Includi: almeno uno dei seguenti filtri
× Classe "A 37-"
× Classe "A 4-"
Includi: tutti i seguenti filtri
× Soggetto Didattica

Trovati 101 documenti.

EroStudente
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Lo Storto, Giovanni

EroStudente : il desiderio di prendere il largo / Giovanni Lo Storto ; con un testo di Jean- Paul Fitoussi

Soveria Mannelli : Rubbettino, 2017

Abstract: Il mondo è cambiato e i nostri occhi ne sono testimoni entusiasti. È cambiato il modo in cui comunichiamo, in cui acquistiamo, in cui interagiamo più in generale. È cambiato tutto, ma inspiegabilmente la formazione è rimasta a un secolo fa. I giovani, oggi, sono molto diversi da quelli delle generazioni precedenti. Sono ancor più di nativi digitali. Gli strumenti di formazione tradizionali non bastano più per loro che sono pronti a essere apprendisti e apprenditori più che semplici studenti, a toccare con mano il sapere e a ricercare da soli le risposte alle loro domande. In un orizzonte estremamente largo di informazioni e di nozioni non sono più sufficienti una, due o tre dimensioni di apprendimento in una traiettoria formativa. Occorre massimizzare ogni volta, in tutte le occasioni possibili, tutto l'apprendimento possibile. Renderlo inclusivo, ampio, largo. Largo, ma non ingombrante. Agilmente largo, sorprendentemente ricco. Sappiamo già che ci formeremo per tutta la vita. Ora abbiamo bisogno di pratica, di visione, di emozione e desiderio di apprendimento. Abbiamo bisogno di un modello formativo che, come il progetto dell'alternanza scuola-lavoro, unisca la formazione teorica all'esperienza pratica. Il lifelong learning si completa ed evolve in lite largelearning nel senso di un apprendimento il più ricco, il più ampio, il più largo possibile. Che si allarga per ospitare nuove opportunità e diventa fonte generosa di crescita. Questo libro vuole offrire la prospettiva di una formazione più ampia, tanto teorica quanto pratica, che riscopre le abilità ancora poco esplorate degli studenti, dando voce agli stessi ragazzi che l'hanno sperimentata sulla loro pelle. Si sono abituati all'umanità, alla lentezza e all'incontro con la diversità, che è forse un allenamento tra i più difficili per l'essere umano. Con un testo di Jean-Paul Fitoussi.

Musica e inclusione
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Chiappetta Cajola, Lucia <docente di didattica e pedagogia> - Rizzo, Amalia Lavinia <musicista>

Musica e inclusione : teorie e strategie didattiche / Lucia Chiappetta Cajola, Amalia Lavinia Rizzo

[Roma] : Carocci Faber, 2016

Abstract: Nella scuola italiana, caratterizzata dalla scelta della full inclusion, il rapporto tra la musica e la Special Education si inserisce nel quadro complesso e dinamico dei principi fondamentali dell'inclusione scolastica e sociale. In relazione a tali principi, il volume offre un contributo al dibattito educativo-musicale, in atto in ambito nazionale, relativo in particolare alla dialettica tra musica e inclusione nel curricolo di istituto e di classe. Per fornire agli insegnanti e agli operatori esempi di pratiche progettuali e di strumenti di lavoro, sono presentate alcune modalità di organizzazione didattica del laboratorio musicale per l'inclusione e viene proposto un ampio repertorio di giochi che, opportunamente programmato nel curricolo di classe, ha anche l'obiettivo di orientare alla realizzazione di attività che promuovono la motivazione necessaria a sviluppare potenzialità e competenze.

Che cos'è un EAS
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rivoltella, Pier Cesare <1964->

Che cos'è un EAS : l'idea, il metodo, la didattica / Pier Cesare Rivoltella

[Brescia] : La scuola, 2016

Abstract: In quest'opera si propone il metodo EAS come una possibile tradizione di ricerca. Se ne indagano la genesi, i presupposti teorici e le specificità didattiche: il lavoro su porzioni circoscritte di contenuto, puntando sull'apprendimento significativo e su una conoscenza situata e contestualizzata, attraverso metodologie come la didattica laboratoriale, il rovesciamento della lezione, il problem solving, la metacognizione. Una riflessione generale sul senso dell'insegnare e dell'apprendere oggi, un piccolo saggio di pedagogia della scuola, una guida per insegnanti, formatori, educatori.

Nidi e scuole dell'infanzia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Nidi e scuole dell'infanzia : valutazione esiti educativi / a cura di Diletta Basso ... [et al.]

