Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Paese Germania
× Lingue Francese
× Soggetto Sec. XXI
× Editore Giulio Einaudi editore <Torino>
× Soggetto Sociologia
Includi: tutti i seguenti filtri
× Editore Rizzoli <casa editrice>
× Data 2004
× Nomi Andreoli, Vittorino <1940->

Trovati 2 documenti.

Mostra parametri
Lettera a un adolescente
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Andreoli, Vittorino <1940->

Lettera a un adolescente / Vittorino Andreoli

Milano : Rizzoli, 2004

Abstract: Il mondo giovanile è sempre stato uno dei centri dell'interesse di Vittorino Andreoli, nelle sue varie vesti di psichiatra, di osservatore del costume, di narratore abituato a scavare nei luoghi oscuri della psiche e della nostra società. Molte volte è stato chiamato ad affrontare il disagio di adolescenti bombardati da stimoli e da modelli di comportamento contraddittori e irraggiungibili, abbandonati a se stessi da adulti che li temono e sono fin troppo preda delle loro stesse insicurezze per offrire certezze ai giovani. In questo libro breve e intenso, Andreoli si rivolge direttamente a un adolescente di oggi, e affronta le sue inquietudini, le sue domande, la sua disperata esigenza di dare un senso alla vita.

Giovani
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Andreoli, Vittorino <1940->

Giovani / Vittorino Andreoli

Ed. integrata con un nuovo capitolo, 6. ed

Milano : Biblioteca Universale Rizzoli, 2004

Abstract: Una anatomia del mondo dei giovani condotta da un noto psichiatra italiano. Un'indagine non solo per capire i fenomeni del disagio e dell'emarginazione (le diverse maschere della violenza), ma soprattutto per identificare tutti quegli interventi che possono loro permettere di esprimersi positivamente. I giovani a confronto con la loro visione del mondo, con l'etica, con i comportamenti sociali e individuali, il sesso, i centri sociali, il lavoro, il disagio del vivere, la rivolta, la criminalità, la famiglia. L'autore risponde anche alle assillanti domande su quale comportamento debbano tenere i genitori, quale gli insegnanti, quali i responsabili dei sistemi sociali più ampi.