Includi: almeno uno dei seguenti filtri
× Classe "A 36-"
× Classe "A 32-"
× Classe "A 33-; 38-; 65-"
× Classe "A 34-; 35-"
Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Paese Germania
× Soggetto Sec. XXI
Includi: tutti i seguenti filtri
× Data 2012

Trovati 333 documenti.

L'infiltrato
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Salas, Antonio <giornalista> - Salas, Antonio <giornalista>

L'infiltrato / Antonio Salas

Roma : Newton Compton, 2012

Abstract: Si è creato un'identità fittizia, è diventato il braccio destro di famigerati terroristi internazionali, è stato iscritto nell'elenco dei ricercati a livello mondiale, per sei anni ha vissuto sotto mentite spoglie. Questa è la storia vera di Antonio Salas, giornalista investigativo capace di infiltrarsi nelle reti terroristiche di tutto il mondo per svelarne dall'interno i retroscena più misteriosi. Ha scoperto le connessioni tra Chávez, l'ETA, le FARC, Hamas e al-Qaeda, ha agito sotto copertura in Venezuela, Palestina, Cuba, Libano, Marocco, Egitto, e ha provato sulla sua pelle quanto pesano i pregiudizi su chi abbraccia l'Islam, soprattutto dopo gli attentati alle Torri Gemelle, Londra e Madrid. Mettendo a rischio la sua stessa vita, Antonio Salas ha recitato le preghiere dell'Islam, ha sofferto, pianto e gioito fianco a fianco con gli uomini più pericolosi del pianeta (un nome su tutti: Carlos lo Sciacallo, l'uomo che ha fatto tremare il mondo). Ha conosciuto la rabbia cieca che può spingere un uomo a imbracciare un fucile o a cercare il martirio. Ha valicato una frontiera del giornalismo che nessuno aveva mai avuto il coraggio di superare. Perché lui è Muhammad Alí Tovar Abdallah. Perché lui è Antonio Salas. L'infiltrato.

Atlante della corruzione
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Vannucci, Alberto

Atlante della corruzione / Alberto Vannucci

Torino : Gruppo Abele, 2012

Abstract: La corruzione è un fenomeno che sta trascinando l'Italia in fondo alle classifiche internazionali sulla legalità. A che cosa è dovuta la persistente diffusione della corruzione in Italia? Su quali meccanismi di riproduzione si basa? E quali sono i suoi effetti sul sistema politico ed economico del paese? L'autore, docente presso l'Università degli Studi di Pisa è tra i massimi esperti di corruzione nel nostro paese e individua nel libro i protagonisti degli scambi occulti, le ragioni dei fallimenti delle politiche anticorruzione e l'efficacia dei possibili strumenti di contrasto.

Cosa grigia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Di Girolamo, Giacomo <1977->

Cosa grigia : una nuova mafia invisibile all'assalto dell'Italia / Giacomo Di Girolamo

Milano : Il Saggiatore, 2012

Abstract: Non bisogna avere paura della mafia. La mafia non esiste. Non esiste più. L'antimafia ha vinto. O forse no: forse la mafia c'è ancora, solo che è diversa. È mutata come un virus. Cosa Nostra non esiste. Ora c'è un'altra Cosa. Più grande. Eterea. È Cosa grigia. Si è insinuata in ogni angolo della società, e noi non ce ne siamo accorti. È nel bar in cui facciamo colazione la mattina. È nel Convegno sulla legalità in cui parlano le persone per bene. È nel Compro Oro in cui abbiamo venduto la nostra fede: l'amore finisce, mica come questa nuova Cosa, questa Cosa grigia. Sembra incredibile, Cosa grigia è anche dove nessuno se l'aspetterebbe: è nell'antimafia. È una Cosa che assomiglia alla mafia, certo: ma non ha padrini, non ha famiglie, né mandamenti; si muove in uno spazio oscuro, crepuscolare, tra ciò che è legale e ciò che non lo è. Fa della legalità flessibile il suo grimaldello. È una Cosa grigia che, come un parassita, si è insinuata a fondo nella vita del paese, ne ha succhiato voracemente la linfa. È passata l'era dei Totò Riina, dei Bernardo Provenzano e dei Matteo Messina Denaro: ora si agisce alla luce del sole, in modo ordinato, composto. Nelle valigette eleganti, Cosa grigia non ha pistole, ma tablet dell'ultima generazione: è grazie all'estesa rete di relazioni che questa Cosa prospera. Sa come arricchirsi: non ha bisogno di estorcere soldi, se li fa consegnare direttamente dallo Stato.

