Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Paese Germania
Includi: tutti i seguenti filtri
× Data 2015

Trovati 233 documenti.

Mostra parametri
Le forme della moda
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Frisa, Maria Luisa

Le forme della moda / Maria Luisa Frisa

Bologna : Il Mulino, 2015

Abstract: Creazione, business, cultura, comunicazione: sono fra le dimensioni costitutive della moda, che ne spiegano il carattere in perenne trasformazione. Se da una parte essa deve adeguarsi alle esigenze del mercato globale, dall'altra deve conservare quelle qualità e quegli immaginari che rendono ogni pezzo straordinario e desiderabile. Questo libro restituisce la complessità del fashion system contemporaneo: dal suo rapporto con il tempo al suo ruolo nel ridefmire genere e identità; dalle traiettorie globali del lusso alle nuove forme della democratizzazione del vestire; dalle professioni emergenti alla moda intesa come sistema culturale e industriale in cui si intrecciano marketing, editoria, curating, museo.

Io ci sono
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Annibali, Lucia <1977-> - Fasano, Giusi <1964->

Io ci sono : la mia storia di non amore / Lucia Annibali, con Giusi Fasano

[Milano] : BUR, 2015

Abstract: 16 aprile 2013, una sera qualunque. Lucia, una giovane avvocatessa di Pesaro, torna a casa dopo essere stata in piscina. Ad attenderla, dentro il suo appartamento, trova un uomo incappuccialo che le tira in faccia dell'acido sfigurandola. Le ustioni, devastanti, corrodono anche il dorso della sua mano destra. Quella stessa notte viene arrestato come mandante dell'aggressione Luca Varani, avvocato, che con Lucia aveva avuto una tormentata relazione troncata da lei nell'agosto del 2012 e che, secondo la magistratura, aveva assoldato per l'agguato due sicari albanesi, pure loro poi arrestati. Come avviene in molti, troppi episodi di violenza contro le donne, anche in questo caso è stato l'abbandono a innescare la miccia del risentimento. Lo schema è purtroppo classico: il possesso scambiato per amore, la rabbia che diventa ferocia, fino all'essenza della crudeltà: l'acido in faccia. In questo libro Lucia Annibali ripercorre la sua storia con quell'uomo, dal corteggiamento al processo (Il tempo con lui è stato una bestia che digrignava i denti e io mi lasciavo sbranare); passa in rassegna i momenti dell'emozione e quelli della sofferenza; racconta l'acido che scioglieva il suo viso (Un minuto dopo la belva era ammaestrata) e poi i mesi bui e dolorosissimi, segnati anche dal rischio di rimanere cieca. Per la sua tenacia, la sua determinazione e il coraggio di mostrarsi, oggi Lucia è diventata un'icona, punto di riferimento per tutte le altre donne...

Avarizia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Fittipaldi, Emiliano <1974->

Avarizia : le carte che svelano ricchezza, scandali e segreti della Chiesa di Francesco / Emiliano Fittipaldi

Milano : Feltrinelli, 2015

Abstract: Che in Vaticano alligni il vizio dell'avarizia è stato spesso denunciato, da Dante alle pagine di cronaca di oggi, ma si tratta quasi sempre di scoop per sentito dire, intercettazioni spesso smentite, voci di corridoio. Emiliano Fittipaldi, che da anni segue questi temi per "L'Espresso", ha raccolto da fonti confidenziali una grande quantità di documenti interni del Vaticano verbali, bilanci, relazioni - e grazie a questo è in grado di tracciare le prime mappe dell'impero finanziario della Chiesa (...) Un'inchiesta tutta fondata su documenti e fonti interne alla curia, che fotografa un momento cruciale della storia vaticana...

