Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Paese Germania
Includi: tutti i seguenti filtri
× Materiale Registrazioni non musicali

Trovati 2 documenti.

Mostra parametri
Che cos'e' il gusto?
0 0 0
Disco (CD)

Petrini, Carlo <1949->

Che cos'e' il gusto? / Carlo Petrini

Roma : Sossella, 2010

Abstract: Per un gastronomo il gusto è la conoscenza dei sapori, estesa ai riti della tavola, tratta da tutto il patrimonio di una civiltà, artistica e intellettuale. È un termine con molti sensi e infinite accezioni, da situarsi, oggi, fra gli universali della comunicazione. Lo si usa infatti per abbracciare il maggior numero di esperienze alimentari, lo si carica di valori intellettuali che non sono necessariamente commestibili. Funge da luogo di civiltà nella misura in cui l'educazione al gusto è in esso prevista e praticata. Nell'individuo è allo stesso tempo un senso preciso e anche quel sesto senso che permette di ricondurre la percezione all'armonia, a una pienezza di valori che oggi estendono la disciplina gastronomica ad ambiti nuovi, come per esempio l'ecologia, l'idea di sostenibilità dei processi legati al cibo, l'economia locale e di piccola scala o il rispetto per il lavoro e per la cultura di chi produce nutrimento in ogni angolo della Terra.

Francesco Piccolo legge L'Italia spensierata
0 0 0
Disco (CD)

Piccolo, Francesco <1964-> - Piccolo, Francesco <1964->

Francesco Piccolo legge L'Italia spensierata / di Francesco Piccolo

Versione integrale

Roma : Emons Italia, 2007

Abstract: Ci sono cose che non fareste mai. Così dite: né ora né mai. Affollare uno studio televisivo con i fan di Baudo, per esempio. Sgomitare in autogrill durante l'esodo delle vacanze. Mettersi in coda per il giro della morte sulle montagne russe. Affrontare il pigia pigia per il film di Natale, ma anche per la notte bianca. E poi succede che vi ritrovate dentro le cose che non fareste mai. A tutti, prima o poi, succede. È il momento in cui ci si chiede se ci si sente un po' stupidi. E la risposta non è: no. La risposta è: sì. Ma questo sì è comprensivo e caloroso, suggerisce un diritto a essere un po' stupidi qualche volta nella vita. E a lasciarsi andare.