Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Paese Germania
× Nomi Bauman, Zygmunt <1925-2017>
× Nomi Rampini, Federico <1956->
× Paese Francia
× Genere Testo non letterario
× Nomi Pallante, Maurizio <1947->
× Genere Saggi
× Soggetto Sociologia
Includi: tutti i seguenti filtri
× Data 2009

Trovati 512 documenti.

Mostra parametri
Campi di battaglia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Shiva, Vandana <1952->

Campi di battaglia : biodiversita' e agricoltura industriale / Vandana Shiva

Milano : Ambiente, [2009]

Abstract: L'agricoltura industriale si basa infatti sul consumo intensivo di combustibili fossili, impiegati per produrre fertilizzanti e pesticidi e per alimentare il sistema agricolo globale. Se è vero che le applicazioni della chimica e della meccanizzazione all'agricoltura hanno assicurato rese tali da soddisfare i fabbisogni alimentari di un numero enorme di persone, è altrettanto vero che negli ultimi anni, anche a causa delle richieste crescenti da parte della Cina e di altri paesi emergenti, il modello meccanicista ha iniziato a mostrare limiti evidenti. Le risposte - cibi modificati geneticamente, brevetti sulle sementi e sugli organismi e monocolture estreme - vanno nella direzione sbagliata, e rischiano di amplificare i danni già prodotti agli ecosistemi e alle popolazioni che li abitano. L'accelerazione dei fenomeni legati ai cambiamenti climatici costituisce poi un'ulteriore ragione per affrancarsi quanto prima dall'agricoltura industriale, responsabile su scala globale di una quota significativa di emissioni di gas serra.

Ritorno alla terra
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Shiva, Vandana <1952->

Ritorno alla terra : la fine dell'ecoimperialismo / Vandana Shiva ; prefazione di Carlo Petrini ; traduzione di Giuliano Bottali e Simonetta Levantini

Roma : Fazi, 2009

Abstract: Mai come oggi, a causa del progressivo esaurimento del petrolio e di cambiamenti climatici sempre più violenti, la necessità di fonti energetiche alternative e sostenibili sta diventando impellente. Ma nonostante l'urgenza delle istanze ecologiste, l'Occidente industrializzato non ha ancora compreso ciò che il resto del mondo sa già da tempo: si sta rapidamente avvicinando una catastrofe alimentare. Le fattorie stanno sparendo, i cibi geneticamente modificati si stanno diffondendo a macchia d'olio, il prezzo del pane continua a salire. E l'utilizzo di soluzioni alternative alle risorse tradizionali, come gli OGM per aumentare la produzione del Terzo Mondo e i biocarburanti in sostituzione dei combustibili fossili, non fa che aggravare la situazione, perché presuppone il ricorso sempre più massiccio a un'agricoltura industriale. In questo volume Vandana Shiva spiega perché i tre problemi più urgenti per l'umanità - la fame nel mondo, il peak oil, il surriscaldamento globale - siano profondamente collegati tra loro e perché ogni tentativo di risolverne uno, senza implicare necessariamente tutti gli altri, si sia rivelato finora fallimentare. Una triplice questione che rappresenta, al contempo, una triplice opportunità per ripensare a livello globale la politica agricola, energetica, ambientale.

Di notte
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Droop, Constanza

Di notte / illustrazioni e testo di Costanza Droop

Varese : La coccinella, [2009]

Abstract: Perché si dorme? Perché il buio può mettere paura? Anche gli animali di notte dormono? Chi invece di notte sta sveglio? Un libro tutto illustrato che aiuta a capire il mondo, offrendo risposte chiare ed esaurienti alle mille domande dei bambini. Osservando le immagini e scoprendo cosa si nasconde sotto i grandi flap, ogni pagina è una bella avventura! Età di lettura: da 4 anni.

