Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Paese Germania
× Data 2014
Includi: tutti i seguenti filtri
× Soggetto Memorie
× Editore Piemme <casa editrice>
× Data 2005

Trovati 4 documenti.

Mostra parametri
Murata viva
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Leila

Murata viva : prigioniera della legge degli uomini / Leila ; con la collaborazione di Marie-Therese Cuny

Casale Monferrato : Piemme, 2005

Abstract: È mezzanotte. Leila, giovane marocchina cresciuta in Francia, sta dormendo della piccola stanza che condivide insieme ai fratelli, quando la madre la sveglia. Le ordina di mettersi il suo vestito più bello e di preparare il tè per l'uomo seduto sul divano della sala: lo deve accogliere come fosse un re. Leila non lo conosce. Eppure tra pochi giorni quell'uomo diventerà suo marito. Perché così ha deciso suo padre e, se lei oserà ribellarsi, la punizione sarà terribile. Per Leila è l'inizio di un incubo. Suo marito la tratta come una schiava, la picchia, la umilia. Per tre volte Leila tenta il suicidio. Solo la nascita di suo figlio Ryad le dà la forza di ribellarsi. A costo di essere ripudiata dalla famiglia, Leila chiede la separazione.

Il libro nero dei primi appuntamenti
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cameron, Amy

Il libro nero dei primi appuntamenti / Amy Cameron

Casale Monferrato : Piemme, [2005]

Abstract: La vita è come una scatola di cioccolatini: non sai mai cosa ti può capitare diceva Forrest Gump. E quando si tratta di appuntamenti galanti, mai frase fu più vera. Ogni appuntamento è un salto nel buio, un terno al lotto sulla ruota della fortuna, dove pare che tutte le altre facciano Jackpot tranne voi. E allora, volete chiudervi in casa e condurre una vita monacale? Sì, ma soltanto per essere più belle per il prossimo invito.

Bruciata viva
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Suad

Bruciata viva / Suad ; con la collaborazione di Marie-Therese Cuny ; traduzione di Luciana Crepax

Casale Monferrato : Piemme, 2005

Abstract: Suad, giovane cisgiordana, sta facendo il bucato nel cortile di casa quando sente sbattere una porta alle sue spalle. È il cognato, che le rivolge una frase scherzosa. Suad si volta per replicare ma all'improvviso il suo corpo è intriso di un liquido freddo che in meno di un secondo diventa fuoco. Bruciare viva, è questa la punizione inflittale dalla famiglia per aver commesso il peggiore dei peccati, essere rimasta incinta prima del matrimonio. Nonostante le ustioni di terzo grado che la ricoprono, Suad riesce a salvarsi. Con l'aiuto di un'organizzazione umanitaria, fugge in Europa. Da qui, con indosso una maschera che protegge e nasconde il suo viso deturpato, racconta al mondo la sua storia, sfidando la legge degli uomini e la loro sete di vendetta.

Il velo strappato
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bin Ladin, Carmen

Il velo strappato : la mia vita nel clan dei Bin Laden / Carmen Bin Laden ; traduzione di Maria Clara Pasetti

Casale Monferrato : Piemme, c2005

Abstract: Carmen Dufour Bin Laden è l'unica donna occidentale ad aver vissuto per nove lunghi anni dentro la famiglia Bin Laden. Sposata con il fratello del tristemente noto Osama, si porta addosso il peso di un cognome che, per l'intero Occidente, rappresenta il male assoluto. Carmen racconta la sua storia. A cominciare dal giorno in cui, a Ginevra, conosce Yeslam futuro padre delle sue figlie. Bello, ricchissimo e pieno di fascino, Yeslam Bin Laden sembra un principe delle favole. Ma la realtà che attende Carmen a Jeddah, città d'origine del marito, di favoloso non ha proprio nulla. Anzi, dal primo istante, l'Arabia Saudita le appare come un luogo da incubo, dai contorni scoloriti e indistinti oltre la spessa coltre del chador.