Vol. 2: I Racconti: Zingara, Altre storie
4 1 0
Materiale linguistico moderno

Piubello, Giovanni

Vol. 2: I Racconti: Zingara, Altre storie ; Le Poesie: I Gobbi, Altri Gobbi

Titolo e contributi: Vol. 2: I Racconti: Zingara, Altre storie ; Le Poesie: I Gobbi, Altri Gobbi / Giovanni Piubello ; a cura di M. Artioli e V. Bertazzoni

Pubblicazione: [2003]

Descrizione fisica: 383 p

ISBN: 88-7495-058-6

Data:2003

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Altri titoli:
  • I *Racconti, Le Poesie <Giovanni Piubello>.
  • Zingara <Giovanni Piubello>.
  • Altre storie <Giovanni Piubello>.
  • I *Gobbi <Giovanni Piubello>.
  • Altri Gobbi <Giovanni Piubello>.
Nota:
  • Tit. in cop. e sul dorso: I racconti, Le poesie.

Nomi:

Classi: 853.914 Letteratura narrativa italiana - 1945-1999 (11) SL AL Sezione locale - Autori locali SL TP Sezione locale - Tipografi o editori locali

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2003

Sono presenti 49 copie, di cui 0 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
Asola SL 853.914 PIUGIO AS-17162 Su scaffale Prestabile
Borgo Virgilio - sede di Borgoforte SL 853.914 PIU GIO VG-20652 Su scaffale Prestabile
Borgo Virgilio - sede di Borgoforte SL 853.914 PIUGIO VG-23059 Su scaffale Prestabile
Borgo Virgilio - sede di Borgoforte SL 853.914 PIU GIO BF-3858 Su scaffale Prestabile
Borgofranco sul Po SL 853.914 PIU RAC BO-601 Su scaffale Prestabile
Bozzolo AN NI PIU 2 BZ-24349 Su scaffale Prestabile
Castelbelforte SL 853.914 PIU GIO CB-2052 Su scaffale Prestabile
Provincia di Mantova Servizio Biblioteche 7.1 853.914 PIU GIO 2 CC-1744 Su scaffale Consultazione locale
Castel D'Ario SL 853.914 PIU GIO CD-5700 Su scaffale Prestabile
Castel Goffredo SL SL 853.9 PIU GIO CG-23887 Su scaffale Prestabile
Casaloldo SL 853.914 PIU GIO CL-4638 Su scaffale Prestabile
Canneto Sull'Oglio SL 853.914 PIU RAC CN-6825 Su scaffale Prestabile
Commessaggio SL 853.914 PIU CO-2720 Su scaffale Prestabile
Casalromano XX 853.914 PIU RAC CR-4163 Su scaffale Prestabile
Castiglione delle Stiviere - Palazzo Pastore SL ARC 853.914 PIU RAC 2 CS-9051818 Su scaffale Consultazione locale
Castellucchio SL 853.914 PIUGIO CT-9451 Su scaffale Prestabile
Curtatone SL 853.914 PIUGIO CU-6121 Su scaffale Prestabile
Cavriana SL 853.914 PIU RAC CV-7456 Su scaffale Prestabile
Dosolo SL XX N PIU DS-4520 Su scaffale Prestabile
Felonica SL 853.914 FE-19786 Su scaffale Prestabile
Gazoldo degli Ippoliti XX 853.914 PIU RAC GI-6121 Su scaffale Prestabile
Gazzuolo SL 853.914 PIU GL-2709 Su scaffale Prestabile
Goito SL 853.914 PIU RAC GO-10078 Su scaffale Prestabile
Guidizzolo SL 853.914 PIU GU-11622 Su scaffale Prestabile
Gonzaga SCARTO NARRATIVA ITALIANA PIU GIO GZ-29475 Da scartare Non disponibile
Magnacavallo XX 853.914 PIU RAC MC-5699 Su scaffale Prestabile
Biblioteca di Medole SL 853.914 ME-8224 Su scaffale Prestabile
Moglia SL 853.914 MO-19720 Su scaffale Prestabile
Marmirolo SL 853.914 PIU MR-9598 Su scaffale Prestabile
San Martino dall'Argine SL 853.914 PIU MT-2121 Su scaffale Prestabile
Monzambano SL 853.914 PIU MZ-4995 Su scaffale Prestabile
Ostiglia SL 853.914 PIU OS-22725 Su scaffale Prestabile
Piubega SL 853.914 PIU GIO PB-418 Su scaffale Prestabile
Pegognaga SL LOC.853.914 PIUGIO PG-26501 Su scaffale Prestabile
Ponti Sul Mincio SL 853.914 PIU Giu PM-9908 Su scaffale Prestabile
Pomponesco SL LI PIU 2 PP-5209 Su scaffale Prestabile
Poggio Rusco SL 853.914 PIU PR-35842 Su scaffale Prestabile
Quistello SL 853.914 PIU 2 QT-15107 Su scaffale Prestabile
Roncoferraro SL 853.914 RF-8504 Su scaffale Prestabile
Rivarolo Mantovano SL 853.914 PIU RM-28017 Su scaffale Prestabile
Revere SL 853.914 PIU RAC RV-1318 Su scaffale Prestabile
San Giacomo delle Segnate XX 853.914 PIU RAC SD-3391 Su scaffale Prestabile
Solferino SL 853.9 RAC SF-5755 Su scaffale Prestabile
San Giorgio Bigarello - Sede Centro Culturale SL 853.914 RACZAS SG-7113 Su scaffale Prestabile
Sermide SL 853.914 PIU 2 SM-26756 Su scaffale Prestabile
Viadana - Società Storica Viadanese SLMN 853.914 PIU RAC 2 SV-642 Su scaffale Prestabile
Viadana SL 853.914 PIU RAC VD-67358 Su scaffale Prestabile
Volta Mantovana LI PIU Gio VM-5634 Su scaffale Prestabile
Villa Poma XX 853.914 PIU RAC DEP VP-593 In deposito Non disponibile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

