Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Paese Germania
× Nomi Canfora, Luciano <1942->
× Lingue Spagnolo
× Soggetto Sec. XXI
× Nomi Agamben, Giorgio <1942->
Includi: tutti i seguenti filtri
× Data 2012

Trovati 415 documenti.

Mostra parametri
Relazione tecnico-finanziaria sull'attività del Consorzio nel periodo 2006-2012
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Consorzio di Bonifica Navarolo Agro Cremonese Mantovano

Relazione tecnico-finanziaria sull'attività del Consorzio nel periodo 2006-2012 / Consorzio di Bonifica Navarolo Agro Cremonese Mantovano

Casalmaggiore : Consorzio di Bonifica Navarolo, 2012

Non è il vino dell'enologo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Dottori, Corrado

Non è il vino dell'enologo : lessico di un vignaiolo che dissente / Corrado Dottori ; con le prefazioni di Jonathan Nossiter e Giampaolo Gravina

Roma : DeriveApprodi, 2012

Abstract: Corrado Dottori è un vignaiolo che produce Verdicchio e non solo sulle colline marchigiane. È approdato alla vigna dopo essersi licenziato da un posto garantito in una grande banca internazionale. E oggi fa il contadino. Cosa significa fare ed essere un agricoltore agli albori del Terzo millennio? Come si fa agricoltura? Cos'è un ambiente? Quali sono le relazioni tra un coltivatore e un sistema vivente quale la vigna? Quale vino produrre? Con quali tecnologie e per ottenere quale gusto? Questo lessico per un'altra "contadinità" ne è la risposta. Un viaggio dentro il mondo della vigna e dentro la vita di chi se ne prende cura. Che passa per la cantina e gli scaffali di vendita. Per la critica del gusto e la storia della produzione viti-vinicola nel Novecento. Per l'enologia e Luigi Veronelli. Per le grandi fiere del vino e i terroir. Una riflessione lungo i sentieri che partono dalla "natura" e sfociano in un prodotto di "artificio" quale una bottiglia di vino. Articolato nella forma di un lessico, questo libro è anche il racconto di ciò che definisce il mondo del vino ma che non trova spazio nelle guide o nei manuali sul bere. E per leggerlo, non serve essere esperti, conoscitori, bevitori o sommelier, basta lasciarsi andare alla linfa che scorre in queste pagine e che ci trascina da un tralcio di vite a una diversa visione dell'ambiente e della natura, a un'ecologia tutta da costruire.

Il ghiaccio era sottile
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Tarì, Marcello

Il ghiaccio era sottile : per una storia dell'Autonomia / Marcello Tarì

Roma : DeriveApprodi, 2012

DeriveApprodi ; 100

Abstract: Nel turbinio dei sommovimenti sociali e politici degli anni Settanta, l'Autonomia è riuscita a mettere insieme Marx con l'antipsichiatria, la Comune di Parigi con la controcultura, il dadaismo con l'insurrezionalismo, l'operaismo con il femminismo e molto altro con molto altro ancora. Ma, soprattutto, nel suo agire l'Autonomia ha rappresentato una discontinuità profonda con le pratiche del Movimento operaio ufficiale. Essa non è stata un'organizzazione, bensì una molteplicità che si organizzava a partire da dove viveva, da dove lavorava o studiava. Nell'Autonomia hanno infatti convissuto tante specifiche autonomie: degli operai, degli studenti, delle donne, degli omosessuali, dei prigionieri, di chiunque scelse - a partire dalle proprie contraddizioni - la via della lotta contro il lavoro salariato e lo Stato, la via della sovversione della vita. Se il Movimento degli anni Settanta finì per soccombere alle forze congiunte della macchina statale e del Partito comunista, la storia dell'Autonomia è quella di un'avventura rivoluzionaria la cui incandescenza è più che mai attuale.

