Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Paese Germania
× Data 2008
× Nomi Catamo, Luciana
× Editore Il *Mulino <casa editrice>
× Editore Franco Angeli <casa editrice>
× Soggetto Aspetti economici
× Target di lettura Adulti, generale
Includi: tutti i seguenti filtri
× Soggetto Economia
× Paese Italia
× Soggetto Italia

Trovati 95 documenti.

Mostra parametri
La concorrenza nella ricerca scientifica
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Magris, Francesco

La concorrenza nella ricerca scientifica : il caso dell'economia / Francesco Magris

Milano : Bompiani, 2012

Abstract: Lo stato della ricerca scientifica in Italia desta da qualche anno preoccupazione. Drastici tagli ai fondi destinati agli enti di ricerca e sistemi di cooptazione baronali sono giornalmente denunciati da attenti osservatori, i quali invocano delle riforme volte a introdurre un sistema di Incentivi che stimolino una tensione concorrenziale fra i ricercatori. Tuttavia, l'idea che la produzione scientifica possa sottostare alle stesse leggi che regolano la produzione dei beni ordinari, si presta a una serie di critiche. In questo saggio, l'autore evidenzia la natura intrinsecamente non mercantile dell'attività di ricerca e la difficoltà di poterla assimilare alle attività economiche più tradizionali. È la stessa pluralità creativa del mercato a richiedere approcci molteplici e diversi. Prendendo spunto dal dibattito in corso nell'ambito della scienza economica, l'autore perviene a svelare paradossi e contraddizioni insite in un sistema culturale fondato talora acriticamente sul paradigma maggioritario e sulle tendenze vincenti della scienza economica, a scapito del pluralismo così vitale per ogni ramo del sapere.

Dell'Italia che ha fatto l'economia e dell'economia che ha fatto l'Italia attraverso i documenti della Biblioteca Bocconi, 1861-2011
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Università commerciale Luigi Bocconi <Milano>

Dell'Italia che ha fatto l'economia e dell'economia che ha fatto l'Italia attraverso i documenti della Biblioteca Bocconi, 1861-2011 : catalogo mostra storica

[Milano] : Universita' Bocconi, 2012

Notizie SpA
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Polo, Michele

Notizie SpA : pluralismo, perche' il mercato non basta / Michele Polo

Roma ; Bari : Laterza, c2010

Abstract: In questo saggio chiaro e appassionato, un economista della Bocconi spiega i meccanismi attraverso cui la concorrenza nel mercato dei media lasciata a sé stessa, senza una efficace regolamentazione, spinge verso una progressiva concentrazione. Le ragioni sono diverse e Michele Polo le illustra in maniera comprensibile a tutti, ad esempio mostrando come (soprattutto in televisione) gli investimenti necessari per attrarre quote significative di pubblico (e di pubblicità) siano altissimi: basta pensare ai compensi dei presentatori televisivi più famosi. Oggi in Italia l'informazione passa per la stragrande maggioranza dei cittadini attraverso la televisione. E il mercato televisivo è sostanzialmente in mano a due sole aziende - Rai e Mediaset - che si spartiscono gli spettatori e la torta pubblicitaria. La conseguenza è un peggioramento costante della qualità dell'informazione, ad esempio nel modo di enfatizzare il problema della sicurezza contrariamente a quanto ci dicono le statistiche o nell'omissione delle notizie sgradite ai potenti. Un problema che va affrontato non solo dal punto di vista politico ma anche attraverso una opportuna legislazione antitrust, di cui Polo offre nel saggio i lineamenti essenziali.

Il partito dei padroni
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Astone, Filippo <1971->

Il partito dei padroni : come Confindustria e la casta economica comandano in Italia / di Filippo Astone

Milano : Longanesi, [2010]

Abstract: Dopo averci raccontato negli Affari di famiglia le molte miserie e la poca nobiltà dei figli dei padroni, Filippo Astone nel suo nuovo libro passa a scoperchiare direttamente la Confindustria, che lui chiama il Partito dei padroni. Per Astone infatti Confindustria è un partito come gli altri, con tanto di scandali, guerre interne, conflitti di interesse, commistioni con mafia e camorra. Diversamente dal sindacato, di Confindustria si è sempre saputo poco o niente. In questo libro, Astone ne esamina la gigantesca struttura e ne svela i meccanismi interni, spiega perché è cosi potente in Italia e come funziona il suo potere, quali sono le leggi e i provvedimenti che ha imposto e in che modo vuole ridisegnare il Paese, delegittimando il sindacato e ottenendo mano libera sui contratti. Inoltre, Astone allarga io sguardo all'intera élite economica della quale Confindustria è espressione, mettendone in luce la mancanza di ricambio, le rendite di posizione, il parassitismo e la tendenza a comportarsi in modo del tutto analogo, se non peggiore, a quello della casta politica.

