Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Paese Germania
× Data 2014
Includi: tutti i seguenti filtri
× Genere Fiction

Trovati 41 documenti.

Mostra parametri
Se prima eravamo in due
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Brizzi, Fausto <1968->

Se prima eravamo in due / Fausto Brizzi

Torino : Einaudi, 2017

Abstract: Vi ricordate quando da bambini ci si trovava a giocare in due contro uno? Tante inutili rincorse e alla fine era sempre la coppia a stravincere. Due contro uno è scorretto. Se poi ad allearsi sono una mamma e un neonato, e a rimanere da solo è il papà, allora dovrebbe essere addirittura illegale. È proprio vero che quando ti nasce un figlio non sai mai chi ti metti in casa. Poco piú di un anno fa è arrivata Penelope Nina. Se prima eravamo in due è il racconto di come è andato l'inizio della nostra conoscenza e di come, piano piano, mi sono innamorato di lei. Questo nonostante occupi la stanza migliore, urli di notte, se la faccia addosso di continuo e non paghi l'affitto. Tutte cose che non perdonerei nemmeno a Scarlett Johansson, il che la dice lunga. La realtà è che ormai sono suo schiavo. Aggiungete che ho una moglie vegana, salutista e vagamente dittatoriale, e la tragedia familiare è servita.

La crepa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Spottorno, Carlos <1971-> - Abril, Guillermo <1981->

La crepa / Carlos Spottorno, Guillermo Abril ; traduzione di Francesca Bianchi ; introduzione di Fabio geda

[S.l.] : Add, 2017

Abstract: Dopo tre anni di viaggio, decine di articoli e un World Press Photo, il fotografo Carlos Spottorno e il giornalista Guillermo Abril decidono di dare una nuova forma narrativa alle 25.000 fotografie e ai 15 taccuini di appunti nati per raccontare ciò che succede sulle frontiere dell'Unione europea. Prende così forma La crepa, un libro a metà strada tra graphic novel e foto giornalismo, tra diario e reportage, in cui si affronta il grande tema della nostra contemporaneità: lo scontro e l'incontro tra i popoli.

E poi sarà amore
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Di Polito, Stefano

E poi sarà amore : diario di un papà in attesa / Stefano Di Polito

Reggio Emilia : Imprimatur, 2017

Abstract: "E poi sarà amore" è il diario di un papà in attesa, un racconto intimo per riscoprire la figura del padre a partire dal confronto immaginario con un figlio che sta per arrivare. Ventisette lettere scritte durante la gravidanza per esplorare le emozioni della nascita dando voce ai sentimenti inediti di un uomo: dalla paura per le visite ginecologiche, ai movimenti uterini percepiti anche dentro di sé; dall'adorazione per il corpo in trasformazione della compagna, alla ferma condanna per le leggi italiane sulla paternità; dalla spiegazione favolistica delle regole del mondo, all'esilio a Tenerife per vivere a pieno i primi mesi da padre. Una lunga corrispondenza amorosa che ripercorre la dolce attesa anche attraverso il punto di vista maschile, destinata agli altri papà e alle altre mamme per concedere a ciascuno il diritto di amare teneramente i propri figli e prepararsi alla nascita di una famiglia. Una testimonianza diretta che offre a ogni lettore il manifesto vissuto di una nuova forma di paternità.

Tutto è in frantumi e danza
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Brera, Guido Maria <1969-> - Nesi, Edoardo <1964->

Tutto è in frantumi e danza : [l'ingranaggio celeste] / Guido Maria Brera, Edoardo Nesi

Milano : La nave di Teseo, 2017

Abstract: Ricordi quando vivevi nel migliore dei mondi possibili, e non te ne accorgevi neanche? Quando eri certo che il futuro sarebbe stato migliore del presente. Quando sapevi che i tuoi figli avrebbero trovato lavoro a un chilometro da casa. Quando potevi sognare senza sembrare un illuso. Quando dovevi sforzarti per accorgerti della disoccupazione. Quando il terrorismo sembrava un relitto del passato. Quando il concetto stesso di immigrazione pareva sul punto di perdere significato, perché stavamo per andare a vivere in un mondo unico, in cui le piccole aziende non chiudevano, le banche non fallivano, centinaia di migliaia di persone non perdevano il lavoro e non si moriva affogati pur di arrivare in Italia.

