Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Paese Germania
× Soggetto Condizioni socioeconomiche
× Soggetto Donne
× Lingue Greco classico (fino al 1453)
Includi: tutti i seguenti filtri
× Data 2012
× Soggetto Crisi economiche

Trovati 27 documenti.

Mostra parametri
La grande contrazione
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Magatti, Mauro <1960->

La grande contrazione : i fallimenti della liberta' e le vie del suo riscatto / Mauro Magatti

Milano : Feltrinelli, 2012

Abstract: Partendo dalla ricostruzione critica del modello di sviluppo affermatosi negli ultimi vent'anni, il libro approfondisce le origini culturali e sociali della crisi in atto. Il tema viene affrontato a partire da una domanda di solito rimossa: come mai, dopo un lungo periodo di crescita, i paesi occidentali si ritrovano indebitati, invecchiati, disuguali e depressi? Al di là degli aspetti finanziari ed economici, la crisi segna la fine del tecno-nichilismo. Per quanto faticosa, difficile e rischiosa, la crisi tuttavia è anche un'opportunità. Il problema non si risolve semplicemente attraverso interventi tecnici, ma tornando a chiedersi che cosa sia la crescita. Ciò è possibile a condizione però di mettere in discussione l'immaginario della libertà che si è affermato nei paesi occidentali, imprigionato in una concezione radicalmente individualista. Iniziando da qui si può cominciare a declinare diversamente il rapporto tra economia e società, superando un'economia basata sul consumo per entrare in un'economia basata sul valore.

Crack capitalism
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Holloway, John

Crack capitalism / John Holloway

Roma : DeriveApprodi, 2012

Abstract: Oggi, forse più che mai, il mondo è di fronte a un bivio. Da una parte, una chiusura spaventosa. Chiusura delle vite, delle aspettative, delle possibilità, delle speranze. Questo è il nucleo dell'attacco capitalista. Questi sono i tempi dell'austerità. Dovrete imparare a vivere nella realtà. Non aspettatevi di trovare facilmente un lavoro. Non aspettatevi di trovare una borsa che vi permetta di studiare. Non aspettatevi neanche di studiare, se i vostri genitori non hanno i soldi. Soprattutto non sognate di creare un mondo diverso. Questa è la dura realtà oggi, scordatevi dei vostri sogni. Ci potevate giocare quando eravate bambini, adesso no, questa è la crisi finanziaria, questo è il regno del denaro. Guardatevi intorno, non c'è alternativa, non c'è altra possibilità che quella di accettare la disciplina del denaro. Guardate gli italiani, guardate i greci, siete stati avvertiti! Forse, se soffrite in silenzio, se lavorate duro, anche senza essere pagati per niente all'inizio, se lasciate perdere i vostri sogni sciocchi, forse allora tra qualche tempo ci sarà per voi un futuro nel capitalismo, se siete fortunati. Dall'altra parte, c'è una spinta decisa verso l'apertura. No, non accetteremo. Non accetteremo le misure di austerità, non accetteremo la disciplina del denaro, non accetteremo la morte della speranza. Non accetteremo le diseguaglianze oscene di questo mondo in cui viviamo...

L'austerità è di destra
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Brancaccio, Emiliano <1971-> - Passarella, Marco

L'austerità è di destra : e sta distruggendo l'Europa / Emiliano Brancaccio, Marco Passarella

Milano : Il Saggiatore, 2012

La cultura ; 762

Abstract: Merkel, Sarkozy, Monti, Draghi, tutti a ripetere lo stesso mantra: austerità, pareggio di bilancio, taglio della spesa pubblica. E intanto la grande recessione ci rituffa nell'incertezza totale del settembre 2008, quando la Lehman Brothers crollò gettando i mercati finanziari nel panico. Se allora erano le banche a dover passare sotto le forche caudine della speculazione, adesso è la volta degli Stati, specialmente quelli europei, indebitati fino al collo per far fronte alla crisi e costretti a sottomettere il proprio debito al giudizio giornaliero dei mercati e alle bizze delle agenzie di rating. Dopo Grecia e Irlanda, anche Spagna e Italia sono arrivate a un passo dal baratro, mentre la politica monetaria appare impotente nell'impedire la frantumazione dell'Europa. Ma se l'austerità fosse il rimedio che aggrava la crisi invece di risolverla? Se i tagli e l'aumento delle tasse invece di risanare il bilancio deprimessero ulteriormente l'economia e quindi il gettito fiscale? Emiliano Brancaccio e Marco Passarella, rinnovando la lezione di Keynes, ci spiegano perché, di fronte a una crisi di domanda come la nostra, la linea dell'austerità va combattuta, in quanto conservatrice, antisociale e quindi antidemocratica. Perché l'austerità è di destra, anche se in bocca a politici di tutti gli schieramenti.