Crisi economica e competitivita'
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Federculture

Crisi economica e competitivita' : la cultura al centro o ai margini dello sviluppo? : sesto rapporto annuale Federculture 2009 / a cura di Roberto Grossi ; con interviste di Paolo Conti a N. Piovani ... [et al.]

[Milano] : Etas, 2009

Abstract: Crisi dei consumi e della produzione, indebitamento finanziario, crollo dell'occupazione. Ma anche competitività locale, creatività, progetti di rinnovamento e di sviluppo. La crisi economica, dilagata negli ultimi mesi su scala internazionale, ha rottogli steccati, mettendo in risalto la debolezza del nostro sistema produttivo. E soprattutto che è indispensabile un progetto strategico di ampio respiro. Nonostante tutto, la cultura e il turismo d'arte reggono alla crisi, sostenuti da una domanda in costante crescita da diversi anni. Le ricchezze artistiche e ambientali, la bellezza delle nostre città, l'industria creativa possono davvero essere tra gli elementi trainanti non solo dell'immagine del Bel Paese, ma anche dell'economia diffusa. Occorre, dunque, reagire alla crisi anche avviando un profondo ripensamento sui punti di forza di settori dall'indiscutibile valenza sociale e identitaria, oltre che economica. In questa direzione servono riforme profonde e scelte coraggiose di investimento pubblico, che invertano la recente tendenza al disimpegno. La produzione culturale, dal design al cinema, dalla musica ai musei, insieme alla formazione e alla ricerca, sono una grande ricchezza e un potenziale di crescita straordinario. Il Sesto Rapporto Annuale Federculture mette in evidenza, con riflessioni, dati e indicatori, il contributo della cultura, proprio in un momento di crisi economica, per il rilancio dell'occupazione e per lo sviluppo del nostro Paese.

Capitalismi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Festa, Lodovico - Sapelli, Giulio <1947->

Capitalismi : crisi globale ed economia italiana, 1929-2009 / Lodovico Festa, Giulio Sapelli

Milano : Boroli, 2009

Abstract: La crisi dell'autunno 2008 dispiega ancora i suoi effetti, dimostrando che certe riflessioni sarebbe stato meglio farle prima dei crolli di Wall Street. Questo il senso delle conversazioni tra Giulio Sapelli e Lodovico Festa sulla crisi globale, lo sviluppo italiano, la nostra economia pubblica e il bancocentrismo. In sostanza, come cittadini, produttori e risparmiatori è bene avere una realistica visione dell'economia in cui si vive, prepararsi meglio alle prossime turbulenze che il mondo inevitabilmente affronterà. Sapendo che il mercato capitalistico ha meccanismi, regole, modelli, ma è stato costruito da soggetti umani: nazioni, classi, partiti, singole persone. Perciò, per capirne i movimenti, non bastano le astrazioni della teoria.

Rapaci
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rizzo, Sergio <1956->

Rapaci : il diastroso ritorno dello stato nell'economia italiana / Sergio Rizzo

[Milano] : Rizzoli, 2009

Abstract: Un fantasma si aggira per l'Europa: quello del nuovo statalismo. Spinto dal vento della crisi che soffia dagli Stati Uniti, ha investito la Gran Bretagna, la Francia, l'Olanda, la Germania. E l'Italia? Nel nostro Paese quel fantasma è sempre stato di casa. Trasformandosi, negli ultimi anni, in una manomorta pubblica che ammorba l'economia. A cominciare dalle migliaia di imprese locali, controllate dai Comuni, dalle Regioni e dalle sempre più inutili Province. Società per fare autodromi di Formula uno, per amministrare le eredità lasciate ai ciechi, perfino per comprare agenzie di pompe funebri dai privati. Imprese locali dai bilanci traballanti che sponsorizzano profumatamente squadre di basket. Aziende comunali per gestire casinò e gioco d'azzardo. Per non parlare dello Stato centrale. Dove in vent'anni si sono sperperati più di 5 miliardi dei nostri euro nell'Alitalia. Dove si resuscitano società morte e sepolte soltanto per piazzare amici e famiglie. E ne nascono di nuove a ritmo continuo: per distribuire soldi pubblici allo spettacolo, per fare la carta d'identità elettronica, per realizzare centri benessere, perfino per affidare consulenze senza gare. Il tutto con la presenza, incombente e oppressiva, della politica nelle imprese pubbliche: migliaia di posti da occupare nei consigli di amministrazione, manager scelti in base alle parentele partitiche e stipendi d'oro indipendenti dai risultati e dal merito.