I miti del nostro tempo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Galimberti, Umberto <1942->

I miti del nostro tempo / Umberto Galimberti

Milano : Feltrinelli, 2009

Abstract: Culto della giovinezza, idolatria dell'intelligenza, ossessione della crescita economica, tirannia della moda: sono alcuni dei miti di oggi che Umberto Galimberti passa in rassegna per smontarli e denunciarne la natura ingannevole, mostrando come i falsi miti siano in realtà idee malate, non avvertite come tali, e quindi tanto più capaci di diffondere i loro effetti nefasti senza trovare la minima resistenza. Sono i miti del nostro tempo, le idee che più di altre ci pervadono e ci plasmano come individui e come società. Quelle che la pubblicità e i mezzi di comunicazione di massa propongono come valori e impongono come pratiche sociali, fornendo loro un linguaggio che le rende appetibili e desiderabili. I miti sono idee che ci possiedono e ci governano con mezzi non logici, ma psicologici, e quindi radicati nel profondo della nostra anima. Sono idee che abbiamo mitizzato perché non danno problemi, facilitano il giudizio, in una parola rassicurano. Eppure molte sofferenze, molti disturbi, molti malesseri nascono proprio dalle idee che, comodamente accovacciate nella pigrizia del nostro pensiero, non ci consentono più di comprendere il mondo in cui viviamo. Per recuperare la nostra presenza al mondo dobbiamo allora rivisitare i nostri miti, sia quelli individuali sia quelli collettivi, dobbiamo sottoporli al vaglio della critica perché i nostri problemi sono dentro la nostra vita, e la nostra vita vuole che si curino le idee con cui la interpretiamo.

I mantovani al nuovo mondo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

I mantovani al nuovo mondo : studi e memeorie / a cura di Renzo Rabboni

Gazoldo degli Ippoliti : Postumia, stampa 2009

Satiromantico
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Forattini, Giorgio <1931->

Satiromantico / Giorgio Forattini

Milano : Mondadori, 2009

Abstract: Giorgio Forattini torna in libreria armato del suo proverbiale coraggio, del suo irrinunciabile amore per la verità e della sua inconfodibile tendenza allo sberleffo. E se l'unico modo per capire davvero il Belpaese fosse quello di riderci sopra?

I nuovi contadini
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ploeg, Jan Douwe van der

I nuovi contadini : le campagne e le risposte alla globalizzazione / Jan Douwe van der Ploeg

Roma : Donzelli, [2009]

Abstract: Da sempre i contadini sono stati una presenza così forte e costitutiva che non si è mai sentito il bisogno di investigarne e comprenderne la posizione, il ruolo o la stessa esistenza. Ma negli ultimi due secoli, nell'epoca delle trasformazioni industriali, qualcosa è cambiato: i contadini sono stati considerati una figura sociale in estinzione o da eliminare, in quanto ostacolo al cambiamento. All'alba del terzo millennio, tuttavia, il mondo contadino non solo si presenta in molte forme nuove e inaspettate, ma sembra addirittura incarnare una risposta chiave per soddisfare i fabbisogni alimentari mondiali nella direzione di uno sviluppo sostenibile dell'agricoltura e delle economie rurali. L'autore del libro, un'autorità in materia a livello internazionale, dimostra che i contadini non sono affatto in decrescita; al contrario, sia nei paesi industrializzati che in quelli in via di sviluppo, assistiamo a fenomeni complessi di ritorno a un modo contadino di fare agricoltura. Il cuore di questo nuovo modello è la ricerca dell'autonomia rispetto al potere ordinatore degli imperi agroalimentari. Un'autonomia basata sulla mobilizzazione delle risorse locali all'interno di un processo produttivo che ne garantisca allo stesso tempo la riproduzione. Con una grande ricchezza di casi empirici provenienti dalle agricolture di diverse parti del mondo - e un particolare focus sul sistema delle aziende italiane, il volume analizza e descrive il riemergere del fenomeno contadino.