Acabemos ya con la crisis
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Krugman, Paul <1953->

Acabemos ya con la crisis / [Paul Krugman]

Barcelona : Critica, 2012

Minotauro
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Varoufakis, Yanis <1961->

Il minotauro globale : l'America, le vere origini della crisi finanziaria e il futuro dell'economia mondiale / Yanis Varoufakis ; traduzione di Piero Budinich

Trieste : Asterios, 2012

Abstract: Nell'America post-bellica gli Stati Uniti distrussero la realtà preesistente non una bensì due volte, per crearne di nuove. La prima volta non avevano altra scelta. La Seconda guerra mondiale aveva imposto all'America il ruolo di ideatore di realtà, sia pure contro la sua volontà. Ed essi risposero brillantemente, con un Piano globale che diede avvio alla stagione più felice del capitalismo globale. Quando poi il Piano globale ebbe raggiunto la sua data di scadenza, gli Stati Uniti non persero più tempo a tergiversare o a "studiare" la realtà esistente. Piuttosto, cercarono attivamente di disintegrare la realtà che stava già degenerando, in modo da provocare una decisiva crisi mondiale da cui sarebbe uscita una realtà ben più nuova e vitalissima: "Minotauro globale". Per la seconda volta nella sua storia, l'America aveva ridisegnato il mondo non tanto a propria immagine e somiglianza, bensì in un modo che aveva trasformato una strisciante debolezza in una maestosa egemonia. La chiave del successo dell'America fu il riconoscimento dell'indispensabilità di un meccanismo di riciclo delle eccedenze globali (GSRM). L'egemonia differisce dal dominio, o dal volgare sfruttamento, in quanto il vero egemone capisce che il suo potere deve essere rialimentato non mediante l'ulteriore prelievo dai suoi sudditi, bensì dall'investimento nelle loro capacità per generare eccedenze. Per togliere ai suoi sudditi, l'egemone deve padroneggiare l'arte di dare in cambio...

Fuori da questa crisi, adesso!
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Krugman, Paul <1953->

Fuori da questa crisi, adesso! / Paul Krugman

Milano : Garzanti, 2012

Cotti a puntino
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Fratini, Marco <1966->

Cotti a puntino / Marco Fratini

Milano : Rizzoli, 2012

Abstract: Non siamo avidi e non facciamo sogni di ricchezza. Vogliamo solo salvarci e ripartire. Ma ce li abbiamo ancora quei diecimila euro sul conto? Chissà. Dobbiamo forse imparare a salvarli dagli attacchi dello spread e dai sacrifici imposti dai prof dopo che Berlusconi ha lasciato la nave mentre affondava. Fratini, in questo libro ci spiega come difenderli e, soprattutto, come farli fruttare, nella consapevolezza che sono sempre meno quelli che hanno a cuore la nostra vita, le nostre speranze e quelle di chi verrà dopo. Il libro si compone di 12 capitoli in cui l'uso di piccoli racconti quotidiani o di spigolature storiche (tipo: re Baldovino che ipotecò la barba) inedite, o non troppo note. L'obiettivo del racconto, alla fine, è offrire uno spunto divulgativo come pretesto all'introduzione a strumenti di risparmio e investimento dal volto umano.

Siamo il 99%
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Chomsky, Noam <1928->

Siamo il 99% / Noam Chomsky ; traduzione di Andrea Aureli

Roma : Nottetempo, 2012

Abstract: Nel settembre del 2011, negli Stati Uniti è esploso Occupy, il movimento di contestazione e disubbidienza civile contro il potere ormai fuori controllo del capitalismo finanziario, che ha trascinato in una crisi senza precedenti l'economia statunitense e mondiale. La forza di questo libro, che raccoglie alcuni interventi di Noam Chomsky ad assemblee e dibattiti promossi dal movimento, è che il lettore italiano lo sentirà familiare fin dalle prime righe. Perché i problemi politici, economici e sociali affrontati dallo studioso sono analoghi a quelli che assillano il nostro paese in questo momento critico: il deficit pubblico, la finanziarizzazione diffusa che soppianta l'economia produttiva, l'aberrante concentrazione della ricchezza nelle mani dell'1% della popolazione, l'acuirsi di disuguaglianze che producono una drammatica sfiducia nel futuro, la disoccupazione, il precariato, la recessione. Chomsky abbraccia le istanze antagonistiche di Occupy, sostenendo la costruzione dal basso di un nuovo concetto di partecipazione democratica e di cittadinanza attiva, e incoraggiando un'idea alternativa della crescita, che superi i circoli viziosi e antidemocratici delle politiche neoliberali. Un pamphlet per ridare energia a un Occidente sprofondato nella depressione.