L'economia italiana del nuovo millennio
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Saltari, Enrico <1948-> - Travaglini, Giuseppe

L'economia italiana del nuovo millennio / Enrico Saltari, Giuseppe Travaglini

Roma : Carocci, 2009

Abstract: II consolidarsi della globalizzazione dei mercati, l'irruzione sulla scena internazionale dei giganti asiatici, la flessibilità del mercato del lavoro, l'adozione dell'euro hanno profondamente cambiato l'economia italiana degli ultimi anni. Il libro descrive questi mutamenti e i tratti più caratteristici della nostra economia, guardando alla struttura produttiva, al mercato del lavoro, al settore pubblico e al sistema finanziario. Fornisce inoltre un'interpretazione e una valutazione di questa evoluzione recente, esaminando sia le potenzialità di crescita economica del nostro paese sia la crisi finanziaria attuale.

Intervista su politica e affari
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Tabacci, Bruno

Intervista su politica e affari / Bruno Tabacci ; a cura di Sergio Rizzo

Roma ; Bari : Laterza, 2007

Abstract: Il divaricarsi dei doveri rispetto ai diritti ha mandato il paese letteralmente in tilt. Bruno Tabacci racconta un'Italia dove la politica è soffocata dai conflitti d'interesse e chiusa in un bipolarismo 'muscolare' e ideologico; un'Italia strangolata dalle lobby, dallo strapotere delle banche e da una classe dirigente che non ha più risposte da dare.

Italia in frantumi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gallino, Luciano <1927-2015>

Italia in frantumi / Luciano Gallino

Roma ; Bari : Laterza, 2007

Abstract: Flessibilità, modernizzazione dell'industria e del sistema educativo, riforma di tasse e pensioni, globalizzazione. Tradotte vogliono dire precarietà, crisi, estensione delle disuguaglianze su scala planetaria: Luciano Gallino passa in rassegna i tasti più dolenti nell'Italia del Ventunesimo secolo.

Il vulcano maledetto
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bencivenga, Roberto - Cappugi, Luigi

Il vulcano maledetto : intervista a un economista scomodo / Roberto Bencivenga, Luigi Cappugi

Roma : Rai Eri, c2007

Abstract: L'Italia è seduta sull'orlo di due vulcani: uno fisico, l'altro finanziario. Se e quando il Vesuvio esploderà, quanto costerà la ricostruzione e chi pagherà le conseguenze di una catastrofe annunciata? L'altro cratere che rischia di esplodere è la voragine del debito pubblico, pari ufficialmente a circa il 107 per cento del Prodotto interno lordo, ma che raggiunge almeno il 120 per cento considerando anche il debito sommerso costituito dai crediti d'imposta, da spese non contabilizzate e dal rinvio dei trasferimenti e dei pagamenti dello Stato. Un giornalista e un economista scomodo si interrogano sul futuro del paese con un'inchiesta a tutto campo sulle cause dei mali che lo affliggono (a cominciare dalle origini del debito pubblico) e le strategie necessarie per avviare un risanamento duraturo. Emergono verità che pochi osano ammettere pubblicamente. Ma niente in economia è insolubile; il vero problema è chi pagherà per le riforme necessarie: poiché nessuno è disposto a rinunciare alle posizioni conquistate, il rischio di finire su un piano inclinato si fa sempre più vicino. Un gioco di specchi fra ieri e oggi per riflettere sulle cause endogene che portarono alla fine della floridezza di Comuni e Signorie e su quelle che, a distanza di secoli, rischiano di farci retrocedere nella serie B dei Paesi industrializzati. Il libro traccia, con una visione superpartes, il quadro reale indicando le possibili vie di uscita.

