Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Target di lettura Giovani, età 16-19
× Materiale Registrazioni non musicali
× Target di lettura Ragazzi, età 11-15
× Soggetto Globalizzazione
× Target di lettura Giovani (in generale)
× Nomi Catamo, Luciana
Includi: tutti i seguenti filtri
× Soggetto Società
× Risorse Catalogo
× Soggetto Politica
× Soggetto Economia

Trovati 10 documenti.

La Cina non è una sola
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Santelli, Filippo <1984->

La Cina non è una sola : tensioni e paradossi della superpotenza asiatica / Filippo Santelli

Mondadori, 2021

Abstract: Il trauma del coronavirus, dilagato in tutto il mondo dalla lontana metropoli di Wuhan, ha dato una brusca accelerazione a un processo in atto da anni nell'opinione pubblica occidentale. Di Cina non si è mai parlato così tanto: dalla Via della Seta all'antagonismo con gli Stati Uniti, dalla travolgente crescita economica al mancato rispetto dei diritti umani, questo vasto impero è sempre più al centro di sentimenti e previsioni contrastanti, che lo danno di volta in volta destinato al dominio planetario o a un repentino tracollo. È quell'approccio emotivo e «schizofrenico» definito anche «sinofrenia». Per comprendere davvero questo Paese e le sue prospettive bisogna conoscere le «tante Cine» che oggi convivono dietro l'apparente compattezza e che Filippo Santelli racconta in questo libro. Perché la Cina è un inestricabile groviglio di forze e debolezze, di tensioni difficili da comporre che interagiscono lungo linee di faglia geografiche, economiche, sociali e culturali: la ricchezza ostentata delle classi più elevate e la povertà diffusa nelle aree rurali e tra le pieghe delle metropoli; la corsa verso l'innovazione e la visione patriarcale che penalizza le donne in famiglia e nel lavoro; la spietata competizione negli studi e la sua contropartita di ansia, frustrazione, paura del futuro; la diffusione di stili di vita e brand occidentali e un tenace e orgoglioso nazionalismo; le ambizioni di egemonia internazionale che suscitano diffidenza e compromettono le alleanze; la questione ambientale e quella demografica. Il risultato è «un Paese in bilico tra sicurezze e insicurezze, tra evoluzione e involuzione». Ne è un chiaro esempio la gestione dell'epidemia di Covid-19, prima colpevolmente trascurata e nascosta dal governo di Pechino, poi efficacemente gestita con un'inflessibilità che l'autore ha sperimentato in prima persona nella sua quarantena ospedaliera a Nanchino. Un evento emblematico di tutti i chiaroscuri della Cina odierna. Sarà l'equilibrio di queste tensioni a decidere il futuro del Dragone, e il nostro.

L'Italia è finita
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Aprile, Pino <1950->

L'Italia è finita : e forse è meglio così / Pino Aprile

Piemme, 2018

Abstract: Tra una manciata di anni l'Italia, e forse l'Europa, non esisteranno più. Almeno come le conosciamo ora. Si spezzeranno per il fallimento della loro economia. E l'attuale governo giallo-verde potrebbe persino essere l'ultimo di un'Italia unita. Lo dicono autorevoli studi e indagini ben noti agli addetti ai lavori. Né l'una, l'Italia, né l'altra, l'Europa, reggeranno alla spinta disgregatrice: "divide et impera" è una massima che i mercati finanziari conoscono bene. D'altronde, già oggi l'Italia non è più la stessa, così come non lo sono gli italiani: grandi aziende, grattacieli, interi quartieri, fertili terreni, squadre di calcio appartengono ad arabi, cinesi, capitali stranieri. A noi guardano con preoccupazione - o con speranza - le altre nazioni, perché sin dai tempi della conquista romana o della diffusione del cattolicesimo siamo il laboratorio per innovazioni che si sono propagate in tutto il continente, e oltre. A volte anche nefaste. Steve Bannon, ex consulente alla Casa Bianca di Donald Trump e osannato campione dei razzisti e dei neonazisti made in Usa, lo ha detto chiaro e tondo: «Roma è al centro della politica mondiale. L'Italia fa paura». Lui è di quelli che lo sperano. Unita, in realtà, l'Italia non lo è mai stata. Piuttosto, è il risultato di un'operazione scellerata di saccheggio e conquista, che ha distrutto un Sud proiettato nel futuro industriale e attuato un vero e proprio genocidio per "convincere" i riluttanti meridionali. È questa la crepa, mai sanata, che si allargherà fino a inghiottire tutto l'edificio dell'Italia unita? Mentre collanti storici come la Chiesa perdono terreno, ovunque rinascono comunità non statuali che trovano altrove la propria identità. Ma forse, come insegna il Rinascimento, proprio nelle tensioni e nelle divisioni gli italiani danno il meglio. Lo smembramento sarà la nostra salvezza?

Sindrome Calimero
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Giacalone, Davide <1959->

Sindrome Calimero : per l'Italia che corre contro quella che le sega le gambe / Davide Giacalone

Rubbettino, 2015

Abstract: Se guardi l'Italia dall'esterno sembra impossibile che sia in crisi. Se la guardi dall'interno sembra impossibile che si regga in piedi. Quella che ha saputo cavalcare la globalizzazione cresce. Quella che ha praticato la lamentazione si rattrappisce. La recessione ha prodotto ristrutturazioni e ripartenze, ma anche lo schiumare di rabbie indistinte e il crescere della società gemebonda. Esempi concreti (ILVA, Rtl 102.5, Tabaccai e Zamperla) aiutano a capire come abbiamo aggravato la crisi e perso occasioni. Come rimediare e cogliere opportunità. Calimero è perdente perché si sente tale. Ma non basta la retorica, per dirsi vincenti. Né basterà una lavata. La Sindrome di Calimero va superata con la ragione. Ci vuol più di qualche chiacchiera.

