Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Paese Germania
× Nomi Bauman, Zygmunt <1925-2017>
× Nomi Rampini, Federico <1956->
× Paese Francia
× Target di lettura Adulti, generale

Trovati 16770 documenti.

Mostra parametri
L'affaire Soros
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ciarrocca, Luca <1953->

L'affaire Soros / Luca Ciarrocca

Milano : Chiarelettere, 2019

Principioattivo

Abstract: Speculatore e filantropo ebreo, già finanziatore delle campagne elettorali di Obama e dei Clinton, e in Italia dei radicali di Emma Bonino e di +Europa, odiato da Orbán e dai sovranisti: chi è veramente Soros, uno degli uomini più potenti al mondo, che sbancò in un solo giorno la Banca d'Inghilterra e mise in ginocchio la lira e il rublo, "personaggio dell'anno 2018" secondo il "Financial Times"? Luca Ciarrocca ha provato a ricostruire le incredibili tappe della sua vita, tutta giocata sull'azzardo e la sfida: tra fake news colossali, campagne diffamatorie e indubbie verità, ecco l'identikit del "pericoloso estremista della sinistra radicale". Abbiamo bisogno di nemici e capri espiatori, e Soros, ebreo, ricchissimo, con le sue contraddizioni, è il bersaglio perfetto. È lui il diavolo di cui aver paura. Intanto il virus dell'odio diffuso in rete e i complotti reazionari dell'antisemitismo nel tempo si rinnovano e si propagano mettendoci gli uni contro gli altri. Come in una guerra.

Liberati della brava bambina
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gancitano, Maura <1985-> - Colamedici, Andrea <1987->

Liberati della brava bambina : otto storie per fiorire / Maura Gancitano, Andrea Colamedici

Milano : HarperCollins, 2019

Abstract: Cosa significa essere donna? Non alzare la voce, non ribellarsi. Obbedire al padre, al marito, alla società. Significa calma e sottomissione. Dover essere una brava bambina, poi una brava moglie e una brava madre. Eppure per qualcuna tutto questo non basta. Attraverso otto storie che spaziano dal mito alla contemporaneità, gli autori raccontano l'altra faccia della luna: e cioè come fin dagli albori dell'umanità, in saghe, leggende ed epopee letterarie, i modelli di donne forti sono sempre stati ridotti al silenzio. Ma dal nuovo racconto delle storie di Era, Medea, Daenerys, Morgana e le altre, se ci si pongono le domande giuste, possono risultare modi diversi di vivere se stesse e la propria femminilità, di leggere i meccanismi che circondano e intrappolano. Con la guida della filosofia, che ci aiuta a domandarci il significato delle cose e ci indica un comportamento nel mondo, questi ritratti femminili insegnano come trasformare le gabbie in chiavi e volgere le difficoltà in opportunità. Solo così ci si potrà finalmente permettere di esistere, e non aver paura di fiorire. Fare filosofia aiuta a piazzare punti interrogativi alla fine delle parole, come fossero esplosivi. Non più "donna", ma "donna?", non più "si fa così", ma "si fa così?". Non più "è sempre stato così", ma "è sempre stato così?". In questo modo ogni preconcetto esplode, e si aprono passaggi segreti impensabili e altrimenti invisibili.

Siamo tutti profughi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Yousafzai, Malala <1997->

Siamo tutti profughi : i miei viaggi e i miei incontri con le ragazze di tutto il mondo in fuga dalla guerra / Malala Yousafzai ; con Liz Welch ; traduzione di Sara Caraffini, Giuseppe Maugeri, Chiara Ujka

