Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Paese Germania
× Data 2008
× Nomi Catamo, Luciana
× Editore Il *Mulino <casa editrice>
× Editore Franco Angeli <casa editrice>
Includi: tutti i seguenti filtri
× Soggetto Economia
× Paese Italia
× Editore Rizzoli <casa editrice>
× Soggetto Imprese multinazionali

Trovati 2 documenti.

Mostra parametri
L'economia della truffa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Galbraith, John Kenneth <1908-2006>

L'economia della truffa / John Kenneth Galbraith ; prefazione di Mario Deaglio

[Milano] : Biblioteca universale Rizzoli, 2009

Abstract: Crisi economica, scandali finanziari, multinazionali al collasso. Come siamo entrati nell'era dei grandi crack? Secondo Galbraith la radice di questi mali sarebbe da cercare nello strapotere ormai senza limiti delle grandi corporation e dei top manager che, andando ben al di là del terreno a loro proprio, sono in grado di forzare tanto le scelte quotidiane dei cittadini quanto le grandi decisioni politiche. Progressivamente si è affermato un sistema che distorce a suo piacimento la verità, che ha trasformato la speculazione in forma d'ingegno e l'economia del libero mercato nell'antidoto alle disgrazie del mondo. Con ironia e indignazione, Galbraith ci mostra come siano rovinosamente crollati i fondamenti dell'analisi economica che davamo per scontati, dalla sovranità del consumatore alla distinzione tra pubblico e privato, all'idea che il taglio delle tasse rilanci l'economia. E come passo dopo passo si sia affermata una perversa economia della truffa: oggi legalizzata e soprattutto socialmente accettata.

L'economia della truffa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Galbraith, John Kenneth <1908-2006>

L'economia della truffa / John K. Galbraith ; traduzione di Stefano Galli

[Milano] : Rizzoli, 2004

Abstract: John Galbraith, collaboratore di Roosevelt ai tempi del New Deal, consigliere economico e amico di John F. Kennedy e allievo di Keynes, affronta in questo saggio il tema della truffa fisiologica che è ormai penetrata nell'economia legale. Il terreno d'elezione di quella che Galbraith definisce frode innocente - perché ormai accettata sia da chi la compie sia da chi la subisce - sono le grandi corporation, che appartengono alla massa degli azionisti, ma in pratica sono governate esclusivamente dai manager, che deformano a loro vantaggio le regole della gestione aziendale. Quelle che vengono presentate come leggi dell'economia in realtà sono convenzioni plasmate dagli interessi in gioco.