Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Paese Germania
Includi: tutti i seguenti filtri
× Editore Piemme <casa editrice>
× Data 2008

Trovati 10 documenti.

Mostra parametri
La principessa schiava
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pascarl, Jacqueline <1963->

La principessa schiava / Jacqueline Pascarl

Casale Monferrato : Piemme, 2008

Abstract: Jacqueline a 17 anni convolò a nozze con Bahrin, membro della famiglia reale della Malesia. Lo aveva conosciuto a Melbourne, dove lui studiava architettura. Un sogno per lei, che aveva dovuto affrontare l'abbandono del padre, gli abusi del patrigno con la connivenza della madre. Lo amava, e pensava che quello bastasse per superare il cambiamento di patria e cultura. Non sembrava molto legato ai principi della sua religione, quando si frequentavano in Australia e facevano l'amore senza essere sposati. Ma in Malesia il suo romantico e premuroso marito si trasforma. La prima notte di nozze la violenta, la prende senza nessuna dolcezza, le dice che lei è un suo oggetto. Dell'uomo aperto che aveva conosciuto non rimane niente. Lui, marito padrone, la umilia, le ripete che è inutile e stupida, la maltratta. Lei vive in quella prigione dorata, facendosi forza sull'amore per i figli che nel frattempo sono arrivati, stringendo i denti davanti alle prevaricazioni, perfino davanti all'arrivo di una seconda moglie. Un giorno trova il coraggio di fuggire con i suoi figli e ricominciare a respirare. La sua vita riprende, crede di essersi lasciata alle spalle il peggio. Ma Bahrin le lancia una jihad, una guerra santa. Per Jacqueline si spalanca un nuovo inferno.

La parrucchiera di Kabul
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rodriguez, Deborah - Ohlson, Kristin <1951->

La parrucchiera di Kabul / Deborah Rodriguez, con Kristin Ohlson

Casale Monferrato : Piemme, 2008

Abstract: Da lontano sembrano fiori nella polvere, sprazzi di azzurro nel grigio delle strade di Kabul. Fiori calpestati, ma non spezzati, che sotto il burqa celano storie di sofferenza e coraggio. Come quella di Baseera, promessa sposa a dodici anni a un uomo più vecchio di lei e costretta a partorire sul nudo cemento di un ospedale privo di personale medico. O quella della quindicenne incarcerata perché fuggita dal marito che la picchiava e denunciata alla polizia dagli stessi genitori. A raccontare queste storie è Deborah Rodriguez, una volontaria americana che nel 2002 è partita per l'Afghanistan con una piccola ONG. È stata tra le fondatrici della prima scuola per estetiste della capitale afghana: un progetto nato per offrire a tante donne un'opportunità di indipendenza economica, e per ridare una speranza a quelle che, durante il regime talebano, avevano dovuto chiudere i loro saloni di bellezza e sotterrare gli specchi, proibiti al pari degli aquiloni. La sua testimonianza è anche un inno all'amicizia, perché nell'oasi della Kabul Beauty School, libere dal burqa e dal controllo degli uomini, le donne hanno trovato uno spazio tutto per sé, dove sono nate complicità inaspettate, capaci di superare le barriere erette da una cultura repressiva. In un paese in cui la strada verso la pace e la conquista dei diritti civili sembra impraticabile, questa impresa straordinaria lancia un messaggio di speranza.

Murata viva
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Leila

Murata viva : prigioniera della legge degli uomini / Leila ; con la collaborazione di Marie-Therese Cuny ; traduzione di Luisa Collodi

Casale Monferrato : Piemme, 2008

Abstract: È mezzanotte. Leila, giovane marocchina cresciuta in Francia, sta dormendo della piccola stanza che condivide insieme ai fratelli, quando la madre la sveglia. Le ordina di mettersi il suo vestito più bello e di preparare il tè per l'uomo seduto sul divano della sala: lo deve accogliere come fosse un re. Leila non lo conosce. Eppure tra pochi giorni quell'uomo diventerà suo marito. Perché così ha deciso suo padre e, se lei oserà ribellarsi, la punizione sarà terribile. Per Leila è l'inizio di un incubo. Suo marito la tratta come una schiava, la picchia, la umilia. Per tre volte Leila tenta il suicidio. Solo la nascita di suo figlio Ryad le dà la forza di ribellarsi. A costo di essere ripudiata dalla famiglia, Leila chiede la separazione.