Con i soldi degli altri
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gallino, Luciano <1927-2015>

Con i soldi degli altri : il capitalismo per procura contro l'economia / Luciano Gallino

Torino : Einaudi, [2009]

Abstract: Una massa di risparmio equivalente al Pil del mondo viene gestita, a loro esclusiva discrezione, da enti finanziari quali fondi pensione, fondi di investimento, assicurazioni e vari tipi di fondi speculativi. La maggior parte è controllata da grandi banche. Il loro mestiere consiste nell'investire quotidianamente soldi degli altri: per questo sono chiamati investitori istituzionali. In appena vent'anni il peso di questo capitalismo per procura nell'economia mondiale è diventato formidabile: gli investitori istituzionali hanno oggi in portafoglio oltre la metà del capitale delle imprese quotate. Nel tutelare gli interessi dei risparmiatori, sono in genere indifferenti alle conseguenze sociali degli investimenti che effettuano. Il loro unico criterio guida è la massimizzazione a breve termine del rendimento finanziario. Dalla crisi esplosa nel 2008, che ha coinvolto in diversi modi anche gli investitori istituzionali, si potrà stabilmente uscire soltanto con nuove forme di regolazione dell'economia. Posto che controllano la metà di essa, le riforme dovranno necessariamente coinvolgere anche questi enti: se i loro capitali fossero investiti in infrastrutture, scuole, trasporti, ambiente, l'economia del mondo ne trarrebbe sicuro vantaggio. A tale scopo occorrerebbe anche ridare voce, nelle loro strategie di investimento, ai milioni di persone che a essi affidano i loro soldi.

Il seme e la gramigna
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bizzarri, Danilo

Il seme e la gramigna : storia di una famiglia italiana trucidata in Libia / Danilo Bizzarri

Reggiolo : Lui, stampa 2009

Solo il vento mi pieghera'
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Maathai, Wangari <1940-2011>

Solo il vento mi pieghera' / Wangari Muta Maathai ; traduzione di Rosanna Carrera

[Milano] : RBA Italia, [2009]

Il velo della paura
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Shariff, Samia

Il velo della paura / Samia Shariff ; traduzione di Claudia Lionetti

[Milano] : RBA Italia, [2009]

Spegni lo spreco... accendi lo sviluppo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Spegni lo spreco... accendi lo sviluppo : viaggio nel nord e nel sud dell'energia / a cura di Mercedes Mas Sole e Rosita Folli

Milano : Terre di mezzo, 2009

Sogno americano
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Sogno americano / a cura di Gianni Rossi Barilli

La terza nazione del mondo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Schianchi, Matteo <1972->

La terza nazione del mondo : i disabili tra pregiudizio e realta' / Matteo Schianchi

Milano : Feltrinelli, 2009

Abstract: Sono 650 milioni i disabili nel mondo, oltre il 10 per cento della popolazione globale. Tutti insieme popolerebbero la terza nazione del mondo dopo Cina e India. In Italia, sono circa 6 milioni, la seconda regione dopo la Lombardia. Sono le vittime di malattie congenite o acquisite, traumi psichici, incidenti sul lavoro e stradali, tumori. Proprio perché temuta, la disabilità è rifiutata, la sua vista disturba e inquieta. L'handicap è un trauma che sconvolge i corpi, le soggettività, le relazioni degli individui e del mondo circostante. L'handicap è lutto della perdita della normalità, non una menomazione, ma una specifica condizione umana. Non esiste handicap senza sguardo sull'handicap. Questo sguardo è pieno di pregiudizi, pietismo provati dai normali sui disabili e dai disabili su se stessi: qui si creano e si alimentano il rifiuto e l'emarginazione. Lo stato sociale è ancora insufficiente, nella prevenzione e nelle risposte alle forme di handicap. Le politiche sono incentrate sull'assistenzialismo, ma hanno buchi strutturali che fanno dell'integrazione una chimera: barriere architettoniche, risorse insufficienti, leggi parzialmente applicate, nessuna dotazione di strumenti psicologici per affrontare il trauma. Questi deficit contribuiscono a sommergere le persone disabili nelle difficoltà quotidiane, nelle solitudini, nelle forme di povertà, in vite completamente sacrificate all'handicap.

