Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Paese Germania
× Soggetto Società
× Editore Rizzoli <casa editrice>
× Nomi Gramsci, Antonio <1891-1937>
× Lingue Inglese
Includi: tutti i seguenti filtri
× Data 2009

Trovati 603 documenti.

Mostra parametri
Le dieci cose che non saranno più le stesse
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rampini, Federico <1956->

Le dieci cose che non saranno più le stesse : tutto quello che la crisi sta cambiando / Federico Rampini

La biblioteca di Repubblica-L'Espresso, 2009

Quel che e' di Cesare
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bindi, Rosy <1951->

Quel che e' di Cesare / Rosy Bindi

Roma ; Bari : GLF Editori Laterza, 2009

Abstract: In fondo la critica più radicale al potere assoluto e al cesarismo si trova nel Vangelo, perché a Cesare si restituisce la moneta e non si consegn mai la persona, la sua libertà e la sua dignità. Rosy Bindi racconta il suo impegno di cattolica che ha scelto la politica e va al cuore del principio di laicità. In un colloquio franco e diretto affronta le questioni cruciali della nostra democrazia. Scommette sul dialogo tra credenti e non credenti per superare reciproche scomuniche e afferma l'attualità del cattolicesimo democratico. Rilancia la dimensione etica della politica come servizio e ricerca del bene comune.

Bentornato Marx!
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Fusaro, Diego <1983->

Bentornato Marx! : rinascita di un pensiero rivoluzionario / Diego Fusaro

Milano : Bompiani, 2009

Abstract: Marx è morto. È questa l'ossessiva litania che siamo ormai abituati a sentire. Dietro tale canto funebre si cela però, forse, l'auspicio che tale trapasso abbia luogo davvero, perché il morto in questione è ancora in forze e non cessa di seminare il panico tra i vivi. Chi si ostina a ripetere, in nome di Dio o del Mercato, che Marx è morto lo fa, allora, perché assillato dal suo spettro.- esso continua infatti a denunciare le contraddizioni di un mondo capovolto. Anche oggi che il socialismo reale è naufragato e che la storia ha mandato in frantumi il sogno di Marx, il fallimento delle sue profezie non intacca l'esattezza della denunce da lui formulate, e la sua critica radicale del capitalismo rappresenta ancora lo strumentario concettuale più forteper criticare la società esistente e le contraddizioni che la permeano. Il progetto marxista continua a essere la più seducente promessa di felicità di cui la filosofia moderna sia stata capace.

Che fine ha fatto il futuro?
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Augé, Marc <1935->

Che fine ha fatto il futuro? : dai nonluoghi al nontempo / Marc Auge

Milano : Eleuthera, [2009]

Abstract: Per secoli il tempo è stato portatore di speranza. Dal futuro ci si attendeva pace, evoluzione, progresso, crescita... o rivoluzione. Non è più così. Il futuro è praticamente sparito. Sul mondo si è abbattuto un presente immobile che annulla l'orizzonte storico e, con esso, quelli che per generazioni intere sono stati i punti di riferimento. Da dove viene questa eclisse del tempo? Perché il futuro, insieme al passato, è scomparso dalle coscienze individuali e dalle rappresentazioni collettive? Ci sono rimedi o uscite di sicurezza? Per rispondere, Auge scruta lucidamente le molteplici dimensioni della globalizzazione nei suoi aspetti politici, scientifici e simbolici. E abbozza elementi di speranza.