La vita segreta
0 0 0
Materiale linguistico moderno

O'Hagan, Andrew <1968->

La vita segreta : tre storie vere dell'era digitale / Andrew O'Hagan ; traduzione di Svevo D'Onofrio

Milano : Adelphi, 2017

Abstract: Sempre più spesso usiamo con disinvoltura parole e nomi di cui pochissimo sappiamo. Bitcoin, ad esempio. Che cosa sono? Chi è Satoshi Nakamoto, l'individuo - o l'oscura entità collettiva - che li ha inventati? E perché li ha inventati? Che cos'è il dark web, e cosa significa «viverci» dentro? Che cos'ha veramente fatto, Julian Assange? E chi è? Per trovare le prime risposte serviva uno scrittore puro, qualcuno cioè disposto a partire per un viaggio senza mappa, provvisto di un'arma ancora efficace: una qualche confidenza con il romanzesco. Qualcuno come Andrew O'Hagan, insomma. O'Hagan è sceso davvero negli abissi largamente sconosciuti della rete. E al suo ritorno, come un esploratore vittoriano, ha steso tre relazioni estremamente accurate, che anche quando sembrano sul punto di sconfinare nella farsa - come nel caso dell'abortita collaborazione con Assange - sono in realtà altrettanti racconti del terrore. Di cui si ha da subito la sensazione, però, di non potere fare a meno.

Cose che mio figlio deve sapere sul mondo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Backman, Fredrick <1981->

Cose che mio figlio deve sapere sul mondo / Fredrik Backman ; traduzione di Anna Airoldi

Milano : Mondadori, 2017

Scrittori italiani e stranieri

Abstract: «Okay. Allora, sono il tuo papà. Sembra che tu abbia iniziato a rendertene conto. Finora si può dire che tu non abbia fatto altro che osservarmi mentre mi occupavo maldestramente di te, ma adesso che, a quanto pare, hai già la bellezza di un anno e mezzo, m'informano che si può cominciare a insegnarti delle cose. Piccoli trucchi, roba del genere. Non vedevo l'ora e, te lo dico sinceramente, farò del mio meglio. Perché devi capire che fare il genitore non è così semplice come potrebbe sembrare. Ci sono un sacco di cose da imparare, e nuove informazioni da gestire. Le borse per il cambio. Gli ovetti e i seggiolini. Le ninnenanne. Le tutine. La cacca. Soprattutto, la cacca. C'è una quantità immensa di cacca da gestire. Niente di personale, per carità. Si dice che sia compito dei padri insegnare ai propri figli cosa significa essere uomini. Ma io non ne sono tanto sicuro. Si dice anche che la stragrande maggioranza degli uomini, prima o poi, diventa come il proprio papà. Speriamo che, nel tuo caso, non sia così».

Liberasempre
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Palmieri, Nina <1976->