Il diavolo custode
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pozzo di Borgo, Philippe <1951->

Il diavolo custode / Philippe Pozzo di Borgo ; traduzione di Donatella Brindisi, Tiziana Lo Porto, Marcella Uberti Bona

Milano : Ponte alle Grazie, 2012

Abstract: Rampollo di nobile famiglia, ricco, colto, affascinante e amante delle cose belle e raffinate, Philippe è paralizzato dal collo in giù a seguito di un incidente di parapendio. Non è la prima tremenda prova a cui la vita lo ha sottoposto: ha perso da poco la sua splendida e amatissima moglie, affetta da una rara forma tumorale. Philippe combatte coraggiosamente e ostinatamente con il proprio corpo, con il ricordo straziante di lei e con l'idea di essere un uomo inutile, finito, e per farlo usa tutti gli strumenti possibili, dall'impegno sociale all'attaccamento ai piaceri della vita. In questa sua battaglia ha un'arma speciale: il suo badante, un immigrato algerino appena uscito di galera, che entra un giorno nella sua vita ingessata con l'energia di un tornado e diventa immediatamente il suo diavolo custode. Il loro rapporto di dipendenza reciproca e lo scontro ravvicinatissimo e spesso spericolato tra le loro culture si trasforma presto in un legame solido e nello stesso tempo turbolento, punteggiato da episodi irresistibilmente comici e autenticamente commoventi. Regalando a entrambi, e a chi legge questo libro, una dimensione nuova della gioia, della speranza e dell'amicizia. Questa storia vera è diventata un film, Quasi amici.

Green Italy
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Realacci, Ermete

Green Italy / Ermete Realacci ; prefazione di Ivan Lo Bello ; postfazione di Alberto Meomartini

Milano : Chiarelettere, 2012

Abstract: Possiamo battere la crisi? Non sarà facile, ma la risposta è sì. Se sapremo guardare l'Italia con occhi diversi da quelli delle agenzie di rating, con l'affetto e la curiosità necessari a cogliere i nostri tanti talenti. Ermete Realacci prova a farlo. Racconta, dal Nord al Sud, storie di un'alleanza tra imprese e comunità, tra ambiente e nuovi modi di vivere che possono traghettarci verso un paese più desiderabile e più competitivo. E Green Italy. Dove la green economy sposa le vocazioni nazionali, tiene insieme le tradizioni con l'elettronica e la meccanica di precisione. Punta su qualità, ricerca e conoscenza per produrre un'economia più sostenibile e innovativa. Si apre ai mercati globali e rinsalda i legami con il territorio, facendosi forte della coesione sociale e del capitale umano. È la via di un patriottismo dolce che può cambiare l'Italia. Un'idea di futuro per l'economia, la società, la politica. Prefazione di Ivan Lobello, postfazione di Alberto Meomartini.

Manuale per i concorsi nel ruolo amministrativo delle aziende sanitarie pubbliche
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ricciarelli, Giuseppe - Soldati, Francesco

Manuale per i concorsi nel ruolo amministrativo delle aziende sanitarie pubbliche : (Asl e Aziende ospedaliere) : con schemi di atti / Giuseppe Ricciarelli, Francesco Soldati

15. ed

Santarcangelo di Romagna : Maggioli, 2012

Abstract: Indispensabile per chi si accinge a sostenere i concorsi nel ruolo amministrativo delle Aziende sanitarie pubbliche, l'opera rappresenta un valido strumento anche per tutti gli operatori che intendono partecipare a procedure interne di promozione per il passaggio da una categoria all'altra o per progredire all'interno della medesima.