La destra siamo noi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pansa, Giampaolo <1935->

La destra siamo noi : controstoria da Scelba a Salvini / Giampaolo Pansa

[Milano] : Rizzoli, 2015

Abstract: "Su alcune figure non esistono dubbi. Fra gli antenati della destra italiana troviamo Giovanni Guareschi, il comandante Junio Valerio Borghese, Giorgio Almirante, Franco Freda, Indro Montanelli. Possiamo domandarci se a loro sia giusto affiancare i democristiani Mario Scelba e Amintore Fanfani, grandi manager come Eugenio Cefis e Cesare Romiti, un eroe civile come Giorgio Ambrosoli, un leader nascente come Matteo Salvini. Ritiene di sì Giampaolo Pansa, rovesciando un luogo comune che considera la destra una piccola parrocchia di pochi fanatici e di bombaroli neri. Gli avversari l'hanno sempre dipinta così. Tanto da spingere molti elettori moderati, conservatori o nostalgici del fascismo a pensare che la loro parte politica non fosse necessaria alla democrazia, mentre lo erano i cattolici e i comunisti. Pansa ribalta il verdetto che giudica senza patria milioni di italiani. Lo fa sin dal titolo del suo nuovo libro: 'La destra siamo noi'. Non è un brillante paradosso. È la sintesi di una verità: pure chi si schiera dietro una bandiera che la maggioranza rifiuta, appartiene alla storia italiana. Anche perché tutti siamo un po' di destra e su alcune questioni in modo deciso. Del resto gli esseri umani hanno un connotato comune: la doppiezza, una natura ibrida capace di passare da un'opinione a quella opposta. Allora perché negare che la destra abbia lo stesso diritto di esistere che la sinistra riserva soltanto a se stessa?"

Amministratori sotto tiro
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Amministratori sotto tiro : rapporto 2014

Grugliasco ; Firenze : Avviso Pubblico, 2015

Che cos'è l'ISIS
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Che cos'è l'ISIS : il Califfo, i suoi eserciti, la sua ideologia : perché non possiamo restare indifferenti / [a cura di Luigi Ippolito]

[Milano] : Corriere della Sera, 2015

Open_Data
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Magro, Giuseppe <ingegnere nucleare>

Open data e ambiente : una rivoluzione digitale per la sostenibilità / Giuseppe Magro

Milano : Edizioni Ambiente, 2015

Abstract: "Questo è un libro sulla sostenibilità ambientale. È un libro sulla collaborazione tra individui e sulla sostenibilità degli ecosistemi umani nell'era della conoscenza digitale. Parla di impatti sulla salute, di responsabilità e consapevolezza sociale. È un libro sui rischi e sulle opportunità che derivano dall'aver interposto un'interfaccia digitale tra noi e il mondo. È un libro sul territorio, sulla solidarietà tra le persone e sulla qualità della vita, ma anche sul degrado, l'alienazione sociale e le ingiustizie. Ma soprattutto questo è un libro sulla speranza e sull'idea che la consapevolezza di essere tutti connessi in un unico ecosistema renderà i nostri comportamenti più sostenibili per l'ambiente e per la nostra vita."

Il progresso in agricoltura
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Guerrieri Gonzaga, Odoardo

Il progresso in agricoltura : dalle corti e dai mestieri antichi alle aziende moderne / Odoardo Guerrieri Gonzaga

Mantova : Sometti, 2015

Abstract: Expo 2015 è la grande vetrina milanese che ci accompagna nel mondo dell'agricoltura e del cibo, frutto della terra. "Il progresso in agricoltura" ci avvicina a questo straordinario ambiente, raccontando l'evoluzione contadina fino al secondo Novecento, erede di una tradizione secolare: paesi e corti a struttura aperta ma in grado di risolvere autonomamente quasi tutte le esigenze di chi vi abitava e lavorava. Ecco quindi colture, bovini, animali di bassa corte, orto, vigna e frutti integrati da attività di falegnameria e dal fabbro, senza dimenticare i giochi dei bambini. L'autore ha scelto di appoggiare il racconto a una famiglia immaginaria ma verosimile, che illumina il racconto del progresso e delle prospettive future con i flash dei ricordi di un mondo antico. Un libro per tutti: adulti e ragazzi, agricoltori e studenti, vecchie e nuove generazioni.

