Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Paese Germania
× Data 2008
× Nomi Catamo, Luciana
× Editore Il *Mulino <casa editrice>
Includi: tutti i seguenti filtri
× Soggetto Economia
× Paese Italia
× Data 2012

Trovati 20 documenti.

Mostra parametri
ˆL'‰ immaginazione economica
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Nasar, Sylvia <1947->

ˆL'‰ immaginazione economica : i geni che hanno creato l'economia moderna e hanno cambiato la storia del mondo / Sylvia Nasar

Milano : Garzanti, 2012

Abstract: All'inizio dell'Ottocento, Thomas Malthus prevedeva che l'incremento demografico incontrollato avrebbe portato l'umanità al disastro. Romanzieri come Charles Dickens descrivevano le terribili condizioni di vita delle classi lavoratrici, donne e bambini compresi. Le leggi dell'economia e del capitalismo, si diceva, portavano inevitabilmente ingiustizia, miseria, malattie. Da allora, i grandi geni dell'economia - Karl Marx, Joseph Schumpeter, Alfred Marshall, John Maynard Keynes, Friedrich Hayek, Milton Friedman, Paul Samuelson, Amartya Sen - si sono impegnati a salvare l'umanità da questo terribile destino. Sylvia Nasar descrive la loro straordinaria avventura intellettuale, ricordando che il loro lavoro ha cambiato la vita di gran parte dell'umanità. L'immaginazione economica racconta l'epopea dei paladini della "scienza triste", che sono riusciti a immaginare un mondo migliore: più prospero e più giusto per molti, se non (ancora) per tutti.

L' economia in tasca
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Magris, Francesco

L' economia in tasca : guida pratica alla comprensione dei fenomeni e dei principi economici / Francesco Magris

Torino : Società editrice internazionale, 2012

Abstract: Una vecchia storiella dei tempi austroungarici racconta di un cavaliere che arriva, in un pomeriggio inoltrato, in una locanda di Gorizia e dice all'oste di voler passare una notte, per ripartire il giorno dopo per Trieste. Visto che ha intenzione di alzarsi e di partire il mattino presto il giorno seguente, paga in anticipo il pernottamento. Il prezzo della stanza è dieci corone, che egli dà all'oste, per poi salire in camera a riposarsi. L'oste si rallegra di questo inatteso cliente e pensa di approfittarne per pagare finalmente un debito, esattamente di dieci corone, al vinaio. Si reca dal vinaio e gli dà le dieci corone. Il vinaio, ben lieto di aver riscosso il credito sul quale ormai quasi non faceva più affidamento, decide di saldare a sua volta il proprio debito col contadino dal quale ha acquistato il vino. Il contadino, dal canto suo, trovandosi in mano queste inattese dieci corone, si affretta a recarsi dal muratore che gli ha riparato il tetto della casa, per saldare finalmente il suo debito che consiste anch'esso in dieci corone. Il muratore, che ormai non contava più su quel credito di dieci corone, pensa di concedersi una bella serata di festa. Si reca alla locanda, ordina per sé e per la sua famiglia una buona cena e offre da bere agli altri avventori presenti. Il conto di questa cena e delle bevande ammonta a dieci corone, che egli sborsa all'oste. Inizia una serata assai piacevole e allegra; si parla, si discute, forse di alza un po' il gomito, si canta, insomma si fa chiasso.

Prediche inutili
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Einaudi, Luigi <1874-1961>

Prediche inutili / Luigi Einaudi ; prefazione di Piero Ostellino

Milano : Corriere della Sera, 2012

La concorrenza nella ricerca scientifica
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Magris, Francesco

La concorrenza nella ricerca scientifica : il caso dell'economia / Francesco Magris