Statistica per le scienze sociali
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Agresti, Alan - Finlay, Barbara

Statistica per le scienze sociali / Alan Agresti, Barbara Finlay ; edizione italiana a cura di Mariano Porcu

[Milano] : Pearson, 2009

Abstract: Questo volume, nell'edizione originale, ha avuto un'amplissima diffusione negli Stati Uniti, come strumento di divulgazione delle conoscenze statistiche nelle scienze sociali. Alla base del suo successo vi è la spiccata connotazione "pratica". Il testo focalizza l'attenzione sul metodo statistico in uno stile che ne enfatizza i concetti e la sua applicazione alle scienze sociali, piuttosto che entrare in dettaglio nelle dimostrazioni teoriche e negli aspetti matematici. La spiegazione dei metodi è sempre supportata da esempi legati alla realtà attuale e ai contesti applicativi propri delle discipline sociali, e vi sono numerosi esempi di output di analisi svolte con l'impiego di software statistici come SPSS o SAS. La parte di esercizi è molto ampia, ben strutturata (sono divisi in Concetti di base e Applicazioni) e sono segnalati separatamente con un asterisco gli esercizi più complessi o che prevedono l'introduzione di materiale opzionale.
Il testo è particolarmente adatto per quei corsi di Statistica del primo anno presso Sociologia, Scienze Politiche, Psicologia, Scienze della formazione, e in tutti i corsi nei quali la statistica è funzionale ad altre discipline che utilizzano dati campionari.

Sfamiglia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Crepet, Paolo <1951->

Sfamiglia : vademecum per un genitore che non si vuole rassegnare / Paolo crepet

Torino : Einaudi, 2009

Abstract: Dal bullismo, che è troppo facile liquidare come ragazzata, all'abuso di alcol, tra le prime cause di morte fra i giovani, dal 7 in condotta, necessario perché solo la presenza di regole insegna a rispettare il prossimo e a riconoscere i propri limiti, al telecomando, che insieme a Facebook e all'iPod indirizza verso un uso surfistico delle relazioni, improntate cioè all'eccitazione momentanea, alla comodità, che porta a evitare la fatica della riflessione. Un meditato e utile abbecedario dove ogni parola chiave è l'occasione per raccontare una storia vera, che ci riguarda. Attraverso l'esperienza decennale di incontri con le famiglie nelle diverse province italiane, Crepet parte dai nostri gesti quotidiani per ragionare sulle sfamiglie d'oggi, quelle che passano insieme non più di 40 minuti al giorno, quelle dove i genitori sembrano arrendersi, concedere tutto ai figli per paura di sentirsi rifiutati o solo per senso di colpa. E ci aiuta a guardare con responsabilità a ciò che abbiamo costruito, talvolta sfasciato. Perché educare significa accompagnare, voler rischiare di credere nell'altro, avere coraggio: proprio come amare.

50 idee per lo shopping etico
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Berry, Sian

50 idee per lo shopping etico / Sian Berry

Novara : Istituto geografico De Agostini, [2009]

Abstract: Cinquanta idee per fare acquisti che rispettino l'ambiente. Dalla vita di tutti i giorni alle occasioni speciali, dal cibo ai gadget tecnologici, Senza rinunciare allo stile, alla qualità e al risparmio. Siân Berry è stata candidata a sindaco di Londra per il partito dei Verdi e fondatrice dell'Alliance Against Urban 4x4 contro i SUV in città.

La comunicazione non verbale
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bonaiuto, Marino - Maricchiolo, Fridanna

La comunicazione non verbale / Marino Bonaiuto, Fridanna Maricchiolo

2. ed

Roma : Carocci, 2009

Abstract: La comunicazione non verbale ci consente di condividere con i nostri interlocutori un'ampia gamma di contenuti, a prescindere dall'uso delle parole. Può essere considerata come un linguaggio del corpo e un elemento di base della comunicazione faccia a faccia; nell'epoca attuale assume una rilevanza particolare grazie al rapido sviluppo di nuove tecnologie di comunicazione che sempre più implicano modalità non verbali di relazione. Il libro illustra le principali conoscenze scientifiche, le forme e il ruolo della comunicazione non verbale, i metodi di ricerca e le possibili applicazioni.