Un giorno nella vita dell'economia globale
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Altman, Daniel

Un giorno nella vita dell'economia globale / di Daniel Altman ; traduzione di Massimo Pianta

Milano : Longanesi, [2007]

Abstract: Il prezzo del petrolio va su e giù, i tassi di cambio fluttuano, l'economia cinese è in decollo e le nuove tecnologie cambiano il modo di fare affari. Ma come possiamo avvicinarci, da non specialisti, a capire come funziona l'economia della globalizzazione? Altman lo racconta percorrendone una giornata-tipo, nelle cui 24 ore fa compiere al lettore un vero giro del mondo. Ha infatti contattato decine di persone di ogni continente, dal lavoratore immigrato al governatore di una banca centrale, e le ha intervistate partendo da un titolo di giornale emblematico del giorno campione, il 15 giugno 2005. Ne risulta un vivace ritratto grazie al quale il lettore si trova davanti una sintetica guida ai meccanismi dell'economia mondiale, ma soprattutto comprende come i miliardi di decisioni prese da singoli individui possono creare, e cambiare, il futuro.

Globalizzazione
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Zolo, Danilo <1936->

Globalizzazione : una mappa dei problemi / Danilo Zolo

Roma ; Bari : Laterza, 2006

Abstract: Una mappa dei principali problemi che vengono discussi sotto l'etichetta della globalizzazione, nell'intento di limitarne l'uso retorico o puramente ideologico. Un'indagine che si indirizza verso ogni aspetto del fenomeno: l'economia, le comunicazioni di massa, la politica interna e internazionale, il diritto e le strategie militari. L'analisi è arricchita da una carrellata delle posizioni più rilevanti e degli autori più significativi, da Ulrich Beck a Zygmunt Bauman, da Joseph Stiglitz a Luciano Gallino. Il percorso che ha portato dal boom della new economy alla guerra in Iraq e dall'esplosione di Internet alla crisi degli Stati nazionali è valutato come un processo inevitabile, ma governabile per evitare crisi e disuguaglianze.

Globalizzazione
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Zolo, Danilo <1936->

Globalizzazione : una mappa dei problemi / Danilo Zolo

Roma ; Bari : Laterza, 2004. VIII, 163 p. ; 18 cm.

Abstract: Una mappa dei principali problemi che vengono discussi sotto l'etichetta della globalizzazione, nell'intento di limitarne l'uso retorico o puramente ideologico. Un'indagine che si indirizza verso ogni aspetto del fenomeno: l'economia, le comunicazioni di massa, la politica interna e internazionale, il diritto e le strategie militari. L'analisi è arricchita da una carrellata delle posizioni più rilevanti e degli autori più significativi, da Ulrich Beck a Zygmunt Bauman, da Joseph Stiglitz a Luciano Gallino. Il percorso che ha portato dal boom della new economy alla guerra in Iraq e dall'esplosione di Internet alla crisi degli Stati nazionali è valutato come un processo inevitabile, ma governabile per evitare crisi e disuguaglianze.

Dizionario della globalizzazione
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Dizionario della globalizzazione : le idee e le parole dello sviluppo / a cura di Alessandro Boscaro

Milano : Zelig, [2002]

Abstract: Questa pubblicazione si propone di offrire percorsi di lettura e strumenti interpretativi sulla globalizzazione filtrata attraverso una attenta rilettura e una analisi dei grandi temi legati alle idee dello sviluppo, del sottosviluppo e dei rapporti fra Nord e Sud del mondo. Un dizionario che offre una interpretazione di termini-chiave che in più di cinquant'anni di storia del pensiero economico, sociale, politico, ne hanno tracciato sia il percorso linguistico sia l'evoluzione teorica.

Oltre il Novecento
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Revelli, Marco <1947->

Oltre il Novecento : la politica, le ideologie e le insidie del lavoro / Marco Revelli

Torino : Einaudi, [2001]

Abstract: I peccati capitali del comunismo, la militanza politica, il Sessantotto, la globalizzazione, le nuove figure del lavoro: il testo di Marco Revelli si misura con i paradigmi politici del Novecento in una riflessione critica che ha al suo centro la crisi dello Stato-nazione come luogo sovrano dell'agire politico, mentre le forme tradizionali di organizzazione politica vanno dissolvendosi.

La sinistra sociale
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Revelli, Marco <1947->

La sinistra sociale : oltre la civilta del lavoro / Marco Revelli

Torino : Bollati Boringhieri, 1997

Abstract: Revelli affronta il problema della ricostruzione di una strategia della sinistra, a partire dalla consapevolezza della radicalità della trasformazione dell'economia, della società e della politica verificatasi nel corso degli ultimi vent'anni. Questa consapevolezza parte dall'analisi delle caratteristiche del postfordismo (rottura del circolo virtuoso sviluppo/occupazione, fine della centralità del lavoro salariato, finanziarizzazione dell'economia) per esaminare le conseguenze politiche di questa nuova grande trasformazione e avanzare infine alcune ipotesi su una ricomposizione politica a partire dal sociale e non frutto di laboriose quanto sterili trovate d'ingegneria istituzionale.

Quadrare il cerchio
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Dahrendorf, Ralf

Quadrare il cerchio : benessere economico, coesione sociale e liberta politica / Ralf Dahrendorf. In appendice il confronto tra Eugenio Scalfari e Ralf Dahrendorf

3. ed

Roma ; Bari : Laterza, 1995