Santarcangelo di Romagna : Maggioli, 2016

Abstract: Il tema della valutazione ed evidenziazione dell'esito del proprio lavoro è centrale per tutti e lo è in particolar modo per chi opera quotidianamente con i bambini. È proprio su questo che il volume presenta alcune idee, esperienze e strumenti. L'approccio alla valutazione degli esiti educativi, attraverso il superamento del dualismo tra aspetti quantitativi strutturati e aspetti qualitativi e relazionali specifici di ogni bambino, non solo supporta l'azione professionale dell'educatore, ma facilita enormemente la comunicazione con i genitori creando un "patto" educativo che permette di massimizzare i risultati educativi nel tempo e di darne evidenza. Le esperienze applicative riportate nel volume raccontano di un sistema capace di migliorare l'osservazione libera, mettendo in luce risorse, criticità e risultati, a livello individuale e di gruppo, che spesso erano sfuggiti dalla osservazione non "guidata". La capacità di documentazione dei processi e degli esiti offerti dallo strumento è inoltre essenziale per la corretta gestione del "Rapporto di autovalutazione per la scuola dell'infanzia" dell'INVALSI. Il sistema CHESS - presentato nel volume - non è un semplice insieme di strumenti, ma un sistema di valutazione coerente e integrato per l'intera fascia 0-6, adatto a Nidi e Scuole d'Infanzia che vogliano dare evidenza del successo delle proprie scelte; è inoltre adatto a educatori, insegnanti e pedagogisti che vogliano accrescere il proprio potenziale professionale.

Tutta un'altra scuola!
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Stella, Giacomo <1949->

Tutta un'altra scuola! : quella di oggi ha i giorni contati / Giacomo Stella

Firenze ; Milano : Giunti, 2016

Abstract: Con una lucida diagnosi dell'esperienza formativa più importante della nostra vita, Giacomo Stella individua le ragioni che hanno reso la scuola di oggi un contenitore del crescente disagio di allievi, insegnanti, famiglie: il voto come unità di misura delle competenze, il modo in cui si insegna e si impara, l'uso inadeguato delle tecnologie digitali, la gestione dei deficit di apprendimento... Per cambiare la scuola Stella ha una proposta secca e precisa: trasformare la classe in una comunità di discussione e di confronto in cui il docente non è più un oracolo che fornisce risposte o soluzioni, ma indirizza gli allievi alla ricerca individuale e collettiva del sapere. È un compito che richiede novità coraggiose ed efficaci: niente più compiti a casa, un nuovo sistema di valutazione che cancelli la paura di sbagliare, sollecitare gli studenti al lavoro in gruppo, liberarli dalla tirannia del look alla moda, diffondere un modello di conoscenza con l'aiuto dell'informatica. Cominciamo eliminando la cattedra come monumento immobile davanti allo schieramento dei banchi e diamo a bambini e ragazzi gli strumenti per ragionare e affrontare il mondo che li aspetta. Rovesciamo l'ora di lezione.

Insegnare la biologia ai bambini
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Santovito, Gianfranco <docente di fisiologia>

Insegnare la biologia ai bambini : dalla scuola dell'infanzia al primo ciclo d'istruzione / Gianfranco Santovito

Roma : Carocci, 2015

Abstract: Il libro offre agli insegnanti della scuola dell'infanzia, primaria e secondaria di primo grado indicazioni utili per affrontare in maniera efficace e stimolante la biologia in ambito scolastico. Sono trattati alcuni tra i principali argomenti della biologia: la diversità degli organismi viventi, l'evoluzione biologica, la morfologia e la fisiologia degli animali, l'ecologia. Dopo un'iniziale riflessione sui contenuti della biologia e sul modo di insegnarli, sono presentate proposte didattiche, frutto di una personale progettazione teorica, e attività che sono il risultato di ricerche didattiche realizzate in ambito universitario. L'ultimo capitolo offre una piccola raccolta di curiosità biologiche, che possono suscitare meraviglia e appassionare le persone di qualunque età.