Milano : Bompiani, 2012

Abstract: Lo stato della ricerca scientifica in Italia desta da qualche anno preoccupazione. Drastici tagli ai fondi destinati agli enti di ricerca e sistemi di cooptazione baronali sono giornalmente denunciati da attenti osservatori, i quali invocano delle riforme volte a introdurre un sistema di Incentivi che stimolino una tensione concorrenziale fra i ricercatori. Tuttavia, l'idea che la produzione scientifica possa sottostare alle stesse leggi che regolano la produzione dei beni ordinari, si presta a una serie di critiche. In questo saggio, l'autore evidenzia la natura intrinsecamente non mercantile dell'attività di ricerca e la difficoltà di poterla assimilare alle attività economiche più tradizionali. È la stessa pluralità creativa del mercato a richiedere approcci molteplici e diversi. Prendendo spunto dal dibattito in corso nell'ambito della scienza economica, l'autore perviene a svelare paradossi e contraddizioni insite in un sistema culturale fondato talora acriticamente sul paradigma maggioritario e sulle tendenze vincenti della scienza economica, a scapito del pluralismo così vitale per ogni ramo del sapere.

L'economia dei poveri
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Banerjee, Abhijit V. - Duflo, Esther

L'economia dei poveri : capire la vera natura della poverta' per combatterla / Abhijit V. Banerjee, Esther Duflo ; traduzione di Adele Oliveri

Milano : Feltrinelli, 2012

Abstract: Per quale ragione i poveri, in tutto simili per capacità e aspirazioni a chiunque altro, vanno incontro a destini completamente differenti? Perché restano poveri? Le loro scelte di vita sono spesso determinate da fattori che sfuggono alla logica dell'economia di mercato. Tante politiche contro la povertà sono infatti fallite proprio per un'inadeguata comprensione del problema o per la convinzione di poter applicare ricette astratte e valide per tutti, senza verificarle sul campo. Dobbiamo invece capire perché i poveri preferiscono pagare cure sanitarie inutili invece di fare vaccinazioni gratuite; come mai i bambini poveri frequentano la scuola spesso senza imparare; perché i poveri non desiderano un'assicurazione o intraprendono molte attività senza farne prosperare alcuna. L'economia dei poveri è la prima grande analisi che combinando ricerca empirica e teorica ci svela la vera natura della povertà e insegna che talvolta può bastare una piccola spinta nella giusta direzione per conseguire grossi risultati: certi sussidi simbolici con effetti tutt'altro che simbolici, azioni che consentono di ottenere di più facendo di meno, occupazioni di qualità che favoriscono la crescita e così via. Soprattutto, anche quando le difficoltà sembrano insormontabili, bisogna insistere nel porsi le giuste domande, sperimentare e nutrire speranza per affrontare la sfida di costruire un mondo senza più povertà, magari un passo alla volta.

Keynes o Hayek
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Wapshott, Nicholas

Keynes o Hayek : lo scontro che ha definito l'economia moderna / Nicholas Wapshott ; traduzione di Giancarlo Carlotti

Milano : Feltrinelli, 2012

Abstract: John Maynard Keynes e Friedrich von Hayek si ritrovarono su fronti opposti in una contrapposizione che si fece sempre più netta e che diede luogo al maggiore scontro in campo economico della storia contemporanea. Al centro della contesa si impose la questione se spettasse ai governi e allo stato intervenire nel mercato e in economia, o meno. Tutti e due poterono osservare l'espansione e la recessione del ciclo economico dell'epoca, ma giunsero a conclusioni molto differenti in proposito. Hayek era convinto che il fatto di alterare l'equilibrio del libero mercato avrebbe provocato una selvaggia inflazione. Keynes credeva invece che per contrastare la disoccupazione di massa e favorire la crescita alla fine di un ciclo servisse la spesa pubblica. Sarebbero stati in disaccordo per il resto delle loro vite e per vent'anni si confrontarono per lettera, con sapienti articoli e interventi accademici, in accalorate conversazioni private e infine tramite i ferventi discepoli: da John Kenneth Galbraith a Milton Friedman. Dalla Grande depressione alla seconda guerra mondiale e dal dopoguerra al presente, Nicholas Wapshott, nel suo stile narrativo e con grande capacità di rendere comprensibili complesse questioni economico-finanziarie, riporta in vita gli animati dibattiti tra questi due giganti del ventesimo secolo, la cui eredità condiziona tuttora il dibattito politico.