Milano : Garzanti, 2019

Saggi

Abstract: Dopo l'assassinio del padre, María è dovuta scappare insieme alla mamma nel cuore della notte. Zaynab non ha frequentato la scuola per due anni a causa della guerra, prima di riuscire a scappare in America. Sua sorella Sabreen è sopravvissuta a un viaggio straziante verso l'Italia. Ajida è sfuggita a terribili violenze, e ha poi dovuto lottare per tenere al sicuro la famiglia in un rifugio di fortuna. L'autrice vincitrice del premio Nobel per la pace Malala Yousafzai rende onore alla realtà nascosta dietro le fredde statistiche, ai visi e alle vicende personali dietro le notizie che leggiamo quotidianamente sui milioni di rifugiati nel mondo. Le visite ai campi profughi le hanno infatti dato modo di ripensare alla propria esperienza, prima di bambina rifugiata interna nel suo Pakistan, e oggi di attivista a cui è permesso di viaggiare ovunque tranne che per far ritorno nella patria che ama. In questo libro di memorie personali e racconti collettivi, Malala incrocia la sua esperienza con le storie delle coraggiose ragazze che ha incontrato nel corso dei suoi numerosi viaggi: giovani donne che hanno improvvisamente perso la propria casa, la propria comunità, il proprio posto nel mondo. In un'epoca di grandi migrazioni, di crisi, di guerre e di conflitti, "Siamo tutti profughi" è l'accorato appello di una delle più importanti attiviste dei nostri giorni, e ci esorta a non dimenticare che ciascuno degli attuali 68,5 milioni di profughi - per la maggior parte giovani - è una persona con i propri sogni e le proprie speranze, a cui è necessario riconoscere i diritti umani fondamentali, perché ogni abitante della Terra, nessuno escluso, deve poter vivere in un posto sicuro da chiamare casa.

5 cose che tutti dovremmo sapere sull'immigrazione (e una da fare)
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Allievi, Stefano <1958->

5 cose che tutti dovremmo sapere sull'immigrazione (e una da fare) / Stefano Allievi

Bari ; Roma : Laterza, 2018

Opere varie

Abstract: Perché ci muoviamo. Perché si muovono loro. Perché arrivano in questo modo. Perché proprio qui? E per fare cosa? Perché la diversità ci fa paura. E ci attrae. Una cosa da fare (da cui discendono tutte le altre).

La storia del comunismo in 50 ritratti
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Mieli, Paolo <1949->

La storia del comunismo in 50 ritratti / Paolo Mieli ; illustrazioni di Ivan Canu

Milano : Centauria, 2018

Abstract: Un saggio, da un maestro del giornalismo italiano, per conoscere la storia del comunismo attraverso i fatti e le vite dei suoi protagonisti, con illustrazioni inedite e originali.

Storia sociale della televisione in Italia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Garofalo, Damiano <1986->

Storia sociale della televisione in Italia : 1954-1969 / Damiano Garofalo

Venezia : Marsilio, 2018

Elementi

Abstract: Il volume analizza la storia della televisione italiana delle origini a partire da una prospettiva sociale. Tramite l'utilizzo sia di dati statistici sugli ascolti televisivi, conservati presso gli archivi RAI, sia di memorie degli spettatori di quegli anni, rintracciate in diari e autobiografie, questo libro propone una storia del pubblico televisivo attraverso i mutamenti della società del "miracolo". Quali sono i programmi entrati a far parte dell'immaginario del nostro paese? Quali erano le dinamiche di visione, privata e collettiva, messe in atto dalla tv delle origini? Ribaltando la prospettiva gerarchica della tradizione di studi sulla televisione italiana, il libro rivisita la tv degli anni Cinquanta e Sessanta a partire da un'analisi del suo pubblico

L'isola del non arrivo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Aime, Marco <1956->

L'isola del non arrivo : voci da Lampedusa / Marco Aime

Torino : Bollati Boringhieri, 2018

Temi ; 277

Abstract: Lampedusa è un pezzo dimenticato d'Italia, assente persino dalla cartina del meteo in tv. È una piccola isola, più vicina all'Africa che all'Europa, lunga appena sei chilometri, battuta dal vento, circondata da un mare meraviglioso e abitata da una piccola popolazione, per lo più di pescatori. Di colpo, Lampedusa balzò all'onore delle cronache nazionali una prima volta nel 1986, quando Gheddafi le lanciò contro due missili. Tornò nei telegiornali nazionali con la prima ondata migratoria, dopo la primavera araba, e poi soprattutto con la nuova ondata dei migranti provenienti dall'Africa subsahariana. Senza volerlo, Lampedusa è così diventata un simbolo: l'avamposto d'Europa, la prima meta delle masse di disperati in fuga dalla guerra e dalla fame. Il 3 ottobre 2013 avvenne la tragedia: un barcone si rovesciò a poche centinaia di metri dalla spiaggia, lasciando in mare trecentosessantotto morti accertati. Come ha reagito la popolazione dell'isola all'enorme pressione mediatica alla quale è stata improvvisamente sottoposta? Cosa pensano i lampedusani degli immigrati? Come reagisce l'Italia che si trova davvero sulla prima linea della più tragica emergenza internazionale degli ultimi anni? Per rispondere a queste domande, Marco Aime ha parlato a lungo con gli abitanti, con le autorità e con la gente comune dell'isola. L'isola del non arrivo è il racconto di queste voci, che tracciano un ritratto complesso e plurale, dove tuttavia prevale su tutto la solidarietà tipica della gente di mare.