Laboratori di animazione per la terza eta'
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Laboratori di animazione per la terza eta' : percorsi socioeducativi / Federica Taddia (a cura di)

Trento : Erickson, 2012

Abstract: Questo libro propone una serie di laboratori di animazione da realizzare con gli ospiti delle strutture residenziali per la terza età. Si tratta di percorsi di diverso taglio – autobiografico, artistico creativo, teatrale, musicale, sensoriale, pet-therapy, clown terapia – le cui finalità sono indirizzate a coinvolgere gli ospiti che presentano varie esigenze, problematiche e capacità residue, per sviluppare l’espressività individuale o di gruppo.La descrizione dei laboratori è preceduta da una parte teorica, che approfondisce gli approcci, le metodologie e gli interventi messi in campo per rispondere ai bisogni della terza età nei contesti residenziali e non solo.

Palermo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ingroia, Antonio <1959->

Palermo : gli splendori e le miserie, l'eroismo e la vilta' / Antonio Ingroia

Milano : Melampo, 2012

Abstract: Palermo, il luogo dove tutto ha inizio e dove tutto finisce. Palermo splendida e ammaliante. Palermo corrotta e irredimibile. A Palermo la corruzione è fisica, tangibile ed estetica: una bellissima donna, sfatta, gonfia di umori guasti, le unghie nere, è però egualmente, arcanamente bella. Palermo è la storia della Sicilia, tutte le viltà e tutti gli eroismi, le disperazioni, i furori, le sconfitte, le ribellioni. Così scriveva Giuseppe Fava, che narrò la Sicilia con indignazione e furore carnali. Trent'anni dopo Antonio Ingroia narra una Palermo eccessiva, carica, dai colori fortissimi, fino a stordire. Una città specchio d'Italia, contraddizione perenne, dove le storie si fanno Storia. Dove si alternano e si combattono la tragedia e la speranza. Ma dove non trova posto la rassegnazione all'eterno ritorno. L'autore ripercorre il cammino e le fatiche, il dolore del progresso. E racconta se stesso e i suoi comandamenti morali, i dubbi e le amarezze, le gioie e le passioni. Un Ingroia inedito, che trabocca d'amore per la sua città e per i suoi maestri, che ci consegna l'orgoglio e l'ironia di chi è impegnato a difendere la legge in partibus infidelium.

Il vile agguato
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Deaglio, Enrico <1947->

Il vile agguato : chi ha ucciso Paolo Borsellino : una storia di orrore e menzogna / Enrico Deaglio

Milano : Feltrinelli, 2012

Abstract: A Paolo Borsellino piaceva citare liberamente dal Giulio Cesare di Shakespeare una frase secondo cui è bello morire per ciò in cui si crede. Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola. È un paradosso terribile che questi vent'anni abbiano condannato proprio lui a morire molte volte, ucciso in innumerevoli versioni da colpevoli sempre diversi. È stato lo stato, lo stato mafia, la mafia stato; il doppio stato. È stato Berlusconi, o perlomeno Dell'Utri. Sono stati i servizi. Deviati. No, quelli ufficiali. Sono stati Ciancimino e Provenzano. Il fatto è che l'omicidio di Borsellino è ormai diventato uno di quei buchi neri della storia italiana, in cui come in un gorgo si annodano e si raccolgono tutti i misteri, i protagonisti, le inconfessabili verità di un momento storico e di un paese che ha sempre avuto molto da nascondere, in primo luogo a se stesso. Tale è stato il destino del nostro eroe; e l'Italia non è un paese per eroi. La ricerca della verità sul suo assassinio implicava un contributo di onestà, che è stata soffocata. Difficile che si possa recuperare il tempo perduto, perché ormai quella stessa ricerca della verità è strettamente connessa con la ricerca delle ragioni della disonestà di chi doveva cercarla. E dunque, diventa un'impresa quasi impossibile. Ma quello che è possibile fare è scavare nel mosaico sepolto, separare le tessere vere da quelle false, ripulire, rimetterle in ordine e raccontarle.