La trappola
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Abbate, Carmelo <1971-> - Mangiaterra, Sandro

La trappola : come banche e finanza mettono le mani sui nostri soldi (e come non farsi fregare dalla crisi) / Carmelo Abbate, Sandro Mangiaterra

Casale Monferrato : Piemme, 2008

Abstract: Chissà se c'è ancora qualcuno convinto che lo tsunami finanziario non lo riguardi. Roba per élite di ricconi. O per i cervelloni di Wall Street, ma per fortuna qui è tutta un'altra storia. Perché se ancora qualcuno lo pensa si sbaglia, e di grosso. Siamo noi che abbiamo subito i danni del grande crac. E chissà per quanto andrà avanti. Banche, assicurazioni e finanza sono nell'occhio del ciclone. In Italia, le famiglie continuano a rimetterci un mucchio di quattrini. Ora si scava tra le macerie e si vuole correre ai ripari. Ma il rischio è che, scattata una trappola, se ne prepari una nuova. C'è tutto questo in queste pagine. Non solo la vecchietta che è andata in banca con tutti i risparmi e ne è uscita con le sue belle obbligazioni Parmalat o Lehman Brothers, carta straccia. Né la famigliola che ha chiesto il mutuo per comprare casa ed è rimasta strozzata dalle rate in continua crescita. Né il professionista che si domanda come sia possibile che i fondi vadano sempre più a fondo. O l'incredulità di chi scopre che le spese sul conto corrente superano gli interessi. Ci siamo tutti noi, proprio tutti, intrappolati in un valzer di scandali, risparmi andati in fumo e inganni. La tempesta perfetta di questi mesi, sommata a risparmi che si assottigliano, economia in ginocchio, costo della vita in continua crescita e stipendi fermi, ha mostrato che il re è nudo e la pazienza dei sudditi al limite.

La schiava bambina
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bah, Diaryatou

La schiava bambina / Diaryatou, con la collaborazione di Sylvia Tabet ; traduzione di Raffaella Asni

Casale Monferrato : Piemme, 2008

Abstract: È l'ottobre del 2003. In un monolocale di quindici metri quadri, in un sobborgo alle porte di Parigi, una ragazza infreddolita fissa assente un piccolo televisore. Sullo schermo scorrono le immagini, ma lei non le vede, i suoi occhi sono vuoti, il suo cuore batte ma non sente più nulla. Persino i lividi non le fanno più male. Passano i giorni. Nella dispensa c'è solo pane e latte. E quello che resta di cento euro che - così ha detto partendo il marito della donna - devono durare due mesi. D'un tratto, la ragazza sente una voce. È una voce che potrebbe essere la sua, e racconta la sua stessa vita. Sposata dai genitori a 14 anni a un uomo di trent'anni più vecchio di lei, deportata in Europa dall'Africa per essere stuprata, picchiata e umiliata, giorno dopo giorno, settimana dopo settimana, in un incubo senza fine. Ma la voce di donna che viene dalla televisione racconta anche qualcosa di inimmaginabile: da una vita così si può fuggire. Si può chiedere aiuto, si può scappare. La giovane donna ora sa cosa deve fare. Deve alzarsi, uscire, parlare, piangere, spiegare. E ricominciare a vivere. Solo così potrà ricordare chi è, ritornare al suo villaggio in Guinea, chiudere gli occhi e rivivere i giorni felici con la nonna, che l'ha cresciuta come una vera madre, anche se non ha saputo evitare che le venisse inflitta l'usanza spietata dell'infibulazione. Solo così potrà cercare di curare quelle ferite che urlano tutto il suo dolore.

L'altro Risorgimento
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pellicciari, Angela <1948->

L'altro Risorgimento : una guerra di religione dimenticata / Angela Pellicciari

8. ed

Casale Monferrato : Piemme, 2008

Abstract: Il Risorgimento è stato un periodo di lotta a tutto campo contro la Chiesa. Chi, oggi, non sembra rendersene conto è proprio la storiografia cattolica. I fatti storici, così come sono raccontati, provengono da una loro rilettura in chiave liberale. Questo lavoro, rilegge gli ultimi due secoli della nostra storia riportandone alla luce il significato più profondo.

Nei panni di un uomo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Vincent, Norah

Nei panni di un uomo : i miei 18 mesi nel mondo degli uomini, e ritorno / Norah Vincent

Casale monferrato : Piemme, 2008

Abstract: L'idea di mettersi nei panni di un uomo a Norah è venuta una sera di qualche tempo fa, quando per gioco, con un'amica, ha attraversato il suo quartiere camuffata in abiti maschili. Non solo nessuno si era accorto del trucco, ma quegli stessi uomini che la osservavano sfrontatamente e senza pudore quando passava vestita da donna, se incrociavano il suo sguardo quando la credevano uno di loro, abbassavano gli occhi. Una specie di codice maschile, un modo di riconoscere la reciproca autorità. Perché questo tipo di rispetto non viene riconosciuto alle donne? Così, per scoprire cosa si nasconde sotto l'altra metà del cielo, Norah decide di infiltrarsi dall'altra parte della barricata. Compra abiti maschili, prende lezioni di dizione per camuffare la voce, fa pesi per sviluppare i muscoli, si procura barba finta e una protesi per riempire i pantaloni. Insomma, diventa Ned. E, come Ned, inizia a frequentare ambienti da uomini. Un circolo di bowling, locali di striptease, un'associazione per la difesa della virilità, bar, palestre, persino un monastero. Per 18 mesi vive da uomo, facendo lavori da uomo, cercando di carpire quanti più segreti possibili ai suoi nuovi amici. Le sue scoperte sono una miniera d'oro per tutte le donne.