The four
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Galloway, Scott <1964->

The four : i padroni : [il DNA segreto di Amazon, Apple, Facebook e Google] / Scott Galloway

Milano : Hoepli, 2018

Business & tecnology

Abstract: Amazon, Apple, Facebook e Google sono le quattro aziende più influenti del mondo. Quasi tutti pensano di sapere come lo sono diventate. Quasi tutti si sbagliano. Sulle Quattro è stato scritto moltissimo in questi vent'anni e Scott Gallowayha indagato a fondo le ragioni del loro potere e del loro successo. Anziché prendere per buoni i miti che le Quattro si sforzano di tramandare sul proprio conto, l'autore scava più a fondo e si pone alcune domande fondamentali. Come hanno fatto queste aziende a insinuarsi nella nostra vita in modo così capillare, rendendo praticamente impossibile evitarle (o boicottarle)? Perché il mercato azionario le ha perdonate per errori che avrebbero decretato il fallimento di qualsiasi altra impresa? E mentre aspettiamo di scoprire chi tra loro diventerà la prima azienda da mille miliardi di dollari della storia, si profila all'orizzonte qualcuno che sia in grado di competere con loro? Galloway ricostruisce le strategie impiegate dalle Quattro - in modo più veloce e più mirato di chiunque altro - per sfruttare gli istinti e le emozioni primordiali che orientano l'azione umana. E vi svela come applicare i principi del loro successo al vostro business o alla vostra carriera. Sia che vogliate competere o fare affari con loro, oppure semplicemente vivere nel mondo che dominano, dovete prima capire come funzionano le Quattro.

Padre ricco padre povero
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kiyosaki, Robert T. <1947->

Padre ricco padre povero : con aggiornamenti per il 21. secolo e 9 nuove sessioni di studio / Robert T. Kiyosaki

Milano : Gribaudi, 2017

Abstract: Il 2017 segna i 20 anni dal debutto di Robert Kiyosaki nell'arena della finanza personale con "Padre ricco padre povero". Da allora è diventato un bestseller internazionale. In questa edizione con aggiornamenti per il ventunesimo secolo e 9 nuove sessioni di studio, Robert Kiyosaki racconta cosa abbiamo visto accadere negli ultimi 20 anni per quanto riguarda il denaro, gli investimenti e l'economia globale. I messaggi di "Padre ricco padre povero", che erano stati allora molto criticati, sono ancora più significativi e importanti di quanto lo siano stati 20 anni fa.

Agente immobiliare 4.0
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Balzano, Tito <1968->

Agente immobiliare 4.0 : le strategie per vincere la sfida della quarta rivoluzione industriale / Tito Balzano ; prefazione di Roberto Cerè

Milano : Mind, 2017

Abstract: La figura dell'agente immobiliare, le sue funzioni e la sua stessa ragione d'essere sono drasticamente cambiate negli ultimi anni. L'era di internet e della miriade di informazioni disponibili per chiunque ha ridotto moltissimo il campo di azione di tante piccole agenzie immobiliari che si trovano a dover lottare per la sopravvivenza contro portali, social network e altri innovativi prodigi dell'era digitale. In questa ottica diventa fondamentale prendere atto delle trasformazioni che stanno investendo il mercato e decidere di ottimizzare la propria organizzazione partendo dalle persone - e quindi potenziando e aggiornando le loro abilità, competenze e nozioni tecnico-giuridiche e sfruttando gli strumenti giusti offerti dalle nuove tecnologie e in particolare, dal networking. Senza questo cambio di rotta, il vecchio agente, la vecchia agenzia non possono affrontare la quarta rivoluzione industriale. Questo libro ti guiderà all'interno di tre aree strategiche che viaggiano sul filo conduttore della qualità del servizio immobiliare per permettere a questa professione di evolversi e di allargare le proprie prospettive.

La crepa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Spottorno, Carlos <1971-> - Abril, Guillermo <1981->

La crepa / Carlos Spottorno, Guillermo Abril ; traduzione di Francesca Bianchi ; introduzione di Fabio geda

[S.l.] : Add, 2017

Abstract: Dopo tre anni di viaggio, decine di articoli e un World Press Photo, il fotografo Carlos Spottorno e il giornalista Guillermo Abril decidono di dare una nuova forma narrativa alle 25.000 fotografie e ai 15 taccuini di appunti nati per raccontare ciò che succede sulle frontiere dell'Unione europea. Prende così forma La crepa, un libro a metà strada tra graphic novel e foto giornalismo, tra diario e reportage, in cui si affronta il grande tema della nostra contemporaneità: lo scontro e l'incontro tra i popoli.