Liberasempre : storia vera di Ayse Durtuc / Nina Palmieri

Milano : Mondadori, 2016

Abstract: "Sono Ayse, ho diciannove anni. I capelli neri lunghi a cui tengo tanto. Credo di avere anche un bel sorriso. Me lo dicono tutti. Da qualche giorno ho lasciato la mia città per raggiungere il mio fratellino da mia nonna, in Turchia. Questa volta, però, non sono qui in vacanza. Questa volta sono qui contro la mia volontà. Credo che tecnicamente si dica rapita." Ayse Durtuc è una ragazza italiana, nata e cresciuta a Siracusa, figlia di genitori turchi molto rigidi e tradizionalisti. Di nascosto da loro, Ayse cerca di emanciparsi: ha un ragazzo, Antonio, e un'amica del cuore, Chiara, che le regala il primo paio di jeans e l'illusione di una vita normale. Perché è questo che Ayse sogna, poter vivere come tutte le ragazze della sua età. Ma i genitori non approvano quel suo stile di vita "troppo occidentale", e un giorno, con l'inganno, la mandano in Turchia dalla famiglia paterna, dove verrà trattenuta contro la sua volontà e le sarà impedito di mettersi in contatto con i suoi amici. Insospettita da quel lungo silenzio, Chiara contatta il programma televisivo "Le Iene", e grazie alla tenacia dell'inviata Nina Palmieri e del suo collega Nicola Barraco, e all'intervento delle forze dell'ordine, dopo alcuni mesi Ayse sarà liberata e potrà tornare in Italia. È la stessa Nina Palmieri a raccontare in questo libro la storia di Ayse. Una storia che ci mostra uno spaccato del nostro presente, e dell'eterna lotta delle ragazze contro l'ottusità e i pregiudizi.

Il mondo nuovo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Huxley, Aldous <1894-1963>

Il mondo nuovo ; Ritorno al mondo nuovo / Aldous Huxley ; e la prefazione dell'edizione 1946 del Mondo nuovo ; traduzioni di Lorenzo Gigli e Luciano Bianciardi ; con una nota di Alessandro Maurini

Milano : Mondadori, 2016

Oscar moderni

Abstract: Scritto nel 1932, "Il mondo nuovo" è un romanzo dall'inesausta forza profetica ambientato in un immaginario stato totalitario del futuro, nel quale ogni aspetto della vita viene pianificato in nome del razionalismo produttivistico e tutto è sacrificabile a un malinteso mito del progresso. I cittadini di questa società non sono oppressi da fame, guerra, malattie e possono accedere liberamente a ogni piacere materiale. In cambio del benessere fisico, però, devono rinunciare a ogni emozione, a ogni sentimento, a ogni manifestazione della propria individualità. Al romanzo seguono la prefazione all'edizione 1946 del "Mondo nuovo" e la raccolta di saggi "Ritorno al mondo nuovo" (1958), nelle quali Huxley tornò a esaminare le proprie intuizioni alla luce degli avvenimenti dei decenni centrali del Novecento.

Notti in bianco, baci a colazione
4 1 0
Materiale linguistico moderno

Bussola, Matteo <1971->

Notti in bianco, baci a colazione / Matteo Bussola

Torino : Einaudi, 2016

Einaudi. Stile libero extra

Abstract: Il respiro di tua figlia che ti dorme addosso sbavandoti la felpa. Le notti passate a lavorare e quelle a vegliare le bambine. Le domande difficili che ti costringono a cercare le parole. Le trecce venute male, le scarpe da allacciare, il solletico, i "lecconi", i baci a tutte le ore. Sono questi gli istanti di irripetibile normalità che Matteo Bussola cattura con felicità ed esattezza. Perché a volte, proprio guardando ciò che sembra scontato, troviamo inaspettatamente il senso di ogni cosa. Padre di tre figlie piccole, Matteo sa restituirne lo sguardo stupito, lo stesso con cui, da quando sono nate, anche lui prova a osservare il mondo. Dialoghi strampalati, buffe scene domestiche, riflessioni sottovoce che dopo la lettura continuano a risuonare in testa. Nell'"abitudine di restare" si scopre una libertà inattesa, nei gesti della vita di ogni giorno si scopre quanto poetica possa essere la paternità.

Sotto il velo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ben Mohamed, Takoua <1991->

Sotto il velo / Takoua Ben Mohamed

[S.l.] : Becco Giallo, 2016

Abstract: "La mia vita con il velo per le strade di Roma."