. - 2009
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gabanelli, Milena <1954->

. - 2009

Viaggio di nozze a Teheran
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Moaveni, Azadeh <1976->

Viaggio di nozze a Teheran / Azadeh Moaveni

2. ed

Roma : Newton Compton, 2009

Abstract: Azadeh è iraniana ma ha solide radici occidentali: parte della sua famiglia vive in California e lei, dopo aver lasciato la sua patria, ha intrapreso la carriera giornalistica negli Stati Uniti. Il ricordo del suo Paese è incancellabile, e sebbene ami quei senso libertà e Indipendenza che si respira tra le strade d'Occidente, non riesce a soffocare fa forte nostalgia che la lega all'Iran. Alla vigilia delle elezioni di Mahmoud Ahmadinejad, il Time la invia come corrispondente nella capitale iraniana per monitorare l'andamento del voto. L'arrivo a Teheran è sconvolgente. Azadeh subisce immediatamente l'impatto con uno stile di vita e una cultura che lei non conosce e non ricorda. Ma l'aria di casa non tarda a travolgerla con il suo carico di vecchi sapori, antiche abitudini che riprendono vita, visi familiari ritrovati dopo lungo tempo. Si rimette in contatto con l'amica Nasrine, giornalista anche lei, e comincia a respirare l'atmosfera locale. L'Iran si svela così ai suoi occhi di donna e giornalista: un incontro di tradizioni e di culture, nel quale convivono etnie diverse e orientamenti politici e religiosi opposti.

La mia vita
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bassi, Berta

La mia vita / Berta Bassi ; a cura di Giancorrado Barozzi ; documentazione fotografica di Silvia Camporesi

Mantova : Negretto, [2009]

Abstract: Seguendo il filo della memoria, Berta narra le vicende della sua lunga vita di mondina e di donna di fatica. Per superare felicemente l'ostacolo della scrittura, l'autrice, che nell'infanzia ha potuto frequentare le scuole solo sino alla quarta elementare, si è affidata alle sue notevoli abilità di affabulatrice orale, mettendo a frutto un ricco patrimonio di tecniche narrative tradizionali, di modi di dire spontanei e di espressioni in vernacolo. Ne è risultato un testo inconsueto nel panorama editoriale del nostro paese: pagine cariche di freschezza e verità che sorprenderanno i lettori per la loro originale sapienza naïf e che segnano un inedito punto d'incontro, situato a metà strada, tra l'oralità e la scrittura.

La cultura underground
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Maffi, Mario <1947->

La cultura underground / Mario Maffi

Bologna : Odoya, 2009

Abstract: La beat generation e il Movement, i problemi dell'individuo e della droga, la politica e la guerra nel Vietnam, i gruppi pacifisti, gay e femministi, le organizzazioni delle minoranze etniche e del dissenso più radicale, le sperimentazioni del cinema e del teatro, la produzione musicale. Mario Maffi passa in rassegna gli aspetti sociali e culturali di un'intera epoca, sondandone le origini e le profonde motivazioni individuali e collettive: dai beats agli hippies, dall'action painting alla Pop Art, da Bill Haley ed Elvis Presley ai Fugs e Frank Zappa, dal Living Theatre al Bread and Puppet Theatre e al Teatro Campesino, dalle avanguardie cinematografiche al documentario di denuncia, dal superamento dei confini della percezione al partito delle Pantere Nere e ai Weathermen Underground - e le derive ed evoluzioni successive. La cultura underground è il racconto di un viaggio che ha segnato profondamente le generazioni degli ultimi decenni, desiderose di emanciparsi, con idee e identità diverse, dal peggiore dei mondi possibili uscito dalla seconda guerra mondiale: fra l'alienazione degli anni Cinquanta, le illusioni degli anni Sessanta e le prime avvisaglie della crisi di metà anni Settanta.

