Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Paese Germania
× Nomi Bauman, Zygmunt <1925-2017>
× Nomi Rampini, Federico <1956->
× Paese Francia
× Genere Testo non letterario
× Nomi Pallante, Maurizio <1947->
× Genere Saggi
Includi: tutti i seguenti filtri
× Data 2009
× Nomi Fusaro, Diego <1983->

Trovati 3 documenti.

Mostra parametri
Bentornato Marx!
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Fusaro, Diego <1983->

Bentornato Marx! : rinascita di un pensiero rivoluzionario / Diego Fusaro

Milano : Bompiani, 2009

Abstract: Marx è morto. È questa l'ossessiva litania che siamo ormai abituati a sentire. Dietro tale canto funebre si cela però, forse, l'auspicio che tale trapasso abbia luogo davvero, perché il morto in questione è ancora in forze e non cessa di seminare il panico tra i vivi. Chi si ostina a ripetere, in nome di Dio o del Mercato, che Marx è morto lo fa, allora, perché assillato dal suo spettro.- esso continua infatti a denunciare le contraddizioni di un mondo capovolto. Anche oggi che il socialismo reale è naufragato e che la storia ha mandato in frantumi il sogno di Marx, il fallimento delle sue profezie non intacca l'esattezza della denunce da lui formulate, e la sua critica radicale del capitalismo rappresenta ancora lo strumentario concettuale più forteper criticare la società esistente e le contraddizioni che la permeano. Il progetto marxista continua a essere la più seducente promessa di felicità di cui la filosofia moderna sia stata capace.

Forme di produzione precapitalistiche
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Marx, Karl <1818-1883>

Forme di produzione precapitalistiche / Karl Marx ; saggio introduttivo, traduzione, note e apparati di Diego Fusaro

Milano : Bompiani, 2009

Abstract: Le forme di produzione precapitalistiche costituiscono una parte dei Lineamenti di critica dell' economia politica composti da Marx, sotto torma di appunti e in vista della stesura del Capitale, tra il 1857 e il 1858. Vero e proprio testo dentro il testo, esse rappresentano una sorta di interruzione momentanea dell' indagine critica di Marx sul presente del modo di produzione capitalistico e volgono invece lo sguardo al passato dei mondi che lo hanno preceduto e ne hanno preparato l'avvento: i modi di produzione antico, asiatico e feudale, nelle loro specifiche articolazioni e dinamiche. Più precisamente, il nucleo tematico di questo laboratorio intellettuale, che permette di seguire Marx mentre elabora il proprio pensiero, è l'analisi della legge generale dello sviluppo storico e del legame reciproco dei diversi modi di produzione che si sono storicamente succeduti. Incentrato su una filosofia della storia stadiale e dialettica, conflittuale e orientata al fine ultimo della società senza classi, il progetto marxiano poggia su una salda convinzione: non è possibile comprendere pienamente il funzionamento del mondo capitalistico senza averne correttamente decifrato la genesi storica e senza essersi affrancati dalle spiegazioni ideologie che naturalistiche e robinsoniane dell'economia politica classica. Non si può fare luce sul presente né prefigurarsi le contraddizioni che accompagneranno l'umanità verso il futuro, senza aver preventivamente fatto i conti con il passato.

Manifesto e principi del comunismo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Marx, Karl <1818-1883> - Marx, Karl <1818-1883> - Engels, Friedrich <1820-1895> - Engels, Friedrich <1820-1895>

Manifesto e principi del comunismo / Karl Marx, Friedrich Engels ; saggio introduttivo, traduzione, note e apparati di Diego Fusaro

Milano : Bompiani, 2009

Abstract: Pubblicato nel febbraio del 1848, sotto un cielo oscurato dalle nubi della rivoluzione, il Manifesto del partito comunista nasce dall'esigenza di spiegare al proletariato il vero movimento della storia per indurlo così ad abbracciare la missione di 'seppellitore ' del moderno mondo borghese, stregone ormai incapace di controllare le forze infere da lui stesso evocate. In questo modo, il terrifico spettro del comunismo poteva materializzarsi, trasformandosi in forza oggettiva capace di eseguire gli ordini della storia. Nelle pagine di questa breve ma densissima opera che non fa pace con il mondo, oltre le facili speranze e gli indubbi errori di valutazione, batte il cuore del progetto marxiano di redenzione dell'umanità: la speranza in un mondo senza classi né sfruttamento e la critica radicale del modo di produzione capitalistico, hegelianamente inteso come totalità contraddittoria e in movimento verso il proprio superamento. Grazie alla buona novella installata nel corso stesso degli eventi della storia umana, ed enunciata con un rigore scientifico pari solo al tono profetico, questa Bibbia politica andò incontro a un successo che la rese il testo politico più diffuso e famoso di tutti i tempi. Questa edizione offre al lettore italiano anche i Princìpi del comunismo di Engels, bozza originaria a partire dalla quale Marx compose il Manifesto, successivamente firmato a doppio nome dai due autori.