Segni dell'ARCA
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Segni dell'ARCA : la comunita' come cammino di crescita / a cura di Natale Bottura e Maurizio Mirandola

Mantova : Arca-Centro mantovano di solidarieta, 2012

Il bambino invisibile
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Foa, Marcello <1963->

Il bambino invisibile / Marcello Foa ; con Manuel Antonio Bragonzi

Milano : Piemme, 2012

Abstract: Manuel ha cinque anni e un grande cuore indomito. Un giorno, quando si squarcia il velo sui misteri più reconditi della sua giovanissima vita, risponde al richiamo che la natura intorno al suo villaggio gli lancia e fugge tra i boschi del Cile. In molti probabilmente sapevano perché non aveva una mamma, e perché vivesse insieme a un uomo che chiamava nonno ma in realtà era un estraneo. Un uomo che nascondeva un segreto sconvolgente sul passato di quel bambino e di sua madre, un segreto di cui Manuel aveva perso ogni ricordo. Quando la verità riemerge dall'oblio, Manuel decide che la sua famiglia sarebbero stati gli alberi, i ruscelli, i cespugli di frutti selvatici che tante volte lo avevano sfamato. Se il mondo degli uomini lo escludeva e lo maltrattava, la natura sembrava accoglierlo, gli uccelli cantavano la forza della vita, le fronde stormivano e i prati lo accarezzavano come nessuno aveva mai fatto. Se casa è un posto dove sentirsi protetti, lì era casa sua. Per molti mesi, anni, Manuel vive da solo nel bosco, in silenzio, mangiando frutti selvatici, imparando a cacciare dai gatti, a costruirsi una fionda, a pescare a mani nude. Un piccolo ragazzo selvaggio che coltiva dentro di sé la libertà. Niente lo avrebbe convinto a tornare nella prigione di prima, nemmeno l'inverno, nemmeno il vento gelido. Fino a quando il destino non inizia il suo lungo viaggio in cerca del bambino invisibile...

I progetti nel 2009
0 0 0
Materiale linguistico moderno

I progetti nel 2009 : lo stato di attuazione della legge 285/97 nelle Città riservatarie / a cura di Lorenzo Campioni, Adriana Ciampa, Antonella Schena

Salviamo il  paesaggio!
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Martinelli, Luca <1980->

Salviamo il paesaggio! : manuale per difendere il territorio da cemento e altri abusi: tutte le azioni di tutela, dai comitati ai ricorsi / Luca Martinelli

Milano : Altreconomia, 2012

Abstract: Fermare il cemento e il consumo di suolo fertile deve diventare una delle priorità di un paese che si voglia chiamare civile (dalla prefazione di Carlo Petrini, fondatore di Slow Food). Questo libro è un vademecum per passare all'azione: un manuale di partecipazione che raccoglie tutte le risorse a disposizione del cittadino per far valere i propri diritti e tutelare il territorio e racconta 19 storie da copiare, dalla resistenza dei comitati alle scelte virtuose delle pubbliche amministrazioni.

Economia a colori
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Segrè, Andrea <1961->

Economia a colori / Andrea Segre'

Torino : Einaudi, 2012

Abstract: Il capitalismo, modello dominante preferito dagli economisti, è in crisi profonda. La crescita illimitata, che lo sottende, non funziona più. Disuguaglianze e ingiustizie aumentano. Prima di sbattere contro un nuovo muro, bisogna cambiare strada. Ma per andare dove? Questo libro ci guida verso un affascinante ma concreto orizzonte. Rimescolando i colori, gli aggettivi e i sostantivi dell'economia appare un altro mondo: un caleidoscopio di molteplici combinazioni. Una piccola grande rivoluzione dove l'economia viene ridimensionata a un capitolo del libro della natura: l'ecologia. Portando, finalmente, a una diversa ricchezza per una società sufficiente e sostenibile, naturale e umana, colorata e anche allegra.

