Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Paese Germania
× Data 2012
× Nomi Spinella, Mario <1918-1994>
Includi: tutti i seguenti filtri
× Livello Monografie
× Genere Saggi
× Data 2009

Trovati 78 documenti.

Mostra parametri
Nuova Atlantide
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bacon, Francis <1561-1626> - Bacon, Francis <1561-1626>

Nuova Atlantide / Francis Bacon ; introduzione, traduzione e note di Giuseppe Schiavone

[Milano] : BUR, 2009

Abstract: La leggenda della misteriosa Atlantide ha ispirato a Francis Bacon questo romanzo utopico. Scritto nel 1626 ma pubblicato postumo, la "Nuova Atlantide" rappresenta il suo pensiero in forma narrativa. Se Platone aveva messo i filosofi a capo della sua Repubblica e Campanella aveva investito un sacerdote della stessa responsabilità nella Città del Sole, Bacon ribalta quell'universo utopico: a guidare il suo Stato ideale sono gli scienziati, portatori di un sapere pratico, capace di trasformare la realtà. Nella ricerca di una società ideale e perfetta, quindi, Bacon assegna al metodo sperimentale il compito inedito, e per l'epoca rivoluzionario, di far progredire l'intera umanità verso il bene. Tra esperimenti prodigiosamente anticipatori e fratellanza universale, gli abitanti della misteriosa isola sono la prima raffigurazione letteraria della nuova epoca scientifica.

Alla scoperta delle emozioni
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Paoletti, Patrizio <1960-> - Paoletti, Patrizio <1960->

Alla scoperta delle emozioni : gli occhi di un adolescente incontrano il mondo / Patrizio Paoletti ; introduzione di Antonella Selvaggio

Infinito, 2009

L'altro islamico
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Hejazi, Sara <1978->

L'altro islamico : leggere l'islam in Occidente / Sara Hejazi ; introduzione di Laura Bonato

Aracne, 2009

Abstract: La presenza musulmana nei grandi centri urbani d’Occidente si articola e definisce in base a ciò che in antropologia è comunemente designato come l’altro. L’alterità islamica è dunque riconoscibile fisicamente attraverso elementi che servono ad esprimerla, a spazi urbani che la delimitano, e a interlocutori privilegiati che la rappresentano. In questo volume si parte da una riflessione che scaturisce dall’osservazione partecipante nella città di Torino, per poi trattare in modo critico temi centrali per l’Islam dei tempi moderni, come la questione femminile e del velo, il concetto di jihad e di martirio, l’intreccio tra Islam e azione politica. La critica alle idee che stanno alla base di un presupposto, immutabile e necessario antagonismo tra “Oriente islamico” e “Occidente razionale” sfata la percezione di una religiosità musulmana minacciosa, a favore di una riconsiderazione dell’Islam in Occidente come indiscutibile patrimonio culturale anche di questa parte del mondo. Sara Hejazi è nata a Mashad, nell’Iran nord-orientale. è dottore di ricerca in Antropologia culturale e collabora con l’Università degli Studi di Torino e con il mensile delle seconde generazioni di musulmani italiani «Yalla Italia!». Ha svolto ricerche sul misticismo islamico, sull’identità culturale, sul velo in Iran, sull’immigrazione a Torino. Tra i suoi libri L’Iran s-velato. Antropologia dell’intreccio tra identità e velo (2008) e Diwan di Hallaj (2006)

Il roseto della pace
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Albanese, Roberto

Il roseto della pace : le donne lombarde nel 1859 / Roberto Albanese ; prefazione di Sabina Siniscalchi

Mantova : Il cartiglio mantovano, 2009

Le dieci cose che non saranno più le stesse
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rampini, Federico <1956->

Le dieci cose che non saranno più le stesse : tutto quello che la crisi sta cambiando / Federico Rampini

La biblioteca di Repubblica-L'Espresso, 2009

Statistica per le scienze sociali
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Agresti, Alan - Finlay, Barbara

