Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Paese Germania
× Soggetto Condizioni socioeconomiche
Includi: tutti i seguenti filtri
× Soggetto Sociologia
× Soggetto Storia

Trovati 54 documenti.

Mostra parametri
Il lavoro nel 21. secolo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

De Masi, Domenico <1938->

Il lavoro nel 21. secolo / Domenico De Masi

Torino : Einaudi, 2018

Passaggi Einaudi

Abstract: Cosa è stato il lavoro? e cosa sarà? Dopo avere ricostruito le diverse interpretazioni teoriche di questo fenomeno - dalla Genesi alla visione cattolica, buddista, islamica, protestante, liberista e socialista - Domenico De Masi ne passa in rassegna le trasformazioni concrete: dalle forme schiavistiche alle grandi fabbriche della rivoluzione industriale, fino al XXI secolo segnato dall'ingegneria genetica con cui vinceremo molte malattie, dall'intelligenza artificiale con cui sostituiremo molto lavoro intellettuale, dalle nanotecnologie con cui gli oggetti si relazioneranno tra loro e con noi, alle stampanti 3D con cui costruiremo in casa molti oggetti. Se finora i trattati e le storie del lavoro hanno riservato gran parte del loro interesse all'operaio e alla fabbrica, De Masi dedica pari attenzione alla fatica fisica, al lavoro intellettuale e alle attività creative, rompendo la separazione netta tra lavoro e non lavoro per analizzare anche le situazioni sempre più frequenti in cui gli uomini e le donne ibridano il loro lavoro con altre forme di vita. Come è noto De Masi ha contribuito a elaborare e diffondere il paradigma postindustriale, fondato sull'idea che, a partire dalla seconda metà del Novecento, l'azione congiunta del progresso tecnologico, dello sviluppo organizzativo, della globalizzazione, dei mass-media e della scolarizzazione diffusa abbia prodotto un tipo nuovo di società centrata sulla produzione di informazioni, servizi, simboli, valori, estetica. Approdando al concetto di "ozio creativo", sintesi di lavoro, gioco e studio, De Masi apre una via inedita per comprendere come cambierà il lavoro nel nostro futuro.

La città
0 0 0
Materiale linguistico moderno

De Seta, Cesare <1941->

La città : da Babilonia alla smart city / Cesare de Seta

[Milano] : Rizzoli, 2017

Abstract: Oggi oltre metà della popolazione mondiale vive in una città, e si stima che nel 2050 questa percentuale salirà ai tre quarti. Le città esistono da migliaia di anni - da quando gli uomini hanno cominciato a vivere insieme in un luogo, lo hanno racchiuso tra mura e arricchito con monumenti e edifici pubblici - ma il significato del termine è profondamente mutato nel corso dei secoli. Basta pensare anche solo agli ultimi decenni, in cui il nostro modo di abitare, di spostarci e di entrare in relazione con lo spazio e gli altri è cambiato in modo radicale. Dagli antichi insediamenti della mezzaluna fertile, passando per i comuni italiani del Medioevo, la Firenze di Leon Battista Alberti e la Londra di Dickens, Cesare de Seta conduce il lettore in un viaggio affascinante, in cui racconta lo sviluppo nei secoli del concetto di "città", e come esso sia costituito da un intreccio indissolubile di geografia, storia, economia e cultura, in cui giocano un ruolo determinante le aspirazioni e i timori di coloro che ci vivono. Per finire con uno sguardo alle nuove realtà dei grandi centri con decine di milioni di abitanti e delle smart city, le città intelligenti, in cui le nuove tecnologie avranno un ruolo fondamentale, ma che pongono interrogativi inquietanti sull'uso degli spazi e sulle relazioni sociali.