Papà sull'orlo di una crisi di nervi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Raisson, Gwendoline <1972-> - Le Huche, Magali <1979->

Papà sull'orlo di una crisi di nervi / Gwendoline Raisson, Magali Le Huche ; traduzione di Tommaso Gurrieri

[S.l.] : Clichy, 2016

Beaubourg

Abstract: I padri perfetti sono quelli che tutte le donne cercano: amanti da sogno, sempre presenti, sublimi educatori dei figli, pronti a rinunciare al lavoro per stare a casa, adorano cambiare i pannolini e addormentare i piccoli. Davvero super. Ma dove sono? Le Madri Anonime si mettono sulle loro tracce.

Un'altra parte del mondo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cirri, Massimo <1958->

Un'altra parte del mondo / Massimo Cirri

Milano : Feltrinelli, 2016

I narratori

Abstract: Questa è la storia di Aldo, figlio di Palmiro Togliatti, il Migliore. Una storia di solitudine, timidezza e gentile follia. La storia di un uomo che non ha lasciato memoria in un mondo pieno di memoria. Lo chiamano Aldino, anche quando è un uomo adulto. Dal 1926 al 1944 ha vissuto in Russia e ha frequentato la scuola di Ivanovo (destinata ai figli dei dirigenti di tutti i partiti comunisti del mondo). Dopo i funerali del padre, Aldo scompare. Sappiamo che ha già avuto problemi di salute mentale e che vive con la madre, a Torino. Tra lui e la madre, Rita Montagnana, immaginiamo una stretta vicinanza, come in tante vicende di vite che non riescono a distendersi e si aggrovigliano intorno a un genitore. Una volta lo trovano a Civitavecchia, sul molo. Sembra un barbone, vuole salire su una nave, partire. Più tardi succede ancora, a Le Havre. Aldo sembra spiare, in fondo all'orizzonte, un'altra parte del mondo. Per la seconda volta viene riportato a casa. Più tardi lo ritroviamo in una casa di cura privata, villa Igea, a Modena, dove resta per 31 anni, fino alla morte nel 2011 a 86 anni. In clinica, per via di quel cognome pesante, è menzionato solo come "il signor Aldo". È un paziente mite: legge romanzi in francese e in russo, compila la "Settimana Enigmistica" che gli porta un militante del Pci, Onelio Pini, insieme alle sigarette Stop. Nell'89 è quest'ultimo a dovergli dire che l'Unione Sovietica non c'è più. E Aldo dice: "Non ci credo".

Ms Kalashnikov
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pedrini, Riccardo - Tosarelli, Francesca

Ms Kalashnikov / Wu Ming 5, Francesca Tosarelli

Milano : Chiarelettere, 2015

Narrazioni

Abstract: Un libro sulle donne, per una volta non vittime ma combattenti, che hanno scelto un percorso di resistenza e non hanno smesso di vivere e di sognare. Una narrazione serrata, che concede molto poco alla fiction e che respira con il reale, con l'esperienza vissuta, toccata, percepita. Ms Kalashnikov è il racconto tutto in presa diretta di una giovane fotografa di guerra che esce dalla comfort zone del quotidiano e porta il suo corpo sul campo, in diversi angoli del pianeta, per ascoltare e darci la possibilità di ascoltare le voci di altre donne. Da Capo Verde al confine tra Libano e Siria, alla Repubblica democratica del Congo, il viaggio di F. finisce in un continente depredato prima dal colonialismo e ora dalla globalizzazione, nelle zone devastate dalla violenza della lotta civile o della guerriglia, nei luoghi del mondo che sfruttiamo ogni giorno mentre viviamo le nostre comodità mai in discussione. F. vuole vedere e scoprire con i suoi occhi un mondo altro, senza più tutti i filtri di una cultura dominante. Lo fa accompagnando in mare i pescatori capoverdiani che non hanno più niente da pescare; lo fa improvvisando passi di batuque con le raccoglitrici di sabbia dell'isola costrette, per sopravvivere, a devastare le spiagge ormai ridotte a ciottoli; lo fa incontrando le combattenti congolesi del gruppo ribelle Mai Mai Shetani. Storie toccanti, di donne che amano, sognano, ballano, si truccano, e al tempo stesso si ribellano, lottano, uccidono.