Tutto è in frantumi e danza
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Brera, Guido Maria <1969-> - Nesi, Edoardo <1964->

Tutto è in frantumi e danza : [l'ingranaggio celeste] / Guido Maria Brera, Edoardo Nesi

Milano : La nave di Teseo, 2017

Abstract: Ricordi quando vivevi nel migliore dei mondi possibili, e non te ne accorgevi neanche? Quando eri certo che il futuro sarebbe stato migliore del presente. Quando sapevi che i tuoi figli avrebbero trovato lavoro a un chilometro da casa. Quando potevi sognare senza sembrare un illuso. Quando dovevi sforzarti per accorgerti della disoccupazione. Quando il terrorismo sembrava un relitto del passato. Quando il concetto stesso di immigrazione pareva sul punto di perdere significato, perché stavamo per andare a vivere in un mondo unico, in cui le piccole aziende non chiudevano, le banche non fallivano, centinaia di migliaia di persone non perdevano il lavoro e non si moriva affogati pur di arrivare in Italia.

La democrazia del nostro scontento
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Franchi, Maura <1950-> - Schianchi, Augusto <1946->

La democrazia del nostro scontento : dal 1989 al 2016 : il mondo tra attese e delusioni / Maura Franchi, Augusto Schianchi

Carocci, 2017

Abstract: Se il 1989 è stato l’anno delle speranze, il 2016 è stato l’anno delle delusioni. Il libro esplora le connessioni tra i molti fatti che sono intervenuti a cambiare il mondo: l’ascesa della Cina, la rivoluzione tecnologica, la globalizzazione, il crollo della classe media nei paesi occidentali, l’esplosione delle diseguaglianze. La democrazia, che dovrebbe rappresentare la forma per eccellenza dell’inclusione sociale, è appesantita da una grande stanchezza. Il progetto di democrazia liberale è sfidato dalla globalizzazione ancor prima che dai populismi. Che cosa resta della partecipazione, una qualità intrinseca della democrazia? Il viaggio per esplorare il diffuso scontento si dipana tra due date simboliche. Il 1989, con la caduta del muro di Berlino, aveva rappresentato l’apertura verso un mondo senza confini; il 2016, con il referendum sulla Brexit e l’elezione di Trump, ha indicato una svolta nella direzione opposta e ha fatto emergere la voragine di delusione e di rancore che attraversa le società occidentali. Il volume colleziona gli appunti di questo viaggio nel presente, alla ricerca delle interconnessioni in grado di unire fatti apparentemente distanti.

Esser volpe
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Benner, Erica <1962->

Esser volpe : vita di Niccolò Machiavelli / Erica Benner ; traduzione di Lorenzo Matteoli

Bompiani, 2017

Abstract: ''Esser volpe'' offre un resoconto avvincente e accurato della vita di uno dei pensatori politici più celebrati e controversi della storia: Niccolò Machiavelli E lo fa nella forma di una biografia non convenzionale, animata dal ritmo e dall'energia della narrazione romanzesca. Intrecciando abilmente un corpus esteso di lettere, diari e numerose altre fonti, Erica Benner ci conduce in un viaggio nel mondo e nella mente di Machiavelli: lo cala nel suo tempo, tra familiari, amici, colleghi, concittadini; ne descrive gli incontri e le relazioni; ne riporta le conversazioni, i commenti e le parole, insieme a quelle dei suoi amici e dei suoi nemici. Ne emerge il ritratto di un ardente repubblicano, per nulla disponibile a compromettere i suoi valori, ma che talvolta, come un attore nelle sue commedie, ha dovuto indossare maschere e giocare ruoli, diventando maestro di ironia, un dissimulatore astuto come una volpe.