Breve storia della pioggia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Corbin, Alain <1936->

Breve storia della pioggia : dalle invocazioni religiose alle previsioni meteo / Alain Corbin

Bologna : EDB, 2016

Abstract: L’acqua che cade dal cielo «fa viaggiare l’anima», ma rende impraticabili i percorsi dei cavalieri erranti, complica le guerre, fa ritardare gli amori; invocata in tempi di siccità, la pioggia provoca anche la paura dell’eccesso, delle alluvioni e dei diluvi. Stendhal la detesta, Baudelaire ne fa una componente dello spleen, i diaristi la intrecciano con le lacrime, i sovrani e i capi di Stato ne fanno un uso politico, rinunciando all’ombrello nelle cerimonie ufficiali per condividere con il popolo anche le avversità atmosferiche. È solo alla fine del Settecento che la sensibilità individuale ai fenomeni meteorologici si intensifica; lo sforzo di guardare in alto per cogliere i segni della collera divina o dell’intervento diabolico, associato alle pratiche dell’invocazione religiosa, viene vanificato nel secolo successivo dalla «secolarizzazione del cielo» e poi dalle previsioni meteo. Una lunga storia che Alain Corbin riassume nel libro, con l’avvertenza, sulla scia di Roland Barthes, che «niente è più ideologico del tempo che fa».

Perché l'Europa ha cambiato il mondo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Zamagni, Vera <1943->

Perché l'Europa ha cambiato il mondo : una storia economica / Vera Zamagni

2. ed.

Bologna : Il Mulino, 2015

Abstract: Fino al Novecento il progresso economico mondiale era indagato quasi solo dal punto di vista della storia europea e delle sue appendici di successo (Stati Uniti); oggi, di fronte ai fenomeni di globalizzazione, nuove domande vengono rivolte alla storia. Perché non furono l'Asia o il mondo islamico a produrre la rivoluzione industriale? Nel descrivere le strutture portanti dello sviluppo europeo, il volume mostra come le peculiarità della civiltà europea sul piano delle istituzioni sociali ed economiche, e soprattutto su quello dei valori, hanno saputo innescare il progresso in quanto la competizione è stata giocata insieme alla giustizia sociale (diritti) e alla solidarietà (welfare).

Razza e destino
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Olender, Maurice <1946->

Razza e destino / Maurice Olender

[Milano] : Bompiani, 2014

Abstract: Ogni comunità dà vita a una storia che si sviluppa nel tempo. Trasformarla in razza significa bloccarla in un passato senza presente né avvenire, condannarla a diventare una razza senza storia con un destino assegnato e fissato una volta per tutte. I gruppi definiti come "razze" diventano immobili della storia, incapaci del minimo cambiamento sociale, religioso, economico o politico. A quanti sono rinchiusi in questo cerchio magico senza possibilità d'uscita, è come se dicessimo: "Voi resterete sempre gli stessi." Nell'età del colonialismo, tra XIX e XX secolo, le scienze si sono occupate di pensare, classificare, legittimare le "razze umane": la storia del pensiero degli ultimi cinquant'anni è stata capace di riscattarsi? Maurice Olender conduce il lettore tra le ombre che questa idea proietta fino ai giorni nostri, e nella prefazione a questa edizione italiana presenta un primo approccio storiografico alle "figure metafisiche della razza" che emergono dai "Quaderni neri", ancora in parte inediti, di Martin Heidegger.

Storia di internet e il futuro digitale
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ryan, Johnny