Strano ma verde
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Panella, Claudio

Strano ma verde : green economy e lavori verdi nell'epoca dell'ecoeuforia / Claudio Panella

Roma : Eurilink, 2012

Abstract: Ognuno di noi si cimenta e si confronta quotidianamente in vario modo con il tema dell'ambiente e delle sue derivazioni: dalla green economy al risparmio energetico, dall'alimentazione bio ad un'etica del consumo sostenibile. Ma quanti di noi nella pratica quotidiana agiscono consapevolmente e coerentemente nel rispetto dell'ambiente che ci circonda? Come si comportano i Governi e le Istituzioni nei confronti dell'inquinamento? Claudio Panella analizza con rigore molti aspetti che afferiscono al rapporto uomo-ambiente con particolare riferimento alla green economy. Nella prima parte del testo, l'autore pone in primo piano la percezione degli italiani della questione ambiente dalla quale scaturisce un'istantanea del nostro Paese piuttosto contradditoria e complessa. E lo fa attraverso un'analisi i cui elementi costitutivi si poggiano lungo i canali della storia, della sociologia e dell'attualità. Il percorso verde di Panella, successivamente, si dirige verso le responsabilità della politica anche attraverso la raccolta di documenti che mettono in luce l'esigua e spesso inefficace azione dei vari governi. Il libro, progressivamente, assume un respiro sempre più internazionale nel quale emergono anche esempi di best practices di alcuni Paesi Europei. L'autore, infine, sullo sfondo di un quadro internazionale piuttosto variegato e complesso, prende in esame le diverse opportunità legate ai lavori verdi e più in generale alle possibilità di business.

Il marketing delle nuove vacanze
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Lo_Surdo, Giorgio

Il marketing delle nuove vacanze : comunicazione e mezzi di promozione del turismo rurale, enogastronomico, della natura, del wellness... / Giorgio Lo Surdo

Roma : Agra, 2012

L'economia del bene comune
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Felber, Christian

L'economia del bene comune : un modello economico che ha futuro / Christian Felber

Milano : Tecniche nuove, 2012

Abstract: I periodi di crisi sono eventi drammatici e infelici, ma proprio in queste circostanze spesso si generano idee e concetti nuovi come risposta. L’economia del bene comune descrive un modello economico alternativo, concreto e applicabile.Il progetto è una forma di economia di mercato nel quale le motivazioni e gli obiettivi delle aziende private sono sovvertiti: dall’orientamento al puro profitto e competizione alla ricerca del bene comune e della cooperazione. Quindi con un quadro di riferimento meno disumanizzante e più sostenibile che si impernia sui quei valori che contribuiscono a rendere appaganti le relazioni interpersonali: fiducia, responsabilità, supporto reciproco e collaborazione.Il libro descrive tutti questi concetti, ed è proprio l’ideatore e il massimo esponente del movimento che ne parla diffusamente sia dal punto di vista delle idee, ma anche della pratica.L’economia del bene comune di Felber si orienta a imprese e iniziative individuali proprio come nell’economia di mercato. Le imprese che la praticano però non sono in concorrenza tra di loro, ma collaborano per perseguire l’obiettivo del maggior bene comune e rispettano un codice etico condiviso: un approccio fondamentalmente nuovo.Dopo la lettura di questo libro non si potrà più dire che nell’economia non ci sono alternative al capitalismo aggressivo e sfrenato e ai rigori metodici e inapplicabili del socialismo reale. L’economia del bene comune è una risposta concreta e sensata a speculazioni finanziarie, precarietà, povertà, dissesti climatici ed ecologici, migrazione, globalizzazione, deficit di democrazia, perdita dei significati profondi e decadenza dei valori umani. Fattori che, appunto, determinano la particolare fase storica che stiamo attraversando.

