Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Paese Germania
× Data 2012
× Soggetto Sec. XXI
Includi: tutti i seguenti filtri
× Livello Monografie
× Data 2008
× Materiale A stampa
× Soggetto Europa

Trovati 23 documenti.

Mostra parametri
Misto Europa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Romano, Beda <1967->

Misto Europa : immigrati e nuova societa: un viaggio nel vecchio continente / di Beda Romano

Milano : Longanesi, [2008]

Abstract: Un reportage su come l'Europa sta cambiando a causa della sua popolazione immigrata. I protagonisti non sono gli immigrati, ma gli europei dell'Ovest, ovvero noi. L'autore non racconta degli sbarchi a Lampedusa o in Spagna, né dei ghetti francesi e del terrorismo islamico in Gran Bretagna. Beda Romano è andato in giro per l'Europa per raccogliere sul campo testimonianze vive e originali. E attraverso resoconti vivissimi da Francia, Irlanda, Germania, Italia, Spagna, Olanda, Belgio, Gran Bretagna e Lussemburgo, ci racconta come stiamo cambiando noi nei mondo della scuola, della cultura, della nazionalità, della demografia, dell'economia, della finanza, della cucina e dei trasporti. La sua tesi è del tutto controcorrente rispetto alle informazioni riportate ogni giorno dai media. Le trasformazioni legate alla forte immigrazione di questi anni non sono affatto un pericolo per la nostra identità, ma viceversa sono di per sé molto positive, in quanto rimettono in discussione molte delle nostre certezze e rappresentano uno scossone salutare al nostro immobilismo.

Energia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Energia : per un mondo che cambia

Milano : Rappresentanza a Milano della Commissione europea, 2008

Mamadou va a morire
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Del Grande, Gabriele

Mamadou va a morire : la strage dei clandestini nel Mediterraneo / Gabriele Del Grande ; introduzione di Fulvio Vassallo Paleologo

2. ed. aggiornata

Due Santi di Marino (Rm) : Infinito, c2008

Abstract: Un reportage che racconta le vittime dell'immigrazione clandestina, l'invasione che non c'è e i nuovi gendarmi di un cimitero chiamato Mediterraneo. Dal 1988 oltre 12.000 giovani sono morti tentando di espugnare la fortezza Europa. Vittime dei naufragi, del Sahara, degli incidenti di tir carichi di uomini, delle nevi sui valichi, dei campi minati e degli spari della polizia. Mamadou va a morire è il racconto di un giovane giornalista che ha seguito le rotte dei suoi coetanei lungo tutto il Mediterraneo, dalla Turchia al Maghreb e fino al Senegal, nello sforzo di custodire i nomi e la memoria di una generazione vittima di una mappa. Il suo è anche un grido d'allarme su una tragedia negata, che chiama in causa l'Europa, i governi africani e le società civili delle due sponde del Mare di Mezzo. Dimenticare, rimuovere, rassegnarsi alla normalità delle tragedie dell'immigrazione descritte in questo libro, sarebbe come lasciare morire ancora una volta le persone vittime dell'immigrazione irregolare. Ancora peggio sarebbe ritenere, come pure qualcuno sembra fare, che queste tragiche storie possano avere un effetto pedagogico sui candidati all'emigrazione clandestina. (Dall'introduzione di Fulvio Vassallo Paleologo).

I totalitarismi del Novecento
0 0 0
Materiale linguistico moderno

I totalitarismi del Novecento : creazione del consenso, repressione politico-culturale, razzismo antisemita

[S.l. : s.n., 2008?] (Marone : FdP)

Federalismo per l'Europa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ghidorzi Ghizzi, Dacirio <1925- ; Viadana (Mn)>

Federalismo per l'Europa / Dacirio Ghidorzi Ghizzi ; introduzione di Pietro Aleotti

Modena : Il Fiorino, stampa 2008

I contadini nella storia d'Europa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rosener, Werner

I contadini nella storia d'Europa / Werner Rosener ; traduzione di Francesco Di Lauro