A chi sente il ticchettio
0 0 0
Materiale linguistico moderno

A chi sente il ticchettio : materiali dal convegno antimilitarista di Trento (2 maggio 2009)

[S.l.] : Rompere le righe, 2009

Nella testa di Steve Jobs
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kahney, Leander <1965->

Nella testa di Steve Jobs / Leander Kahney

Milano : Sperling & Kupfer, [2009]

Abstract: Dagli anni Settanta a oggi Steve Jobs ha rivoluzionato l'informatica, il cinema d'animazione e la musica digitale con creazioni che non sono solo campioni di vendite, ma veri e propri oggetti di culto. Non c'è quindi da stupirsi se molti lo venerano come un dio. Oltre che per le geniali intuizioni, Jobs è famoso per la personalità a dir poco difficile: grandissimo egocentrico, fanatico del controllo, autentico sociopatico, di lui si è detto questo e altro. Ma chi è il vero Steve Jobs? Qual è il segreto del suo successo? Questo libro lo spiega addentrandosi nella mente del papà del business più clamoroso dei nostri tempi. Jobs è uno spirito elitario ma i suoi prodotti sono a prova di stupido. È pessimo nel gestire i rapporti umani, eppure riesce a circondarsi dei migliori collaboratori di caratura internazionale. Si professa buddista e antimaterialista ma sforna oggetti di massa dalle fabbriche asiatiche e li promuove grazie a un'impareggiabile padronanza dello strumento di comunicazione più grossolano, la pubblicità. Da questa lunga serie di contraddizioni Jobs ha tratto una filosofia di business che ha portato la sua azienda a conquistare impensabili traguardi in nuovi mercati, attraverso una reale pratica dell'innovazione. Dalla nascita del primo Mac a quella dell'I-Phone, l'autore ripercorre le tappe della vita professionale e privata di Steve Jobs, in una biografia che è anche fonte di spunti per creare il proprio stile di management vincente.

Alfabeto
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Toscano, Mario Aldo <docente di Storia e teoria sociologica>

Alfabeto : letture elementari / Mario Aldo Toscano

Firenze : Le Lettere, 2009

Abstract: Il testo propone una serie di piccoli e medi scritti per ogni lettera dell'alfabeto. Voci dal vocabolario, dunque, che chiedono di essere ascoltate e che si contendono l'ascoltatore ciascuna sfidando la sua attenzione per il contenuto, ma anche per la forma, e lo stile che prevede largamente l'uso dell'ironia. Così le parole, da asino a zappa, svolgono temi e sollevano problemi talvolta inaspettati, sui quali veglia un?intrigante categoria dell?intelligenza, lo spirito sociologico, applicato nel quadro di una speciale connessione teorico-empirica. Echi di un?ampia letteratura rendono infine la scrittura densa di evocazioni domestiche e rinviano ad una lunga e multiforme tradizione meditativa.

Carnefici e vittime
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Lehner, Giancarlo <1943-> - Bigazzi, Francesco <giornalista>

Carnefici e vittime : i crimini del Pci in Unione Sovietica / Giancarlo Lehner, Francesco Bigazzi

Edizione speciale per Il Giornale

[Milano] : Il Giornale, [2009]

Abstract: Mosca negli anni del terrore staliniano. Il libro si apre con la storia del delatore per antonomasia, Paolo Robotti, a sua volta incolpato e torturato dalla polizia sovietica: con l'ausilio di una documentazione inedita, raccolta da Francesco Bigazzi, viene ricostruita la paradossale vicenda di Robotti. Il libro si chiude con la storia anch'essa inedita dell'ultimo prigioniero politico sovietico, liberato nel 1987. Tra l'inizio (Robotti) e l'epilogo (Mironov), Lehner ripercorre le vicende drammatiche degli italiani vittime del comunismo, attraverso le fonti dei verbali processuali, con l'obiettivo di collegare i documenti alla ricostruzione delle personalità dei giovani.