L'essenziale di economia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Mankiw, N. Gregory <1958-> - Taylor, Mark P. <1958->

L'essenziale di economia / N. Gregory Mankiw, Mark P. Taylor

5. ed

Bologna : Zanichelli, 2012

Abstract: La teoria economica combina le virtù della politica e della scienza: è una vera scienza sociale. Il suo oggetto è la società - il modo in cui gli individui decidono di vivere la propria vita e come interagiscono tra loro ma l'approccio alla materia è assolutamente scientifico. I principi di questa materia sono universali, mentre il modo in cui vengono applicati cambia nel tempo, seguendo l'evoluzione degli eventi e le iniziative prese dai responsabili della politica economica per contrastarli o assecondarli. La quinta edizione di L'essenziale di economia presenta alcuni concetti nuovi, e altri un po' meno nuovi, per aiutare lo studente a comprendere i dibattiti e i dilemmi che gli economisti e i responsabili della politica economica devono affrontare per dare un senso a questo mondo. La crisi finanziaria che ha iniziato a manifestarsi nel 2007 e la recessione che ne è seguita hanno indotto un profondo ripensamento di alcune ipotesi fondamentali della teoria economica. Le conseguenze della crisi hanno sollevato nuovi interrogativi per gli economisti e hanno messo in discussione alcune ipotesi e convinzioni consolidate. Questi argomenti di attualità sono stati introdotti nel corso del libro per illustrare la natura dinamica della disciplina.

Dell'Italia che ha fatto l'economia e dell'economia che ha fatto l'Italia attraverso i documenti della Biblioteca Bocconi, 1861-2011
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Università commerciale Luigi Bocconi <Milano>

Dell'Italia che ha fatto l'economia e dell'economia che ha fatto l'Italia attraverso i documenti della Biblioteca Bocconi, 1861-2011 : catalogo mostra storica

[Milano] : Universita' Bocconi, 2012

Del cooperare
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Del cooperare : manifesto per una nuova economia / Giorgio Agamben ... [et. al.]

Milano : Vita-Feltrinelli, 2012

Abstract: Che cosa significa cooperare, oggi? Tutti, non solo i tecnici, sono chiamati a rispondere a questa domanda, in un momento che drammaticamente segna il forse definitivo tramonto di un sistema a lungo improntato sulla logica della competizione estrema. Una logica che ha diviso vincenti e perdenti, self-made man e falliti producendo una crisi economica, sociale, civile e dell'umano senza precedenti. Una crisi che ha di fatto consumato ogni risorsa, materiale e simbolica, dello stare insieme. Lontani dalle nostalgiche ricette sul facile ritorno a prima della catastrofe, gli interventi raccolti in questo volume-manifesto rispondono più a un'esigenza - di tutti, appunto che a una suggestione: come riconfigurare il sistema, accordandolo a una cooperazione declinata nelle forme dell'economia capace di dono, della fiducia fondata sui gesti e non sui numeri, del fare inteso come vita activa e non come mero consumo, del comunicare come forma di relazione e non di psicotizzazione e di una politica finalmente rigenerata nelle forme del bene comune.

Per un'economia a misura di persona
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Zamagni, Stefano <professore di economia politica>

Per un'economia a misura di persona / Stefano Zamagni ; introduzione di Luigino Bruni

Roma : Citta' Nuova, 2012

Abstract: Per lungo tempo la scienza economica si è fondata su una visione antropologica ristretta: l'uomo è homo oeconomicus. Oggi, con il complicarsi della dinamica sociale, politica ed economica, tale prospettiva appare superata. Tra i nuovi paradigmi, l'economia civile offre un modello di pensiero e di prassi economica che coniuga individuo e comunità, libertà e fraternità, mercati e vita civile, spirituale, gratuità e contratto. Economia cooperativa e non-profit, dono, gratuità, beni relazionali: l'Autore ripercorre i temi chiave dell'Economia civile, centrata sul soggetto agente non visto unicamente come individuo, ma come persona.