Roma ; Bari : Laterza, 2008

Abstract: Non sono lontani i tempi in cui i contadini rappresentavano la maggioranza della popolazione europea. Le campagne, con i loro ritmi, le forme di produzione, l'organizzazione sociale, hanno mantenuto - si potrebbe dire fino all'altro ieri - un peso preponderante nella storia d'Europa. Fino a quando la moderna società industriale non è intervenuta a rimaneggiare bruscamente il quadro, minacciando la sopravvivenza stessa del mondo contadino e dell'ambiente naturale che vi ruotava intorno. Il possibile declino del ceto rurale, il pericolo della scomparsa degli antichi villaggi e i problemi della salvaguardia della natura e dell'ambiente sono oggi temi alla ribalta della pubblica opinione e sollevano due reazioni di tipo opposto, entrambe a rischio di banalizzazione: da un lato l'idealizzazione conservatrice della realtà contadina e dall'altro un orientamento critico che richiama gli aspetti oscuri delle forme di vita rurali.

Voglia di cambiare
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Giannella, Salvatore <1949->

Voglia di cambiare / Salvatore Giannella

Milano : Chiarelettere, 2008

Abstract: Le morti sul lavoro, il precariato, le case sempre più costose, i trasporti, l'energia, la sicurezza stradale, lo smaltimento dei rifiuti, la parità tra i sessi: in Italia sembrano problemi insormontabili. Questo libro dimostra che i problemi, anche quelli grandi, si possono affrontare e superare, basta guardare ai modelli di eccellenza degli altri paesi europei. La Svezia ha quasi azzerato le morti bianche, conquistando il primato mondiale della sicurezza sul lavoro grazie all'ombudsman dei lavoratori, ovvero il delegato per la salute e la sicurezza. E guai a fare i furbi (due ministri sono stati costretti alle dimissioni per aver retribuito in nero la babysitter e non aver pagato il canone tv). Con l'invenzione della corsia dinamica, in Spagna non si vedono più ingorghi in entrata e in uscita dall'autostrada, mentre i treni corrono superveloci. A Friburgo, in Germania, i cittadini hanno detto no al nucleare, ma contemporaneamente hanno detto sì alle energie dolci e trasformato l'energia solare in un formidabile business. L'Inghilterra ha scelto i migliori architetti per progettare case popolari di pregio e quartieri a misura d'uomo, e con controlli severi ha dimezzato le stragi sulle strade. I danesi non hanno più l'incubo della precarietà grazie alla flessicurezza, mentre a Copenhagen i rifiuti vengono bruciati nel cuore della città, in regola con le leggi (e con tecnologia made in Italy). Risolvere i problemi si può. La buona politica è alla nostra portata.

Donne di potere nel Rinascimento
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Donne di potere nel Rinascimento / a cura di Letizia Arcangeli e Susanna Peyronel

Roma : Viella, 2008

Le figlie di Lilith
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Palumbo, Valeria <1966->

Le figlie di Lilith : vipere, dive, dark ldies e femmes fatales : l'altra ribellione femminile / Valeria Palumbo

Roma : Obradek, [2009]

Abstract: Hanno rotto tabù, sconvolto abitudini, fatto scandalo. Soprattutto hanno scavalcato i limiti da sempre imposti alle donne. All'inizio era solo un drappello di signore che procedevano in ordine sparso. Eccola l'altra ribellione femminile che ha cambiato mode e costumi e perfino atteggiamenti culturali. Non solo le prostitute d'alto bordo, con tanto di salotto letterario, ma le ninfe Egerie, le artiste, le attrici, le scrittrici, e le giornaliste hanno trasformato i comportamenti: guastatoci e quinta colonna delle suffragette ovvero delle femministe, sempre minoritarie, ma via via più numerose e meglio organizzate, che si battevano per i diritti politici e sociali delle donne.