Volevo i laghi balneabili, ma ho inconrtrato la 'Ndrangheta
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Meneghetti, Claudio

Volevo i laghi balneabili, ma ho inconrtrato la 'Ndrangheta / Claudio Meneghetti

[S. l. ; s. n.], 2015 (Mantova : Tipografia Commerciale)

'Ndrangheta all'emiliana
0 0 0
Materiale linguistico moderno

'Ndrangheta all'emiliana : infiltrazioni e complicità: i documenti d'accusa della magistratura / cura di Aldo Balzanelli ... [et al.]

[Roma] : La Repubblica, 2015

Nella testa di una jihadista
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Erelle, Anna <giornalista>

Nella testa di una jihadista : un'inchiesta shock sui meccanismi di reclutamento dello stato islamico / Anna Erelle ; traduzione di Guia Pepe, Elena Sacchini, Maddalena Togliani

[Milano] : Tre60, 2015

Abstract: Giovane reporter francese, Anna Erelle, ha indagato a fondo la «propaganda digitale» dello Stato Islamico e i metodi di reclutamento utilizzati dai jihadisti su Internet, la cosiddetta «Jihad 2.0». Nel corso delle sue ricerche è venuta in contatto con decine di giovani europee «reclutate» sui social network e dichiaratesi pronte a partire per la Siria. Per comprendere meglio il fenomeno e realizzare un reportage ha creato l'identità fittizia di «Mélodie». Dalla pubblicazione del suo testo Anna Erelle ha ricevuto diverse minacce. Vive sotto scorta e sotto falsa identità.

Nuova Atlantide
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bacon, Francis <1561-1626> - Bacon, Francis <1561-1626>

Nuova Atlantide / Francis Bacon ; introduzione, traduzione e note di Giuseppe Schiavone

[Milano] : BUR, 2015

Abstract: La leggenda della misteriosa Atlantide ha ispirato a Francis Bacon questo romanzo utopico. Scritto nel 1626 ma pubblicato postumo, la "Nuova Atlantide" rappresenta il suo pensiero in forma narrativa. Se Platone aveva messo i filosofi a capo della sua Repubblica e Campanella aveva investito un sacerdote della stessa responsabilità nella Città del Sole, Bacon ribalta quell'universo utopico: a guidare il suo Stato ideale sono gli scienziati, portatori di un sapere pratico, capace di trasformare la realtà. Nella ricerca di una società ideale e perfetta, quindi, Bacon assegna al metodo sperimentale il compito inedito, e per l'epoca rivoluzionario, di far progredire l'intera umanità verso il bene. Tra esperimenti prodigiosamente anticipatori e fratellanza universale, gli abitanti della misteriosa isola sono la prima raffigurazione letteraria della nuova epoca scientifica.

Via Crucis
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Nuzzi, Gianluigi <1969->

Via Crucis / Gianluigi Nuzzi

[Milano] : Chiarelettere, 2015

Abstract: Dopo "Vaticano spa" e "Sua Santità", Gianluigi Nuzzi torna con una nuova inchiesta raccontando dall'interno la lotta che Francesco e i suoi fedelissimi stanno conducendo per riformare la chiesa. Tutto a partire da registrazioni e documenti inediti. Non era mai successo che un giornalista potesse ascoltare la registrazione di diversi incontri riservati tra i vertici del Vaticano e il papa. Ecco Francesco, nominato da poco più di tre mesi, mentre sferra un attacco contro la nomenclatura da anni a capo delle finanze della Santa Sede. Bergoglio chiede trasparenza dopo aver preso visione dei bilanci non ufficiali che documentano sia la malagestione degli amministratori, sia operazioni di puro malaffare. Una situazione negativa mai conosciuta nel suo insieme, e qui svelata, che fa capire perché Benedetto XVI si è dimesso. I fasti dei cardinali e le regge a canone zero, la fabbrica dei santi, le offerte dei fedeli sottratte alla beneficenza, i furti e le truffe commerciali, il buco nero delle pensioni, le veline e i veleni di chi sabota la vigorosa rivoluzione del papa, tra spionaggio, scassinamenti e azioni di delegittimazione. Una guerra, qui ricostruita come in un giallo. In gioco è il futuro della chiesa e la sua credibilità nel mondo.