L'infiltrato
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Salas, Antonio <giornalista> - Salas, Antonio <giornalista>

L'infiltrato / Antonio Salas

Roma : Newton Compton, 2012

Abstract: Si è creato un'identità fittizia, è diventato il braccio destro di famigerati terroristi internazionali, è stato iscritto nell'elenco dei ricercati a livello mondiale, per sei anni ha vissuto sotto mentite spoglie. Questa è la storia vera di Antonio Salas, giornalista investigativo capace di infiltrarsi nelle reti terroristiche di tutto il mondo per svelarne dall'interno i retroscena più misteriosi. Ha scoperto le connessioni tra Chávez, l'ETA, le FARC, Hamas e al-Qaeda, ha agito sotto copertura in Venezuela, Palestina, Cuba, Libano, Marocco, Egitto, e ha provato sulla sua pelle quanto pesano i pregiudizi su chi abbraccia l'Islam, soprattutto dopo gli attentati alle Torri Gemelle, Londra e Madrid. Mettendo a rischio la sua stessa vita, Antonio Salas ha recitato le preghiere dell'Islam, ha sofferto, pianto e gioito fianco a fianco con gli uomini più pericolosi del pianeta (un nome su tutti: Carlos lo Sciacallo, l'uomo che ha fatto tremare il mondo). Ha conosciuto la rabbia cieca che può spingere un uomo a imbracciare un fucile o a cercare il martirio. Ha valicato una frontiera del giornalismo che nessuno aveva mai avuto il coraggio di superare. Perché lui è Muhammad Alí Tovar Abdallah. Perché lui è Antonio Salas. L'infiltrato.

Amore e sesso nell'antica Roma
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Angela, Alberto <1962->

Amore e sesso nell'antica Roma / Alberto Angela

Roma : Rai Eri ; Milano : Mondadori, 2012

Abstract: Anche la storia antica può diventare bestseller. Basta saperla raccontare. Alberto Angela, grande divulgatore televisivo, ha trovato la formula per trasformare l'antica Roma in un tema che appassiona grandi e ragazzini. Ci ha fatto trascorrere 24 ore nella vita quotidiana ai tempi di Augusto, ci ha fatto seguire una moneta lungo le terre dell'Impero, facendoci fare un vero e proprio viaggio nel tempo.

Specchio delle sue brame
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Corradi, Laura <1960->

Specchio delle sue brame : analisi socio-politica delle pubblicità : genere, classe, razza, età ed eterosessismo / Laura Corradi ; con contributi di Marta Baldocchi ...[et al.]

Ediesse, 2012

Abstract: Questo libro ironico e sovversivo guarda al corpo - della donna ma non solo - come protagonista del luccicante mondo delle pubblicità commerciali, con una nuova angolazione, quella "intersezionale", incrociando diverse prospettive analitiche. Perché le icone delle pubblicità sono prevalentemente belle, alte, magre, ricche, eleganti, giovani e desiderabili allo sguardo maschile? Altrimenti, come vengono rappresentate? E vero che molte pubblicità sono razziste? Cosa c'entrano le "réclame" con la nostra vita quotidiana, con i nostri comportamenti? Il bombardamento incessante di immagini commerciali non ci impone solo di comprare: esso agisce anche in funzione normativa nei confronti del corpo sociale stesso. La prospettiva di decostruzione politica è duplice: induce la comprensione dei rapporti di potere sottesi alla costruzione sociale di tali immagini e svela che il mercato ha una funzione attiva nel rafforzamento delle ideologie dominanti. Così viene sancita la supremazia del maschio adulto, bianco, occidentale, "che ama le donne" - e dello stile di vita delle classi alte come modello a cui confermarsi, o aspirare, come valori da condividere o perlomeno da copiare. Nonostante si spenda moltissimo per le pubblicità, oggi la crisi rende possibile una nuova consapevolezza per le donne, le classi svantaggiate, le persone di colore, le minoranze sessuali, per tutti coloro che si trovano al margine e che rappresentano una maggioranza emergente. Così diventa possibile giocare una partita fuori dallo specchio e lungi dalle sue brame, elaborando una microfisica del contropotere, forme autonome di agentività, solidarietà e resistenza. Codici altri al cui interno il tutto dell'utopia si esprime in ogni gesto opposizionale: nella guerriglia semiotica, nel rovesciamento dei significanti dispotici, negli atti di riappropriazione consapevole della vita, fuori dalla forma merce, lontano da rapporti di potere. Abbiamo diritto di riprendere il controllo sul nostro immaginario: la liberazione dei corpi non ha nulla a che vedere con il liberismo commerciale delle "réclame".

