessuali femminili / a cura di Marta Castiglioni

Milano : Guerini e associati, 2011

Abstract: L'attenzione intorno al tema delle mutilazioni genitali femminili da parte dell'Occidente nasce alla fine degli anni Settanta, in coincidenza con lo sviluppo del movimento femminista e delle attività delle organizzazioni internazionali riguardanti la condizione e i diritti della donna, in particolare nei paesi del sud del mondo. La promulgazione della norma sul divieto delle pratiche di mutilazione in Italia ha aperto la strada alla realizzazione, a livello nazionale e regionale, di una serie di ricerche-azioni, di iniziative di informazione e sensibilizzazione e di prevenzione, promosse e finanziate dal Dipartimento per le Pari Opportunità nel corso del biennio 2008-2009. La ricerca-azione svolta con Progetto Sister's Care presentato in questo volume fa parte dello sforzo collettivo di comprensione del fenomeno nel nostro paese. La questione è stata infatti affrontata in una cornice più ampia sia dal punto di vista teorico che del contenuto, in quanto è stata considerata la relazione fra corpo e identità, fra rappresentazione culturale e rappresentazione psichica, fra memoria e ricordo del trauma, nonché la funzione simbolica dei rito e del trauma organizzato culturalmente.

Quel che gli studenti non sanno
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Quel che gli studenti non sanno : idee per il movimento

[Roma] : Edizioni dell'asino, 2011

Abstract: Da Londra a Roma senza dimenticare Tunisi, Tirana e II Cairo, l'inizio degli anni dieci è stato segnato dalla rivolta degli studenti, di una generazione figlia della crisi che vede il suo futuro castrato dagli adulti: dalle istituzioni e dal sistema economico. È utile dunque rileggere, riscoprendone una sorprendente attualità, alcuni testi delle rivolte passate e in particolare del '68, da Berkeley al Maggio francese, come il Programma di liberazione dei giovani dei gruppo di Ann Arbor, il bellissimo Manifesto di Port Huron e il molto citato ma poco conosciuto Non fidarti di nessuno che abbia più di trentaquattro anni di Jerry Rubin. Chiudono il quaderno due celebri testi sulla condizione dei giovani europei: Della miseria nell'ambiente studentesco degli studenti di Strasburgo e Contro l'università di Guido Viale.

Il mito della socializzazione della terra
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Longhini, Carlo

Il mito della socializzazione della terra : Egisto Pavirani : dalla Romagna di Forlì-Cesena a Mantova nel "biennio rosso" 1919-1920 : La cooperazione agricola socialista nel primo ventennio del '900 / Carlo Longhini ; [introduzione di Eugenio Camerlenghi]

Mantova : Sometti, 2011

Abstract: Egisto Pavirani è uno dei dirigenti che il partito socialista di inizio Novecento pone al servizio del movimento reale, per interpretarne i bisogni e per dare ordine alle conseguenti azioni politiche di massa. Egli opera nel Mantovano durante il cruciale biennio 1919-20, collocandosi nel campo riformista, ma scuotendolo con proposte che mirano a dare uno sbocco operativo “all'enorme pressione esercitata dalle masse popolari sulle organizzazioni socialiste”, che ritiene praticabile mediante il passaggio immediato di tutte le terre a conduzioni cooperative; addirittura “anticipando il programma massimo dei massimalisti”, come ha osservato Mario Vaini. Carlo Longhini ha il merito di ripercorrere sui documenti il cammino politico compiuto dal Pavirani, a partire dalla natìa Romagna, verificandone in special modo comportamenti, significati, contraddizioni durante la missione mantovana. Questo nuovo studio dà modo a Longhini di arricchire la ricerca da tempo avviata sul movimento popolare e socialista in questa provincia, spesso seguendo il filo conduttore offerto dalle vicende di singoli militanti: Cesare Roda, Giuseppe Bertani, ora Egisto Pavirani. Dove certamente mette a frutto una personale esperienza del lavoro sindacale e la conoscenza di uomini e consuetudini che di quell'ambiente sono (ed erano) propri.