Famiglie allargate
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Mariotti, Roberta - Pettenò, Laura

Famiglie allargate : consigli pratici per una convivenza serena / Roberta Mariotti e Laura Pettenò

Trento : Erickson, 2015

Abstract: Quando il legame di una coppia si spezza, a seguito di separazione, divorzio, oppure per eventi improvvisi, come la morte di uno dei due, i nuclei familiari possono trasformarsi, dando vita a una nuova coppia, a nuclei ricomposti o allargati. E se uno o entrambi i partner hanno già figli, ecco che occorre progettare come rapportarsi non solo con il nuovo compagno, ma anche con i suoi figli, con i figli propri, con i relativi genitori naturali e con i figli che nascono dalla nuova unione. Che si tratti di una convivenza stabile o della programmazione di vacanze e weekend, è fondamentale affrontare con sicurezza ed equilibrio la costruzione di una famiglia ricomposta, consapevoli dei ruoli e delle responsabilità educative di ognuno. Basandosi sulla loro lunga esperienza come psicoterapeute, le autrici forniscono linee guida e consigli pratici a quanti si trovano ad accudire o a crescere figli non propri, figli di compagni o compagne avuti da una precedente unione, in adozione o affidamento, in modo temporaneo o stabile. Grazie anche alle testimonianze e alle storie vere che raccoglie, il volume passa in rassegna gli ostacoli che compromettono il realizzarsi di una convivenza serena e le strategie che i genitori possono mettere in atto per fronteggiare i cambiamenti, distribuirsi le responsabilità, facilitare l'integrazione e cominciare una nuova avventura di vita.

Tecnobarocco
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Tozzi, Mario <1959->

Tecnobarocco : tecnologie inutili e altri disastri / Mario Tozzi

Torino : Einaudi, 2015

Abstract: La tecnologia del terzo millennio non aiuta gli uomini a migliorare la loro esistenza né a ridurre gli impatti sul pianeta. Non è semplice, né utile e nemmeno educativa. Essa, totalmente slegata dalla radice scientifica, è, invece, fine a se stessa, "barocca", dannosa e insostenibile da un punto di vista ambientale. Viene spesso usata per rimediare ai danni perpetrati da una tecnologia precedente, incrementa i profitti basati sui bisogni indotti, accelera l'obsolescenza di oggetti e macchine, è costosa, fa perdere tempo. Attraverso molti esempi Mario Tozzi dimostra l'inutilità di bizzarri marchingegni che riteniamo indispensabili e di cui potremmo fare a meno. D'altro canto, egli sottolinea l'utilità di quella tecnologia semplice che ha rappresentato un vero miglioramento nelle condizioni della vita degli uomini senza compromettere l'ecosistema Terra.

Jihad
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Molinari, Maurizio <1964- >