Mani legate
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Giannelli, Emilio <1936->

Mani legate : 1992-93 / [Emilio Giannelli]

Ed. speciale per Corriere della sera

Corriere della sera, 2012

La Repubblica prima
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Giannelli, Emilio <1936->

La Repubblica prima : 1981-85 / [Emilio Giannelli]

Ed. speciale per Corriere della sera

Corriere della sera, 2012

I tempi del caf
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Giannelli, Emilio <1936->

I tempi del caf : 1986-90 / [Emilio Giannelli]

Ed. speciale per Corriere della sera

Corriere della sera, 2012

Le riforme del kaiser
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Giannelli, Emilio <1936->

Le riforme del kaiser : 2004-05 / [Emilio Giannelli]

Ed. speciale per Corriere della sera

Corriere della sera, 2012

La irresistibile ascesa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Giannelli, Emilio <1936->

La irresistibile ascesa : 2000-03 / [Emilio Giannelli]

Ed. speciale per Corriere della sera

Corriere della sera, 2012

Il pontefice romano
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Giannelli, Emilio <1936->

Il pontefice romano : 1996-99 / [Emilio Giannelli]

Ed. speciale per Corriere della sera

Corriere della sera, 2012

La scesa in campo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Giannelli, Emilio <1936->

La scesa in campo : 1994-95 / [Emilio Giannelli]

Ed. speciale per Corriere della sera

Corriere della sera, 2012

Porcellum
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Giannelli, Emilio <1936->

Porcellum : 2008-10 / [Emilio Giannelli]

Ed. speciale per Corriere della sera

Corriere della sera, 2012

Prodi due
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Giannelli, Emilio <1936->

Prodi due : 2006-08 / [Emilio Giannelli]

Ed. speciale per Corriere della sera

Corriere della sera, 2012

Il picconatore
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Giannelli, Emilio <1936->

Il picconatore : 1990-92 / [Emilio Giannelli]

Ed. speciale per Corriere della sera

Corriere della sera, 2012

Madama Sbatterflay
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Littizzetto, Luciana <1964->

Madama Sbatterflay / Luciana Littizzetto

Milano : Mondadori, 2012. -185 p. ; 22 cm.

Abstract: Non ci resta che ridere, care Madame Sbatterflay. Anche se lo spread sale e il Walter scende, e a noi rimane solo il bandolero stanco, il nostro bell'addormentato nei boxer. Anche se in tempi di vacche magre (beate loro!), i politici fanno a gara a chi la combina più grossa, se Emi(nens) non paga l'Imu, il Berlu alza i tacchi, e l'uomo del Monti dice no. Se siamo passati dall'onorevole Bocchino all'onorevole Passera. Se certa gente non sa più cosa inventarsi: lo scalda-walter e il pisciavelox, i preservativi firmati e il certificato di garanzia per la Jolanda. Se Belén va con Belìn, Carla è sempre più snob e George Clooney sempre più tronco di pino. Ci deve essere un motivo per cui Luciana Littizzetto è la comica più letta d'Italia. Forse perché nessuno, come lei, riesce a mettere a fuoco i nostri grandi difetti e le nostre piccole debolezze. Perché nei suoi monologhi sono ugualmente nudi il re e tutti i suoi sudditi. Perché, anche in questo nuovo libro, parlando della Jolanda e degli altri paesi bassi, crea una visione del mondo (una walterschauung) tutta sua, capace di compiere un miracolo: farci divertire anche quando non c'è proprio niente da ridere.