Statistica per le scienze sociali / Alan Agresti, Barbara Finlay ; edizione italiana a cura di Mariano Porcu

[Milano] : Pearson, 2009

Abstract: Questo volume, nell'edizione originale, ha avuto un'amplissima diffusione negli Stati Uniti, come strumento di divulgazione delle conoscenze statistiche nelle scienze sociali. Alla base del suo successo vi è la spiccata connotazione "pratica". Il testo focalizza l'attenzione sul metodo statistico in uno stile che ne enfatizza i concetti e la sua applicazione alle scienze sociali, piuttosto che entrare in dettaglio nelle dimostrazioni teoriche e negli aspetti matematici. La spiegazione dei metodi è sempre supportata da esempi legati alla realtà attuale e ai contesti applicativi propri delle discipline sociali, e vi sono numerosi esempi di output di analisi svolte con l'impiego di software statistici come SPSS o SAS. La parte di esercizi è molto ampia, ben strutturata (sono divisi in Concetti di base e Applicazioni) e sono segnalati separatamente con un asterisco gli esercizi più complessi o che prevedono l'introduzione di materiale opzionale.
Il testo è particolarmente adatto per quei corsi di Statistica del primo anno presso Sociologia, Scienze Politiche, Psicologia, Scienze della formazione, e in tutti i corsi nei quali la statistica è funzionale ad altre discipline che utilizzano dati campionari.

La cultura underground
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Maffi, Mario <1947->

La cultura underground / Mario Maffi

Bologna : Odoya, 2009

Abstract: La beat generation e il Movement, i problemi dell'individuo e della droga, la politica e la guerra nel Vietnam, i gruppi pacifisti, gay e femministi, le organizzazioni delle minoranze etniche e del dissenso più radicale, le sperimentazioni del cinema e del teatro, la produzione musicale. Mario Maffi passa in rassegna gli aspetti sociali e culturali di un'intera epoca, sondandone le origini e le profonde motivazioni individuali e collettive: dai beats agli hippies, dall'action painting alla Pop Art, da Bill Haley ed Elvis Presley ai Fugs e Frank Zappa, dal Living Theatre al Bread and Puppet Theatre e al Teatro Campesino, dalle avanguardie cinematografiche al documentario di denuncia, dal superamento dei confini della percezione al partito delle Pantere Nere e ai Weathermen Underground - e le derive ed evoluzioni successive. La cultura underground è il racconto di un viaggio che ha segnato profondamente le generazioni degli ultimi decenni, desiderose di emanciparsi, con idee e identità diverse, dal peggiore dei mondi possibili uscito dalla seconda guerra mondiale: fra l'alienazione degli anni Cinquanta, le illusioni degli anni Sessanta e le prime avvisaglie della crisi di metà anni Settanta.

Alfabeto
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Toscano, Mario Aldo <docente di Storia e teoria sociologica>

Alfabeto : letture elementari / Mario Aldo Toscano

Firenze : Le Lettere, 2009

Abstract: Il testo propone una serie di piccoli e medi scritti per ogni lettera dell'alfabeto. Voci dal vocabolario, dunque, che chiedono di essere ascoltate e che si contendono l'ascoltatore ciascuna sfidando la sua attenzione per il contenuto, ma anche per la forma, e lo stile che prevede largamente l'uso dell'ironia. Così le parole, da asino a zappa, svolgono temi e sollevano problemi talvolta inaspettati, sui quali veglia un?intrigante categoria dell?intelligenza, lo spirito sociologico, applicato nel quadro di una speciale connessione teorico-empirica. Echi di un?ampia letteratura rendono infine la scrittura densa di evocazioni domestiche e rinviano ad una lunga e multiforme tradizione meditativa.