Io e Betty
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Hodgman, George

Io e Betty : romanzo / George Hodgman ; traduzione di Manuela Faimali

Torino : Bollati Boringhieri, 2016

Varianti

Abstract: È l'estate più calda da decenni, soprattutto nel Midwest, ma George decide comunque di tornare a Paris, Missouri, per festeggiare il novantunesimo compleanno della madre. Betty è malata, di un cancro che si fa strada molto lentamente, ma preferirebbe morire che chiedere aiuto o assistenza, soprattutto al figlio. È proprio per questo, verificato l'inesorabile declino della vecchia signora nonché delle piante in giardino, che l'autore cinquantenne editor di "Vanity Fair" e newyorchese convinto - decide di restare e prendersi cura di lei. Impresa non facile. George ricorda una giovane donna bionda, bella, sempre al volante della sua Impala, grande giocatrice di bridge, pianista eccellente, e vede ora una vecchia signora in ovvia sofferenza, fragile, ma ben decisa a fare le cose a modo suo, dalle sedute dal parrucchiere alla cura dell'obsoleto arredamento di casa. La comunicazione tra i due, spesso spassosa, sempre originale, è però resa difficile da qualcosa che non è mai stato detto: il silenzio sull'omosessualità del figlio, imposto dal padre, e necessario nella piccola comunità dell'America rurale, non ha però intaccato la corrente emotiva che passa tra madre e figlio. Finalmente liberi di amarsi e scontrarsi, grazie anche alla mancanza di inibizione di Betty, dovuta forse all'età, forse a un inconscio processo di riflessione.

Breve diario di frontiera
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kapllani, Gazmend - Kapllani, Gazmend <1967->

Breve diario di frontiera / Gazmend Kapllani ; traduzione di Maurizio De Rosa

[Roma] : Del Vecchio, 2015

Abstract: Breve diario di frontiera di Gazmend Kapllani è uno di quei libri che non smetteresti mai di leggere e rileggere e che vorresti far leggere a tutti. Perché raccontando la sua storia di migrante Kapplani in realtà racconta ognuno di noi poiché “indipendentemente dal lato in cui ci troviamo, a questo mondo siamo tutti migranti. Con un permesso di soggiorno temporaneo su questa terra, inguaribilmente di passaggio...”.

Je suis Charlie
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Je suis Charlie : matite in difesa della libertà di stampa

Milano : Rizzoli, 2015

Abstract: I più illustri nomi del fumetto e dell'illustrazione della scena internazionale rendono un commosso omaggio agli artisti della rivista francese Charlie Hebdo nel nome della libertà di pensiero. I proventi delle vendite di questo libro saranno destinati alla redazione di Charlie Hebdo. All'indomani del tragico attentato nella capitale francese, una raccolta di vignette a firma dei più grandi artisti internazionali e non. Un addolorato e sincero tributo a coloro che con il proprio illuminato lavoro hanno reso celebre la storica rivista "Charlie Hebdo". Un libro che dà voce all'indignazione di tutto il mondo nei confronti del terrorismo e dell'oscurantismo, sottolineando l'importanza della satira e l'urgenza di preservare la libertà intellettuale, affinché si comprenda la necessità di continuare a disegnare, dire e - all'occorrenza - dissacrare, nel nome dell'informazione e della democrazia. Perché tutti siano Charlie Hebdo.