Io pretendo la mia felicità
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Io pretendo la mia felicità : (ho pagato tanto e adesso me la merito) / a cura di Rosaria Cascio ; prefazione di Pia Blandano

Marsala : Navarra, 2015

Leggere, scrivere e far di conto
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rondot, Fabio <1962->

Leggere, scrivere e far di conto : serve altro? / Fabio Rondot

Casale Monferrato : Sonda, 2015

Abstract: Nessuno può apprendere in solitudine! Abbiamo bisogno di imparare dagli altri e con gli altri. Questo saggio racconta come. Quante volte, di fronte a un alunno che non raggiunge i risultati attesi, sentiamo dire che "non si applica"? Forse perché fin dai primi anni di scuola bisognerebbe insegnare al bambino come e perché si apprende, fino all'età adulta. Ne è convinto l'autore di questo saggio, che qui individua tre necessità urgenti nell'ambito dell'apprendimento: riavvicinare la didattica ai processi di apprendimento spontanei; considerare le difficoltà di apprendimento come condizioni naturali con cui confrontarsi; considerare i tre domini fisico, informatico e mentale come integrati. In un percoso articolato in sette tappe, illustra le otto leggi che governano l'apprendimento e le quattro dimensioni in cui rintracciarne le risorse funzionali; analizza le attività chiave per sopravvivere alla scuola, esaminandone le sette materie principali, dall'italiano alla matematica passando per le lingue e l'informatica. In particolare, risponde alla domanda fondamentale: quando-dove possono avvenire certi tipi di apprendimento? A partire dalla scuola dell'infanzia fino agli istituti superiori, spiega come evitare o risolvere i problemi più comuni. Perché ogni persona che apprende ha diritto al metodo, ed è necessario che genitori e insegnanti siano preparati a un cambio di paradigma concreto e duraturo.

Sviluppare il pensiero flessibile
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Sviluppare il pensiero flessibile : percorsi interdisciplinari nella scuola primaria / Paola Pizzingrilli ... [et al.]

Trento : Erickson, 2015

Abstract: Il pensiero flessibile è importante per affrontare le sfide della società attuale, complessa e dinamica. Perché allora non coltivarlo sin da piccoli? Insegnare ai bambini la flessibilità di pensiero permette loro di trasferire gli apprendimenti a differenti situazioni, generando nuovi punti di vista e modi di agire. Il training presentato in questo volume sviluppa l'attitudine al pensiero flessibile attraverso una storia i cui protagonisti sono alcuni studenti: inizialmente descritti con connotazioni stereotipate, progressivamente svelano altri lati di sé, in un'ottica di confronto reciproco e di crescita. La narrazione si articola in 12 episodi legati a differenti ambiti disciplinari: scientifico, artistico, linguistico, musicale, matematico, visuo-spaziale. Il training è proposto in due versioni. Quella metacognitiva invita i bambini a diventare consapevoli di aspetti del loro funzionamento mentale attraverso attività che sviluppano operazioni creative accompagnate da domande di riflessione. La versione immaginativo-simbolica attiva capacità di trasformazione personale grazie a stimoli evocativi che favoriscono un approccio emotivo alla narrazione. L'angolo dell'insegnante inserito in ogni episodio del training fornisce ai docenti indicazioni pratiche per adattarlo alla classe in cui si opera.

L'ora di lezione
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Recalcati, Massimo <1959->

L'ora di lezione : per un'erotica dell'insegnamento / Massimo Recalcati

Torino : Einaudi, 2014

Abstract: Periferia di Milano, anni Settanta. Gli anni del terrorismo e della droga, dei sogni di Oriente e di liberazione. Una mattina, nella classe di un Istituto Agrario, fa la sua apparizione Giulia, una giovane professoressa di lettere che parla di letteratura e di poesia con una passione sconosciuta. È quell'incontro a salvare Massimo Recalcati che, in questo libro dedicato alla pratica dell'insegnamento, riflette su cosa significa essere insegnanti in una società senza padri e senza maestri, svelandoci come un bravo insegnante sia colui che sa fare esistere nuovi mondi, che sa fare del sapere un oggetto del desiderio in grado di mettere in moto la vita e di allargarne l'orizzonte. È il piccolo miracolo che può avvenire nell'ora di lezione: l'oggetto del sapere si trasforma in un oggetto erotico, il libro in un corpo. Un elogio dell'insegnamento che non può accontentarsi di essere ridotto a trasmettere informazioni e competenze. Un elogio della stortura della vite che non deve essere raddrizzata ma coltivata con cura e riconquistata nella sua singolare bellezza.

Didattiche e tecnologie: intersezioni
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Alessandri, Giuseppe

Didattiche e tecnologie: intersezioni : complessità, coding, robotica educativa / Giuseppe Alessandri

Roma : Anicia, 2014

Abstract: Gli studenti sanno leggere e scrivere testi in diverse lingue e sanno anche capirli, ma non sanno leggere, scrivere, capire i linguaggi di programmazione. Sono esperti nella gestione delle interfacce dei computer, dei tablet, ma non sempre sanno operare a un livello approfondito con essi.