Storia di internet e il futuro digitale / Johnny Ryan ; traduzione di Paola Pace

Torino : Einaudi, 2011

Abstract: Una grande rivoluzione sta trasformando i rapporti umani. La vita politica, commerciale e culturale abbandona le strutture gerarchiche e centralizzate dell'età industriale per entrare in una dimensione totalmente nuova: la comunicazione e l'economia dell'era digitale. Questo libro racconta la sorprendente storia della nascita e dello sviluppo di Internet dagli anni Cinquanta a oggi, esaminando come sia cambiato il rapporto di potere tra individuo e stato negli ambiti della censura, del diritto d'autore, della libertà intellettuale cosi come del terrorismo e della strategia militare. Johnny Ryan spiega in che modo Internet abbia rivoluzionato le campagne politiche; come lo sviluppo del world wide web stia affrancando un'intera popolazione di consumatori online; e come il crollo delle dot-com abbia insegnato alle aziende più smaliziate a investire sulle potenzialità degli artigiani del digitale. Negli anni a venire, il successo o il fallimento di piattaforme come iPhone e Android dipenderà dalla loro capacità di muoversi tra controllo proprietario e innovazione open source. Le tendenze del passato lasciano ben sperare per l'industria musicale e dell'informazione. Dai sistemi a controllo governativo dell'epoca della guerra fredda all'odierno cloud computing, dall'idea di contenuto generato dall'utente a un nuovo sistema di condivisione globale, questo libro, una storia sociologica della rete ricca di implicazioni filosofiche.

Storie globali
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Beonio-Brocchieri, Vittorio

Storie globali : persone, merci, idee in movimento / Vittorio Beonio Brocchieri

Milano : EncycloMedia Publishers, 2011

Abstract: Cinquemila anni di traversate, incontri, prestiti e conflitti. Vittorio Beonio Brocchieri ripercorre le tappe avventurose di quel processo di mondializzazione che coinvolge le civiltà urbane sin dalle origini, premessa della modernità e della rivoluzione industriale. Se il concetto di globalizzazione occupa come un passepartout qualunque analisi storico-sociale come tratto peculiare del nostro tempo, questo saggio si propone di restituire alla dimensione storica di lunga durata un processo che troppo spesso viene percepito come l'esito di avvenimenti accaduti negli ultimi 30 anni o, nel migliore dei casi, dell'ultimo secolo e mezzo.

Storia sociale dei media
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Briggs, Asa <1921-2016> - Burke, Peter <1937->

Storia sociale dei media : da Gutenberg a Internet / Asa Briggs, Peter Burke

3. ed. aggiornata

Bologna : il Mulino, 2010

Abstract: Questo volume dà una profondità storica ai media, collegandoli in una complessiva storia della comunicazione, a partire dall'invenzione della stampa nel Quattrocento. Burke passa in rassegna i diversi mezzi di comunicazione dell'età moderna (la stampa ma anche la posta, la predicazione, la canzone, le chiacchiere, il caffè, l'immagine, il teatro) mostrando come essi abbiano determinato la formazione di una sfera pubblica. Briggs poi racconta la grande crescita otto-novecentesca dei mezzi di comunicazione, secondo una visione allargata che include l'invenzione del motore a vapore, lo sviluppo delle ferrovie, della navigazione, del telegrafo, della posta, fino all'odierno sistema dei mass media.

Il palco d'oro
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Snowman, Daniel

Il palco d'oro : la straordinaria storia dell'opera dalle origini a oggi / Daniel Snowman ; traduzione di Alessandro Besselva Averame

Roma : Elliot, 2010

Abstract: Questa sera siamo andati all'opera, dove commedie e altre opere teatrali vengono messe in musica, dai musicisti più eccellenti, attraverso voce e strumenti, con una gran varietà di scenografie dipinte e progettate facendo ricorso a un'arte prospettica altrettanto sapiente, e macchine volanti, e altre meravigliose idee; uno dei più magnifici e costosi svaghi che il genio dell'uomo possa inventarsi..., così descriveva nel 1645 lo scrittore John Evelyn il suo stupore e la sua meraviglia di fronte a quella che da lì a poco sarebbe diventata una delle espressioni artistiche più romantiche e suggestive. A partire dalle origini e fino ai primi decenni del Novecento, infatti, l'opera è stata la forma di intrattenimento più diffusa nel mondo oltre che uno dei maggiori simboli della cultura popolare italiana. Daniel Snowman, scrittore e storico musicale inglese, ne ripercorre l'evoluzione dalla fine del Cinquecento a oggi, coinvolgendo il lettore in un viaggio straordinario in cui si rivivono i fasti della Firenze rinascimentale, il fascino della Vienna di Mozart, la Parigi di Luigi XIV, la Londra di Hàndel fino ad arrivare alla New York del XX secolo. L'autore esplora il contesto più ampio in cui l'opera è stata creata, finanziata, prodotta, accolta e percepita. L'opera, infatti, è sempre stata un fenomeno di inestimabile importanza non solo musicale ma anche sociale, economica e politica, forse il primo esempio di globalizzazione.