I ragazzi che volevano fare la rivoluzione
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cazzullo, Aldo <1966->

I ragazzi che volevano fare la rivoluzione : 1968-1978: storia di lotta continua / Aldo Cazzullo

Milano : Mondadori, 2015

Oscar storia

Abstract: Marzo 1963: Palmiro Togliatti parla alla Normale di Pisa. Un ragazzo lo apostrofa: "Perché non avete provato a fare la rivoluzione?". "Provaci tu, se sei capace" risponde irritato il segretario. "Lo farò, lo farò." Il ragazzo si chiama Adriano Sofri. Sei anni dopo fonda Lotta continua. In questa nuova organizzazione rivoluzionaria ci sono i suoi amici pisani, gli studenti che hanno occupato le università, gli operai della Fiat, immigrati, arrabbiati, ribelli. I ragazzi di Lotta continua distribuiscono volantini alle porte delle fabbriche, si scontrano con la polizia, organizzano concerti, finiscono in carcere. Il 12 dicembre 1969 scoprono in piazza Fontana che in gioco ci sono la vita e la morte. Attraverso giornali, volantini, documenti interni al movimento, rapporti di polizia e testimonianze dirette, Aldo Cazzullo ricostruisce in questo libro, qui presentato in una nuova edizione rivista, la storia del più originale gruppo della nuova sinistra italiana, dalla scintilla del Sessantotto alla condanna del delitto Moro. Il suo è il racconto della formazione di politici e intellettuali, delle illusioni svanite nel terrorismo o nella droga, dell'avventura dell'ultima generazione che ha affidato la vita e la ricerca della felicità alla politica.

Genova 2012
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Genova 2012 : a centoventi anni dalla fondazione del Partito dei lavoratori italiani : materiali per un dibattito politico / a cura di Felice C. Besostri

[Zurigo] : L'Avvenire dei lavoratori, 2013 (stampa 2014)

Abstract: Manifestazione tenuta a Genova nel 2012

Babele 56
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Fontana, Giorgio <1981-> - Fontana, Giorgio <1981->

Babele 56 : otto fermate nella citta' che cambia / Giorgio Fontana

Milano : Cart'armata : Terre di mezzo, [2008]

Abstract: Un giorno esci per andare al lavoro e ti accorgi che il tabaccaio sotto casa Il tabaché del vintitrì, chiuso da tempo - ha ripreso vita: due ragazzi asiatici sistemano bottiglie di liquori e birra sugli scaffali bianchi. Quel giorno posso dire di non aver visto soltanto un negozio che riapriva, ma una particella del processo di meticciamento di Milano. Una città nuova, fatta di mille nazionalità, che sta nascendo sotto i nostri occhi e che Giorgio Fontana, giovane scrittore di talento, ha deciso di seguire - usando i mezzi pubblici e in particolare l'autobus 56, uno dei più multietnici di Milano - e di raccontare. È così che nasce questo libro in otto fermate per altrettanti volti: come Karkadan, rapper tunisino di stanza al quartiere Isola, Kamai, che in Sri Lanka era un giocatore di cricket semi-professionista e qui è custode in un condominio, o José, peruviano, oggi editore vicino a piazzale Loreto...

Il codice degli animali magici
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Marchesini, Roberto <1959-> - Marchesini, Roberto <1959-> - Tonutti, Sabrina - Tonutti, Sabrina

Il codice degli animali magici : simboli, tradizioni e interpretazioni / Roberto Marchesini, Sabrina Tonutti

Nuova ed

Milano : De Vecchi, 2008

Abstract: Ricco di spunti e di suggestioni, questo testo ci porta a reinterpretare la complessa 'cultura animale' sviluppata dalle società tradizionali. Prende in considerazione storia, fiabe, leggende, e tradizioni popolari, attraversa immagini e superstizioni, si sofferma sulla zooantropologia analizzando paure, stereotipi e attribuzioni magiche, e dedica particolare attenzione agli animali, intesi come energie primordiali, in rapporto al sovrannaturale. Da sempre gli animali popolano l'immaginario degli uomini, ne animano i sogni, danno volto a paure oppure a desideri. Sono simboli e segni capaci di contenere significati amplissimi. E in quest'ottica vengono considerati dagli autori, scandagliando divinazione, zoomanzia, oniromanzia e investigando sciamanesimo e totemismo, per arrivare a comprendere il loro spirito di animali-guida e la loro funzione di totem e animali-tutelari.