E' possibile raffinare la ricerca cliccando sui filtri proposti (nella colonna a sinistra), oppure utilizzando il box di ricerca veloce (qui sotto) o la relativa ricerca avanzata.

Includi: tutti i seguenti filtri
× Risorse Catalogo
× Editore Rizzoli <casa editrice>
× Lingue Latino
× Lingue Italiano
× Nomi Questa, Cesare
Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Nomi Sermonti, Vittorio <1929-2016>
× Nomi Caesar, Gaius Iulius <102/100 a.C.-44 a.C.>

Trovati 2 documenti.

Mostra parametri
La pentola del tesoro
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Plautus, Titus Maccius <circa 250 a.C.-184 a.C.>

La pentola del tesoro / Tito Maccio Plauto ; introduzione di Cesare Questa ; traduzione di Mario Scandola

13. ed

Milano : Biblioteca universale Rizzoli, 2010

Abstract: Il denaro come ragione di vita e pensiero dominante in cui si occultano insicurezza di sé e timore del futuro: è questo un tema di antichissima elaborazione letteraria che Plauto sviluppa in chiave comica in questa commedia, l'Aulularia. L'avaro di Plauto si chiama Euclione. E' gretto, avido, sospettoso, nevrotico: ha nascosto una pentola piena d'oro in un luogo segreto su cui vigila ossessivamente, inquieto e alienato da ogni altro interesse, fino a creare, egli stesso, per eccesso di ansia, le premesse del furto tanto paventato. A sua insaputa, intanto, la figlia per la quale aveva progettato un matrimonio di interesse, attende un bimbo ed è prossima al parto. Le due vicende corrono parallele, fino al lieto finale.

La pentola del tesoro
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Plautus, Titus Maccius <circa 250 a.C.-184 a.C.>

La pentola del tesoro / Tito Maccio Plauto ; introduzione di Cesare Questa ; traduzione di Mario Scandola

6. ed

Milano : Biblioteca universale Rizzoli, 1993

Abstract: Il denaro come ragione di vita e pensiero dominante in cui si occultano insicurezza di sé e timore del futuro: è questo un tema di antichissima elaborazione letteraria che Plauto sviluppa in chiave comica in questa commedia, l'Aulularia. L'avaro di Plauto si chiama Euclione. E' gretto, avido, sospettoso, nevrotico: ha nascosto una pentola piena d'oro in un luogo segreto su cui vigila ossessivamente, inquieto e alienato da ogni altro interesse, fino a creare, egli stesso, per eccesso di ansia, le premesse del furto tanto paventato. A sua insaputa, intanto, la figlia per la quale aveva progettato un matrimonio di interesse, attende un bimbo ed è prossima al parto. Le due vicende corrono parallele, fino al lieto finale.