SR 4-5 school readiness
0 0 0
Materiale linguistico moderno

SR 4-5 school readiness : prove per l'individuazione delle abilità di base nel passaggio dalla scuola dell'nfanzia alla scuola primaria / Maria Assunta Zanetti e Valeria Cavioni (a cura di)

Nuova ed

Trento : Erickson, 2014

Abstract: Il passaggio dalla scuola dell'infanzia a quella primaria è un momento che assume valenza centrale per il bambino. Comporta numerosi cambiamenti e richiede altrettante capacità che, pur non essendo "prerequisiti" scolastici in senso stretto, sono tuttavia necessarie per compiere senza difficoltà e con successo il percorso scolastico. La batteria SR 4-5 fornisce uno strumento accurato e di facile utilizzo per valutare queste abilità di base, in modo da individuare precocemente eventuali fragilità e agire in un'ottica preventiva. Si compone di due test (uno per bambino di 4 e l'altro di 5 anni) che indagano l'acquisizione delle abilità fonologiche, linguistiche, logico-matematiche e di simbolizzazione e lo sviluppo psicomotorio. Include inoltra la Scheda insegnanti per l'osservazione della prontezza scolastica. La batteria è rivolta a insegnanti di scuola dell'infanzia e primaria, per facilitarli nella comprensione dello sviluppo dei bambini e nella predisposizione di adeguati percorsi didattici personalizzati di potenziamento e supporto, e a psicologi e professionisti della salute per la ricerca e la riabilitazione.

Costruisco e imparo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Salmaso, Luisa

Costruisco e imparo : giochi e attività con i mattoncini Lego® per lo sviluppo di abilità visuo-spaziali e di pianificazione / Luisa Salmaso

Trento : Erickson, 2014

Abstract: Il volume propone attività formative da attuare alla scuola dell'infanzia e alla scuola primaria utilizzando i mattoncini LEGO®, poco sfruttato a livello progettuale nonostante le sue grandi potenzialità sul piano dell'apprendimento. Frutto dell'esperienza sul campo dell'autrice, il volume è un ottimo strumento per il potenziamento delle abilità visuo-spaziali, di pianificazione ed esecuzione. L'utilizzo dei mattoncini colorati e la dimensione ludica delle attività permettono, tramite la logica del learning by doing, non solo di ottenere maggiore attenzione e coinvolgimento da parte degli alunni, ma anche di realizzare una didattica inclusiva e cooperativa, incrementando le abilità sociali. Dopo i primi capitoli teorici, che fondano la proposta sugli ultimi sviluppi della ricerca psicopedagogica, il volume presenta una sezione operativa articolata in 4 unità a difficoltà crescente: allestimento, attività di base, attività di costruzione guidata, attività avanzate. Pensato specificamente per l'utilizzo all'interno di contesti scolastici, di animazione o riabilitativi, "Costruisco e imparo" si presta anche a un impiego diretto da parte dei genitori.

Clikgiocare
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Zanon, Francesca

Clikgiocare : attività didattiche con il computer nella scuola dell'infanzia / Francesca Zanon

Roma : Anicia, 2014

Abstract: La nostra quotidianità è ricca e sovraccarica di linguaggi e di mezzi d’informazione, che ci “tempestano” al nostro risveglio fino a quando andiamo a letto. Televisione, telefoni cellulari, computer, i-pad... sono solo qualche esempio di media che utilizziamo con disinvoltura fin dall’infanzia. Basti pensare ai nostri bambini che si approcciano con naturalezza, quasi spaventosa, ai videogiochi di nuova generazione, perdendo il senso del tempo e della realtà che li circonda, riempiendo le loro giornate e la loro solitudine di figli sempre più spesso “unici”. La vecchia e obsoleta realtà del cortile di casa o dei vicini ci sembra appartenente ad un’altra epoca. Il parco del quartiere e soprattutto la scuola sono rimasti gli unici e indispensabili centri di aggregazione e di sviluppo sociale. Come mediare questa situazione e sfruttare la tecnologia a nostro vantaggio? Non si può certo ignorare il progresso, ma lo si può rendere utile ad un fine didattico. Qualsiasi progetto può avvalersi delle “nuove” tecnologie, maneggiate dai nostri bambini quotidianamente. È quello che si chiama “innovazione” ma anche “ricerca" e “sviluppo dell’eccellenza”. Una scuola in costante divenire, in grado di proporre non solo attività curricolari attraverso progetti a scadenza annuale o pluriennale, ma anche di stimolare nei bambini il desiderio di apprendere e costruire atteggiamenti di apertura e di disponibilità verso altri modi di essere, di agire, di pensare.