Siamo fritti
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cloza, Giuseppe

Siamo fritti : il teatrino della bassa finanza : tutto quello che non ci dicono e come possiamo difenderci / Giuseppe Cloza

[Milano] : Rizzoli Etas, 2012

Abstract: Che siamo messi male l'abbiamo ormai capito, ma il perché non è ancora del tutto chiaro, e meno ancora è chiaro se possiamo fare qualcosa per difenderci dai mercati, dalla tecnocrazia, dai rischi di default. In concreto. Nella nostra vita quotidiana. L'obiettivo di questo libro è aiutarci a capire e a impostare ­ se possibile ­ qualche azione per contrastare le minacce che incombono: il crollo dell'euro? Una crisi argentina o semplicemente, l'impoverimento diffuso? Con tono brillante e parabole fulminanti l'autore non ci risparmia le cattive notizie (che spesso la stampa ufficiale nasconde), ma lascia aperta la speranza attraverso suggerimenti concreti sulle cose da fare. In appendice i portafogli colorati con consigli pratici per gestire e proteggere i risparmi di tutte le tipologie di investitori.

La fine dell'uguaglianza
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Parsi, Vittorio Emanuele <docente di relazioni internazionali>

La fine dell'uguaglianza : come la crisi economica sta distruggendo il primo valore della nostra democrazia / Vittorio Emanuele Parsi

Milano : Mondadori, 2012

Abstract: Con la Rivoluzione francese si afferma per la prima volta il principio dell'uguaglianza tra gli uomini, la pietra angolare su cui ancora oggi si fonda ogni sistema che si voglia definire democratico. La costituzione italiana lo richiama nell'art. 3: Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. La crisi cominciata nel 2008 è ancora in corso, oltre ad aver minato quasi tutte le nostre certezze in campo economico, sta ridefinendo alcuni diritti fondamentali, in molti casi senza che questo desti attenzione o sollevi un dibattito adeguato nell'opinione pubblica. Il libro di Vittorio Emanuele Parsi - grazie alla profonda conoscenza che l'autore ha della complessa situazione internazionale -ha il merito di analizzare come le oscillazioni dei listini di Borsa, le richieste coercitive dell'Unione Europea, la messa in discussione della sovranità nazionale degli Stati abbiano conseguenze profonde sui diritti individuali, primo fra tutti quello all'uguaglianza tra gli uomini: il diritto che ha tenuto insieme la nostra società fino a oggi.

La crisi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Delbono, Flavio

La crisi : di chi e' la colpa? / Flavio Delbono

Padova : Libreriauniversitaria.it, 2012

Il film della crisi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ruffolo, Giorgio <1926-> - Sylos Labini, Stefano

Il film della crisi : la mutazione del capitalismo / Giorgio Ruffolo, Stefano Sylos Labini

Torino : Einaudi, 2012

Abstract: Per affrontare i grandi temi dell'attualità, Giorgio Ruffolo smette i panni del narratore di storie dell'economia per calarsi nel ruolo di critico attento. Trasformando il lettore in spettatore, l'autore de II capitalismo ha i secoli contati decide di affrontare la crisi finanziaria come fosse la sceneggiatura di un film. Individua i protagonisti e gli oppositori, gli interessi e gli ostacoli nel perseguirli, evidenzia i punti di svolta della storia. Cosi facendo, è in grado di osservare con la giusta obiettività concetti e fenomeni, riuscendo sempre a contestualizzarli. Quali sono le cause che hanno portato a questo momento critico? Quando arriveremo ai titoli di coda la risposta sarà chiara: la colpa è dell'inversione del rapporto tra capitale e lavoro e di un forsennato capitalismo finanziario che ha portato a enormi diseguaglianze sociali. Una situazione che non pare poter migliorare, a meno che non si metta fine allo spreco delle risorse del pianeta e ci si impegni per garantire uno stabile e forte equilibrio mondiale.

Crescere si puo'
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Daveri, Francesco <1961->

Crescere si puo' / Francesco Daveri ; intervista a cura di Sergio Levi

Bologna : il Mulino, 2012

Abstract: Non sempre le previsioni economiche sono azzeccate: e anche un paese vecchio e ricco come l'Italia può riprendere a crescere. Da quando l'euro e l'Europa sono in crisi, sembra che le vie della crescita stiano finendo. Non è così. È la via fiscale e monetaria alla crescita che si è esaurita. Per dare nuovi orizzonti alla crescita economica, facendo una robusta concorrenza alla Cina senza alzare barriere protezionistiche, bisogna rilanciare un vero mercato transatlantico e completare l'integrazione tra Europa e Stati Uniti.