Le privatizzazioni in Italia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Barucci, Emilio

Le privatizzazioni in Italia / Emilio Barucci, Federico Pierobon

Roma : Carocci, 2007

Abstract: Sono passati quindici anni dall'inizio delle privatizzazioni in Italia. Il processo è stato di dimensioni assai rilevanti e ha mutato profonda mente l'economia del paese. Il testo offre una riflessione a tutto tondo sulle privatizzazioni in Italia sulla base dei fatti e di considerazioni di analisi economica. Tra gli altri temi, il libro valuta il recupero di efficienza delle imprese privatizzate, la rispondenza delle privatizzazioni al piano proposto dai governi e ai dettami della teoria economica in materia, gli assetti proprietari delle società privatizzate, il ruolo della regolamentazione.

L'Italia che fa acqua
0 0 0
Materiale linguistico moderno

L'Italia che fa acqua : documenti e lotte per l'acqua pubblica contro la mercificazione del bene comune / a cura di Riccardo Petrella, Rosario Lembo ; prefazione di Beppe Grillo

Napoli : Intra Moenia ; Roma : Cantieri Carta, 2006

Abstract: L'acqua è un bene che rientra nella sfera dei diritti umani e della salvaguardia della sacralità della vita. Al contrario, nel mondo e anche nel nostro Paese, diventa sempre più un diritto negato, un bene comune sacrificato dalle logiche delia privatizzazione e della mercificazione. Il libro raccoglie le testimonianze delle lotte in Italia per l'acqua pubblica contro quelle politiche che vogliono trasformare i servizi pubblici locali in mercato e profitto.La pubblicazione, a cura di Riccardo Petrella e Rosario Lembo, è preceduta da un'introduzione di Beppe Grillo, che da uomo di spettacolo si batte da anni su queste tematiche.

Acqua S.p.A.
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Altamore, Giuseppe <1956->

Acqua S.p.A. : dall'oro nero all'oro blu / Giuseppe Altamore

Milano : A. Mondadori, 2006

Abstract: Un'inchiesta a tutto tondo sull'acqua e sui mille scandali che le ruotano attorno, in Italia e non solo: dalla presunta miglior qualità delle acque in bottiglia al losco affare della privatizzazione delle risorse idriche, con uno sguardo sulla realtà europea e sulla situazione mondiale, con il preoccupante profilarsi di uno scenario in cui proprio l'accesso alle risorse idriche marcherà ancora di più il solco che divide ricchi e poveri.

Tornare a crescere
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Tornare a crescere / Mario Deaglio ... [et al.]

Milano : Guerini e Associati, 2006

Abstract: Per Tornare a crescere è importante che l'Occidente dedichi ai problemi economici mondiali una quantità di energie e risorse assai maggiore di quella degli anni recenti. Al contrario, gli europei mostrano molta attenzione alla conservazione del proprio modello di vita, con la riluttanza a introdurre innovazioni avvertite come rischiose; gli Stati Uniti paiono muoversi secondo schemi politici ereditati dal passato e, quasi dappertutto, si osserva una rinnovata chiusura protezionistica dei mercati. Il Rapporto sottolinea, in primo luogo, l'elevato livello di insicurezza dell'attuale assetto, politico ed economico, del pianeta. Insicurezza non implica tuttavia necessariamente pessimismo sul futuro: il mondo di oggi è caratterizzato da grandi rischi ma anche da grandi opportunità, prima fra tutte quella rappresentata dalle enormi masse di popolazione che vedono aprirsi la possibilità di accedere a condizioni di vita dignitose. Il rapido estendersi dei benefici della crescita sembra l'unico modo per garantire che i numerosi conflitti, attuali o potenziali, vengano risolti pacificamente. In questo contesto, l'Italia risente dell'indebolimento strutturale della sua economia degli ultimi tre lustri; eppure il Rapporto mette in luce una inversione di tendenza, derivante sia da un accenno di ripresa europea sia dalla rinnovata presa di coscienza delle mutate condizioni economiche mondiali da parte di imprese piccole e grandi.