Perche' dobbiamo dirci cristiani
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pera, Marcello <1943->

Perche' dobbiamo dirci cristiani : il liberalismo, l'Europa, l'etica / Marcello Pera ; con una lettera di Benedetto 14. / Marcello Pera

Milano : Mondadori, 2008

Abstract: Perché dovremmo dirci cristiani? Oggi siamo liberali, e perciò non c'è bisogno di rivolgersi al cristianesimo per giustificare i nostri diritti e libertà fondamentali. Siamo laici, e perciò possiamo considerare le fedi religiose come credenze private. Siamo moderni, e perciò crediamo che l'uomo debba farsi da sé, senza bisogno di guide che non derivino dalla sua propria ragione. Siamo figli della scienza, e perciò ci basta il sapere positivo, provato e dimostrato. In Europa stiamo per unificarci, e dunque dobbiamo evitare di dividerci menzionando il cristianesimo fra le radici dell'identità europea. In casa nostra stiamo integrando milioni di islamici, e dunque non possiamo chiedere conversioni di massa al cristianesimo. Dentro le nostre società occidentali stiamo attraversando la fase della massima espansione dei diritti, e dunque non possiamo consentire che la Chiesa interferisca e ne ostacoli il godimento. E così via. Questo libro intende rifiutare tutti questi perciò e dunque. Non c'è dubbio che siano diffusi: li leggiamo sui libri e sui giornali, li sentiamo alla televisione e nelle aule universitarie, li ascoltiamo dalla voce di tanti intellettuali, li vediamo all'opera nell'azione di tanti politici. Ci bombarda da così tante parti, questa negazione della religione, in particolare questa apostasia del cristianesimo, che c'è solo da meravigliarsi che qualcuno ancora si opponga. Il volume è introdotto da una lettera inviata all'autore da papa Benedetto XVI.

Rischi fatali
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Tremonti, Giulio <1947->

Rischi fatali : l'Europa vecchia, la Cina, il mercatismo suicida: come reagire / Giulio Tremonti

Milano : Oscar Mondadori, 2008

Abstract: Due date, secondo l'autore, hanno cambiato irreversibilmente la struttura e la velocità del mondo in cui viviamo: il 9 novembre 1989, crollo del muro di Berlino, e il 15 aprile 1994, stipula dell'accordo del Wto sul libero commercio mondiale. La fine del mondo comunista e l'irruzione sul neonato mercato globale di nuovi agguerriti competitors, in particolare della Cina, hanno segnato per l'Europa il passaggio dall'età dell'oro (che va dagli anni '50 agli anni '90) ai tempi di ferro. Ma, secondo Tremonti, non tutto è perduto. L'Europa deve innanzitutto capire cosa è successo, individuare i campi in cui l'intervento è ancora possibile e reagire con un programma realistico.

Economia dell'integrazione europea
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Mantovani, Andrea - Marattin, Luigi

Economia dell'integrazione europea / Andrea Mantovani, Luigi Marattin

Bologna : il Mulino, [2008]

Abstract: È il libro di due giovani economisti che si sentono protagonisti della prima generazione di cittadini europei: i primi ad aver studiato in un altro paese europeo, coloro che hanno ricevuto il primo stipendio in euro, che sono cresciuti senza ideologie precostituite e Guerra Fredda, insomma i primi ad avere l'Europa come riferimento della loro quotidianità, del loro lavoro, della loro prospettiva. Un punto di vista che li porta a ricostruire la storia e a vedere il futuro dell'Unione con occhi diversi e con l'entusiasmo di chi non teme scelte coraggiose per assicurare un futuro promettente. Il volume si apre con la breve storia del processo d'integrazione, con il secondo capitolo inizia l'illustrazione dei tre gradini del processo: l'unione doganale, nata con la firma del Trattato di Roma, la formazione del mercato unico e l'introduzione del mercato comune nel 2003. Il quarto capitolo è dedicato al difficile cammino che ha portato all'adozione dell'euro e il successivo al Patto di stabilità e crescita.