Africa qui
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ragusa, Stefania - Ragusa, Stefania

Africa qui : storie che non ci raccontano / Stefania Ragusa ; illustrazioni di Elisa Freddio

2. ed

[Bologna] : Edizioni dell'Arco, 2009

L'economia europea
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Guerrieri, Paolo - Padoan, Pier Carlo <1950->

L'economia europea / Paolo Guerrieri, Pier Carlo Padoan

Bologna : Il Mulino, 2009

Farsi un'idea ; 161

Abstract: La crisi globale pone sfide inedite all'Europa e richiede un convinto rilancio del processo di integrazione. Il volume guarda all'economia europea da una duplice prospettiva: la prima parte ripercorre le principali tappe dell'integrazione e delinea le caratteristiche e il funzionamento del modello economico e sociale europeo; la seconda ricostruisce l'intreccio dei fattori che hanno portato alla grave crisi internazionale e ne valuta l'impatto sul futuro dell'integrazione. Nel nuovo scenario mondiale, è solo attraverso la definizione di una politica economica adeguata al suo rango di potenza globale che l'Europa potrà rilanciare la crescita all'interno e affrontare le sfide che l'attendono.

Un burqa per amore
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Monforte, Reyes

Un burqa per amore / Reyes Monforte ; traduzione di Eleonora Cadelli

Milano : TEA, 2009

Abstract: Una telefonata giunge al programma radiofonico di Reyes Monforte. La voce spezzata, intensa, accorata è quella di Maria, una giovane spagnola. Sta chiamando dall'Afghanistan, è in cerca di aiuto e per questo racconta la sua storia. Dall'amore per un ragazzo afgano, di nome Nasrad, conosciuto a Londra, alla decisione di sposarlo, di convertirsi all'Islam e di lasciare l'Europa. Una volta in Afghanistan il sogno di felicità dei due giovani s'infrange: la realtà è fatta di povertà, fame, violenza, fanatismo religioso, odio talebano. La guerra imperversa e i due ragazzi si ritrovano a Kabul, derubati, senza documenti e con due bambini da crescere. Attraverso la struggente testimonianza di Maria, non solo si dipana la storia di un grande amore, ma si delinea il ritratto di un popolo, quello afgano, vittima ancor prima della guerra, delle sue regole, dei suoi costumi e delle sue rigide consuetudini.

Autobiografia di una repubblica
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Crainz, Guido <1947->

Autobiografia di una repubblica : le radici dell'Italia attuale / Guido Crainz

Roma : Donzelli, [2009]

Abstract: Dove affonda le sue radici l'Italia di oggi? Guido Crainz cerca le risposte a questa e a altre domande non in vizi plurisecolari del paese ma nella storia concreta della Repubblica, muovendo dall'eredità del fascismo, dalla nascita della repubblica dei partiti e dagli anni della guerra fredda. L'analisi si sofferma soprattutto sulla grande trasformazione che ha inizio negli anni del miracolo e prosegue poi nei decenni successivi: con la sua forza dirompente, con le sue contraddizioni profonde, con le tensioni che innesca. In assenza di un governo reale di quella trasformazione, e nel fallimento dei progetti che tentavano di dare ad essa orientamento e regole, si delinea una mutazione antropologica destinata a durare. Essa non è scalfita dalle controtendenze pur presenti - di cui il '68 è fragile e contraddittoria espressione - e prende nuovo vigore negli anni ottanta, dopo il tunnel degli anni di piombo e il primo annuncio di una degenerazione profonda. Mutazione antropologica e crisi del Palazzo - per dirla con Pier Paolo Pasolini vengono così a fondersi: in questo quadro esplode la crisi radicale dei primi anni novanta, di cui il tumultuoso affermarsi della Lega e l'esplosione di Tangentopoli sono solo un sintomo. Iniziò in quella fase un radicale interrogarsi sulle origini e la natura della crisi, presto interrotto dalle speranze in una salvifica Seconda Repubblica: speranze destinate a lasciare presto un retrogusto amaro.