Troppe coincidenze
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ayala, Giuseppe <1945->

Troppe coincidenze : mafia, politica, apparati deviati, giustizia: relazioni pericolose e occasioni perdute / Giuseppe Ayala

Milano : A. Mondadori, 2012

Abstract: Ho vissuto negli ultimi trent'anni una striscia di tempo che mi sembra ancora appartenere alla cronaca. Alludo ai giorni in cui gli eventi della politica si intrecciarono con quelli criminali, sino al punto da marchiare la gran parte dei percorsi che hanno segnato il destino del paese. Le stragi di Capaci e via d'Amelio del 1992, oltre a strappare a Giuseppe Ayala due colleghi e amici, apparvero a molti come un punto di svolta non solo nella storia della mafia, ma anche in quella dell'Italia intera. Sul fronte della giustizia lo Stato reagì con l'introduzione del 41 bis, il regime carcerario speciale per i mafiosi. Contemporaneamente il sistema politico, sotto i colpi di Tangentopoli, fu investito da una forte spinta popolare che determinò la fine della Prima Repubblica. La grande occasione di un rinnovamento politico e istituzionale era a portata di mano. Nel 1993 esplosero le bombe di Roma, Firenze e Milano, lasciando sul campo morti, misteri e nuove inquietanti domande. Fu solo di Cosa Nostra la responsabilità delle stragi del 1992 e del 1993? Perché la mafia decise di rinunciare all'attacco allo Stato? Per rispondere a questi interrogativi, Giuseppe Ayala ripercorre i suoi anni in Parlamento a partire dal 1992, ricostruisce le troppe coincidenze che hanno caratterizzato le relazioni tra mafia, poteri occulti e politica, disegnando un quadro opaco che coinvolge criminalità mafiosa e pezzi deviati dello Stato.

Diossina
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rabitti, Paolo

Diossina : la verita' nascosta : un supertecnico indipendente indaga su Seveso e la sua eredita' di bugie / Paolo Rabitti

Milano : Feltrinelli, 2012

Abstract: Caro sindaco, prima di morire devo dirlo a qualcuno: nell'inceneritore abbiamo smaltito la roba di Seveso. Siamo a Mantova nel 2002 e chi parla è un anziano ex operaio della Montedison. È da poco deflagrata la notizia che una ricerca epidemiologica ha riscontrato tra gli abitanti della zona contigua al petrolchimico di Mantova una frequenza anomala di sarcoma dei tessuti molli, un tumore correlabile direttamente con la presenza di diossina. Ma è possibile che i resti tossici del più famoso disastro ecologico italiano siano finiti nell'inceneritore di Mantova, quando invece si è sempre sostenuto che fossero stati mandati fuori dall'Italia? Quando scoppia il caso, già da molti anni Paolo Rabitti, ingegnere mantovano, si sta specializzando nello studio e nella lotta contro le violazioni della normativa ambientale. Rabitti si mette alla ricerca delle tracce di quella che sarebbe una terribile connessione tra Mantova e Seveso. Dalle prime indagini sull'inquinamento dell'aria di Mantova, fino alle ricerche sulla presenza di diossina nel sangue dei mantovani, passando per una completa revisione di tutto quello che si sa del disastro di Seveso, Rabitti racconta in questo libro più di un decennio di ricerche: un'inchiesta su un mistero italiano e il romanzo di formazione di un cittadino che per difendere i beni comuni lotta con le armi della scienza, dell'indignazione e della coscienza civile. Con una prefazione di Salvatore Settis.