La scuola e l'arte di ascoltare
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Sclavi, Marianella <1943-> - Giornelli, Gabriella

La scuola e l'arte di ascoltare : gli ingredienti delle scuole felici / Marianella Sclavi, Gabriella Giornelli

Milano : Feltrinelli, 2014

Abstract: Ascolto attivo, mediazione creativa, un tocco di umorismo: ecco gli ingredienti che oggigiorno permettono a ragazzi e insegnanti di comunicare fra loro in modo non superficiale e soporifero, di trasformare gli attriti e le difficoltà in occasioni di crescita e di conoscenza e di mettere in atto leadership che promuovono l'intelligenza collettiva. Sono questi gli ingredienti presenti e necessari in ogni scuola ad alto tasso di apprendimento. Le due autrici, con generosità, sapienza e allegria, restituiscono a piene mani in questo libro un insieme di strumenti messo a punto nel corso di una lunga esperienza professionale nel mondo della scuola e in quello extrascolastico. Una vera e propria arte, che va acquisita e praticata, poiché mediare le differenze e risolvere i conflitti e le tensioni che nascono tra i ragazzi e tra loro e gli educatori è una condizione essenziale e preliminare a qualsiasi discorso didattico, ed estremamente utile per la società e nella formazione delle future classi dirigenti.

Maestra facciamo una pausa?
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Mulato, Raffaela <1957-> - Riegger, Stephan

Maestra facciamo una pausa? : migliorare il clima in classe e favorire l'apprendimento dei bambini / Raffaella Mularo, Stephan Riegger

Molfetta : la meridiana, 2014

Abstract: Negli ultimi anni si sono susseguite proposte e ricette per migliorare il processo di apprendimento degli alunni. Anche noi vi diciamo la nostra sperimentata e comprovata da antiche teorie: i bambini, per imparare, per concentrarsi e per una crescita sana hanno bisogno di movimento. Più si muovono più imparano. L'apprendimento, infatti, avviene attraverso il corpo con tutti i suoi sensi, non soltanto i cinque noti ma anche quelli dell'equilibrio e cinestetico, fondamentali per percepire e controllare il nostro corpo nello spazio e in relazione agli altri. Il movimento rigenera la mente. I bambini vanno a scuola con tutto il corpo, ma in aula sono costretti a stare fermi per lunghe ore. Questo riduce la loro capacità di attenzione, di concentrazione e di apprendimento. Introdurre il movimento nella classe durante le ore di lezione è una rivoluzione che scombussola la consuetudine con cui immaginiamo e collochiamo i bambini in un'aula: seduti dietro un banco, fermi. Fare una pausa facendoli saltare, muovere intorno ai banchi, fargli fare rumore e saltelli per pochi secondi e più volte nell'arco della mattinata, vi garantiamo non crea caos ma attenzione. Fare pausa muovendosi aumenta anche la capacità di concentrazione dei bambini. Questo libro propone pause, di pochi minuti, da fare durante le ore di lezione suggerendo giochi di movimento, fasi di rilassamento e possibilità di variare le posizioni sedute. Il movimento dunque facilita l'apprendimento. Verità antica da riscoprire

Costruire il piano didattico personalizzato
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Costruire il piano didattico personalizzato : indicazioni e strumenti per una stesura rapida ed efficace / Flavio Fogarolo (a cura di)

[Nuova ed.]

Trento : Erickson, 2014

Abstract: Come è noto, le Linee Guida del MIUR obbligano le scuole a stendere ogni anno un documento di programmazione in cui vengono esplicitati gli interventi che si intendono mettere in atto per ciascun alunno con DSA. Si utilizzano normalmente a questo scopo dei modelli cartacei chiusi, con campi da compilare e opzioni da selezionare con delle crocette, che non permettono di calibrare o modulare le varie voci per un'effettiva personalizzazione. Le voci proposte sono riferite a un generico alunno con DSA, mentre servirebbero spesso delle formulazioni più specifiche che tengano conto del tipo di disturbo, delle sue conseguenze, delle potenzialità emerse, dello stile di apprendimento, del contesto educativo e altro. Ci vorrebbero quindi dei modelli molto più ampi e dettagliati che sarebbero però eccessivamente onerosi nella loro gestione e quindi di fatto improponibili. Il volume offre alle scuole un programma e un manuale per compilare e gestire un PDP non più rigido, ma elaborato di volta in volta in base alle caratteristiche individuali e ai bisogni dell'alunno con DSA, migliorando la qualità del progetto educativo e l'efficacia della comunicazione con la famiglia.