Carnefici e vittime
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Lehner, Giancarlo <1943-> - Bigazzi, Francesco <giornalista>

Carnefici e vittime : i crimini del Pci in Unione Sovietica / Giancarlo Lehner, Francesco Bigazzi

Edizione speciale per Il Giornale

[Milano] : Il Giornale, [2009]

Abstract: Mosca negli anni del terrore staliniano. Il libro si apre con la storia del delatore per antonomasia, Paolo Robotti, a sua volta incolpato e torturato dalla polizia sovietica: con l'ausilio di una documentazione inedita, raccolta da Francesco Bigazzi, viene ricostruita la paradossale vicenda di Robotti. Il libro si chiude con la storia anch'essa inedita dell'ultimo prigioniero politico sovietico, liberato nel 1987. Tra l'inizio (Robotti) e l'epilogo (Mironov), Lehner ripercorre le vicende drammatiche degli italiani vittime del comunismo, attraverso le fonti dei verbali processuali, con l'obiettivo di collegare i documenti alla ricostruzione delle personalità dei giovani.

Africa qui
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ragusa, Stefania - Ragusa, Stefania

Africa qui : storie che non ci raccontano / Stefania Ragusa ; illustrazioni di Elisa Freddio

2. ed

[Bologna] : Edizioni dell'Arco, 2009

Autobiografia di una repubblica
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Crainz, Guido <1947->

Autobiografia di una repubblica : le radici dell'Italia attuale / Guido Crainz

Roma : Donzelli, [2009]

Abstract: Dove affonda le sue radici l'Italia di oggi? Guido Crainz cerca le risposte a questa e a altre domande non in vizi plurisecolari del paese ma nella storia concreta della Repubblica, muovendo dall'eredità del fascismo, dalla nascita della repubblica dei partiti e dagli anni della guerra fredda. L'analisi si sofferma soprattutto sulla grande trasformazione che ha inizio negli anni del miracolo e prosegue poi nei decenni successivi: con la sua forza dirompente, con le sue contraddizioni profonde, con le tensioni che innesca. In assenza di un governo reale di quella trasformazione, e nel fallimento dei progetti che tentavano di dare ad essa orientamento e regole, si delinea una mutazione antropologica destinata a durare. Essa non è scalfita dalle controtendenze pur presenti - di cui il '68 è fragile e contraddittoria espressione - e prende nuovo vigore negli anni ottanta, dopo il tunnel degli anni di piombo e il primo annuncio di una degenerazione profonda. Mutazione antropologica e crisi del Palazzo - per dirla con Pier Paolo Pasolini vengono così a fondersi: in questo quadro esplode la crisi radicale dei primi anni novanta, di cui il tumultuoso affermarsi della Lega e l'esplosione di Tangentopoli sono solo un sintomo. Iniziò in quella fase un radicale interrogarsi sulle origini e la natura della crisi, presto interrotto dalle speranze in una salvifica Seconda Repubblica: speranze destinate a lasciare presto un retrogusto amaro.

Chiesa e Stato in Italia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pertici, Roberto - Pertici, Roberto

Chiesa e Stato in Italia : dalla Grande Guerra al nuovo Concordato : (1914-1984) / Roberto Pertici

Bologna : Il Mulino, 2009

Abstract: Anche per quanto riguarda i rapporti fra Stato e Chiesa in Italia, il Novecento è stato, in qualche modo, un "secolo breve", iniziato con la svolta della Grande Guerra e terminato con la riforma del Concordato avvenuta nel 1984. Questo volume della serie "Dibattiti storici in Parlamento" raccoglie un'ampia documentazione relativa al dibattito che si è svolto nelle Aule di Palazzo Madama e di Montecitorio nel periodo preso in esame. Dalla legislazione del '29 alla Costituzione repubblicana, al cosiddetto "nuovo Concordato", il problema del sistema di relazioni tra Stato e Chiesa ha continuato a rappresentare uno dei nodi più difficili e contrastati della politica italiana, come testimoniano i numerosi disegni di legge e le discussioni dedicate a questo tema, tratte dagli atti parlamentari. Apre il volume un ampio ed esauriente saggio di Roberto Pertici, che illustra passo dopo passo l'evoluzione dei rapporti stabiliti dallo Stato italiano con la Chiesa cattolica fornendone una lettura storica puntuale e aggiornata.