Sai cos'e lo spread? Lessico economico non convenzionale
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Fumagalli, Andrea

Sai cos'e lo spread? Lessico economico non convenzionale / Andrea Fumagalli

Milano : Bruno Mondadori, 2012

Abstract: L'economia non è una scienza triste. Parla di persone, dei loro bisogni e dei rapporti di potere che, nella realtà, regolano i liberi scambi economici. Ma, come ogni scienza, usa un linguaggio che non tutti capiscono. Conoscere le regole e le parole che le definiscono non è un privilegio, ma una necessità. L'analfabetismo economico, invece, penalizza le singole persone e la società. L'economia non è nemmeno una scienza oggettiva, garantita da esperti che ne sanciscono i dogmi. L'economia è una scienza sociale, e come qualsiasi scienza sociale è soggetta a diverse, talora contrastanti, interpretazioni. Questo libro, nato per fornire una chiave d'accesso ai fenomeni economici legati alla crisi, è, al tempo stesso, un prontuario e una presa di posizione: perché capire è - per tutti - una forma di libertà, e di potere.

Dizionario di economia e finanza
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Buro, Paolo - Crespi, Fabrizio - Tagliabue, Ilaria

Dizionario di economia e finanza / [P. Buro, F. Crespi, I. Tagliabue]

2. ed

Milano : Alpha test, 2012

Abstract: Spread, bund, tobin tax, downgrading, rating: le 1000 voci di questo Dizionario spiegano i termini e i concetti fondamentali del settore economico-finanziario ormai d'uso corrente non solo per i professionisti ma anche per i risparmiatori e gli investitori privati. Le voci sono descritte facendo attenzione alle implicazioni pratiche e senza ricorrere a particolari tecnicismi.

Junior 24
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Galimberti, Claudia - Galimberti, Fabrizio

Junior 24 : l'economia spiegata ai ragazzi / di Claudia Galimberti e Fabrizio Galimberti

[Milano] : Il sole 24 ore, 2012

I soldi in testa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Legrenzi, Paolo <1942->

I soldi in testa : psicoeconomia della vita quotidiana / Paolo Legrenzi

Roma ; Bari : Laterza, 2012

Abstract: Un dvd, una lampada al quarzo, una sedia da giardino; ma anche un taglio di capelli, una stanza singola, un biglietto di un treno: un qualsiasi bene ha varie caratteristiche che ci servono per definirlo. E il prezzo è probabilmente una delle più utili, o perlomeno è una di quelle che non trascuriamo quasi mai. Una volta che l'abbiamo fissato, insieme alle altre peculiarità che ci permettono di riconoscere quel bene, il prezzo tende a restarvi appiccicato. Tutto andrebbe bene, basterebbe che i prezzi restassero immutati, come avviene di solito per il peso e le dimensioni degli oggetti. Tuttavia è evidente che i prezzi salgono e talvolta, assai raramente, scendono. Ma come faccio a capire se sono i prezzi che sono saliti oppure sono io di cattivo umore? E soprattutto quanti pacchi di fusilli mi costa una stanza singola? Paolo Legrenzi spiega cosa succede quando la nostra mente ha a che fare con i soldi, i risparmi, gli investimenti, gli alti e i bassi della vita, le perdite e i guadagni, partendo da una considerazione più generale: a chi rivolgerci per capire cosa è meglio fare? Verrebbe da dire ai consulenti finanziari. Invece, come argomenta in queste pagine Legrenzi, è alla psicologia che bisogna pensare, a quella disciplina che si occupa di tutti i comportamenti umani, e quindi anche del nostro agire economico, dalle scelte più spicciole e quotidiane fino alle decisioni più complesse. Per capire il valore delle cose, come spendere e risparmiare, fare prestiti per i consumi...