Intellettuali
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ventura, Angelo <1930-2016>

Intellettuali : cultura e politica tra fascismo e antifascismo / Angelo Ventura ; introduzione di Emilio Gentile

Roma : Donzelli, 2017

Saggi. Storia e scienze sociali

Abstract: «L'atteggiamento degli intellettuali di fronte al fascismo è tema complesso e delicato, che tocca i nervi scoperti più sensibili della coscienza nazionale, riluttante a fare i conti fino in fondo con questo inquietante periodo della sua storia». Così scriveva Angelo Ventura - uno tra i più autorevoli storici del secondo dopoguerra italiano - suggerendo, implicitamente, il filo che collega i saggi raccolti in questo volume postumo. Il fascismo infatti ha coinvolto «la responsabilità collettiva di tutto un popolo, ma in primo luogo delle élites intellettuali alle quali i privilegi della cultura e del rango sociale negavano quei margini di innocenza che spettano alla gente comune». Si trattava, per Ventura, di entrare nelle pieghe di quel complesso - e nuovo - rapporto tra cultura e politica di cui il fascismo volle farsi banditore: «Dobbiamo calarci nel clima di un'epoca, comprendere e superare i silenzi, le rimozioni e gli inganni della memoria infelice, con cui due generazioni di intellettuali - la generazione della Grande guerra e del dopoguerra, e quella cresciuta sotto il regime - hanno ripensato la propria esperienza del ventennio fascista». Parole che racchiudono un tema di ricerca, un'indicazione di metodo, un invito ai lettori. Il tema è quello del confine (talvolta mobile) tra fascismo e antifascismo: che si posi su Anna Kuliscioff o Carlo Anti, su Gaetano Salvemini o Silvio Trentin, su Vincenzo Crescini, Eugenio Colorni o Norberto Bobbio, lo sguardo di Ventura è sempre teso a misurare la distanza - o la vicinanza - tra ideologia e azione. L'indicazione di metodo è l'immersione nei contesti attraverso una rigorosa lettura dei testi. Tra il saggio sulla Kuliscioff (1978) e quello su Colorni (2010) passano trentadue anni: ma la passione storica e civile, lo stile limpido ed elegante, l'originalità interpretativa restano immutati. L'invito ai lettori è quello di diffidare della retorica e andare sempre all'origine del problema storico

Poteri e informazione
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Panarari, Massimiliano <1971->

Poteri e informazione : teorie della comunicazione e storia della manipolazione politica in Italia (1850-1930) / Massimiliano Panarari

Firenze : Le Monnier, 2017

Quaderni di storia

Abstract: La modernità è figlia dell'accelerazione della comunicazione e della diffusione e intensificazione dell'azione dei media. Un processo che caratterizza l'intero Occidente contemporaneo, con gli Stati Uniti quali laboratorio, e con varie specificità nei diversi Stati-nazione europei. Questo volume vuole, da un lato, indagare le trasformazioni della comunicazione - tra giornalismo, evoluzione dell'opinione pubblica, sistemi politici e propaganda - nell'Italia diventata nazione unitaria, arrivando fino agli anni Trenta dei totalitarismi. E, dall'altro, si propone di ripercorrere alcuni dei nodi fondamentali dell'intreccio tra sistemi di potere, comunicazione pubblica e soggetti della politica, guardando alle innovazioni che dall'estero arrivavano nel nostro Paese. Un'analisi multidisciplinare dei processi di mediatizzazione e dei fenomeni di manipolazione all'opera nel secondo Ottocento e nei primi decenni del XX secolo, integrata da una rassegna ragionata delle principali teorie della comunicazione elaborate nel secondo Novecento.

L'economia della ciambella
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Raworth, Kate

L'economia della ciambella : sette mosse per pensare come un economista del XXI secolo / Kate Raworth

Milano : Edizioni Ambiente, 2017

Abstract: Dopo aver fatto piazza pulita di teorie che, pur risalendo all’Ottocento continuano a essere insegnate ancora oggi, Raworth presenta l’economia della ciambella, che attinge alle ultime acquisizioni dell’economia comportamentale, ecologica e femminista, e a quelle delle scienze del sistema Terra. Indica sette passaggi chiave per liberarci dalla nostra dipendenza dalla crescita, riprogettare il denaro, la finanza e il mondo degli affari e per metterli al servizio delle persone. In questo modo, si può arrivare a un’economia circolare capace di rigenerare i sistemi naturali e di redistribuire le risorse, consentendo a tutti di vivere una vita dignitosa in uno spazio sicuro ed equo.