Amori
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Attali, Jacques <1943-> - Attali, Jacques <1943->

Amori : storia del rapporto uomo-donna / Jacques Attali ; in collaborazione con Stephanie Bonvicini ; traduzione di Simone Verde

Roma : Fazi, 2008

Abstract: Contrariamente alle altre specie animali, che si riproducono senza creare legami stabili, fin dalla notte dei tempi l'uomo ha cercato di formalizzare le sue relazioni amorose, creando così la base del tessuto sociale. In Amori Jacques Attali va alla scoperta dell'affascinante storia del rapporto uomo-donna e delle tante sfumature che lo hanno caratterizzato in ogni angolo della terra e nelle diverse epoche: sessuale o sentimentale, passionale o platonico, spontaneo o formale, imposto o volontario, religioso o laico, eterno o fugace, eterosessuale o omoerotico. In questo libro sono raccontati i numerosi e spesso bizzarri esempi di un amore inteso in senso allargato: le donne degli harem dell'Arabia Saudita e le geishe giapponesi, i maestri del kamasutra e i matrimoni di gruppo del Congo, le tribù poliandriche della Cina e i rituali omosessuali della Nuova Guinea, le famiglie borghesi e i triangoli bisessuali. Nella sua ricognizione, l'autore affronta anche i nuovi traguardi della vita di coppia nel nuovo Millennio, giungendo a una conclusione sorprendente: la monogamia ha i giorni contati.

Per piacere
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ghigi, Rossella <docente di sociologia>

Per piacere : storia culturale della chirurgia estetica / Rossella Ghigi

Bologna : Il mulino, [2008]

Abstract: Paola studia all'università e lavora il fine settimana in un supermarket per pagarsi una taglia in più di seno. Laura ha deciso di cancellare le rughe del viso con un lifting per salvare il suo matrimonio. Piero è deriso dai compagni per le sue orecchie a sventola e i genitori stanno pensando di farlo operare. Trasformare il corpo a colpi di bisturi è una pratica sempre più diffusa, ma è davvero una novità solo degli ultimi anni? E perché lo facciamo, per piacere a noi stessi o agli altri? Rossella Ghigi ripercorre la storia della chirurgia estetica scoprendo insospettabili continuità nel processo che ha portato alla banalizzazione di questa pratica nell'era contemporanea. Dalla ricostruzione dei nasi tagliati nei duelli medioevali alla cancellazione dell'infamia della sifilide, dalla correzione del naso da ebreo negli immigrati del primo '900 alla occidentalizzazione degli occhi asiatici del secondo dopoguerra sino al corpo scolpito della donna in carriera, quello che è chiamato in causa è soprattutto l'individuo e il suo desiderio di integrazione sociale. Più che a istanze di eccezionalità corporea, la chirurgia estetica sembra rispondere a un bisogno di normalità esteriore, quale che sia il significato attribuito a questa parola nelle diverse epoche.