Mettersi in gioco
0 0 0
Materiale linguistico moderno

De Benedetti, Carlo <1934->

Mettersi in gioco / Carlo De Benedetti

Torino : Einaudi, 2012

Abstract: Mai un intero paradigma produttivo, il nostro, era stato così fortemente messo in discussione come oggi, squassato dallo spostamento dell'asse mondiale della ricchezza. Enormi diseguaglianze e una guerra su scala mondiale per il lavoro ci hanno portato a una situazione peggiore rispetto agli anni Settanta. È doveroso, tuttavia, non arrendersi e cercare strade nuove, avere una capacità di visione. Possiamo farlo se dedicheremo ogni risorsa verso ambiziose opere di ricostruzione del futuro. Come in una partita a scacchi, dovremo poter contare su due buone torri d'attacco, un alfiere attento, e una regina che si svegli dal suo torpore: giovani, imprenditori, opinione pubblica e soprattutto una buona politica. Una visione del mondo e del proprio Paese, in nome di quella che Piero Gobetti chiamava una certa idea dell'Italia.

Neurolandia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Benetazzo, Eugenio

Neurolandia / Eugenio Benetazzo, con Gianluca Versace

Milano : Chiarelettere, 2012

Abstract: L'analisi dello scenario macroeconomico dell'eurozona rappresenta il tema principale del nuovo libro di Eugenio Benetazzo, incentrato sull'origine e l'evoluzione futura della crisi del debito sovrano oltre che su una previsione sull'economia del pianeta per gli anni che verranno. Con l'impareggiabile taglio inquisitorio e con un ritmo divulgativo assolutamente incalzante, il più autorevole economista italiano fuori dal coro, definito ormai come lo Steve Jobs dei mercati finanziari, si sofferma a descrivere il processo di metamorfosi che contraddistingue tutta l'economia occidentale e le sue spiacevoli conseguenze soprattutto sul piano sociale e per il mondo del lavoro. Nulla viene risparmiato, dai processi di deindustrializzazione alla politica di una moneta troppo forte imposta dall'alto, dalla teoria di Euro 2 al pressapochismo e immobilismo che hanno contraddistinto le istituzioni sovranazionali, colpevoli di non aver saputo leggere in anticipo le priorità dell'Unione europea. Un'analisi complessa ma al tempo stesso molto comprensibile anche per il piccolo risparmiatore o il giovane studente universitario che devono rendersi conto dove e come investire il loro risparmio o le loro energie a fronte di un mutamento epocale senza precedenti, che porterà a trasformare in locomotive trainanti la crescita del pianeta paesi che un tempo venivano descritti nei sussidiari delle scuole elementari come paesi del Terzo mondo o in via di sviluppo.

Finanza shock
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Onado, Marco <1941->

Finanza shock / Marco Onado

Ed. speciale per Il sole 24 ore

Milano : Il sole 24 ore, 2012

Pigs!
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ferrero, Paolo <1960->

Pigs! : la crisi spiegata a tutti / Paolo Ferrero

Roma : DeriveApprodi, 2012

Abstract: Ci dipingono la crisi come un fenomeno naturale. E, come cura, ci propongono le ricette che ne sono all'origine: il neoliberismo. Tutto questo produce sofferenze tanto drammatiche quanto inutili, perché la loro ricetta non funziona e aggrava la crisi. Tutto questo possono farlo perché le persone, anche quelle informate, non capiscono nulla di economia e finanza. Così la nostra vita, il nostro futuro e quello dei nostri figli vengono lasciati nelle mani di tecnici e apprendisti stregoni che si comportano come i medici medioevali: sostenendo di curare la malattia, uccidono il paziente. Questo libro prova, con un linguaggio elementare, senza usare termini incomprensibili, a spiegare cosa ci sta succedendo davvero: le origini della crisi, le balle che ci raccontano, come fare a uscirne. È un libro che confida nella razionalità degli umani, nel fatto che dalla comprensione della realtà possa scaturire una coscienza, e quindi un comportamento diverso. È un libro che confida nel fatto che gli schemi di gioco delle squadre di calcio siano più complicati dell'economia. Se tutti discutono con competenza dei primi, potranno capire anche la seconda. Ed evitare di delegare a tecnici venduti la gestione della loro vita.

Tra Atene e Berlino
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bastasin, Carlo

Tra Atene e Berlino / Carlo Bastasin

Ed. speciale per Il sole 24 ore

Milano : Il sole 24 ore, 2012

Manovre in corso
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gentili, Guido

Manovre in corso / Guido Gentili

Ed. speciale per Il sole 24 ore

Milano : Il sole 24 ore, 2012

Il mercato
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Zingales, Luigi

Il mercato / Luigi Zingales

Ed. speciale per Il sole 24 ore

Milano : Il sole 24 ore, 2012