Green Italy
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Realacci, Ermete

Green Italy / Ermete Realacci ; prefazione di Ivan Lo Bello ; postfazione di Alberto Meomartini

Milano : Chiarelettere, 2012

Abstract: Possiamo battere la crisi? Non sarà facile, ma la risposta è sì. Se sapremo guardare l'Italia con occhi diversi da quelli delle agenzie di rating, con l'affetto e la curiosità necessari a cogliere i nostri tanti talenti. Ermete Realacci prova a farlo. Racconta, dal Nord al Sud, storie di un'alleanza tra imprese e comunità, tra ambiente e nuovi modi di vivere che possono traghettarci verso un paese più desiderabile e più competitivo. E Green Italy. Dove la green economy sposa le vocazioni nazionali, tiene insieme le tradizioni con l'elettronica e la meccanica di precisione. Punta su qualità, ricerca e conoscenza per produrre un'economia più sostenibile e innovativa. Si apre ai mercati globali e rinsalda i legami con il territorio, facendosi forte della coesione sociale e del capitale umano. È la via di un patriottismo dolce che può cambiare l'Italia. Un'idea di futuro per l'economia, la società, la politica. Prefazione di Ivan Lobello, postfazione di Alberto Meomartini.

Figlio di sua madre
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Moraldi, Véronique

Figlio di sua madre : il legame speciale tra madre e figlio maschio e le sue distorsioni / Veronique Moraldi

Milano : Urra, 2012

Abstract: Trasmettendogli i valori morali, gli schemi psicologici e un modo di intendere il mondo, la madre segna la propria impronta sul figlio per tutta la vita. L'autrice analizza questo legame così particolare, chiarendone gli aspetti semplicemente imperfetti, problematici e anche di grave contrasto. Cosa accade al figlio se è bersaglio di troppo amore, o troppo poco? Quali sono le ripercussioni sui legami di coppia del figlio una volta cresciuto? La madre può essere responsabile dell'omosessualità di suo figlio? Come può riuscire, lei, una donna, a farne un uomo e renderlo libero, anche e prima di tutto da se stessa? Come supplire alla mancanza di una figura paterna? Queste sono solo alcune delle domande cruciali affrontate dall'autrice, che offre le sue riflessioni su questioni spinose che preoccupano tanto le madri.Il libro indaga infatti tutte le complicate sfaccettature del rapporto che si instaura fra madre e figlio. Nella seconda parte tratta le deviazioni e gli eccessi di tale legame ricorrendo a una rassegna di ritratti-tipo: dal figlio unico al figlio di una famiglia numerosa, dal figlio che fugge l'intimità a quello affetto da sindrome dell'abbandono, dalla madre iperprotettiva e onnipresente alla madre castrante, fino alle madri estreme. Non manca infine il richiamo agli aspetti pedagogici, che fanno chiarezza su quali debbano essere i compiti e le funzioni di una madre, senza lesinare consigli su come tradurli nel concreto per crescere figli liberi e indipendenti.

Belle per sempre
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Boo, Katherine <1964->

Belle per sempre / Katherine Boo ; traduzione di Cristina Pradella

Milano : Piemme, 2012

Abstract: Si avvicinava la mezzanotte. La donna con una gamba sola era atrocemente ustionata, e ormai la polizia di Mumbai stava andando a prendere Abdul e suo padre. In una povera baracca vicino all'aeroporto internazionale, i genitori di Abdul presero una decisione dopo aver parlato brevemente. Il padre, malato, sarebbe rimasto nella casupola con il tetto di lamiera e il pavimento ricoperto di immondizia dove vivevano in undici, e si sarebbe fatto arrestare senza opporre resistenza. Abdul, l'unico che guadagnasse per tutta la famiglia, doveva fuggire. Come sempre, l'opinione del diretto interessato non era stata richiesta, e ora Abdul era in preda al panico, incapace di pensare. Aveva sedici anni, o forse diciannove - i genitori non si ricordavano mai una data. Allah, nella sua impenetrabile saggezza, l'aveva fatto piccolo e scattante. Cosa si cela dietro le piastrelle italiane (definite beautiful forever) che campeggiano sul muro che separa il viale d'accesso all'aeroporto di Mumbai dallo slum di Annawadi? Un romanzo-reportage nella forma della narrative non-fiction in cui il Premio Pulitzer Katherine Boo racconta la vita di uno slum indiano durante l'arco di alcuni anni, seguendo da vicino le vicende di diversi dei suoi abitanti.