Far Web
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Grandi, Matteo <1975->

Far Web : odio, bufale, bullismo : il lato oscuro dei social / Matteo Grandi

[S.l.] : Rizzoli, 2017

Abstract: Insulti, discriminazioni di ogni genere, misoginia, istigazione alla violenza, omofobia, fake news dal retrogusto razzista e anti-scientifico, revenge porn. Solo per citare le manifestazioni più evidenti. Non c'è alcun dubbio che la Rete, in particolare con i social media, sia diventata un luogo nel quale scaricare rabbia e frustrazioni senza sensi di colpa, in cui attaccare ferocemente personaggi pubblici o emeriti sconosciuti con la sola colpa di avere opinioni diverse. A monte di questa valanga di fango sembra esserci l'idea che Internet sia una zona franca, un Far Web in cui non esistono regole, in cui vige l'impunità e dove è legittimo e pratico farsi giustizia da sé. Ma è poi davvero colpa della Rete se la gente odia? Siamo veramente disposti a mettere in gioco la nostra libertà d'espressione per portare avanti una crociata indiscriminata contro l'odio online? Qual è, in questa partita, il ruolo che giocano le diverse piattaforme? Quanto incide su certe derive la mancanza diffusa di educazione digitale? E qual è il quadro normativo a cui fare riferimento oggi? In questo saggio ricco di esempi tratti dalla cronaca recente, Matteo Grandi indaga da vicino il fenomeno dell'inquinamento della Rete in tutte le sue manifestazioni, per spiegarci di cosa parliamo quando parliamo di odio.

La fabbrica connessa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

La fabbrica connessa : la manifattura italiana (attra)verso Industria 4.0 / Luca Beltrametti ... [et al.] ; prefazione di Elio Catania ; postfazione di Gianluigi Viscardi

Milano : Guerini e associati, 2017

Guerini 4.0

Abstract: "No one told you when to run, you missed the starting gun" (Pink Floyd, «Time», "The dark side of the moon"). Questa immagine, così evocativa, ci rimanda alle condizioni in cui versa un importante segmento del sistema economico italiano. Se da un lato alcune delle eccellenze della nostra manifattura hanno da tempo intrapreso la strada dell'innovazione tecnologica, dall'altro gran parte della struttura industriale, fondata su PMI, e del sistema politico ed economico del nostro paese ha indugiato anche dopo lo «sparo di inizio» rappresentato dal programma Industrie 4.0, lanciato in Germania nel 2011. La gara è incominciata e ancora pochi in Italia sono partiti. Questo libro, muovendo da un'analisi del nuovo paradigma industriale, attraverso esempi concreti e testimonianze dirette, si inserisce nel ricco dibattito in corso su Industria 4.0 per contribuire alla definizione di uno scenario di medio termine che accompagni le imprese italiane nella transizione tecnologica, consentendo loro di affermare la competitività del sistema paese. Prefazione di Elio Catania e postfazione di Gianluigi Viscardi.

Populismo e stato sociale
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Boeri, Tito <1958->

Populismo e stato sociale / Tito Boeri

Bari ; Roma : Laterza, 2017

I Robinson. Letture

Abstract: Abbiamo un nemico che ha un nome preciso: populismo. Bisogna capirne la natura profonda e le ragioni del suo crescente successo elettorale. Dobbiamo mostrare perché tagliare le tasse e aumentare la spesa pubblica può nell’immediato migliorare la situazione di molte persone, ma rapidamente porta all’isolamento internazionale e al collasso del Paese. Perché chiudere le frontiere a persone e a prodotti provenienti da altri Paesi può sembrare un modo per proteggere la popolazione autoctona dalla concorrenza degli immigrati e dei Paesi a basso costo del lavoro. Ma una strategia politica basata sui muri ignora le possibili reazioni degli altri Paesi. Perché il protezionismo nel mercato del lavoro è di breve respiro e può rivelarsi presto controproducente. È abbastanza per comprendere l’urgenza di dare risposte alle preoccupazioni di molti europei riguardo al futuro dello stato sociale, che siano concrete, efficaci e alternative. Un esempio? Abbiamo bisogno di monitorare la mobilità dei lavoratori all’interno delle sue frontiere per ridurre l’evasione contributiva e per prevenire potenziali abusi da parte dei lavoratori che si spostano da un Paese all’altro (è oggi possibile, ad esempio, ricevere i sussidi di disoccupazione in un Paese e lavorare in un altro Paese dell’Unione). Boeri avanza una proposta realizzabile in tempi brevi e per via amministrativa: un codice di protezione sociale che valga per tutti i Paesi dell’Unione Europea. L’European Social Security Identification Number (ESSIN) potrebbe permettere la piena portabilità dei diritti sociali tra Paesi e un migliore monitoraggio dei flussi migratori all’interno dell’Unione, impedendo il welfare shopping. Di certo il codice unico è solo una goccia nell’oceano dei problemi che abbiamo di fronte. Ma può essere un simbolo e i simboli contano. Se vogliamo far ripartire il progetto europeo.