Jihad : guerra all'Occidente / Maurizio Molinari

[Milano] : Rizzoli, 2015

Abstract: "Da Raqqa a Parigi, dalla Siria all'Europa: portare la guerra nel cuore dove vive il nemico." Con queste parole Al Baghdadi ha annunciato di voler andare "all'attacco dei crociati" per non "farli più vivere in pace". È la minaccia che ha generato le stragi di Parigi dimostrando che l'Europa è diventata un fronte della guerra combattuta in Siria e Iraq contro i gruppi jihadisti. Ma non è l'unico. Maurizio Molinari, giornalista esperto di questioni mediorientali, disegna una mappa dettagliata del fenomeno jihad. Nei novemila chilometri che separano Tangeri da Peshawar è presente una galassia di gruppi, organizzazioni, cellule e tribù rivali fra loro, ma accomunate dal predicare la jihad come forma di dominio sul prossimo. "Il detonatore è il disegno apocalittico del Califfo Abu Bakr al-Baghdadi" scrive Molinari "attorno a cui ruotano le sfide fra due rivoluzioni islamiche, cinque potenze regionali di Medio Oriente e Nordafrica, dozzine di grandi clan tribali e una miriade di gruppi armati e sigle terroristiche che si snodano dalle coste del Marocco alle montagne dell'Afghanistan." Il risultato è un conflitto di civiltà tutto interno al mondo musulmano e che ha identificato nell'Europa un proprio campo di battaglia. I gruppi jihadisti e salafiti hanno già colpito nelle nostre città e pianificano di trasformare le nostre strade in mattatoi di apostati e infedeli, non solo per sottometterci ma soprattutto per imporsi sui loro rivali interni in una lunga guerra destinata a ridisegnare le nostre vite.

Papà, mamma e gender
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Marzano, Michela <1970->

Papà, mamma e gender / Michela Marzano

[Novara] : UTET, 2015

Abstract: Le discriminazioni e la violenza contro le donne e le persone omosessuali e transessuali sono oggi, almeno a parole, unanimemente condannati in Italia. Una frattura profonda divide invece il Paese quando si discute dei mezzi per combattere questi mali. Al centro del durissimo dibattito c'è la cosiddetta "teoria del gender". Da un lato, i sostenitori sentono tutta l'ingiustizia di una società in cui una persona può ancora essere considerata inferiore a causa del proprio diverso orientamento sessuale, del proprio sesso, della propria identità di genere. Dall'altro, gli oppositori vedono nella teoria una pericolosa deriva morale, il tentativo di scardinare i valori fondamentali del vivere umano. È una questione sulla quale esiste, come diceva il cardinale Martini, un "conflitto di interpretazioni" perché ha a che fare con "le caverne oscure, i labirinti impenetrabili" che ci sono dentro ognuno di noi. Sulla questione, Michela Marzano spiega al lettore la genesi e le implicazioni dell'idea di gender e, senza mai rinnegare le sue radici cattoliche, decostruisce le letture che ne danno oggi molte associazioni religiose. Soprattutto non esita mai a mettersi in gioco direttamente, raccontando se stessa e identificandosi nell'esperienza di chi ha vissuto da vittima innocente il dramma dell'esclusione.

Se questi sono gli uomini
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Iacona, Riccardo <1957->

Se questi sono gli uomini / Riccardo Iacona, con la collaborazione di Sabrina Carreras

Milano : Chiarelettere, 2015

Abstract: Quello che state per leggere è l'incredibile racconto di una tragedia nazionale, che macina lutti e sparge dolore come una vera e propria macchina da guerra. Una guerra che prima di finire sui giornali nasce nelle case, dentro le famiglie, nel posto che dovrebbe essere il più sicuro e il più protetto e invece diventa improvvisamente il più pericoloso. Solo a metà del 2012 sono più di 80 le donne uccise in Italia dai loro compagni. 137 nel 2011. Una ogni tre giorni. Riccardo lacona ha attraversato il paese inseguendo le storie dei tanti maltrattamenti e dei femminicidi. Finalmente la voce di chi subisce violenza possiamo ascoltarla, insieme alle parole degli uomini, quelli che sono stati denunciati: "Avevo paura di perderla. Gliele ho date così forte che è volata giù dal letto...". "Qual è allora l'Italia vera, quella dove l'amore è una scelta e le donne sono libere, o quella delle tante case prigione in cui siamo entrati?... Questa è una storia che ci riguarda da vicino, perché ci dice come siamo nel profondo" scrive lacona. È un fenomeno che non si può catalogare tra i fatti borderline. Sono decine i casi di violenza silenziosa e quotidiana che si consumano nelle nostre case. "La sera, appena sentivamo il rumore della macchina di lui, io e i bambini entravamo in agitazione; dicevo loro: 'Mettetevi subito davanti alla tv'." Così la vita diventa un inferno, se questi sono gli uomini.