Il mostro mite
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Simone, Raffaele <1944->

Il mostro mite : perché l'Occidente non va a sinistra / Raffaele Simone

2. rist

Milano : Garzanti, 2008

Abstract: Il dolore, il corpo, la relazione con gli altri, l'istintivo attaccamento alla vita: sono questi i temi dell'ultimo libro di Gina Lagorio, Càpita, una riflessione incalzante sull'esistenza filtrata attraverso l'esperienza della malattia. In queste pagine, le due tonalità maggiori della narrativa di Gina Lagorio - il realismo e l'intimismo - diventano strumento di conoscenza di sé e del mondo. Un'infallibile capacità d'osservazione, un'impietosa analisi della propria carne e della propria anima, il dolore fisico che spinge a una lancinante meditazione, una scrittura sapiente, insieme precisa e straordinariamente evocativa, ricca di echi e risonanze, un'ironia che evita ogni autocommiserazione, fanno di Càpita un libro forte, intenso, il bilancio spietato e poetico di una vita.

Da stato unitario a stato federale
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Da stato unitario a stato federale : territorializzazione della politica, devoluzione e adattamento istituzionale in Europa / a cura di Sofia Ventura

Bologna : il Mulino, [2008]

Abstract: A partire dalla seconda metà del secolo scorso, in alcuni paesi europei, come Gran Bretagna, Spagna, Belgio e Italia, la dimensione territoriale ha acquistato (o riacquistato) un rilievo politico tale da diventare un potente fattore di cambiamento istituzionale, innesco di processi che oggi vanno sotto l'etichetta della devoluzione. Questo volume illustra i fattori concomitanti che hanno prodotto tali processi (conflitto centro-periferia, competizione tra i partiti), il loro decorso e i loro esiti (sistemi politici che da unitari sono divenuti federali, quasi-federali o decentrati). Si evidenziano così le specificità rispetto ai federalismi classici, nati da esperienze di unione e non di devoluzione, nonché la natura e le cause dei problemi (ad esempio la cronica ricorrenza delle spinte centrifughe) che questi particolari sistemi devoluti devono fronteggiare.

Islam e liberta'
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ramadan, Tariq <1962->

Islam e liberta' / Tariq Ramadan

Torino : Einaudi, [2008]

Abstract: Tariq Ramadan è un agente infiltrato in Occidente dalla quinta colonna del fondamentalismo o un traditore dell'Islam? Più semplicemente, è uno studioso di identità culturali, sociali e religiose che da anni si interroga sulla sfida civile che l'Islam europeo pone alla nostra rappresentazione dei diritti e della cittadinanza. Nulla ormai impedisce di essere al contempo europei e musulmani. Perché al di là delle apparenti diversità, sono condivisibili molti dei principi e dei valori a partire dai quali è possibile vivere insieme nelle società contemporanee pluraliste e multiculturali. Resistere ai tentativi di ridurre l'identità a una dimensione esclusiva e prioritaria, diversa da tutte altre, significa rivendicare lo spirito multiforme della civiltà europea. E ripensare il ruolo dell'Islam nell'Occidente contemporaneo equivale a guardare a come è cambiato il rapporto con la laicità, la separazione tra Chiesa e Stato: che non significa far scomparire le religioni, ma regolarne in maniera paritaria la presenza nello spazio pubblico plurale.

La parabola dell'eurocentrismo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Di_Meglio, Mauro

La parabola dell'eurocentrismo : grandi narrazioni e legittimazione del dominio occidentale / Mauro Di Meglio

Trieste : Asterios, 2008

Abstract: La parabola dell'eurocentrismo è la storia dell'ascesa, dell'affermazione e dell'attuale declino di una grande narrazione della storia del mondo che, a partire dal XIX secolo, e attraverso continue riformulazioni in risposta al mutamento delle esigenze organizzative, ha sostenuto e legittimato il ruolo dominante dell'Occidente sulla scena mondiale. Ed è la storia delle illusone aspirazioni e promesse universalizzanti dei saperi eurocentrici, del loro essere parabola nel senso di narrazione dal contenuto morale.