Tifare contro
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Francesio, Giovanni, esperto di tifo calcistico

Tifare contro / Giovanni Francesio

[Milano] : Sperling & Kupfer, [2008]

Abstract: 1968-2007. È racchiusa fra queste date la parabola degli ultras italiani. Dalla fondazione del primo gruppo alle morti dell'agente Filippo Raciti e del tifoso Gabriele Sandri: la fine della storia, se vincerà la linea della repressione a tutti i costi. Sono passati quarant'anni, eppure in molti compresi quei commentatori che il calcio lo vedono solo in tv o quei politici che la curva la osservano dal caldo della tribuna vip - sanno ancora poco del mondo ultras. I giudizi sferzanti, quelli sì, riempiono le colonne dei giornali: tutti delinquenti, sono bestie e come tali vanno trattati, il male assoluto del calcio. In attesa di una terapia più efficace di quella praticata finora - ovvero botte e diffide - e di una gestione meno anacronistica degli stadi è il momento giusto per provare a sollevare il velo dell'ipocrisia e fare luce su un fenomeno che del discusso sistema calcio non è nemmeno la parte più marcia. Un libro schietto e provocatorio, per raccontare le curve senza giri di parole. Dal punto di vista di chi la curva l'ha vissuta.

Storia sociale dei media
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Briggs, Asa <1921-2016> - Burke, Peter <1937->

Storia sociale dei media : da Gutenberg a Internet / Asa Briggs, Peter Burke

Nuova ed

Bologna : il Mulino, 2007

Abstract: L'assunto da cui partono Briggs e Burke muove nel senso di ridare una profondità storica ai media, collegarli in una complessiva storia della comunicazione, a partire dalla grande svolta di metà Quattrocento, allorché l'invenzione della stampa a caratteri mobili rivoluzionò il sistema comunicativo, fondamentalmente orale, della società europea. Nel libro gli autori passano in rassegna i diversi mezzi di comunicazione dell'età moderna: non solo la stampa, ma anche la posta, la predicazione, la canzone, la conversazione, il caffé, l'immagine, il teatro, e mostra come i media abbiano avuto un ruolo importante, soprattutto nel determinare la formazione di una sfera pubblica.

Il padre spodestato
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cavina, Marco <1958->

Il padre spodestato : l'autorita' paterna dall'antichita' a oggi / Marco Cavina.- Roma ; Bari : Laterza, 2007

X, 359 p. ; 21 cm.

Abstract: Dagli altari alla polvere, dalla monarchia dei padri alla monarchia dei figli. La parabola del potere paterno ha toccato oggi il suo minimo. È un dato ormai acquisito che la patria potestà sia 'politicamente scorretta: millenni di progettazione ed elaborazione culturale sono stati azzerati negli ultimi duecento anni e il 'padre di famiglia' appare definitivamente il fossile di un'altra epoca. I nuovi padri subiscono - soprattutto se separati discriminazioni e svantaggi, eredità paradossale e coatta della tirannide esercitata per millenni dai loro antichi predecessori. Ai presunti diritti del padre sono anteposti gli inalienabili diritti del figlio. In un saggio di ampio respiro, Marco Cavina traccia la storia plurisecolare della costruzione e del progressivo smantellamento di un mito fondante dell'uomo in società: il padre come colonna dell'ordine domestico e sociale; il padre come referente del potere politico e religioso; il padre come veicolo della tradizione e dell'esperienza fra le diverse generazioni.

La mamma
0 0 0
Materiale linguistico moderno

D'Amelia, Marina

La mamma / Marina d'Amelia

Bologna : Il Mulino, [2005]

Abstract: Negli anni '50 nasce lo stereotipo della madre italiana, furiosa partigiana del figlio maschio. In realtà, questo stereotipo è il frutto del particolare clima maturato all'indomani della II guerra mondiale, alimentato da un succedersi di rappresentazioni ideali, anche a carattere propagandistico politico, che hanno permeato intere generazioni e reso plausibile l'idea che il mammismo abbia non solo una lunga storia ma rappresenti la condizione originaria della mentalità familiare italiana. Nel libro si ripercorrono alcuni momenti topici per il definirsi delle immagini materne della nuova nazione, rintracciando temi e rappresentazioni che più ricorrono nella letteratura, nella diaristica e nei romanzi.