Pescecani
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Giordano, Mario <1966->

Pescecani : quelli che si riempiono le tasche alle spalle del paese che affonda / Mario Giordano

Milano : Mondadori, 2015

Abstract: Il nababbo di Treviso? Possiede 163 motociclette, 155 bici da corsa, 70 fra yacht e motoscafi e 493 auto, compresa la Jaguar di Diabolik. Tutto gelosamente custodito in una decina di capannoni. Collezionismo estremo: per soddisfarlo, ha sottratto 40 milioni di euro alle banche e messo 700 dipendenti sulla strada. Il Corona di Arzignano? Guadagnava 9 milioni di euro, denunciava al fisco 177 euro. Lo 0,0001 per cento. Il suo mito? Il re dei paparazzi Fabrizio Corona. La sua vita? Una cavalcata tra eccessi, belle donne e champagne. Le tasse? "Una parola complicata." Si sente un evasore? "Dov'è il problema? No go copà nisun." Non ha ammazzato nessuno. Eccoli qui i pescecani, quelli che negli ultimi anni si sono arricchiti alle spalle degli italiani che tiravano la cinghia. Pare che siano sempre di più e i dati parlano chiaro: la crisi non ha aumentato solo le differenze tra ricchi e poveri, ma anche la percentuale di chi fa soldi in modo illegale. E il rischio è che, voraci come sono, i pescecani si stiano impadronendo del Paese. Che siano proprio loro a comandare, del resto, è apparso evidente quando è saltato il tappo della Cupola di Roma. E a chi chiede perché i problemi non si risolvono, ecco spiegata la ragione: perché ci sono loro, i pescecani, che nei nostri problemi ci sguazzano. E fanno soldi. Molte delle storie che leggerete in queste pagine vi faranno arrabbiare. Molte vi faranno sorridere.

Muoia Israele
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Meotti, Giulio

Muoia Israele : la brava gente che odia gli Ebrei / Giulio Meotti ; prefazione Roger Scruton

Soveria Mannelli : Rubbettino, 2015

Abstract: C'era un tempo in cui in difesa dello Stato di Israele e degli ebrei si schieravano i migliori intellettuali europei come Pablo Picasso e Eugene lonesco, e in Italia personaggi come Norberto Bobbio ed Eugenio Montale. La piccola repubblica israeliana era considerata un pegno della nostra libertà, che il mondo arabo-islamico voleva ghermire per la gola e annegare nel Mediterraneo. Oggi Israele è ancora sotto assedio ma è rimasto solo, delegittimato e condannato a morte dalle classi dirigenti intellettuali, dai giornalisti, dagli scrittori, dai registi, dai Premi Nobel, dai musicisti, elevato a sentina del male. Contro il popolo di Israele riecheggiano oggi, sinistre, le frasi della propaganda nazista di settant'anni fa. Il libro di Giulio Meotti ripercorre l'odio per Israele degli ultimi trent'anni. È il racconto di una grande abiura, un nuovo caso Dreyfus con il tradimento dei chierici e l'abbandono degli ebrei da parte dell'opinione pubblica europea. Uno scandalo che le falangi dei "progressisti" accolgono in silenzio. I peggiori antisemiti oggi li trovi fra la brava gente. I buoni. I rispettabili. I vanitosi dello star system. Le firme dei giornali. Gli intellettuali. Gli artisti. I filantropi. Il loro annullamento spirituale e culturale di Israele giustifica in anticipo la sua soppressione fisica. E se Israele scomparisse oggi, il popolo ebraico non potrebbe sopravvivere. Che fare allora? Solidarietà. È l'unica arma che abbiamo.