Capire e curare gli adolescenti
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Capire e curare gli adolescenti : nuove forme di clinica trasculturale / a cura di Paolo Inghilleri e Marta Castiglioni

Milano : Guerini e associati, 2012

Abstract: L'adolescenza è un periodo critico della crescita di ogni persona: il passaggio dall'infanzia all'adolescenza mette alla prova lo sviluppo psichico e le competenze sociali acquisite. Essere, poi, adolescenti di famiglia straniera comporta un acuirsi del disagio e l'insorgere di bisogni particolari, che gli operatori e i terapeuti devono essere in grado di affrontare, considerando il contesto culturale da cui arriva il minore, in un'ottica di integrazione interculturale. In questo volume vengono raccolte alcune considerazioni teoriche sulla pratica di psicologia clinica transculturale: riflessioni che nascono dai casi clinici raccolti sul campo, nella quotidiana cura degli operatori che lavorano con i minori a scuola e nei centri di accoglienza, su progetti nati dalla collaborazione tra Università degli Studi di Milano, gli ospedali Niguarda e Policlinico, la Cooperativa Kantara e la Fondazione Cecchini Pace.

I secoli del Monte, 1472-1929
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Catoni, Giuliano

I secoli del Monte, 1472-1929 / Giuliano Catoni ; con schede tematiche di Roberto Barzanti ; fotografie di Andrea a e Fabio Lensini

[Siena] : Monte di Paschi di Siena, c2012. -381 p. : ill. color. ; 28 cm.

Gianetto Patacini: un protagonista del modello emiliano
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gianetto Patacini: un protagonista del modello emiliano / a cura di Glauco Bertani ; testi di Nadia Caiti ... [et al.]

Reggio Emilia : Consulta LibrieProgetti, 2012

Abstract: Gianetto Patacini (1926-1982) è stato partigiano, dirigente della Confederterra, iscritto al PCI, sindaco di San Martino in Rio e fino al 1982 ha occupato posti di rilievo nella Provincia e nella Regione Emilia-Romagna, ove ha dato particolare impulso all'affermarsi del "modello emiliano" nella gestione delle pubbliche istituzioni e del partito comunista.

Io sono un'assassina
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Tani, Cinzia <1958->

Io sono un'assassina : ventuno storie di ragazze che uccidono / Cinzia Tani

[Milano] : Oscar Mondadori, 2012

Abstract: Affrontare apertamente il comportamento criminale femminile ha sempre rappresentato una sfida in una società che spesso tende a relegare la donna nel ruolo tradizionale di custode del focolare domestico. Una sfida che Cinzia Tani raccoglie in Io sono un'assassina, sostituendo i tanto celebrati miti dell'amore e della cura, della mitezza e della dedizione con moti dell'animo più odiosi, ma forse più veri: rabbia, invidia, vendetta, avidità, passione, perversione erotica... E ci narra ventuno storie di giovani assassine, dipanate in due secoli e in otto nazioni diverse: dal delitto di Road Hill del 1860, in cui Costance Kent uccise il fratellastro di appena quattro anni, alla parricida Violette Nozière, cantata dal movimento surrealista francese come icona del ribellismo, alla ventenne Irma Grese, la Belva di Belsen, sadica torturatrice in un campo di concentramento nazista, alla nostrana Pupetta Maresca, assassina per vendicare l'amato sposo, alla diciannovenne Florence Rey, una terrorista per caso, autrice, insieme al fidanzato, di una sanguinosa mattanza per le strade di Parigi nel 1994, fino al delitto passionale di Anna Maria Sacco, che ha ucciso a Dublino il marito violento e fedifrago. Cinzia Tani ripercorre le tappe delle indagini, dalla scoperta della vittima all'identificazione della responsabile, descrivendo i drammatici istanti del delitto e i suoi retroscena, sulla base dei rapporti ufficiali di polizia, dei verbali di interrogatorio, dei fascicoli del processo...