L'economia italiana dall'unita alla grande guerra
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Fenoaltea, Stefano

L'economia italiana dall'unita alla grande guerra / Stefano Fenoaltea

Roma ; Bari : Laterza, 2006

Abstract: Non si può capire lo sviluppo economico dell'Italia post-unitaria guardando solo all'Italia stessa. L'Italia è già allora parte di un mondo più vasto, all'interno del quale circolano, oltre ai beni, gli uomini, le idee, il denaro. Dal 1861 al 1913 l'Italia si dota di infrastrutture moderne, sviluppa l'industria, il tenore di vita si innalza. La produzione complessiva cresce senza particolari discontinuità, ma con ampi movimenti ciclici le cui alterne fasi dipendono dai mercati finanziari internazionali. L'economia italiana prospera quando i capitali del centro nordeuropeo si riversano nei paesi periferici, ristagna o retrocede quando questi se ne ritirano; la stessa ascesa giolittiana è parte di una ripresa mondiale.

L' economia mondiale verso un equilibrio globale
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Baldassarri, Mario - Capretta, Pasquale

L' economia mondiale verso un equilibrio globale : e l'Italia che fa? / Mario Baldassarri, Pasquale Capretta

Milano : Sperling & Kupfer, [2006]

Abstract: L'ascesa di Cina e India ha radicalmente cambiato il quadro economico mondiale. Questo nuovo contesto internazionale non sembra tuttavia in grado di garantire l'equilibrio reale e finanziario di lungo periodo. L'America si comporta come la felice cicala, la Cina come la parsimoniosa formica e l'Europa come la bella addormentata; la Russia, come un'aquila, è in attesa di opportunità sia a Est sia a Ovest, In questo volume vengono analizzate diverse ipotesi alternative di politica economica per individuare un sentiero di crescita in ogni continente, che riesca a garantire l'equilibrio finanziario di lungo periodo.

Un paese stanco
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Capati, Massimiliano

Un paese stanco / Massimiliano Capati

Roma : Avagliano, [2006]

Abstract: Dopo un lungo periodo di sviluppo l'Italia si è fermata, è stanca. I dati economici del 2005, per la prima volta dopo tanti anni, segnalano un processo di involuzione e recessione. Ma sono soltanto la spia di un malessere più profondo. La stanchezza del sistema economico ha precise corrispondenze con quella specie di depressione generale che affligge gli italiani. Resta comunque il tempo per fare qualche analisi, porre qualche domanda e proporre alcune soluzioni. Questo è lo scopo del volume.

Lobby d'Italia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Giavazzi, Francesco <1949->

Lobby d'Italia / Francesco Giavazzi

4. ed

Milano : Biblioteca universale Rizzoli, 2005

Abstract: Quando venne presentato il progetto dell'Istituto italiano di tecnologia ai ricercatori di Harvard e dei MIT, si presentarono ad ascoltare in un centinaio: chimici, biologi, astronomi, medici, ingegneri. Tutti italiani. Se entriamo nella sala cambi di una banca d'affari londinese ci accorgiamo che un dipendente su tre è italiano. Gli italiani suscitano ammirazione; l'Italia molto meno. Francesco Giavazzi raccoglie gli articoli di una lunga battaglia a favore del merito, della concorrenza e del mercato. Spiega che il declino è solo colpa nostra. Un'Italia dove c'è molto credito ma poco capitale, più rendite che profitti, troppa ricchezza rispetto al reddito dove contano più le relazioni dei risultati, le paure dei progetti. (Ferruccio de Bortoli)

Il paese mancato
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Crainz, Guido <1947->

Il paese mancato : dal miracolo economico agli anni ottanta / Guido Crainz

Roma : Donzelli, [2005]

Abstract: Dalla fine degli anni sessanta ai primi anni ottanta il paese è attraversato da sommovimenti che coinvolgono le economie e le culture, le produzioni e i consumi, i soggetti sociali e gli immaginari collettivi. Il sopraggiungere del miracolo economico e delle speranze riformatrici del centro-sinistra e il rifluire successivo di entrambi; l'esplosione del movimento studentesco e dell'autunno caldo, gli anni cupi della strategia della tensione e il delinearsi della crisi della Repubblica, in anni che vedono un'offensiva terroristica senza paragoni. Una ricostruzione fatta attraverso le fonti più diverse: i quotidiani e i periodici così come i rapporti di prefetti, polizia e carabinieri ma anche i film, le canzoni, la letteratura, la televisione.