Le fabbriche del freddo nel territorio suzzarese e... dintorni
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bernardelli, Giuseppe <1940- >

Le fabbriche del freddo nel territorio suzzarese e... dintorni / Giuseppe Bernardelli

Suzzara : Bottazzi, [2009]

...Splende il sol dell'avvenir
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Longhini, Carlo

...Splende il sol dell'avvenir : Giuseppe Bertani : contadini e socialisti a Curtatone e nel Mantovano dalle leghe al fascismo (1895-1922) / Carlo Longhini

Mantova : Sometti, [2009]

Quel che e' di Cesare
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bindi, Rosy <1951->

Quel che e' di Cesare / Rosy Bindi

Roma ; Bari : GLF Editori Laterza, 2009

Abstract: In fondo la critica più radicale al potere assoluto e al cesarismo si trova nel Vangelo, perché a Cesare si restituisce la moneta e non si consegn mai la persona, la sua libertà e la sua dignità. Rosy Bindi racconta il suo impegno di cattolica che ha scelto la politica e va al cuore del principio di laicità. In un colloquio franco e diretto affronta le questioni cruciali della nostra democrazia. Scommette sul dialogo tra credenti e non credenti per superare reciproche scomuniche e afferma l'attualità del cattolicesimo democratico. Rilancia la dimensione etica della politica come servizio e ricerca del bene comune.

Bentornato Marx!
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Fusaro, Diego <1983->

Bentornato Marx! : rinascita di un pensiero rivoluzionario / Diego Fusaro

Milano : Bompiani, 2009

Abstract: Marx è morto. È questa l'ossessiva litania che siamo ormai abituati a sentire. Dietro tale canto funebre si cela però, forse, l'auspicio che tale trapasso abbia luogo davvero, perché il morto in questione è ancora in forze e non cessa di seminare il panico tra i vivi. Chi si ostina a ripetere, in nome di Dio o del Mercato, che Marx è morto lo fa, allora, perché assillato dal suo spettro.- esso continua infatti a denunciare le contraddizioni di un mondo capovolto. Anche oggi che il socialismo reale è naufragato e che la storia ha mandato in frantumi il sogno di Marx, il fallimento delle sue profezie non intacca l'esattezza della denunce da lui formulate, e la sua critica radicale del capitalismo rappresenta ancora lo strumentario concettuale più forteper criticare la società esistente e le contraddizioni che la permeano. Il progetto marxista continua a essere la più seducente promessa di felicità di cui la filosofia moderna sia stata capace.

Sfamiglia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Crepet, Paolo <1951->

Sfamiglia : vademecum per un genitore che non si vuole rassegnare / Paolo crepet

Torino : Einaudi, 2009

Abstract: Dal bullismo, che è troppo facile liquidare come ragazzata, all'abuso di alcol, tra le prime cause di morte fra i giovani, dal 7 in condotta, necessario perché solo la presenza di regole insegna a rispettare il prossimo e a riconoscere i propri limiti, al telecomando, che insieme a Facebook e all'iPod indirizza verso un uso surfistico delle relazioni, improntate cioè all'eccitazione momentanea, alla comodità, che porta a evitare la fatica della riflessione. Un meditato e utile abbecedario dove ogni parola chiave è l'occasione per raccontare una storia vera, che ci riguarda. Attraverso l'esperienza decennale di incontri con le famiglie nelle diverse province italiane, Crepet parte dai nostri gesti quotidiani per ragionare sulle sfamiglie d'oggi, quelle che passano insieme non più di 40 minuti al giorno, quelle dove i genitori sembrano arrendersi, concedere tutto ai figli per paura di sentirsi rifiutati o solo per senso di colpa. E ci aiuta a guardare con responsabilità a ciò che abbiamo costruito, talvolta sfasciato. Perché educare significa accompagnare, voler rischiare di credere nell'altro, avere coraggio: proprio come amare.

50 idee per lo shopping etico
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Berry, Sian

50 idee per lo shopping etico / Sian Berry

Novara : Istituto geografico De Agostini, [2009]

Abstract: Cinquanta idee per fare acquisti che rispettino l'ambiente. Dalla vita di tutti i giorni alle occasioni speciali, dal cibo ai gadget tecnologici, Senza rinunciare allo stile, alla qualità e al risparmio. Siân Berry è stata candidata a sindaco di Londra per il partito dei Verdi e fondatrice dell'Alliance Against Urban 4x4 contro i SUV in città.