Sociologia del mondo globale
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cotesta, Vittorio <1944->

Sociologia del mondo globale / Vittorio Cotesta

Roma ; Bari : Laterza, 2004

Abstract: Il mondo globale è il risultato di un lungo processo storico. Alcune sue forme possono essere colte già prima della modernità, nei rapporti tra imperi e civiltà e nelle grandi religioni monoteiste. Un contributo ragionato alla costruzione della consapevolezza di vivere in un mondo unificato e plurale, che si avvale di un'analisi approfondita dei processi di globalizzazione, dei suoi simboli, delle sue dinamiche, dei suoi numerosi conflitti.

Aspettando il weekend
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rybczynski, Witold

Aspettando il weekend : cinquemila anni di sabati e domeniche / Witold Rybczynski

Torino : Instar libri, 2003

Abstract: Witold Rybczynski, si interroga sull'improvvisa e in apparenza inattaccabile popolarità del sabato e della domenica nella storia dell'uomo, sulla trasversalità, nel tempo e nello spazio, di una pratica plasmata dalla credenza popolare e dall'uso quotidiano sulla matrice astronomica, religiosa, sociale, e forse persino biologica, di uno schema settenario necessario e misteriosamente radicato. Le curiose, puntuali, documentate e occasionalmente autobiografiche osservazioni che dedica alla formazione del ciclo settimanale chiamano in causa il tradizionale rapporto tra lavoro e tempo libero, e la sua lenta e graduale evoluzione.

L'origine della sociologia dallo spirito della Restaurazione
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Spaemann, Robert

L'origine della sociologia dallo spirito della Restaurazione : studi su L.G.A. de Bonald / Robert Spaemann ; a cura di carlo Galli e Leonardo Allodi

Roma ; Bari : Laterza, 2002

Abstract: Dallo spirito della Restaurazione. Studi su L.G.A. de Bonald. La sociologia contemporanea ha le sue origini teoriche nel pensiero controrivoluzionario francese dell'Ottocento. Questa la tesi provocatoria di Spaemann, uno dei maggiori filosofi tedeschi contemporanei. Bonald, infatti, porta inconsapevolmente a compimento le logiche politiche della modernità, accettandone l'assunto fondamentale: la riduzione degli argomenti della filosofia e dell'idea di Dio alle loro funzioni sociali. Le premesse del ‘nichilismo della destra', attivo alle origini dei totalitarismi del Novecento, sono già tutte presenti in questa funzionalizzazione del pensiero.

Storia sociale della conoscenza
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Burke, Peter <1937->

Storia sociale della conoscenza : da Gutenberg a Diderot / Peter Burke

Bologna : il Mulino, [2002]

Abstract: Il libro di Peter Burke presenta un panorama a trecentosessanta gradi di come il mondo del sapere si è organizzato nel corso dell'età moderna. Dopo un bilancio della sociologia della conoscenza, da Mannheim a Foucault e oltre, Burke esamina la figura del professionista della cultura, quale emerge alla fine del Medioevo e si afferma dal Rinascimento, poi studia le istituzioni del sapere e i luoghi principali in cui, nell'Europa moderna, il sapere veniva elaborato. Un capitolo è dedicato ai curricula di studio, alle biblioteche e alle enciclopedie.

Storia sociale dei media
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Briggs, Asa <1921-2016> - Burke, Peter <1937->

Storia sociale dei media : da Gutenberg a Internet / Asa Briggs, Peter Burke

Bologna : il Mulino, [2002]

Abstract: L'assunto da cui partono Briggs e Burke muove nel senso di ridare una profondità storica ai media, collegarli in una complessiva storia della comunicazione, a partire dalla grande svolta di metà Quattrocento, allorché l'invenzione della stampa a caratteri mobili rivoluzionò il sistema comunicativo, fondamentalmente orale, della società europea. Nel libro gli autori passano in rassegna i diversi mezzi di comunicazione dell'età moderna: non solo la stampa, ma anche la posta, la predicazione, la canzone, la conversazione, il caffé, l'immagine, il teatro, e mostra come i media abbiano avuto un ruolo importante, soprattutto nel determinare la formazione di una sfera pubblica.