Economia senza natura
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Boero, Ferdinando

Economia senza natura : la grande truffa / Ferdinando Boero

Torino : Codice, 2012

Abstract: Guardate quella casa costruita su una duna, a dieci metri dal mare. Ecco, quella è economia senza natura. Questo lungo articolo di fondo, divertito e divertente, grafitante, irriverente e arrabbiato, presenta nelle stesse parole dell'autore un'unica, semplice e potente tesi: L'uomo fa parte della natura, e le regole che inventa sono alla fine soggette alle regole della natura. Se è vero infatti che la natura è arrivata prima dell'economia, è altrettanto vero che oggi il mondo è governato da economisti che si rifiutano di tener conto dell'ecologia, e che guardano con superiorità a qualsiasi soluzione amica dell'ambiente. Non capiscono però che l'economia deve essere un corollario dell'ecologia, e che potrà continuare a esistere solo se saprà essere un'economia della, e non senza, natura. Perché quest'ultima, presto o tardi, presenta sempre il conto.

Benvenuti in tempi interessanti
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Žižek, Slavoj <1949->

Benvenuti in tempi interessanti / Slavoj Zizek ; traduzione di Carlo Salzani

Milano : Ponte alle Grazie, 2012

Abstract: Che tu possa vivere in tempi interessanti! è una maledizione attribuita ai cinesi, tanto più sottile perché si nasconde dietro la maschera di una benedizione. Zizek la rivolge ai filosofi radicali novecenteschi e agli accademici di sinistra di oggi, che si scaldano il cuore al fuoco di rivoluzioni lontane, mentre possono continuare a godere dei declinanti comfort del nostro sistema democratico. Bene, dice loro Zizek, ora avete ottenuto ciò che volevate, perché la catastrofe è in atto e ci siamo trovati proiettati in tempi interessanti: la crisi del capitalismo ormai divenuta permanente. Con un originale misto di filosofia e cronaca, Zizek ci mette di fronte l'incapacità dell'Occidente di uscire dall'inazione, e per farlo utilizza gli argomenti più vari: dallo sviluppo del cloud computing alle ambiguità di WikiLeaks, dal disastro petrolifero del Golfo del Messico alla crisi del vulcano islandese, dalle riforme universitarie alle vere e false versioni del fondamentalismo religioso, dalle ragioni del fallimento del comunismo novecentesco al perché la Cina sia uno dei pochi paesi in grado di reagire prontamente alle crisi del capitalismo. La sfida che Zizek ci rivolge è chiara: occorre ripoliticizzare l'economia, respingere l'illusione che sia possibile rispondere alla crisi senza rivoluzionare il sistema vigente.

Laboratorio Israele
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Senor, Dan - Senor, Dan - Singer, Saul

Laboratorio Israele : storia del miracolo economico israeliano / Dan Senor, Saul Singer ; prefazione di Shimon Peres

Milano : Mondadori, 2012

Abstract: Com'è possibile che un paese con poco più di sette milioni di abitanti, privo di risorse naturali, travagliato da continue guerre, riesca ad aumentare la sua crescita economica di cinquanta volte in sessant'anni e a diventare il centro propulsore dell'hi-tech? E la domanda a cui risponde Laboratorio Israele, il saggio che Dan Senor e Saul Singer, profondi conoscitori dell'area mediorientale, dedicano al miracolo economico della nazione ebraica. Israele può vantare la massima concentrazione a livello mondiale di innovazione e imprenditorialità, con un numero di imprese startup, avanguardie della sperimentazione, superiore a quello di Cina, Gran Bretagna, Canada, Giappone e India, e con la più alta presenza di aziende nel NASDAQ, dopo gli Stati Uniti. Queste sorprendenti performance si fondano su una serie di fattori chiave: il ruolo delle forze armate, dove i giovani, nel lungo servizio di leva, acquisiscono vere e proprie com-petenze manageriali da reinvestire nel civile; la percentuale di PIL destinata a ricerca e sviluppo, per la quale Israele detiene il primato mondiale; la politica dell'immigrazione, considerata da sempre una risorsa da valorizzare. A legare tra loro questi aspetti e a fare la differenza, però, è la capacità degli israeliani di trasformare, sin dagli albori della loro storia nazionale, le debolezze e le avversità in punti di forza. Prefazione di Shimon Peres.