I curatori Mario Artioli e Vladimiro Bertazzoni, nel proporre l’opera omnia di Giovanni Piubello, hanno deciso di riunire in un unico volume i racconti e le poesie, scelta a prima vista opinabile, vista l’evidente difformità tipologica, ma che ha un senso ove si tenga presente che i primi sono di gran lunga maggiori di numero delle seconde, non poche, ma comunque nemmeno tante da giustificare una pubblicazione a se stante. Dell’abilità di narratore dell’autore già ho ampiamente riferito in occasione della stesura della nota critica ai suoi due romanzi Matti beati e Gli ubbidienti, e quindi non c’è da meravigliarsi se anche nei racconti si riscontrino i pregi che sono propri di Piubello, come una linearità espositiva, ma comunque non priva di originalità, una struttura sempre sicura, vicende che affondano per lo più nei ricordi dell’infanzia, descrizioni di paesaggi, di ambienti e di atmosfere puntuali, precise, accompagnate ogni tanto da una certa verve poetica e con sullo sfondo sempre una garbata e gradevole ironia. Viene proprio da pensare che lui non abbia avuto in vita i meriti che gli spettavano, insomma il successo che anche per una sua refrattarietà al clamore, all’essere al centro dell’attenzione, aveva lui stesso ostacolato. Forse è il caso di dire che Piubello scriveva pressoché esclusivamente per il piacere di scrivere, per farne oggetto di quelle conversazioni alla bancarella con cui lui trascorreva beatamente la sua giornata. Parte di queste prose, peraltro, non era sconosciuta ai mantovani perché il locale quotidiano La Gazzetta di Mantova aveva pubblicato a puntate i racconti, che alla fine furono riuniti in un volume intitolato Zingara (dal titolo di uno degli stessi, forse il migliore) che incontrò un notevole interesse, tanto da arrivare alla terza ristampa. I Curatori, con felice scelta, nel presente libro hanno suddiviso la narrativa breve in due grandi capitoli, di cui il primo dedicato unicamente alle prose che vennero racchiuse appunto nella pubblicazione intitolata Zingara, mentre le altre sono state tutte riunite con il generico titolo “Altre storie”. Come sempre accade in questi casi ci sono brani che possono più o meno piacere, ma è indubbio come il livello medio sia più che buono. Si tratta di storie semplici, niente di epico, trame che vedono coinvolta, a vario titolo, quasi sempre povera gente, frutto di indubbia creatività che tuttavia – è una mia ipotesi – nascondono un fondo di verità, e d’altra parte stando tutti i giorni sotto i portici si poteva osservare un campionario umano vario e a volte anche di particolare interesse, individui sconosciuti (e che tali spesso rimanevano) che si fermavano a curiosare e magari a conversare con Piubello.
Più sorprendente è la parte del volume dedicata alla poesia, sorprendente perché, per quanto nella narrativa sia possibile riscontrare una sua verve poetica, non è detto che poi l’autore possa andar oltre scrivendo addirittura dei versi, e invece si scopre, e con piacere, anche la sua attitudine poetica. Che i titoli dati alle due raccolte qui pubblicate siano I gobbi, questa a suo tempo auto pubblicata, e poi Altri gobbi dimostra in modo chiaro il legame affettivo fra l’autore e la città di Mantova, poiché è notorio che la dinastia dei Gonzaga ebbe di sovente a scontare la tara ereditaria della gobba, frutto del matrimonio con una Malatesta. Ma i protagonisti di queste liriche non sono membri della schiatta gonzaghesca, bensì mantovani, gente colta e osservata nella serali vasche, deambulante per far venire l’ora della cena. E’ l’ironia che prevale, mai feroce, né cattiva, anzi a volte con un sottofondo di pietà, e così si possono cogliere personaggi, protagonisti loro malgrado di versi da trasmettere ai posteri, figure che altrimenti non avrebbero lasciato il segno se non fossero incorse nell’acuto spirito di osservazione di Piubello. Adesso che ne scrivo, mi pare di rivederlo e quando vado a Mantova, che passo di lì, d’istinto guardo, come se ci fosse ancora, come se quest’uomo, tanto umile quanto grande, osservasse il continuo passeggio, pronto a cogliere aspetti, pronto a far nascere idee, non un semplice libraio, ma un artista della penna talmente presente da essere quasi un’istituzione. Piubello era una di quelle persone alla cui presenza ci si abituava, quasi ormai da non notarlo, ma di cui si avvertì immediatamente la mancanza quando venne meno.
Da leggere, non c’è dubbio.

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.