Mani bucate
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cobianchi, Marco

Mani bucate : [a chi finiscono i soldi dei contribuenti : l'orgia degli aiuti pubblici alle imprese private] / Marco Cobianchi

Milano : Chiarelettere, 2011

Principio attivo

Abstract: Un fiume di soldi alle imprese e l'Italia va a picco. Perché? Questo libro entra nell'incredibile mondo delle aziende mantenute dallo Stato. Per la prima volta racconta, facendo nomi e cognomi, decine di storie di società, banche e multinazionali che hanno incassato miliardi di euro pubblici spesso senza produrre né crescita né occupazione. Fiat, Pirelli, la Saras dei Moratti e le industrie sarde (Portovesme, Vinyls, Ila, Alcoa). Ma anche giornali, radio e tv; tutto il mondo del cinema, compresi cinepanettoni e film in 3D; agricoltura e allevamento (8 milioni dei contribuenti sono serviti ai grandi marchi per farsi pubblicità), compagnie aeree, hotel e perfino skilift. Banca d'Italia e Corte dei conti sono netti: gli aiuti sono inutili. Tutti i soldi a favore del Sud hanno generato un aumento del Pil di appena lo 0,25 per cento all'anno. Poche eccellenze, molti miliardi buttati via. Eppure ogni cosa è sussidiata. Tutto quello che compriamo l'abbiamo pagato due volte, alla cassa e già prima con le tasse. Quello che gli italiani versano alle aziende è un contributo invisibile, fatto di migliaia di leggi che concedono agevolazioni fiscali, soldi a fondo perduto, garanzie sui prestiti. Con le tasse si alimentano clientele e basi elettorali. Negli ultimi dieci anni sono state avviate dall'Unione europea quasi 40.000 pratiche per aiuti italiani potenzialmente illegali. Perfino la mafia è sussidiata dallo Stato. I soldi pubblici vengono usati dalle aziende per pagare i debiti....

Umberto Curi racconta Marx e la rivoluzione
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Curi, Umberto <1941->

Umberto Curi racconta Marx e la rivoluzione

[Roma] : La biblioteca di Repubblica, 2011

Corpi vicini e corpi lontani
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Consultorio familiare ONLUS <Brescia> - Consultorio familiare ONLUS <Brescia>

Corpi vicini e corpi lontani : i mutamenti della società multietnica e multiculturale / Consultorio familiare onlus di via Volturno Brescia ; a cura di Nicola Negretti

S. Pietro in Cariano (Verona) : Gabrielli, 2011

Abstract: Il libro rende conto del ricco percorso culturale e di lavoro promosso dal Consultorio Familiare Onlus di Brescia, in particolare nei confronti delle persone immigrate delle famiglie e delle donne. I temi trattati sono: globalizzazione e irrigidimenti culturali; diritti della persona in rapporto alla condizione di straniera e alle sfide della bioetica; clinica transculturale nell'esperienza di approccio alle richieste delle donne e delle coppie immigrate; multiculturalismo e identità. Contributi di: Nicola Negretti, Maria Luisa Cattaneo, Sabina Dal Verme, Chiara Valentini, Roberto Esposito, Carlo Galli, Patrizia Farina, Ileana Montini, Mara Tognetti Bordogna.

La generazione dopo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

La generazione dopo / a cura di Marzio Barbagli, Camille Schmoll

Bologna : Il Mulino, 2011

Abstract: L'Italia è ormai un luogo di insediamento duraturo per gli immigrati e i loro discendenti. Le seconde generazioni costituiscono infatti oltre un quinto della popolazione straniera. L'emergenza di questi nuovi soggetti pone problemi del tutto inediti per la società italiana. Nel volume sono presi in considerazione vari aspetti della vita quotidiana delle seconde generazioni. La prima parte presenta dibattiti, esperienze e direzioni di indagine sull'integrazione psico-sociale delle seconde generazioni e delle loro famiglie. La seconda parte propone un confronto tra le esperienze italiane e quelle di altri contesti. In questa sede vengono affrontati temi spesso trascurati dalla ricerca, tra cui le reti di amicizia, la religiosità, il ritardo scolastico e i rapporti familiari dei figli di immigrati.