Dalla vanga all'officina
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Morreale, Giuseppe

Dalla vanga all'officina : il percorso di industrializzazione a Cavaria con Premezzo / Giuseppe Morreale

Busto Arsizio : Nomos, 2009

Un mondo alla rovescia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Mariotti, Walter

Un mondo alla rovescia : alfabeto del postcapitalismo / Walter Mariotti

Milano : Il Sole 24 Ore, 2009

Abstract: 1989-2009. Vent'anni dopo la fine del comunismo è finito anche il capitalismo, con i sogni di felicità che aveva promesso a tutti? Sembra proprio di sì guardando il mondo in cui viviamo, un mondo totalmente rovesciato dove non solo il superfluo costa meno del necessario ma che ogni giorno ridefinisce parole fondamentali come corpo, anima, mercato, famiglia, identità. Un mondo alla rovescia è il mondo sopravvissuto all'ultimo crack finanziario, che è stato radicalmente diverso da quelli che lo hanno preceduto perché in fondo rappresentava la materializzazione di quanto l'Occidente aveva desiderato per decenni. Una vita leggera, amorale, indifferente. Un'esistenza purificata da scorie tradizionali come la fatica, l'attesa, la memoria, il senso. Una realtà dove il godimento è il nuovo imperativo e tutto si confonde in una spettacolarizzazione, ironica e tragica allo stesso tempo. A metà tra il saggio e il pamphlet, questo libro è il tentativo di mettere a punto un orizzonte irriducibile, lo stile di vita del capitalismo quando il capitalismo viene spinto in un campo di forze sconosciute. Un resoconto per appunti, un minority report, una mappa non indispensabile ma forse non del tutto inutile per continuare il viaggio nel mondo alla rovescia.

Potere e politica non sono la stessa cosa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Diotima <comunità filosofica>

Potere e politica non sono la stessa cosa / Diotima

Napoli : Liguori, 2009

Abstract: Il libro parte dalla constatazione che oggi, in Italia ma non solo, tra politica e potere c'è confusione e che da ciò la politica esce immiserita e ridicolizzata. C'è un attaccamento al potere, che fa da surrogato all'incapacità di agire efficacemente. Così, più che farne una questione morale, vengono qui indicate le mosse strategiche che fanno uscire dall'impotenza. In sintonia con un femminismo che ha preso le distanze dal potere, viene portata una lettura simbolica dei cambiamenti in corso, affrontando il corpo a corpo tra politica e potere attraverso una interrogazione del risvolto soggettivo, sentimentale e affettivo del nostro vivere la contraddizione tra questi due piani. Solo la politica, e non il potere, ha la capacità simbolica di aprire nel tessuto dei fatti un corso nuovo di eventi. Chi ha comprato questo libro è interessato anche

Perchè non abbiamo avuto figli
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Leonardi, Paola - Leonardi, Paola - Vigliani, Ferdinanda - Vigliani, Ferdinanda

Perchè non abbiamo avuto figli : donne speciali si raccontano / Paola Leonardi, Ferdinanda Vigliani

Milano : Angeli, 2009

Abstract: Un libro che propone tante riposte alla domanda che molte donne si sono sentite rivolgere: "perché non siete madri?". Un tema sociale poco affrontato nel nostro paese, ma soprattutto una profonda analisi (e autoanalisi) delle motivazioni di una scelta che appare ancora oggi scandalosa. Ne parlano con le autrici, in un franco e avvincente dialogo, tredici donne "speciali", che hanno raccontato la loro esperienza con apertura di cuore e di mente. Emergono situazioni esistenziali quasi mai convenzionali, accomunate dalla ricerca della realizzazione di sé; per imparare a vivere la propria vita senza volerne una diversa; per essere speciali non perché senza figli, ma anche per questo. Le donne "speciali": Natalia Aspesi, giornalista; Letizia Bianchi, sociologa; Piera Degli Esposti, attrice; Ida Dominijanni, giornalista; Elisabetta Donini, scienziata; Margherita Giacobino, scrittrice; Laura Grasso, psicologa; Leslie Leonelli, amorologa; Lea Melandri, saggista; Luisa Passerini, storica; Rosalba Terranova, psichiatra; Chiara Zamboni, filosofa; Adriana Zarri, teologa.