Storia del matrimonio
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Lombardi, Daniela

Storia del matrimonio : dal Medioevo a oggi / Daniela Lombardi

Bologna : Il mulino, [2008]

Abstract: Daniela Lombardi presenta l'evoluzione storica del matrimonio dal Medioevo a oggi. Il matrimonio ha costituito per secoli uno snodo essenziale nella vita delle persone, ma le forme di questo fondamentale rito di passaggio sono molto mutate nel tempo riflettendo non solo la trasformazione dei rapporti famigliari e tra i sessi, ma anche l'azione di disciplinamento esercitata dai poteri laici e religiosi sui comportamenti individuali. Il volume disegna un tracciato che parte dalla situazione d'età medievale in cui sposarsi era un processo diluito nel tempo, dalla promessa alla coabitazione, ed era sancito semplicemente dal consenso dei due partner e registrato come un contratto, passa all'età moderna in cui il matrimonio si afferma come fatto religioso con riti e regole severe, seppure con marcate differenze tra paesi cattolici e protestanti; e da ultimo conclude con la situazione contemporanea, che ha visto una secolarizzazione del matrimonio e un graduale affrancamento della sfera privata dalla regolazione giuridica dello stato.

I partiti europei
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Galli, Giorgio <1928- >

I partiti europei : storia e prospettive dal 1649 a oggi / Giorgio Galli

Milano : Baldini Castoldi Dalai, [2008]

Abstract: Per la grande quantità di dati, il libro può considerarsi una vera e propria enciclopedia dei partiti europei, che concerne tutti i 27 Paesi dell'Unione. Dall'origine, nel Parlamento inglese che decapitò Carlo I Stuart, sino ai primi eventi del 2008, leader, congressi e attività legislativa tracciano un panorama dell'evoluzione da comitati elettorali a strutture di insediamento sociale, dall'ascesa dei partiti di massa al loro parziale declino nell'età informatica. Una casistica imponente consente due precise interpretazioni: i partiti, come incontro tra élite intellettuali e comportamenti collettivi per l'ampliamento dei diritti civili e il miglioramento dei livelli di vita; il bipolarismo per consentire alternative tra conservazione e progresso e il suo declino, in vista di una ricollocazione determinata dal le tematiche ambientali e climatiche.

Il Sessantotto
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Tolomelli, Marica

Il Sessantotto : una breve storia / Marica Tolomelli

Roma : Carocci, 2008

Abstract: Spesso, più che un oggetto della ricerca storica, il '68 serve ad evocare fenomeni eterogenei e nebulosi: la musica beat, i capelloni, la controcultura, la contraccezione, la protesta, la rivoluzione, l'antiautoritarismo, la guerra del Vietnam, l'antimperialismo. Nell'immaginario sociale, però, ancora oggi questo confuso agglomerato di fatti è capace di determinare contrapposizioni ideologiche e di costituire un riferimento storico-politico incisivo. Ma che cosa è stato veramente? Ha avuto lo stesso impatto ovunque? Quali sono state le conseguenze che ha provocato? Dopo quarant'anni, il volume offre una sintesi e un'interpretazione efficace degli eventi che hanno segnato uno spartiacque nella storia contemporanea.

Goodbye Europa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Alesina, Alberto <1957-> - Giavazzi, Francesco <1949->

Goodbye Europa : cronache di un declino economico e politico / Alberto Alesina, Francesco Giavazzi

[Milano] : Biblioteca universale Rizzoli, c2008 (stampa 2007)

Abstract: In America un procedimento giudiziario di sfratto dura circa 50 giorni. In Italia si arriva a 630. Tre giorni è il tempo necessario per aprire una nuova impresa in Danimarca. Un imprenditore italiano ne impiega 62. Da oltre un decennio, mentre gli Stati Uniti producono ricchezza, sviluppo e innovazione, l'Unione Europea appare sempre più spesso come un gigante in declino, condannato a un ruolo economico e politico sempre più marginale rispetto non solo agli Stati Uniti, ma anche alle nazioni emergenti dell'Asia. Alberto Alesina e Francesco Giavazzi interpretano la crisi del Vecchio Continente mettendo a confronto il modello europeo con quello americano. Dalla loro lucida analisi emerge che all'Europa servirebbero iniziative pro-crescita, maggior concorrenza, meno tasse e un mercato del lavoro meno regolato. Per riprendere a crescere occorre quindi avere il coraggio di liberare l'economia. L'Europa ha bisogno solo dei giusti incentivi e di rimettersi a lavorare.