Non è un cambio di stagione
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Caparrós, Martín <1957-> - Caparrós, Martín <1957->

Non è un cambio di stagione : un iperviaggio nell'apocalisse climatica / Martin Caparros

Milano : Ambiente, 2011

Abstract: Da alcuni anni, ogni mattina il mondo si sveglia sotto la minaccia di una nuova apocalisse. Per gli ecologisti è rappresentata dal cambiamento climatico. Governi, celebrità, organismi internazionali, grandi corporation, piccole ONG, si sono lanciate nella lotta contro il cambiamento. "Non è un cambio di stagione" è un viaggio in nove diversi paesi - Brasile, Nigeria, Niger, Marocco, Mongolia, Australia, Filippine, isole Marshall, Stati Uniti che stanno soffrendo maggiormente la minaccia climatica. Ma è, soprattutto, una riflessione affilata, uno sguardo provocatorio sulle contraddizioni dell'ecologismo esasperato, dell'ambientalismo che si fa business, del principio che si fa moda. E il mondo degli "ecololò" che Caparrós smaschera con ironia e intelligenza ridando la parola agli ultimi della terra e accompagnandoci ai confini del mondo. E lo fa proponendo un genere misto, una cronaca che pensa, un saggio che racconta.

L'amore che non osa dire il suo nome
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Nucci, Flaminia <psicanalista> - Nucci, Flaminia <psicanalista>

L'amore che non osa dire il suo nome : psicologia dell'omosessualità maschile e femminile / Flaminia Nucci

Roma : Magi, 2011

Abstract: Il libro esamina la dinamica psichica dell'omosessualità, maschile e femminile, in relazione alla dinamica eterosessuale. Accanto a una sintesi della storia dell'omosessualità e un panorama sulle diverse scuole di pensiero sull'eziologia dell'orientamento sessuale, l'autrice indaga le modalità con cui si costruisce l'identità omosessuale, a partire dall'infanzia e dall'adolescenza. Il nucleo del libro è costituito dalla descrizione dell'esperienza soggettiva degli omosessuali: l'accettazione della propria "diversità", quindi, i differenti modi di porsi dei componenti della coppia nei confronti del mondo esterno, la clandestinità e l'emarginazione, il confronto con la propria omofobia interiorizzata e con quella "legittima" altrui. La condizione omosessuale, che oggi può essere ancora fonte di grandi sofferenze, è - nella convinzione dell'autrice - anche foriera di innovazione e progresso sociale e culturale: l'apertura e l'indipendenza che contraddistinguono gli omosessuali consentono loro di essere portatori di nuovi modi di intendere l'amicizia, l'amore, le relazioni, la sessualità e la famiglia. Questo volume, nel mentre indaga i processi psichici e le questioni sociali, ci parla sempre e innanzitutto dell'amore. E, come tutte le forme d'amore, anche quello omosessuale elude qualunque piena comprensione e, infine, rimane un mistero.

Penelope a Davos
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Praetorius, Ina

Penelope a Davos : idee femministe per un'economia globale / Ina Praetorius

Milano : Libreria delle donne, 2011

Tre lezioni sulla differenza sessuale e altri scritti
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Muraro, Luisa <1940->

Tre lezioni sulla differenza sessuale e altri scritti / Luisa Muraro ; a cura di Riccardo Fanciullacci

Napoli : Orthotes, 2011

Abstract: «L'uomo non esiste», scrive Luisa Muraro, «esistono uomini e donne». Questo, tra l'altro, significa che prescindere da tale differenza non è così facile come spesso si crede quando si accetta di guardare gli altri o se stessi solo come individui o solo come cittadini o solo come persone o solo come soggettività o solo come lavoratori. Una delle idee di questo libro è che non si riesce ad essere fedeli a se stessi e anche alla realtà a cui, per vivere, si deve rispondere, se non si offre un giusto posto simbolico al proprio essere donna o uomo in un mondo di donne e uomini. La crisi dell'interpretazione tradizionale del significato e del ruolo della differenza sessuale non porta da sola con sé la libertà agli uomini e alle donne: occorre la tessitura di un nuovo ordine simbolico. Molte donne hanno pensato e lavorato in questo senso e Muraro mostra la forza e la ricchezza dei loro guadagni: la mostra anche agli uomini disponendosi in attesa di quella ricerca da parte loro che oggi, da alcuni, è stata cominciata.