Aldigieri_Paura_Islam
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Aldighieri, Mario

Chi ha paura dell'Islam? : appunti per una reciproca conoscenza / Mario Aldighieri

2. ed

Cremona : NEC, 2009

Abstract: Un tema di grande attualità come l'Islam e i rapporti con il mondo occidentale. Un volume utile per andare a scoprire le radici di questa religione e di questa realtà dalle mille sfaccettature, fino a poco tempo fa così lontana ma che ora si pone come interlocutore fondamentale.

Il soggetto ecologico di Edgar Morin
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Manghi, Sergio

Il soggetto ecologico di Edgar Morin : verso una societa'-mondo / Sergio Manghi

Gardolo di Trento : Erickson, [2009]

Abstract: Possiamo vivere da soggetti, e non solo da inseguitori affannati, questo nostro tempo di vertiginose incertezze? Questa nostra sfidante quotidianità, trascinata per la prima volta dall'origine della specie nell'avventura di una società-mondo? Avventura sconosciuta, che porta con sé allo stesso tempo nuove speranze di civiltà delle relazioni e nuove inaudite barbarie? Pochi studiosi come Edgar Morin hanno osato affrontare queste domande a tutto campo, interrogandosi sul ripensamento radicale della condizione umana che il nostro tempo invoca con drammatica urgenza. In quarant'anni di studi appassionati, Morin ha messo in dialogo la galassia parcellizzata dei saperi naturalistici e di quelli socio-antropologici, alla ricerca di un modo unitario di raccontare la nostra storia di specie, le nostre vicende sociali, e insieme la nostra esistenza quotidiana, nel vivo contesto dell'ecologia planetaria. Al cuore dell'impresa moriniana, nella lettura di Sergio Manghi, c'è l'idea spiazzante che la qualità di soggetto non sia esclusivamente umana, ma caratterizzi ogni creatura vivente. Accogliendo la sfida di questo decentramento, diventa possibile la reimmaginazione ecologica della condizione umana, nella sua straordinaria unicità, senza separarla dal grembo della storia naturale. E diventa possibile scommettere sulla possibilità di vivere da soggetti la nuova avventura della società planetaria che va trasformando giorno dopo giorno il nostro orizzonte di senso.

Il profumo della libertà
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bonera, Marzia

Il profumo della libertà / [immagini di Marzia Bonera ; testi a cura di Daniela Faiferri]

Brescia : Coop Lombardia, 2009

La donna romana
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cenerini, Francesca

La donna romana : modelli e realtà / Francesca Cenerini

Nuova ed

Bologna : il Mulino, 2009

Abstract: La donna romana raffigurata dagli scrittori antichi o negli elogi funebri appare una donna ideale, moglie e madre integerrima, dedita alla casa e alla famiglia, sottratta allo sguardo e al contatto con gli estranei. Per contrasto, le donne facili, di condizione sociale e economica inferiore, e le schiave, sono prive di qualsiasi statuto e considerazione. Attraverso l'uso critico delle fonti disponibili, il volume disegna il profilo variegato della donna nella società dell'antica Roma, cogliendola nelle diverse dimensioni: il diritto e la famiglia, il matrimonio, l'educazione ricevuta e quella impartita ai figli, il quotidiano, l'abbigliamento e la cura di sé, i costumi sessuali, la religione e il lavoro. Ci sono, dunque, molte donne romane: le storie raccontate nell'ultimo capitolo ci parlano di alcune di loro.