La costanza della ragione
4 1 0
Materiale linguistico moderno

Pratolini, Vasco <1913-1991>

La costanza della ragione

Abstract: Firenze, 1945. Bruno ha perso il padre in guerra. Sua madre lavora duramente per mantenerlo, aiutata da Milloschi, migliore amico del marito, ora tutore del ragazzo. Crescendo, Bruno abbraccia con fervore il comunismo e l'ideologia segnerà la sua adolescenza, consumata tra epiche scorribande con gli amici, le prime storie di donne, il sogno di un'assunzione alle Officine Galileo e il vero amore per Lori. Eternamente in conflitto con l'ottusa rassegnazione dei suoi vecchi, Bruno cerca risposta nel pragmatismo di una ragione rigorosa, contrapposta alle incostanze della passione. Ma l'amore scuoterà il suo mondo.


Titolo e contributi: La costanza della ragione / Vasco Pratolini ; introduzione di Alessandro Parronchi

Pubblicazione: Milano : A. Mondadori, 1974

Descrizione fisica: XV, 300 p. ; 19 cm.

Data:1974

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Nomi: (Editore) (Autore)

Soggetti:

Classi: 853.914 Narrativa italiana. 1945-1999 [22]

Luoghi: Milano

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 1974

Sono presenti 14 copie, di cui 0 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
Canneto Sull'Oglio XX 853.914 PRA CN-536 Su scaffale Prestabile
Felonica XX 853.914 pra FE-509 Su scaffale Prestabile
Guidizzolo XX 853.914 PRA GU-2447 Su scaffale Prestabile
Gonzaga L NARRATIVA ITALIANA PRA VAS GZ-10499 Su scaffale Prestabile
Magnacavallo XX 853.914 PRA COS MC-1969 Su scaffale Prestabile
San Martino dall'Argine CLL LI PRA COS MT-1161 Su scaffale Prestabile
Ponti Sul Mincio XX 853.914 PRA PM-8098 Su scaffale Prestabile
Quistello XX 853.914 PRA QT-903 Su scaffale Prestabile
Roverbella XX 853 PRA VAS RB-3459 Su scaffale Prestabile
Rodigo XX 853.914 PRAVAS RD-8069 Su scaffale Prestabile
Solferino LI PRA VAS SF-2854 Su scaffale Prestabile
San Giorgio Bigarello - Sede Centro Culturale A N ITA PRA COS SG-664 Su scaffale Prestabile
Sermide XX 853.914 PRA DEPOSITO SM-14803 Su scaffale Prestabile
Villimpenta XX 853.914 PRA VAS VL-836 Su scaffale Prestabile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Siamo a Firenze, nell’immediato dopo guerra, e Bruno, a cui è venuto meno il padre nel corso del conflitto, cresce fra le angosce della madre Ivana, timorosa di perderlo, come le è accaduto per il marito, e la figura, di rigorosa moralità, di Miloschi, vecchio amico del padre e che poi è diventato tutore del ragazzo. Si raccontano, nel romanzo, i primi venti anni di vita di questo giovane, con tutti i passaggi tipici del periodo, con i primi ideali e ovviamente anche i primi amori. E se ci si basasse solo su questo si potrebbe parlare solo di un tipico romanzo di formazione, ma non è da Pratolini scrivere senza proporre qualcosa di diverso e peraltro non campato in aria, perché, accanto a un atteggiamento dei suoi vecchi che si lasciano travolgere dalla vita, con una atavica rassegnazione, incapaci di reagire, lui, Bruno, cerca di continuo una risposta logica alle sue inquietudini giovanili, anche per non affondare nel grigiore quotidiano di chi è più avanti negli anni e che, senza sentirsi uno sconfitto, non ha però più voglia di combattere.
In questo lavoro di Pratolini siamo un po’ al di fuori delle sue classiche tematiche, nel senso che non si tratta più di un romanzo corale, e del resto anche l’ambiente è diverso, perché pur restando la città Firenze non si svolge in un antico rione popolare, ma in una nascente periferia.
Peraltro stupisce in quest’opera una ricerca intimistica, anziché una rappresentazione sociale, come se l’autore per una volta avesse voluto tralasciare la sua passione politica, che però non è assente nel romanzo, pur non risultando dominante. Pratolini, comunque, non sarebbe Pratolini se non avesse nei suoi intenti uno scopo, un fine; che si tratti di un desiderio di riscatto delle classi più deboli, o della trepidazione propria di chi cerca di dare risposte ai perchè della vita, è ben presente nell’autore la necessità di non creare soio un lavoro di semplice svago, ma di riflettere l’essenza di sé, di proporsi alternativamente a un mondo esterno che quasi mai è di suo completo gradimento.
Se Bruno, ricorrendo allo stretto pragmatismo, è convinto di avere le risposte che gli premono, ne uscirà sconfitto, perché il mondo può presentare aspetti spiegabili con la ragione e altri no, perché i sentimenti non sono formule matematiche, ma passione. Dovrà anche lui patire la sconfitta, ma ha maturato la sua esperienza, ha costruito quella struttura fatta di gioie e dolori, di ansie e sereni momenti, di logicità e illogicità grazie alla quale potrà meglio affrontare la vita.
La costanza della ragione non è probabilmente un capolavoro, ma è comunque un’opera di notevole valore.

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.