Prime mappe
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pontalti, Beatrice <1963-> - Zambotti, Francesco <1978->

Prime mappe : laboratorio didattico per costruire schemi e mappe mentali / Beatrice Pontalti e Francesco Zambotti

Trento : Erickson, 2014

Abstract: Quando iniziare a proporre le prime mappe agli alunni della scuola primaria? A che età e come? Il libro propone un ricco percorso laboratoriale per i bambini dei primi tre anni della scuola primaria, con l'obiettivo di potenziare le strategie logico-visive, allenare in alcune operazioni mentali significative e avviare alla costruzione autonoma delle prime mappe mentali. Con il progressivo consolidamento delle abilità cognitive a partire dai prerequisiti logici, gli alunni impareranno a comprendere e a saper utilizzare con facilità gli elementi costitutivi delle mappe, fino ad arrivare a produrre e a utilizzare efficacemente schemi e mappe cognitive più articolati. Le 160 attività didattiche presentate sono strutturate in dieci capitoli, organizzati in tre sezioni: Prima delle mappe: prerequisiti (Identificare, Mettere in relazione, Confrontare, Classificare); Verso le mappe: elementi e azioni (Codificare, Disporre nello spazio, Raccogliere informazioni; Mappe in azione: prime mappe mentali (Costruire, Analizzare, Riflettere).Rivolto agli insegnanti della scuola primaria, il volume contiene anche un'Appendice con materiali ritagliabili da utilizzare in classe.

Tutoring
3 1 0
Materiale linguistico moderno

Topping, Keith

Tutoring : insegnamento reciproco tra compagni / Keith Topping

Trento : Erickson, 2014

Abstract: Gli insegnanti di oggi vivono sfide impegnative e complesse: contesti-classe sempre più eterogenei, un crescente abbandono scolastico, difficoltà e bisogni differenziati degli alunni. Per affrontarle con efficacia e successo, è imprescindibile l'uso di strategie di insegnamento-apprendimento mediate dai pari: attivare la risorsa compagni di classe/scuola, ossia reti informali di amicizia e aiuto/sostegno reciproco, gruppi cooperativi e coppie di tutoring, permette infatti di ottenere miglioramenti significativi non solo nell'impegno e nel rendimento degli alunni ma anche nella prosocialità. Il volume, presentato ora in una nuova veste grafica per una più agevole consultazione, illustra le più celebri esperienze realizzate su larga scala, fornendo indicazioni dettagliate e strumenti operativi per realizzare l'insegnamento tramite tutoring e valutarne i risultati. Dalla predisposizione del contesto e degli spazi alla selezione dei partecipanti, dai materiali didattici al monitoraggio, dal ruolo dei colleghi ai casi di bisogni educativi speciali ogni aspetto di questa strategia viene descritto nel dettaglio, nell'ottica di creare un clima di classe realmente collaborativo e produttivo per tutti gli alunni, in linea con la più recente normativa in tema di istruzione individualizzata e con gli obiettivi sociali dell'inclusione.

La caverna digitale
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gris, Roberto

La caverna digitale : educare alle nuove tecnologie

Trento : Erickson, 2014

Abstract: Le new technologies fanno parte della nostra esperienza quotidiana e regalano a tutti i soggetti in formazione possibilità di apprendimento senza precedenti, accompagnate tuttavia da rischi di passività nella ricezione dei testi e di perdita di interesse per la conoscenza stessa. Nella convinzione che la formazione e l'autoformazione passano attraverso saperi, storie, simboli che non sono riducibili a progetti educativi schiacciati sul presente, La caverna digitale indaga, attraverso riflessioni pedagogiche ed esempi didattici, le odierne prospettive dell'intreccio tra tecnologia e cultura, tra apprendimento individuale e relazioni educative. Le peculiarità dell'esperienza scolastica, le potenzialità del cinema e della sua estetica e la lezione autenticamente multimediale, multisensoriale e multilinguistica del teatro contemporaneo faranno da guida a questa avventura, nella speranza che dei cavernicoli si conservino solo le modalità comunicative delle pitture rupestri e non quelle della clava.