Il fabbricante di sogni
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Crofts, Andrew <1953-> - Crofts, Andrews

Il fabbricante di sogni / Andrews Crofts

Casale Monferrato : Piemme, 2008

Abstract: Iqbal ha solo quattro anni quando, a Lahore, in Pakistan, viene venduto al proprietario di una fabbrica di tappeti per risarcire un debito di dodici dollari contratto dal fratellastro per pagarsi il matrimonio. Diventa il più bravo tra i suoi compagni e quindi viene ceduto a un padrone ancora più severo, che lo costringe a lavorare incatenato a un telaio per sedici ore al giorno. Una notte il piccolo riesce a scappare. Si rivolge alla polizia che, corrotta dall'uomo, riporta Iqbal alla sua condizione di schiavo, alla fabbrica, dove viene severamente punito e picchiato per aver tentato la fuga. Passeranno altri anni prima che possa tentare di nuovo di fuggire, sei lunghi anni di schiavitù prima di rompere la catena e correre verso la grande città. Lungo il cammino, Iqbal incontra Ehsan Khan, coraggioso esponente del Fronte di Liberazione dei lavoratori-schiavi, che lo prende con sé. Può frequentare la scuola ora, scopre penne e matite colorate, e intanto prende parte sempre più spesso a raid per liberare altri bambini schiavi. Diventa un simbolo per il suo coraggio, tanto che viene invitato a raccontare la sua storia in grandi città, e persino in America. A dodici anni, mentre gioca in bicicletta davanti a casa, uno sconosciuto, un sicario dei maestri tessitori, gli tende un'imboscata e lo uccide. Nessuno cercherà di far luce sulla sua morte, e la ricostruzione dei fatti verrà trasformata dalle autorità in una ridicola menzogna.

Gli uomini sono pesci
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Nakamoto, Steve

Gli uomini sono pesci : manuale di pesca per ragazze sveglie / Steve Nakamoto ; traduzione di Marco Zonetti

Casale Monferrato : Piemme bestseller, 2008

Abstract: Che gli uomini abbocchino facilmente è un luogo comune che ha se non altro il pregio di rivelare una sacrosanta verità: gli uomini sono pesci, o almeno gli sono apparentati. Per pescare quelli giusti, tanto vale allora imparare le regole basilari di questa disciplina, ritenuta a torto uno sport maschile. Quando, dopo l'ennesima delusione ci ritroviamo a considerare seriamente l'overdose da Nutella come soluzione, è il momento di abbandonare le vecchie tattiche e prendere in prestito le dritte dei migliori pescatori: come preparare l'esca, trovare i punti più pescosi, cogliere l'attimo giusto per lanciare la lenza. Lo sappiamo bene, c'è un mare di uomini là fuori disposti a farsi prendere all'amo, ma il problema è proprio quello di evitare i pescetti buoni solo per farci il fritto e concentrarsi invece sul pesce grosso, ovvero quello che fa davvero per noi. Questo manuale per donne che sanno quello che vogliono è ricco di efficaci consigli su come avere fiducia in se stesse, allargare gli interessi, frequentare i luoghi più proficui, evidenziare i propri punti forti. Ma contiene anche dritte su cosa pensano e come agiscono gli uomini e su come attirarli all'amo e tenerceli attaccati. Consigli utili non solo per una proficua battuta di pesca, ma anche per migliorare un rapporto di coppia già esistente, o in generale le relazioni con gli altri.

Non volevo il vestito bianco
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gilman, Susan Jane <1964->

Non volevo il vestito bianco / Susan Jane Gilman

Casale Monferrato : Piemme, 2008

Abstract: Se il tuo primo ricordo è la strampalata esperienza di un campeggio hippie a quattro anni, se ti ritrovi a crescere come una ragazzetta bianca che gironzola in tutù in un quartiere portoricano di New York, se tua madre, che è ebrea, vorrebbe tanto farsi suora e tuo padre è impantanato in una bizzarra fase di regressione adolescenziale, se il tuo imprinting con l'universo maschile è un rocambolesco incontro con una rockstar, il minimo che si possa dire della tua vita è che sembra un romanzo. Ma dalla tragicomica esperienza della prima volta alla scoperta di un talento da collezionista di uomini sbagliati, dalla ribellione dei giorni della scuola allo scontro frontale con il mondo del lavoro, la storia di Susan è anche la storia di una generazione di ragazze e di donne, magari di due, e forse un po' di tutte.